64.025.437
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ALLA FACCIA DEI ''CUPI'' DEL PD, IL NEW YORK TIMES SI SCHIERA CON BERLUSCONI E RENZI PER LE RIFORME CHE VOGLIONO FARE.

lunedì 20 gennaio 2014

NEW YORK - Straordinario articolo in prima pagina del New York Times elogia l'incontro tra Renzi e Berlusconi per cambiare finalmente le regole della politica in Italia.

Il titolo: "L'accordo tra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi una speranza per l'Italia. Vicina la fine dell'instabilità politica. Una nuova speranza per l’Italia”.

l tono dell’articolo che Hugo Dixon scrive per la Reuters, pubblicato sulle colonne del New York Times, pare quello di chi ha assistito a un’epifania, e intravede “una via di fuga dall’instabilità politica” italiana. Questa nuova speranza nascerebbe proprio dall’accordo fra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi: “L’accordo per la riforma costituzionale fra i due leader — scrive l’analista politico — affronta uno dei problemi più grandi del paese, la sua ingovernabilità”. 

E il Nyt si sofferma anche sul futuribile sistema elettorale — che renderebbe più facile il compito di “assicurarsi una maggioranza” — e sulla riduzione del potere delle regioni — “che farebbe risparmiare tempo, nel processo decisionale, e denaro”. Ma indica come un punto debole quel compromesso in nome del quale “Alfano probabilmente continuerà a sostenere il governo Letta per un altro anno”: cioè il favore fatto ai “partiti più piccoli”, e quel “rischio-ricatto” che ne deriva. 

Critico il ritratto del governo, “guidato da Enrico Letta sempre più subordinato a Renzi”. “Da quando è diventato leader, Renzi non ha fatto che frustare Letta, accusandolo di non metterci abbastanza energia”. Ma se Letta “non ha ottenuto molto in nove mesi al potere”, questo dipende in parte dall’essere stato sotto scacco di Berlusconi. D’altronde, Dixon contesta anche la strategia di Renzi, che a lungo termine risulta rischiosa: “Fare il passeggero supercritico non è il modo giusto per governare il paese nel lungo periodo. Così Letta non potrà ottenere un granché nel corso dell’anno a venire”. 

“Se Renzi riuscirà a far seguito all’accordo sulla riforma costituzionale con Berlusconi, partendo con un programma incentrato sul lavoro e sui tagli alla spesa, le prospettive italiane miglioreranno per la prima volta in tanti anni”, conclude. “Renzi dovrebbe metter via la frusta e dare a Letta il suo pieno sostegno”, o altrimenti dovrebbe semplicemente “esplicitare la sua sfiducia”, e andare a nuove elezioni. Uno scenario che però il cronista tende a escludere. 

fonte: huffingtonpost.it


ALLA FACCIA DEI ''CUPI'' DEL PD, IL NEW YORK TIMES SI SCHIERA CON BERLUSCONI E RENZI PER LE RIFORME CHE VOGLIONO FARE.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

New York Times   Berlusconi   Renzi   riforme   legge elettorale   Senato   Dixon   accordo    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ECONOMIA ALLE STELLE IN GRAN BRETAGNA: DISOCCUPAZIONE SCHIANTA AL 4% SALARI E STIPENDI +3,1% DAL 2017 (BREXIT BOOM!)

