43.446.462
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA TURCHIA STA PRECIPITANDO NEL DEFAULT. GRANDI BANCHE D'EUROPA E D'ASIA RISCHIANO UN CRAC DA 350 MILIARDI DI DOLLARI

giovedì 23 gennaio 2014

NEW YORK - La Turchia, che gli oligarchi della Commissione Europea consideravano un nazione praticamente pronta ad "entrare in Europa", sta per fallire. E il default della Turchia vale dalle quattro alle dieci volte di più del fallimento della Grecia. E a pagarne le terrificanti conseguenze saranno principalmente banche europee, mediorientali e asiatiche.

Intanto, fioccano accuse:"Non c’è nessun legame tra crollo della lira turca e la politica di tapering intrapresa dalla Fed. Il crollo della valuta turca è solo ed esclusivamente legata alla situazione drammatica in cui versano le casse dello stato di Ankara".  Nick Andrews, analista della società di ricerca americana GaveKal, ribatte così alle accuse lanciate ieri dal primo ministro turco, Tayyip Erdogan, che ha puntato il dito contro la Banca Centrale americana, ritenuta la vera responsabile della caduta, sul mercato valutario, della divisa del paese. 

"La Turchia non ha mostrato nessun segnale di stabilizzazione. Negli ultimi anni le passività del paese si sono moltiplicate drasticamente con le banche estere che al momento mostrano un’esposizione nei confronti del paese che supera i 350 miliardi di dollari", spiega l’esperto, evidenziando in questo modo i rischi di un contagio mondiale in caso di default del paese. 

"In un contesto poco rassicurante, caratterizzato dal deprezzamento della divisa, inflazione alle stelle e, non meno importante, fuga dei capitali – aggiunge Andrews – i politici stanno facendo poco o nulla per ridurre i rischi di default, evitando accuratamente la strada che i leader degli altri paesi emergenti hanno intrapreso, ovvero quella di alzare i tassi".

Inoltre, non c'è neppure la più piccola possibilità che l'Europa venga in soccorso alla Turchia, finanziariamente parlando. Anche nell'eurozona non meno di quattro Stati sono in condizioni altrettanto drammatiche: Grecia, Portogallo, Spagna. E italia. 

max parisi


LA TURCHIA STA PRECIPITANDO NEL DEFAULT. GRANDI BANCHE D'EUROPA E D'ASIA RISCHIANO UN CRAC DA 350 MILIARDI DI DOLLARI


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Turchia   default   banche   Europa   euro   crisi   lira turca    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CAPO SINDACATO EGIZIANO AMBULANTI: ''REGENI ERA UNA SPIA, L'HO REGISTRATO E L'HO DENUNCIATO ALLA POLIZIA''

CAPO SINDACATO EGIZIANO AMBULANTI: ''REGENI ERA UNA SPIA, L'HO REGISTRATO E L'HO DENUNCIATO ALLA

martedì 24 gennaio 2017
IL CAIRO - EGITTO - Giulio Regeni "era una spia, l'ho indotto a parlare e l'ho registrato". Resta convinto della sua versione il capo del sindacato dei venditori ambulanti egiziano, Muhammad
Continua
 
AVANTI CON LE ESPULSIONI: LA GERMANIA RISPEDISCE IN AFGHANISTAN FALSI ''PROFUGHI'' (MA VERI PERICOLOSI DELINQUENTI)

AVANTI CON LE ESPULSIONI: LA GERMANIA RISPEDISCE IN AFGHANISTAN FALSI ''PROFUGHI'' (MA VERI

martedì 24 gennaio 2017
BERLINO -  Detto e fatto: come aveva promesso rivolgendosi alla Csu, componente di destra del blocco centrista Cdu che sorregge il suo governo, Angela Merkel ha dato il via alle espulsioni di
Continua
DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''

DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''

lunedì 23 gennaio 2017
Donald Trump? "Sono abbastanza ottimista, sembra un moderato". Vladimir Putin? "In politica estera e' quello che dice le cose piu' sensate". Dal settimanale francese Le Journal du Dimanche Beppe
Continua
 
SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO ALLONTANANDO (CASTA IMPERA)

SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO

lunedì 23 gennaio 2017
Mentre i giudici della Consulta preparano le loro toghe in vista della seduta di domani, nasce un  asse tra Lega e Movimento cinque stelle sulla legge elettorale. Tanto Beppe Grillo quanto
Continua
DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE DI AGIRE NEL PAESE

DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE

lunedì 23 gennaio 2017
LONDRA - Dopo Russia e Ungheria anche la Macedonia si appresta a vietare tutti gli enti non governativi finanziati da George Soros e a tale proposito e' stata lanciata l'operazione SOS, Stop
Continua
 
DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO PRESIDENTE DEL PAESE''

DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO

venerdì 20 gennaio 2017
WASHINGTON - "Il 20 gennaio del 2017 sarà ricordato come il giorno in cui il popolo divenne di nuovo davvero il presidente del Paese. Le persone dimenticate in questi anni non lo saranno
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'UNGHERIA DEI MIRACOLI: NON SOLO -20% SUI COSTI ENERGETICI, DEI TRASPORTI, DEGLI ALIMENTI: INFLAZIONE GIU' A PICCO!

L'UNGHERIA DEI MIRACOLI: NON SOLO -20% SUI COSTI ENERGETICI, DEI TRASPORTI, DEGLI ALIMENTI:
Continua

 
L'INTERVISTA / UN CITTADINO SVIZZERO RACCONTA LA SUA ESPERIENZA FALLIMENTARE (RAZZISMO E XENOFOBIA)  DI LAVORO IN ITALIA

L'INTERVISTA / UN CITTADINO SVIZZERO RACCONTA LA SUA ESPERIENZA FALLIMENTARE (RAZZISMO E XENOFOBIA)
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!