56.171.861
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

I PD IN PARLAMENTO SONO DUE: QUELLO CHE STA CON RENZI QUELLO CHE DETESTA RENZI: VEDIAMOLI. (RENZI PUO' FAR CADERE LETTA)

venerdì 24 gennaio 2014

"La strada per la legislatura si metterebbe in salita, verrebbe affossata". Le parole rivolte dal segretario del Partito democratico Matteo Renzi ai rappresentanti della minoranza interna non lasciano spazio a equivoci. Se gli esponenti della sinistra del Nazareno insisteranno nella volontà di apportare cambiamenti rilevanti al testo di riforma elettorale concordato con Silvio Berlusconi senza il consenso di Forza Italia e del Nuovo centrodestra e approfittando dello scrutinio segreto previsto dai regolamenti della Camera dei deputati, Renzi è pronto a far calare il sipario sull'esperienza dell'esecutivo di larghe intese e a tornare al voto.

Le sue affermazioni sembrano avere attenuato per ora l'intransigenza degli esponenti vicini a Pier Luigi Bersani e Gianni Cuperlo sull'introduzione delle preferenze, la riduzione delle clausole di accesso in Parlamento, l'innalzamento della soglia minima di consensi per conquistare il premio di governabilità o accedere al ballottaggio. La ragione è evidente e risiede nell'antica legge dei numeri e dei rapporti di forza.

Perché, dati alla mano se pur con le incognite di ogni confronto parlamentare, gli uomini e le donne legati al segretario del Pd appaiono determinanti per un'eventuale caduta del governo e per lo scioglimento anticipato della legislatura.

I NUMERI A PALAZZO MADAMA

Al Senato oggi i parlamentari vicini a Matteo Renzi sono 50 su 108. Al nucleo originario dei 12 "fedelissimi" entrati a Palazzo Madama grazie al voto politico di febbraio si sono aggiunti, in occasione del Congresso del Pd, i rappresentanti di Areadem guidata da Dario Franceschini, diversi popolari che fanno riferimento a Giuseppe Fioroni, la pattuglia dei liberal legati a Walter Veltroni, esponenti dell'ex maggioranza vicina a Bersani.

Sommati ai parlamentari delle forze di opposizione - 60 di Forza Italia, 11 del gruppo Grandi autonomie e libertà, 15 della Lega Nord, 50 del Movimento 5 stelle, 7 di Sel, 3 dissidenti del M5s che hanno dato vita al gruppo di Azione e partecipazione popolare - potrebbero far cadere facilmente il governo con un numero compreso fra 193 e 196 senatori. Superando ampiamente la soglia di 161 voti che costituisce il quorum dell'Assemblea.

La cifra scenderebbe invece a 155 - numero al di sotto dell'asticella ma poco rassicurante per Palazzo Chigi e per le forze di maggioranza - se le componenti del Pd che hanno aderito al programma e alla candidatura di Renzi nel corso del 2013 scegliessero di salvare l'esecutivo e rifiutassero lo scioglimento anticipato delle Camere lasciando soli i 12 "fedelissimi" del primo cittadino di Firenze.

I NUMERI A MONTECITORIO

Più netto, in entrambe le ipotesi, lo scenario che si presenta alla Camera. Lì i parlamentari aderenti alla nuova maggioranza scaturita dal Congresso del Pd raggiungono la cifra di 150 su un totale di 300. Al nucleo originario di 40 esponenti dell'entourage del sindaco del capoluogo toscano si sono aggiunti nel tempo oltre 100 parlamentari appartenenti alle aree Veltroni, Franceschini, Fioroni. Con l'adesione ulteriore degli uomini che si richiamano all'Ulivo di Romano Prodi. Aggiunti ai 67 rappresentanti di Forza Italia, ai 9 di Fratelli d'Italia, ai 20 del Carroccio, ai 106 5 stelle, ai 37 di Sel, ai 3 fuoriusciti del M5s, potrebbero far cadere il governo con 389 voti. Andando ben al di là del quorum dei 316 suffragi necessari. Nell'eventualità di una defezione integrale delle componenti non strettamente "renziane" dell'attuale maggioranza del Nazareno, la cifra oscillerebbe invece tra 280 e 290 e salverebbe le sorti dell'esecutivo Letta. 


