64.775.375
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi
+++ senato approva il dl genova +++ 167 voti a favore +++ maggioranza confermata +++

BRIGITTE GRANVILLE (UNIVERSITA' QUEEN MARY DI LONDRA): ''LA SCOZIA DEVE AVERE LA PROPRIA MONETA, COME DEVE FARE L'ITALIA''

martedì 14 gennaio 2014

EDIBURGO - SCOZIA - Brigitte Granville è una dei firmatari del Manifesto Europeo di Solidarietà, documento che raduna molte illustri firme di economisti, tutti concordi con lo smantellamento programmato dell'aera euro.

La Granville oggi ha scritto un articolo  sul  referendum del prossimo settembre con cui la Scozia potrebbe ottenere l'indipendenza dal Regno Unito. Per la Granville una Scozia indipendente farebbe bene a dotarsi fin dall'inizio di una propria moneta con tasso di cambio flessibile, come devono fare anche tutti gli altri Paesi della zona euro.

Leggiamo.

"Quale dei seguenti è l'evento più probabile per quest'anno: la Scozia che vota per la secessione dal Regno Unito nel referendum di settembre, oppure almeno un paese che decide di lasciare l'eurozona? Il senso comune suggerirebbe che l'indipendenza della Scozia è possibile, anche se non molto probabile, mentre l'abbandono della moneta unica da parte di uno dei paesi sarebbe pura fantasia.

Eppure le decisioni che la Scozia dovrà prendere sul suo regime monetario nei mesi successivi ad un eventuale voto per l'indipendenza sono quantomento paragonabili a quelle che alcuni paesi dell'eurozona si troveranno di fronte nei prossimi due anni. Infatti, c'è una connessione naturale tra queste due situazioni.

Continuare l'uso della sterlina inglese da parte di una Scozia indipendente – che è la posizione ufficiale del governo scozzese – può essere affrontato in due modi. La prima possibilità, che è quella che il Primo Ministro Alex Salmond sembra avere in mente, prevede un'unione monetaria sotto una banca centrale responsabile sia per la Scozia che per il resto del Regno Unito.

Ma il governo del Regno Unito potrebbe – e senza dubbio lo farebbe – porre il veto ad un tale adattamento del mandato della Banca d'Inghilterra sulla politica monetaria, la stabilità finanziaria, e la supervisione bancaria. Qualsiasi altro possibile modello di unione monetaria – compreso quello basato su una banca centrale non responsabile, come lo è la BCE – sarebbe soggetto allo stesso rifiuto. Come il giornalista Martin Wolf ha notato recentemente, "il resto del Regno Unito non è certo scampato agli orrori dell'eurozona solo per crearsene di simili a casa propria".

L'alternativa ad una piena sovranità della Scozia sarebbe quella di continuare ad usare la sterlina senza esercitare alcuna influenza sui tassi d'interesse o sul tasso di cambio. Questa fu la strada percorsa dal Libero Stato Irlandese (in seguito Repubblica d'Irlanda), che utilizzò una "sterlina irlandese" (il punt) agganciata alla sterlina inglese per diversi decenni.

Anche se il Regno Unito disapprovasse un tale regime monetario, non potrebbe comunque impedire alla Scozia di adottarlo – così come l'Unione Europea deplora ma non può impedire l'uso unilaterale dell'euro da parte del Montenegro.

Tutto sommato, una Scozia indipendente se la caverebbe meglio potendo emettere una propria moneta nazionale fin dall'inizio, dando alla Banca Nazionale di Scozia il potere di fissare il tasso d'interesse sulla base delle condizioni economiche interne. Permettendo la flessibilità del tasso di cambio, questo approccio permetterebbe alla banca centrale di evitare il doppio azzardo generato da un'unione monetaria: la sottovalutazione, che produce una pressione inflattiva, e la sopravvalutazione, che richiede una devastante svalutazione interna (che riduce i salari reali).

Per capire quanto quest'ultima possa essere dura,  considerate l'eurozona. L'agonia della svalutazione interna nelle economie più deboli dell'unione monetaria sta spingendo progressivamente gli elettori e analogamente i mercati finanziari a chiedere un ritorno alle monete nazionali – una tendenza che potrebbe giungere al suo culmine con le elezioni di maggio per il parlamento europeo.

L'Italia è forse il primo candidato ad avviare un'uscita dall'eurozona, sebbene uno shock politico potrebbe avvenire anche in Francia, spingendola a negoziare con la Germania la dissoluzione dell'unione monetaria. Comunque, a prescindere da chi sarà il primo ad uscire, qualsiasi paese che cambi l'euro per la propria vecchia moneta nazionale dovrebbe, allo stesso modo di una Scozia indipendente, determinare il giusto grado di flessibilità del tasso di cambio.

Per esempio, seppure una moneta completamente libera di fluttuare creerebbe una benefica combinazione di disciplina e flessibilità, potrebbe essere meglio ritardare un po' questa fase e scegliere un aggancio aggiustabile con qualche valuta che faccia da àncora. Questo potrebbe far guadagnare il tempo necessario a costruirsi una credibilità e, cosa più importante, aiuterebbe a tenere il debito pubblico sotto controllo.

