50.674.879
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ANALISI / L'UNIONE EUROPEA INAUGURA LA TECNICA DEL FALSO IN BILANCIO PER FAR CRESCERE IL PIL NELLA UE (AZIONE DA GALERA)

lunedì 20 gennaio 2014

Nel 2014 il Pil italico potrebbe crescere di ben il 2%. Miracolo delle fallimentari politiche economiche dei governi Monti e Letta? No: semplicemente gli eurocrati di Bruxelles hanno deciso di cambiare i parametri per calcolare il prodotto interno lordo dei singoli paesi, scorporando dai bilanci alcune voci  prima presenti. Così, per magia, Letta, Barroso, Rehn, potranno dichiarare che la crisi europea è finita e che l’economia è in ripresa. Peccato che si tratti solo di un meschino artificio contabile, in tutto e per tutto simile a quelli utilizzati dalle aziende private alla prese con bilanci non brillanti da presentare ai soci ed azionisti. 

Viene spontaneo chiedersi perché se gli amministratori di aziende private “abbelliscono”  i propri bilanci per mascherare perdite, vengano accusati di reati penali, mentre gli eurocrati ed i loro sodali nazionali possano permettersi di fare altrettanto, senza incorrere in alcuna sanzione e, al contrario, possano presentarsi sui mezzi d’informazione con espressione trionfalistica a prendere in giro la popolazione europea. Sì, il termine presa in giro è più che adeguato per un gesto che ha il solo scopo di cercare di salvare la propria poltrona ben remunerata e far credere al popolo che la realtà è diversa da quella che vedono, solo perché lo dicono loro.

Come se per magia il fatto di non riuscire ad arrivare a fine mese, i suicidi di imprenditori impossibilitati a garantire un futuro alla propria azienda, ai propri dipendenti, fossero solo  una paturnia di cittadini incapaci di comprendere i grandi risultati messi in campo dall’unione europea.

Purtroppo questa mossa non mi sorprende: la campagna elettorale per le elezioni europee è iniziata, ed i sondaggi sono tutti a favore dei movimenti anti euro ed anti UE, per cui gli oligarchi di Bruxelles ed i loro sodali nazionali stanno approntando una linea di difesa disperata per cercare di mantenere il loro potere e se possibile addirittura incrementarlo.

Bene ha detto il leader dell’UKIP, Nigel Farage, quando di fronte agli eurocrati della commissione europea, disse che mai si era visto al mondo che i protagonisti di un fallimento di proporzioni apocalittiche, avessero l’arroganza di chiedere ancora più potere per proseguire nella loro opera distruttiva.

E’ inaccettabile che una classe politica europea e nazionale calpesti in modo così tanto palese e vergognoso il popolo che dovrebbe rappresentare e per il quale dovrebbe operare. E’ bene ricordare a questi individui che i loro datori di lavoro sono i cittadini, che si esprimono attraverso le elezioni, e non il contrario. E’ giunto il momento che questa classe politica incompetente ed arrogante, responsabile della più grande distruzione di benessere dai tempi della seconda guerra mondiale, venga spazzata via in modo pacifico  e democratico attraverso le imminenti elezioni europee.

A tal fine è necessario smascherare ogni trucco messo in atto dagli eurocrati e dai loro sodali nazionali per disinformare e condizionare il voto dei cittadini. Fortunatamente le tecniche di comunicazione sono bene conosciute e studiate fin dai tempi di Goebbels , per cui smontare i loro artifizi non è impossibile, anzi.

La posta in palio a maggio è altissima: se il blocco degli eurocrati riuscirà ad avere la maggioranza al parlamento europeo, il processo di demolizione delle libertà e dei diritti dei cittadini europei  subirà una fortissima accelerazione, per la grande gioia dei tecnocrati alla Monti, per il quale i cittadini sono solo dei meri numeri con cui giocare per soddisfare il proprio ego e nulla più. Viceversa, se a trionfare saranno i partiti anti euro, potrebbero aprirsi scenari nuovi per i cittadini europei, e nuove possibilità di riprendersi le libertà che in questi ultimi anni ci sono state tolte.

Per l’italico stivale il rischio è ancora più alto: gli italiani non hanno ben compreso che le elezioni europee sono oggi ben più importanti di quelle nazionali, dato che la maggior parte delle decisioni vengono prese tra Strasburgo e Bruxelles, per cui il rischio astensionismo o, peggio, la replicazione del voto politico nazionale è più concreto che mai. Diviene dunque fondamentale ricordare in continuazione quali siano i partiti che hanno appoggiato le scellerate politiche dei governi Monti e Letta e quali vi si siano opposti;  quali partiti siano tutt’ora favorevoli all’euro e quali no. Inoltre, per quanto questo governo sia quanto di più fallimentare la storia ci abbia mai mostrato, è auspicabile che non si tengano in contemporanea le elezioni politiche ed europee, poiché troppo alto sarebbe il rischio di commistione tra le scelte per l’uno e l’altro parlamento.

Informare, fare comprendere e ragionare i cittadini devono essere le parole chiave per tutti coloro che desiderano vivere in un paese ed in un’Europa liberi dal giogo degli eurocrati, a prescindere dalle differenze ideologiche destra-sinistra, che in questa particolare fase storica devono necessariamente essere messe da parte in nome del superiore interesse alla libertà.

Luca Campolongo

www.sosimprese.info

consulenza@sosimprese.info

 


ANALISI / L'UNIONE EUROPEA INAUGURA LA TECNICA DEL FALSO IN BILANCIO PER FAR CRESCERE IL PIL NELLA UE (AZIONE DA GALERA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

UE   reato   falso in bilancio   truffa   magia   Strasburgo   Bruxelles   Farage   elezioni   europee    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
 
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
 
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua
 
LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON VENGONO DIVULGATE)

LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON

lunedì 31 luglio 2017
LONDRA - E' passato poco piu' di un anno da quando i cittadini britannici hanno votato per uscire dalla UE e tutte le previsioni catastrofiche fatte all'indomani di questo storico referendum non si
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA DEUTSCHE BANK COSTRETTA AD AMMETTERE UN MEGA-BUCO NEI CONTI: 1 MLD DI PERDITE NEL 2013 + 2,5 MLD (GIA' ORA NEL 2014)

LA DEUTSCHE BANK COSTRETTA AD AMMETTERE UN MEGA-BUCO NEI CONTI: 1 MLD DI PERDITE NEL 2013 + 2,5 MLD
Continua

 
COLOSSALE VORAGINE NEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO: 150 MILIARDI DI EURO DI PRESTITI NON RESTITUITI (+22,76% DAL 2012)

COLOSSALE VORAGINE NEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO: 150 MILIARDI DI EURO DI PRESTITI NON RESTITUITI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!