45.150.436
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ALLA FACCIA DEI ''CUPI'' DEL PD, IL NEW YORK TIMES SI SCHIERA CON BERLUSCONI E RENZI PER LE RIFORME CHE VOGLIONO FARE.

lunedì 20 gennaio 2014

NEW YORK - Straordinario articolo in prima pagina del New York Times elogia l'incontro tra Renzi e Berlusconi per cambiare finalmente le regole della politica in Italia.

Il titolo: "L'accordo tra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi una speranza per l'Italia. Vicina la fine dell'instabilità politica. Una nuova speranza per l’Italia”.

l tono dell’articolo che Hugo Dixon scrive per la Reuters, pubblicato sulle colonne del New York Times, pare quello di chi ha assistito a un’epifania, e intravede “una via di fuga dall’instabilità politica” italiana. Questa nuova speranza nascerebbe proprio dall’accordo fra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi: “L’accordo per la riforma costituzionale fra i due leader — scrive l’analista politico — affronta uno dei problemi più grandi del paese, la sua ingovernabilità”. 

E il Nyt si sofferma anche sul futuribile sistema elettorale — che renderebbe più facile il compito di “assicurarsi una maggioranza” — e sulla riduzione del potere delle regioni — “che farebbe risparmiare tempo, nel processo decisionale, e denaro”. Ma indica come un punto debole quel compromesso in nome del quale “Alfano probabilmente continuerà a sostenere il governo Letta per un altro anno”: cioè il favore fatto ai “partiti più piccoli”, e quel “rischio-ricatto” che ne deriva. 

Critico il ritratto del governo, “guidato da Enrico Letta sempre più subordinato a Renzi”. “Da quando è diventato leader, Renzi non ha fatto che frustare Letta, accusandolo di non metterci abbastanza energia”. Ma se Letta “non ha ottenuto molto in nove mesi al potere”, questo dipende in parte dall’essere stato sotto scacco di Berlusconi. D’altronde, Dixon contesta anche la strategia di Renzi, che a lungo termine risulta rischiosa: “Fare il passeggero supercritico non è il modo giusto per governare il paese nel lungo periodo. Così Letta non potrà ottenere un granché nel corso dell’anno a venire”. 

“Se Renzi riuscirà a far seguito all’accordo sulla riforma costituzionale con Berlusconi, partendo con un programma incentrato sul lavoro e sui tagli alla spesa, le prospettive italiane miglioreranno per la prima volta in tanti anni”, conclude. “Renzi dovrebbe metter via la frusta e dare a Letta il suo pieno sostegno”, o altrimenti dovrebbe semplicemente “esplicitare la sua sfiducia”, e andare a nuove elezioni. Uno scenario che però il cronista tende a escludere. 

fonte: huffingtonpost.it


ALLA FACCIA DEI ''CUPI'' DEL PD, IL NEW YORK TIMES SI SCHIERA CON BERLUSCONI E RENZI PER LE RIFORME CHE VOGLIONO FARE.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

New York Times   Berlusconi   Renzi   riforme   legge elettorale   Senato   Dixon   accordo    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA' L'ACQUISTO DI BTP E BOT''

L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA'

venerdì 24 marzo 2017
LONDRA - "L'Unione Europea - osserva il settimanale britannico "The Economist" nella rubrica Charlemagne, dedicata agli affari europei - puo' anche essere una costruzione franco-tedesca, ma quando il
Continua
 
CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA ELETTORALE

CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA

giovedì 23 marzo 2017
WASHINGTON - Le agenzie di intelligence statunitensi hanno davvero intercettato figure della campagna elettorale di Donald Trump e del suo team di transizione presidenziale. Lo ha dichiarato ieri,
Continua
SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10% INVESTIMENTI +16%

SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10%

giovedì 23 marzo 2017
BUDAPEST - L'economia ungherese e' destinata a crescere a un tasso superiore al 4 per cento nel 2017 grazie a una crescita degli investimenti e dei consumi superiore di molto alla media
Continua
 
L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN SEGRETO)

L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN

mercoledì 22 marzo 2017
LONDRA - Il parlamento europeo da sempre e' sotto accusa per il fatto che spreca i soldi dei contribuenti dei Paesi che malauguratamente hanno aderito alla Ue, tuttavia se qualcuno pensa che adesso
Continua
ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO PROCESSO PER USURA!

ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO

mercoledì 22 marzo 2017
Alessandro Profumo finisce sotto processo per usura bancaria, reato molto grave. Il gup del Tribunale di Lagonegro, in provincia di Potenza, ha rinviato a giudizio l'ex presidente di Mps insieme a
Continua
 
ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO L'ITALIA. (LEGGERE)

ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO

lunedì 20 marzo 2017
ROMA - Dire NO alla Ue non basta, va spiegato chiaramente, perchè non è un "atto di fede politica", è la precisa constatazione che la Ue è una minaccia gravissima al
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DUE SETTIMANE DI EURO IN LETTONIA, E I PREZZI DEI FARMACI RINCARANO DEL 10% (IL 60% DEI LETTONI E' CONTRARIO ALL'EURO)

DUE SETTIMANE DI EURO IN LETTONIA, E I PREZZI DEI FARMACI RINCARANO DEL 10% (IL 60% DEI LETTONI E'
Continua

 
''L'EURO E' UN TRAGICO ERRORE DELL'EUROPA, LA UE E' ARTIFICIALE E INNATURALE, IL 78% DEI CECHI E' CONTRO EURO E UE''

''L'EURO E' UN TRAGICO ERRORE DELL'EUROPA, LA UE E' ARTIFICIALE E INNATURALE, IL 78% DEI CECHI E'
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!