Un precedente significativo è la Slovacchia, il cui divorzio "di velluto" dalla Repubblica Ceca all'inizio del 1993 portò alla creazione di una nuova moneta nazionale. La koruna Slovacca è stata inizialmente tenuta entro una banda di oscillazione predefinita attorno ad una parità target con il marco tedesco e il dollaro USA, prima di arrivare un tasso di cambio completamente libero nel 1998.

Inoltre la Slovacchia, a differenza di molti altri paesi di quell'area, ha adempiuto al suo obbligo giuridico di entrare nell'eurozona – obbligo che una Scozia indipendente dovrebbe assumersi nel momento in cui, come ci si aspetta, chiederà l'appartenenza all'UE. Tuttavia un governo scozzese sovrano potrebbe tentare di negoziare un'esenzione a questa regola – e, così facendo, unirsi all'ondata degli altri paesi europei che cercano una via d'uscita da quel grande abbaglio che l'unione monetaria Europea si è rivelata essere".

fonte notizia: project-syndicate.org

L'autrice: Brigitte Granville is Professor of International Economics and Economic Policy at the School of Business and Management, Queen Mary, University of London.

 


BRIGITTE GRANVILLE (UNIVERSITA' QUEEN MARY DI LONDRA): ''LA SCOZIA DEVE AVERE LA PROPRIA MONETA, COME DEVE FARE L'ITALIA''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Londra   Inghilterra   Scozia   referendum   moneta   sterlina   eurozona   Italia   Edimburgo    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA BUNDESBANK: BOLLA IMMOBILIARE IN GERMANIA IMMOBILI SOPRAVVALUTATI DEL 15-30%, BANCHE ESPOSTE E FRAGILISSIME

LA BUNDESBANK: BOLLA IMMOBILIARE IN GERMANIA IMMOBILI SOPRAVVALUTATI DEL 15-30%, BANCHE ESPOSTE E

giovedì 15 novembre 2018
BERLINO - Si moltiplicano gli allarmi in Germania per la fragilità delle banche tedesche. Oggi, è l'autorevole quotidiano Handelsblatt a criverne in un lungo articolo di prima
Continua
 
SPECIALE LIBIA / I RISULTATI DELLA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PALERMO COL PLAUSO DEL DIPARTIMENTO DI STATO AMERICANO

SPECIALE LIBIA / I RISULTATI DELLA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PALERMO COL PLAUSO DEL DIPARTIMENTO

mercoledì 14 novembre 2018
La conferenza internazionale di Palermo sulla Libia è stata un grande successo, (a dispetto dell'ostracismo della stampa italiana che lo ha apertamente trascurato -ndr). Gli Stati Uniti hanno
Continua
QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN PICCHIATA E PIL -0,2%''

QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN

mercoledì 14 novembre 2018
BERLINO - Sta andando molto peggio di quanto invece aveva previsto il goverrno Merkel per quest'anno. Nel terzo trimestre del 2018, il prodotto interno lordo della Germania ha registrato una
Continua
 
SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE IN ITALY'' (ADDIO UE)

SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE

mercoledì 14 novembre 2018
Cresce in Italia la diffidenza e il rancore nei confronti dell'Unione europea, con quasi sei italiani su dieci (58%) che si sentono maltrattati dalle politiche comunitarie rispetto agli altri Paesi.
Continua
POLIZIA LOCALE DI MILANO SCOPRE DORMITORIO-LAGER (CON 25 AFRICANI DENTRO) IN UN PALAZZO. L'APPARTAMENTO E' DI UN CINESE

POLIZIA LOCALE DI MILANO SCOPRE DORMITORIO-LAGER (CON 25 AFRICANI DENTRO) IN UN PALAZZO.

martedì 13 novembre 2018
MILANO - Venticinque letti ammassati in un quadrilocale dalle pessime condizioni igieniche che ospitava migranti, molti clandestini in Italia. .È quanto trovato gli agenti del Nucleo reati
Continua
 
CROLLATI GLI SBARCHI DI AFRICANI IN ITALIA: DA 119.369 NEL 2017 A 22.167 DA GENNAIO A NOVEMBRE 2018: MERITO DI SALVINI

CROLLATI GLI SBARCHI DI AFRICANI IN ITALIA: DA 119.369 NEL 2017 A 22.167 DA GENNAIO A NOVEMBRE

lunedì 12 novembre 2018
"Gli sbarchi nel 2016 sono stati 181.436, nel 2017 sono stati 119.369 mentre nel 2018 sono scesi a 22.167". Sono i dati forniti da Massimo Bontempi, direttore della Direzione centrale immigrazione e
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA VOCE DELLA RUSSIA PUBBLICA UN ATTACCO SENZA PRECEDENTI ALLA CASTA POLITICA ITALIANA! E SPAPPOLA RENZI (DA LEGGERE!)

LA VOCE DELLA RUSSIA PUBBLICA UN ATTACCO SENZA PRECEDENTI ALLA CASTA POLITICA ITALIANA! E SPAPPOLA
Continua

 
IL NEW YORK TIMES IN PRIMA PAGINA: ''L'EUROPA PUO' ESPLODERE COME UNA SUPER NOVA E GLI EURO SCETTICI HANNO RAGIONE''.

IL NEW YORK TIMES IN PRIMA PAGINA: ''L'EUROPA PUO' ESPLODERE COME UNA SUPER NOVA E GLI EURO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!