50.665.119
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

RENZI: ''SONO GRATO A BERLUSCONI'' PRONTA LA SUPER-RIFORMA: VIA IL SENATO, LEGGE ELETTORALE ANTI RICATTI DEI PARTITI(NI)

lunedì 20 gennaio 2014

ROMA - Doppio turno di coalizione. È questa la novità del testo di legge elettorale che Matteo Renzi sta proponendo alla direzione del Pd questo pomeriggio. «È arrivato il momento di far vedere che la politica non è solo discussione» perché se la politica smette di fare politica a si mette a «discutere, discutere e discutere smette di essere politica e diventa bar sport. Dobbiamo decidere se essere politica o bar dello sport», ha esordito il segretario del Pd lanciando poi la sua proposta di legge elettorale. «Chiamatelo “Italicum” senza problemi», ha specificato, aggiungendo: « L’Italicum consente al Pd di potersi giocare la partita per il governo. E non esclude le alleanze ma che siano alleanze per governare, non servano solo vincere per vincere». 

La proposta di legge elettorale prevede «l’assegnazione di un premio di maggioranza» a chi abbia preso «almeno il 35%» dei voti «che porti al 53% minimo e al 55% al massimo», annuncia Matteo Renzi alla direzione Pd. Il premio dunque sarà «al massimo del 18%» , in modo da evitare profili di incostituzionalità. Un modo per evitare il ritorno a un governo delle larghe intese. Se nessuno ottiene il 35% «c’è la possibilità di un doppio turno, più precisamente un ballottaggio non tra due candidati premier ma tra due coalizioni, simboli o agglomerati di simboli che senza apparentamento rigiochino la partita di fronte elettori».  

 MINI-LISTE E SBARRAMENTI  

Resterebbero - sempre secondo quanto viene anticipato - le mini liste bloccate di sei candidati per circoscrizione e gli sbarramenti: al 5% per i partiti in coalizione e quello dell’8% per le forze che si presentano da sole. Con l’opzione ballottaggio Renzi punta a fare in modo che non si ripeta ciò che è accaduto a febbraio scorso, ossia un Parlamento senza maggioranza e l’obbligo di ricorrere alle larghe intese. Il premio di maggioranza non sarà del 15% secco, ma “graduato” in modo da permettere che il vincitore raggiunga sempre una maggioranza di almeno il 53-55% dei seggi per governare senza dover stringere alleanze.  

 «LE PREFERENZE NON SONO NELL’ACCORDO»  

«Chi oggi immagina, non sempre forte di un bagaglio di preferenze, le preferenze per avere eco mediatica significativa lo può fare ma nell’accordo le preferenze non ci sono. Se toccherà a me due sono gli impegni: le primarie e il vincolo assoluto della rappresentanza di genere», spiega Renzi. Il segretario del Pd aggiunge che nel modello ci saranno «120 circoscrizioni, 4 volte più grandi del Porcellum, di fatto sono collegi plurinominali di circa 500mila persone con il nome che si può mettere sulla scheda. Ci sono diverse ipotesi su questo punto e ne discuteremo, ma se nella circoscrizione ci sono 4 candidati, 4 posti da assegnare, il Pd presenterà 4 candidati’’ 

I TEMPI DELLA RIFORMA  

«Il 15 febbraio la segreteria andrà a chiudere il pacchetto della proposta sul superamento del Senato e avremo 20 giorni per discutere con altri partiti. Nella seconda meta di febbraio presenteremo il ddl costituzionale per arrivare all’ok in prima lettura al Senato entro il 25 maggio», così Matteo Renzi in direzione. «Sul Senato - spiega Renzi - mettiamo paletti condivisi con il principale partito dell’opposizione, Fi, e sono il superamento del bicameralismo perfetto, ovvero la fiducia spetta solo ad una Camera e c’è l’eliminazione dell’elezione diretta dei membri e l’indennità. E questo ha ricadute evidenti nel numero dei parlamentari ed è un segnale nella battaglia contro l’antipolitica perché Grillo non lo asciughi con gli algoritmi ma con la politica. Potremo dire agli italiani che la prossima volta non voteranno più per il Senato».  

