69.900.256
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SLOVENIA NEL BARATRO: SISTEMA BANCARIO DEVASTATO, E ADESSO FALLISCONO LE DUE PRINCIPALI SOCIETA' DEL PAESE (VIVA L'EURO)

martedì 14 gennaio 2014

LUBIANA - L'anno nuovo per l'economia slovena è iniziato "col botto". Purtroppo in negativo. Altri due colossi dell'economia locale sono finiti in cattive acque a causa della crisi debitoria. Si tratta di ACH, che ha registrato un giro di affari di 482 milioni di euro nel 2012, e Perutnina Ptuj, con giro d'affari di 142 milioni di euro nel 2012.

Mentre le banche hanno già iniziato il pignoramento dei beni di ACH, per Perutnina Ptuj c'è ancora lo stallo, anche se l'azienda è sul baratro. I debiti per ACH ammontano a 129 milioni di euro, quelli di Perutnina Ptuj a 110 milioni di euro. Il problema della crisi debitoria ha per entrambe le società dei denominatori comuni. Inizialmente ci fu la scalata dei manager alle proprie società, eseguita senza propri mezzi, ma con crediti elargiti dalle banche senza adeguate garanzie: nella maggior parte dei casi le garanzie degli acquirenti erano le quote delle società, che andavano ad acquistare col prestito.

Questo era diventato un vero e proprio modus operandi nel mondo aziendale sloveno alla fine degli anni novanta e nel nuovo secolo. Nel caso di ACH, l'azionista al 90% è la società Protej, a sua volta controllata dai manager di ACH. Perutnina Ptuj ha tra gli azionisti (10%) la holding PMP, di proprietà dei manager, che però "de facto" controllano l'azienda con l'aiuto degli altri azionisti maggiori.

La questione delle scalate per ACH e Perutnina Ptuj non è stata comunque decisiva in senso negativo per la situazione attuale. Nei casi in questione ci sono stati anche molti investimenti rivelatisi sbagliati e ormai decaduti. Su tutti le quote azionarie delle due società nelle banche, che da dicembre sono in liquidazione controllata (su decisione della banca centrale slovena): ACH è stato azionista di riferimento della Factor banka con una quota del 40%, Perutnina Ptuj è stata invece secondo azionista della Probanka con una quota del 10,71%.

C'è infine un altro punto d'incontro tra le situazioni delle due società, che fornisce un chiarimento sul background della situazione economica slovena. Gli uomini che per lunghi anni sono stati i padri e padroni delle due società (Herman Rigelnik per ACH e Roman Glaser per Perutnina Ptuj) sono membri fondatori di Forum 21, un'associazione di manager e imprenditori, che nel 2004 (anno di fondazione di Forum 21) erano al vertice del loro potere economico (e di riflesso politico). La matrice politica a Forum 21 l'ha data soprattutto il suo presidente Milan Kucan, ultimo segretario generale dell'Unione dei comunisti sloveni (al tempo della Jugoslavia), primo presidente della repubblica della Slovenia e ancora oggi uomo forte della sinistra slovena.

Tra le "dottrine" del Forum 21 c'era anche l' "interesse nazionale" ovvero il mantenimento dell'economia slovena in mano a manager sloveni. Le molte scalate, effettuate dai manager, e i molti legami (come azionariati trasversali tra società e banche), con a base operazioni non sempre trasparenti, hanno conribuito fortemente a creare la crisi debitoria di molte aziende fiore all'occhiello del "made in Slovenija". Molte di quelle aziende, i cui vertici fanno parte di Forum 21, hanno già presentato istanza di fallimento o sono sul baratro. Il caso più noto è stato quello di Merkur: il Ceo Bine Korde (membro del Forum 21) aveva insieme con gli altri manager contratto debiti per 350 milioni di euro nel tentativo di scalata della società.

Membro fondativo del Forum 21 è anche Romana Pajenk, ex Ceo di Probanka, finita in liquidazione controllata con 170 milioni di euro di ammanco di capitale. Tra i manager del Forum 21 altamente indebitati infine Janez Bohoric (ex Ceo Sava, oltre 400 milioni di debito nel 2010, a fine mandato Bohoric), Edvard Svetlik (Hidria, 140 milioni di euro di debiti),Tatjana Fink (Trimo, oltre 50 milioni di euro di debiti). Nella lista si deve inoltre includere anche Zoran Jankovic, sindaco di Lubiana ed ex Ceo di Mercator, che ha conti in sospeso con le banche (attraverso la società controllata KLM) per diversi milioni di euro.

articolo scritto da Andrej Cernic - che ringraziamo. 