I PD IN PARLAMENTO SONO DUE: QUELLO CHE STA CON RENZI QUELLO CHE DETESTA RENZI: VEDIAMOLI. (RENZI PUO' FAR CADERE LETTA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Pd   parlamento   camera   senato   Renzi   Bersani   Letta   Veltroni   Franceschini    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD ALL'SPD, TUTTA UNA RAPINA

LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD

giovedì 11 gennaio 2018
BERLINO - Il possibile aumento dell'aliquota fiscale massima da parte di una nuova grande coalizione - preteso dal socialdemocratico SPD  per formare il nuovo governo - preoccupa molto i
Continua
 
CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA EUROPA CRESCONO (+2,4%)

CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA

mercoledì 10 gennaio 2018
La ripresa in Italia non c'è, anzi il Paese continua la discesa verso la povertà di massa. La prova sta nel continuo e inarrestabile calo del valore degi immobili, in assoluta contro
Continua
CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR. L'ALZHEIMER NON E' IMBATTIBILE

CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR.

martedì 9 gennaio 2018
Le patologie neurodegenerative riguardano in Italia 1 milione 200 mila persone, di cui circa 800 mila hanno l'Alzheimer. "L'opinione diffusa che non ci siano speranze se ci si ammala e' vera, ma solo
Continua
 
CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA (O SALTANO UE E EURO)

CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA

lunedì 8 gennaio 2018
"Il centrodestra vincerà le elezioni. Lo dicono tutti i sondaggi: uniti siamo tra il 37 e il 40%; il Movimento 5 stelle è staccato al 26-28%; quel che resta del Pd di Renzi sprofonda al
Continua
IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN DURO DEL FPOE!

IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN

sabato 16 dicembre 2017
VIENNA - I nazionalisti vanno al governo in Austria, finalmente. E non solo, Vienna batte Berlino sul tempo, dato che in Germania un qualsiasi nuovo governo è ancora ben al di là
Continua
 
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
''ALL'ITALIA OCCORRE UNA RIVOLUZIONE. ADESSO!'' (PROFESSOR GIULIO SAPELLI, ECONOMISTA)

''ALL'ITALIA OCCORRE UNA RIVOLUZIONE. ADESSO!'' (PROFESSOR GIULIO SAPELLI, ECONOMISTA)

 
DA GENNAIO A DICEMBRE 2013 HANNO CHIUSO 83.735 ATTIVITA' NEL COMMERCIO, RISTORAZIONE, TURISMO / E' UN'APOCALISSE.

DA GENNAIO A DICEMBRE 2013 HANNO CHIUSO 83.735 ATTIVITA' NEL COMMERCIO, RISTORAZIONE, TURISMO / E'
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

CALDEROLI: QUANDO SAREMO AL GOVERNO ESPELLEREMO TUTTI I CLANDESTINI

12 gennaio - ''Due immigrati clandestini, un nigeriano e un marocchino, martedi'
Continua

FACEBOOK CENSURA LE NOTIZIE, LE SINISTRE GLOBALI NON RIESCONO A

12 gennaio - Facebook ha introdotto cambiamenti radicali all'algoritmo che ci fa
Continua

TUTTO IL CENTRODESTRA SOSTIENE ATTILIO FONTANA: CONFERENZA STAMPA A

11 gennaio - MILANO - 'Al lavoro!Piu' Lombardia. Fontana presidente' e' la scritta in
Continua

BRUNETTA: ''PRONTO IL PROGRAMMA DEL CENTRODESTRA. LO PRESENTEREMO

11 gennaio - ''Nella giornata di oggi chiuderemo il lavoro, positivo e proficuo, del
Continua

MACRON STA PER PRESENTARE LEGGE SULL'IMMIGRAZIONE DI STAMPO

11 gennaio - PARIGI - Il presidente francese Emmanuel Macron si prepara alla prova
Continua

MATTEO SALVINI: ''AVREI PREFERITO CHE MARONI SI RICANDIDASSE, MA HA

11 gennaio - MILANO - ''MARONI mi ha detto di avere fatto in Lombardia tutto quello
Continua

BERLUSCONI: ATTILIO FONTANA CANDIDATO PRESIDENTE IN LOMBARDIA VA

10 gennaio - MILANO - ''Non c'è nulla che ci allontana da Salvini che ha indicato un
Continua

LE SOFFERENZE DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO CONTINUANO INESORABILI

10 gennaio - A novembre 2017 - ultimo dato disponibile - le sofferenze nette sui
Continua

BERLUSCONI: ''MAI UN GOVERNO DI LARGHE INTESE COL PD. MAI''

9 gennaio - ''Non c'e' mai stata e non ci sara' neanche in futuro'' la possibilita'
Continua

CLAUDIO BORGHI: ''APPENA LA LEGA AL GOVERNO, PREPARERA' LA

9 gennaio - ''Un secondo dopo che la Lega siederà al Governo, metterà in atto
Continua
Precedenti »