50.759.155
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

''L'EURO E' UN TRAGICO ERRORE DELL'EUROPA, LA UE E' ARTIFICIALE E INNATURALE, IL 78% DEI CECHI E' CONTRO EURO E UE''

lunedì 20 gennaio 2014

PRAGA - In un’intervista esclusiva a “La Voce della Russia” Vaclav Klaus, ex presidente della Repubblica Ceca, ragiona su come i paesi membri dell’Ue potrebbero, nell’attuale situazione, difendere la propria sovranità nazionale:

− In queste condizioni è assolutamente impossibile difendere quello che ritengo il valore supremo dello Stato. Sono categoricamente contro la federalizzazione dell’Ue. Non voglio vedere i miei nipoti combattere in un esercito europeo. Non voglio semplicemente vivere fino a questo momento. Non voglio eleggere un presidente dell’Europa. Non voglio vedere la bandiera dell’Ue sopra il Castello di Praga. Quando ero presidente, non ve l’ho mai fatta alzare. Ritengo innaturale ed artificiale la creazione di un’Europa unificata. Occupo e occuperò fino alla fine questa posizione. Ne spiegherò il perché. La Repubblica Ceca è un piccolo paese. Per quasi 400 anni ci trovammo sotto il dominio degli Asburgo e cercammo in ogni modo di liberarcene. Ciò diventò un’idea nazionale. Nella seconda metà del XX secolo vivemmo sotto il potere di Mosca. Dopo il crollo del regime comunista fummo contenti di acquistare l’indipendenza. Ed ecco che di nuovo – per la terza volta! – dovremmo adesso perdere la sovranità capitando sotto il diktat di Bruxelles? Dal punto di vista della prospettiva storica è un vero vicolo cieco. Sogno di evitarlo.

A quanto risulta, la Repubblica Ceca sarà integrata ancor più strettamente nell’Ue, e cioè entrerà nell’eurozona. Lo ha detto Jiří Rusnok all’atto di abbandonare la carica di premier.

− Mi ha sopreso molto. Infatti, stando agli ultimi sondaggi, solo il 6% dei cechi vorrebbe essere nella zona euro. Il 16% dei cechi ne parla come di una prospettiva lontana. Ciò significa che il 78% è categoricamente contro la rinuncia alla corona. Ma, si capisce, l’opinione della gente con garantisce contro passi sbagliati del governo.

Quali sono, secondo lei, le prospettive della valuta europea?

− L’euro è stato un tragico errore, una decisione volontaristica dei politici europei. Nel mio atteggiament critico verso l’euro non è cambiato niente dal momento di introduzione della valuta europea.

- La Repubblica Ceca, come molti paesi dell’Ue, aspira all’indipendenza dalle risorse energetiche russe. Come si andranno formano i rapporti sul mercaro europeo degli idrocarburi? Conserverà la Russia le proprie posizioni di leader?

− Come economista ritengo assolutamente privi di senso i giochi politici sui timori in merito alla dipendenza dalle forniture russe del petrolio e del gas. Bisogna prendere decisioni economiche normali, e cioè scegliere il venditore di idrocarburi – la Russia o, ad esempio, l’Azerbaigian – in base al prezzo più vantaggioso e al sistema di trasporto più sicuro. Ma quando vedo come politici a Bruxelles diventino d’un tratto esperti delle risorse energetiche e dettino quale gasdotto o itineraio sia preferibile, mi meraviglio infinitamente. Ciò non è di loro competenza, qui è importante l’opinione degli specialisti.

− Nei rapporti tra Russia e Ue esiste un permanente fattore irritante, ossia il tema dello scudo antimissile e molte altre cose. Come superare le pretese reciproche e l’incomprensione?

− Bisogna relegare in secondio piano i problemi artificiali. Così, non ritengo che nel 2014 il tema dello scudo antimissile possa compilicare sensibilmente i rapporti russo-europei.

− Signor presidente, non pensa di ritornare nella politica reale?

− Posso solo dire di non avere attualmente ambizioni politiche. Sebbene si facciano adesso molte congetture sulla mia eventuale partecipazione alle elezioni degli eurodeputati nel maggio di quest’anno. Non intendo passare, per così dire, i miei “giovani anni” in un organo così inutile come il Parlamento europeo.


''L'EURO E' UN TRAGICO ERRORE DELL'EUROPA, LA UE E' ARTIFICIALE E INNATURALE, IL 78% DEI CECHI E' CONTRO EURO E UE''




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ALLA FACCIA DEI ''CUPI'' DEL PD, IL NEW YORK TIMES SI SCHIERA CON BERLUSCONI E RENZI PER LE RIFORME CHE VOGLIONO FARE.

ALLA FACCIA DEI ''CUPI'' DEL PD, IL NEW YORK TIMES SI SCHIERA CON BERLUSCONI E RENZI PER LE RIFORME
Continua

 
REPORTAGE / DALL'INGHILTERRA ARRIVERA' ALLE EUROPEE UN'ALTRA VOLTA IL FAMOSO ''NO! NO! NO!'' DI MARGARET THATCHER

REPORTAGE / DALL'INGHILTERRA ARRIVERA' ALLE EUROPEE UN'ALTRA VOLTA IL FAMOSO ''NO! NO! NO!'' DI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!