SLOVENIA NEL BARATRO: SISTEMA BANCARIO DEVASTATO, E ADESSO FALLISCONO LE DUE PRINCIPALI SOCIETA' DEL PAESE (VIVA L'EURO)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Slovenia   banche   società   fallite   euro   crisi   default  


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DALAI LAMA: L'EUROPA DEVE RISPEDIRE TUTTI I RIFUGIATI NEI PAESI D'ORIGINE PERCHE' AIUTINO LO SVILUPPO DELLE LORO NAZIONI

DALAI LAMA: L'EUROPA DEVE RISPEDIRE TUTTI I RIFUGIATI NEI PAESI D'ORIGINE PERCHE' AIUTINO LO

lunedì 1 luglio 2019
LONDRA - L'Europa deve rispedire tutti i rifugiati nei loro paesi d'origine altrimenti rischia di diventare africana o musulmana. Sarebbe facile pensare che tale affermazione sia stata fatta da uno
Continua
 
INCHIESTA / ECCO QUANTO HA REGALATO FINO AD OGGI L'ITALIA ALLA UE. CON L'ITALEXIT GUADAGNIAMO 7 MILIARDI DI EURO L'ANNO

INCHIESTA / ECCO QUANTO HA REGALATO FINO AD OGGI L'ITALIA ALLA UE. CON L'ITALEXIT GUADAGNIAMO 7

lunedì 1 luglio 2019
Tra il 2010 ed il 2016, l’Italia ha versato 113.187.000.000 euro alla ue e ne ha ricevuti indietro 75.410.000.000. Questo significa, se la matematica non è un’opinione, che
Continua
AMERICANS FOR TAX REFORM: ''FLAT TAX IN ITALIA E' OK. UE SI BASA SULLE POLITICHE DI GERMANIA E FRANCIA AI VOSTRI DANNI''

AMERICANS FOR TAX REFORM: ''FLAT TAX IN ITALIA E' OK. UE SI BASA SULLE POLITICHE DI GERMANIA E

giovedì 27 giugno 2019
Pochi giorni fa il nome di Grover Norquist e' balzato agli onori delle cronache italiane dopo l'incontro con il ministro degli Interni Matteo Salvini durante la sua visita negli Stati Uniti.
Continua
 
ARTICOLO ESPLOSIVO DEL DAILY MAIL SUL PIANO DI SOROS PER AGGREDIRE LE DEMOCRAZIE EUROPEE (STAMPA ITALIANA CENSURA)

ARTICOLO ESPLOSIVO DEL DAILY MAIL SUL PIANO DI SOROS PER AGGREDIRE LE DEMOCRAZIE EUROPEE (STAMPA

lunedì 24 giugno 2019
LONDRA - Quando alcuni giorni fa Giorgia Meloni ha dichiarato che George Soros vuole distruggere l'Occidente tramite l'invasione di immigrati, molti a sinistra l'hanno criticata ma la verita' e' che
Continua
INCHIESTA /  IL TAGLIO RADICALE DELLE TASSE NON AUMENTERA' IL DEBITO PUBBLICO, LO FARA' DIMINUIRE: LA CURVA DI LAFFER

INCHIESTA / IL TAGLIO RADICALE DELLE TASSE NON AUMENTERA' IL DEBITO PUBBLICO, LO FARA' DIMINUIRE:

lunedì 24 giugno 2019
Mentre gli oligarchi dell’uscente commissione ue sono presi dai loro ultimi, inutili e spregevoli rantoli contro l’Italia minacciando una procedura d’infrazione che non spaventa
Continua
 
CLAUDIO BORGHI SPIEGA TUTTO SUI MINIBOT E SMONTA UNA PER UNA LE CRITICHE E LE ACCUSE (INTERVISTA DI PANORAMA)

CLAUDIO BORGHI SPIEGA TUTTO SUI MINIBOT E SMONTA UNA PER UNA LE CRITICHE E LE ACCUSE (INTERVISTA DI

mercoledì 19 giugno 2019
L'onorevole leghista e presidente della commissione Bilancio della Camera, Claudio Borghi, spiega in una intervista a "Panorama" la 'guerra dei Minibot'. "Il mio primo video sui Minibot e' del 2012.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ABBIAMO FATTO I CONTI: NEL 2014 PER PAGARE TUTTE LE TASSE UN LAVORATORE DIPENDENTE DOVRA' LAVORARE FINO AL 20 GIUGNO!

ABBIAMO FATTO I CONTI: NEL 2014 PER PAGARE TUTTE LE TASSE UN LAVORATORE DIPENDENTE DOVRA' LAVORARE
Continua

 
SONO COSI' TERRORIZZATI GLI OLIGARCHI UE CHE HANNO DECISO LA MOSSA DISPERATA: FALSIFICARE I CONTI PER AUMENTARE IL PIL!

SONO COSI' TERRORIZZATI GLI OLIGARCHI UE CHE HANNO DECISO LA MOSSA DISPERATA: FALSIFICARE I CONTI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!