 IL VERTICE CON BERLUSCONI  

Renzi ha spiegato alla Direzione del Pd i motivi dell’incontro con Berlusconi. «Esprimo a Silvio Berlusconi gratitudine per aver accettato di venire alla sede del Pd. Quelli che mi dicono dovevi parlare con Fi ma non con lui dico che è una contraddizione in termini» perché parlare con Fi significa parlare con lui, «con chi dovevo parlare con Dudu’?». Così Matteo Renzi alla Direzione Pd. Dove ha aggiunto: «Pensare che io ho resuscitato Berlusconi fa a cozzi con la teologia e con la realtà perché lui è il capo del centrodestra, riconosciuto da chi sta in alleanza con lui in tutte le città. Posso non pensarla come Berlusconi ma quando lui condivide le mie idee io non ho paura, non sono subalterno al punto da cambiare le mie idee».  

PAROLA AL PD  

Ora la parola passa alla Direzione del Partito democratico. Renzi si confronta con una segreteria che è molto a sua immagine e somiglianza, ma con tutte le anime dei democratici. Non è detto che sia una passeggiata. Ieri il segretario ha avuto un colloquio con il predecessore Bersani, e non pare sia stato un successo. Oggi si presenterà di fronte al pubblico più vasto e passerà al vaglio della giuria di qualità, non tutta schierata a suo favore. Per preparare il terreno, intanto, ha rilasciato ampie anticipazioni dell’ultima versione del progetto.  

GLI ALTRI PARTITI(NI)  IN RIVOLTA  

Tutti contenti? Non proprio. Scelta Civica, con Mazziotti, attacca via Twitter: «Sempre premio di maggioranza incostituzionale è, come per il Porcellum». Idem per Sel, che per bocca di Migliore si dice molto preoccupata. Quindi arriva la bordata di Grillo: questa legge è il “Pregiudicatellum”: «Prevede che i partiti si scelgano i propri parlamentari. I cittadini devono stare a guardare. Liste bloccate con nominati da pregiudicati e condannati in primo grado e nessuna preferenza». In Direzione la replica di Renzi: «Grillo ha detto che sono uno showman, detto da lui è un complimento. Dico al collega showman: fino a quando continuerai ad abusare dell’intelligenza dei tuoi» che lanciano «grida di dolore» perché l’M5s «si è autorecluso nel blog?». E ancora, «fino a quando continuerai a perdere occasioni su occasioni» e a «fuggire». Stroncatura senza appello anchedalla Lega, con il segretario Matteo Salvini che invoca una mobilitazione contro quella che definisce «una legge truffa». 

Fonte articolo: La Stampa - che ringraziamo.

 


RENZI: ''SONO GRATO A BERLUSCONI'' PRONTA LA SUPER-RIFORMA: VIA IL SENATO, LEGGE ELETTORALE ANTI RICATTI DEI PARTITI(NI)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
 
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
 
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua
 
LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON VENGONO DIVULGATE)

LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON

lunedì 31 luglio 2017
LONDRA - E' passato poco piu' di un anno da quando i cittadini britannici hanno votato per uscire dalla UE e tutte le previsioni catastrofiche fatte all'indomani di questo storico referendum non si
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
RENZI E VERDINI SI SONO INCONTRATI A FIRENZE: ULTIMI DETTAGLI MESSI A PUNTO. LA NUOVA LEGGE ELETTORALE E' PRONTA.

RENZI E VERDINI SI SONO INCONTRATI A FIRENZE: ULTIMI DETTAGLI MESSI A PUNTO. LA NUOVA LEGGE
Continua

 
DIBATTITI / ''L'EURO E' UNA MONETA STRANIERA, UNA COSA DA PAZZI'' IL GRANDE SOCIOLOGO LUCIANO GALLINO METTE IN GUARDIA.

DIBATTITI / ''L'EURO E' UNA MONETA STRANIERA, UNA COSA DA PAZZI'' IL GRANDE SOCIOLOGO LUCIANO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!