ECONOMIA ALLE STELLE IN GRAN BRETAGNA: DISOCCUPAZIONE SCHIANTA AL 4% SALARI E STIPENDI +3,1% DAL

mercoledì 17 ottobre 2018
LONDRA - Finalmente buone notizie in Gran Bretagna anche per i lavoratori dipendenti: lo scrive il quotidiano "The Times", commentando gli ultimi dati diffusi ieri martedi' 16 ottobre dallo Office
Continua
 
IMPORTANTE DISCORSO DEL COMANDANTE GENERALE DELL'ARMA DEI CARABINIERI, GIOVANNI NISTRI, ALLE COMMISSIONI RIUNITE DIFESA

IMPORTANTE DISCORSO DEL COMANDANTE GENERALE DELL'ARMA DEI CARABINIERI, GIOVANNI NISTRI, ALLE

martedì 16 ottobre 2018
ROMA  -  Audizione, oggi, davanti alle Commissioni riunite Difesa, del comandante generale dell'Arma dei Carabinieri, Giovanni Nistri. Il generale ha elencato alcuni dati molto rilevanti,
Continua
GIULIO SAPELLI: ''I VERDI CHE HANNO VINTO IN BAVIERA SONO DI DESTRA, NON DI SINISTRA. L'SPD E' DEFUNTO, LA MERKEL LASCI''

GIULIO SAPELLI: ''I VERDI CHE HANNO VINTO IN BAVIERA SONO DI DESTRA, NON DI SINISTRA. L'SPD E'

martedì 16 ottobre 2018
Ma che sinistra. I verdi che vincono in Baviera utilizzano i temi dei conservatori. Lo ha detto in una intervista a "Italia Oggi" Giulio Sapelli, storico dell'economia, in merito al voto in Baviera
Continua
 
LA COMMISSIONE UE RIFIUTA LA PROPOSTA DEL MINISTRO CENTINAIO A DIFESA DELLA PRODUZIONE ITALIANA DI ZUCCHERO

LA COMMISSIONE UE RIFIUTA LA PROPOSTA DEL MINISTRO CENTINAIO A DIFESA DELLA PRODUZIONE ITALIANA DI

lunedì 15 ottobre 2018
"Sono molto preoccupato per il futuro del comparto e della produzione dello zucchero in Italia. Faremo di tutto per aiutare i nostri produttori". Cosi' il ministro delle Politiche agricole Gian Marco
Continua
PRIMA L'ITALIA / INCHIESTA SULLA LEGGE FORNERO: PERCHE' ABOLIRLA CON QUOTA 100 (ANCHE GLI IMPRENDITORI SONO D'ACCORDO)

PRIMA L'ITALIA / INCHIESTA SULLA LEGGE FORNERO: PERCHE' ABOLIRLA CON QUOTA 100 (ANCHE GLI

lunedì 15 ottobre 2018
In questi giorni è tutto un fiorire di attacchi e critiche al governo sul DEF e sull’abolizione della legge fornero. Ovviamente lo spread ha iniziato a salire (ma siamo ancora a poco
Continua
 
SONDAGGIO FRIENDS OF EUROPE (FINANZIATO ANCHE DALLA UE): 64% EUROPEI PENSA CHE SENZA UE LA VITA NON SAREBBE PEGGIORE

SONDAGGIO FRIENDS OF EUROPE (FINANZIATO ANCHE DALLA UE): 64% EUROPEI PENSA CHE SENZA UE LA VITA NON

lunedì 15 ottobre 2018
LONDRA - Non passa giorno che i mezzi di informazione non dicano quanto sia essenziale la UE per tutti i cittadini e politici di sinistra e giornali - il 99% dei giornali italiani è
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DUE SETTIMANE DI EURO IN LETTONIA, E I PREZZI DEI FARMACI RINCARANO DEL 10% (IL 60% DEI LETTONI E' CONTRARIO ALL'EURO)

DUE SETTIMANE DI EURO IN LETTONIA, E I PREZZI DEI FARMACI RINCARANO DEL 10% (IL 60% DEI LETTONI E'
Continua

 
''L'EURO E' UN TRAGICO ERRORE DELL'EUROPA, LA UE E' ARTIFICIALE E INNATURALE, IL 78% DEI CECHI E' CONTRO EURO E UE''

''L'EURO E' UN TRAGICO ERRORE DELL'EUROPA, LA UE E' ARTIFICIALE E INNATURALE, IL 78% DEI CECHI E'
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!