47.475.253
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

CATASTROFE ITALIA: CON LA POLITICA DI AUSTERITA' E INFLAZIONE ALLO 0,8% (VOLUTA DAI TEDESCHI) DEBITO-PIL SALIRA' AL 170%

lunedì 13 gennaio 2014

LONDRA - Sul Telegraph, Ambrose Evans Pritchard sottolinea come non c'è bisogno di arrivare ad una deflazione marcata per spingere l'Europa in una situazione di trappola da debito. Visto il livello attuale dei prezzi, l'Italia è già a rischio di un aumento esponenziale della ratio del debito pubblico. E lo stesso vale per il Portogallo.

Fathom Consulting ha precisato, prosegue il Columnist inglese, come anche un livello molto basso di inflazione esista già  un notevole problema per i paesi fortemente indebitati: “Anche gli attuali bassi tassi d'inflazione pongono rischi esistenziali per l'area della moneta unica. Secondo il mercato dei prezzi, l'inflazione italiana dovrebbe attestarsi sull'0,8% peri prossimi tre anni. Se sarà così, il debito italiano viaggerà in un sentiero non sostenibile”.

Il debito italiano è già passato dal 119% al 132% rispetto al Pil negli ultimi tre anni come risultato delle dinamiche economiche conseguenti all'austerità. Rispetto alle dichiarazioni del premier greco Samaras, secondo cui Atene si sta “lasciando la crisi alle spalle” Fathom si domanda come sia possibile per un paese “che galoppa oltre il 170% del debito rispetto al Pil”.

Senza un meccanismo di trasferimento fiscale, l'Unione monetaria conduce in modo automatico a buchi dove i paesi in espansione hanno tassi d'interesse reali inferiore e questo alimenta la formazione di bolle; al contrario i paesi in recessione hanno tassi d'interesse reali più alti mentre virano verso la deflazione, alimentando ancora di più la crisi. E' un processo che si autoalimenta. La gravità di questo dipende ovviamente dalla scala del peso del debito. La Lettonia non è la Grecia e questo sistema è “inerentemente instabile” afferma Evas-Pritchard.

Già negli anni'80 Sir Alan Walters aveva previsto con cristallina chiarezza quello che sarebbe accaduto con una valuta che non aveva un Tesoro europeo ed un'unione politica alle sue spalle. “Come molte persone riconoscono oggi, la miglior soluzione percorribile sarebbe quella di costruire un sistema di trasferimenti fiscale interno – che potrebbe essere una piena Unione Bancaria o gli Eurobond. Ma non è un compito che spetta ad i politici all'interno della Bce. Questi, nella situazione attuale, devono fare tutto quello che è nelle loro possibilità per impedire che le economie più deboli sprofondino nella deflazione. La politica monetaria dovrebbe essere significativamente accomodante attraverso un programma di Quantitative easing su vasta scala in tutta la zona euro”, ha concluso Fanthom. 

Un QE fino al raggiungimento dell'obiettivo del 2% dell'inflazione. Ambrose Evans Pritchard dubita sulla legalità dell'acquisto dei Bund tedeschi all'interno del mandato della Bce, ma conclude che, a questo punto, “Fallo Mario Draghi: allacciati strettamente l'elmetto tedesco e riempilo con un trilione”.

The Telegraph - L'Antidiplomatico


CATASTROFE ITALIA: CON LA POLITICA DI AUSTERITA' E INFLAZIONE ALLO 0,8% (VOLUTA DAI TEDESCHI) DEBITO-PIL SALIRA' AL 170%


Cerca tra gli articoli che parlano di:

The Telegraph   Pritchard   debito-Pil   Eurobond   Italia   catastrofe    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STAMPA FRANCESE: LEGGE ELETTORALE SBAGLIATA, MA IL PD VUOLE VOTARE PRIMA DELLA ''MANOVRA GRECA'' CHE IMPORRA' LA UE

STAMPA FRANCESE: LEGGE ELETTORALE SBAGLIATA, MA IL PD VUOLE VOTARE PRIMA DELLA ''MANOVRA GRECA''

martedì 30 maggio 2017
"Non c'e' tre senza quattro" potrebbe essere il precetto elettorale di questo anno 2017 in Europa: e' la previsione del quotidiano economico francese "Les Echos", secondo cui dopo la Francia, la Gran
Continua
 
LA MERKEL DOPO IL FLOP DEL G7 DI TAORMINA PUNTA A UNA UE ANCORA PIU' ''TEDESCA'' E VUOLE LA GUIDA DELLA BCE DOPO DRAGHI

LA MERKEL DOPO IL FLOP DEL G7 DI TAORMINA PUNTA A UNA UE ANCORA PIU' ''TEDESCA'' E VUOLE LA GUIDA

lunedì 29 maggio 2017
BERLINO - La politica tentata dalla cancelliera tedesca Angela Merkel nei confronti del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante il vertice del G7 tenutosi a Taormina, non ha avuto
Continua
SONDAGGIO: LA MAGGIORANZA DEI CITTADINI DELLA REPUBBLICA CECA VUOLE USCIRE DALLA UE (E IL 79% E' CONTRO L'EURO)

SONDAGGIO: LA MAGGIORANZA DEI CITTADINI DELLA REPUBBLICA CECA VUOLE USCIRE DALLA UE (E IL 79% E'

lunedì 29 maggio 2017
Nonostante la stampa di regime controllata  dalle oligarchie Ue continui a ripetere fino alla nausea - specialmrnte in Italia - che l'euro e' stato un grande successo, la realta' e' che chi ne
Continua
 
GOVERNO UNGHERESE TAGLIA LE TASSE E AUMENTA GLI AIUTI A FAMIGLIE, SCUOLA E SICUREZZA (CON RAPPORTO DEBITO-PIL AL 2,4%)

GOVERNO UNGHERESE TAGLIA LE TASSE E AUMENTA GLI AIUTI A FAMIGLIE, SCUOLA E SICUREZZA (CON RAPPORTO

mercoledì 24 maggio 2017
LONDRA - In diverse occasioni abbiamo parlato di miracolo economico ungherese perche', al contrario delle nazioni dell'area euro, l'Ungheria ha ridotto le tasse e le bollette di luce, acqua, gas e
Continua
VI SIETE SCORDATI DI MPS, POPOLARE DI VICENZA E VENETO BANCA? LA UE-BCE NO: LA PRIMA FORSE SI SALVA LE ALTRE DUE KAPUTT

VI SIETE SCORDATI DI MPS, POPOLARE DI VICENZA E VENETO BANCA? LA UE-BCE NO: LA PRIMA FORSE SI SALVA

mercoledì 24 maggio 2017
La vicenda delle tre banche italiane da salvare, MPS, BPVI e VenetoBanca sembra assumere sempre più i contorni della farsa se non della tragedia. Mentre i tedeschi hanno sistemato le loro
Continua
 
BCE VUOLE CONDIZIONARE LE SCELTE POLITICHE DEI PAESI DELL'EURO A PARTIRE DALL'ITALIA (CHI LE DA' IL DIRITTO DI FARLO?)

BCE VUOLE CONDIZIONARE LE SCELTE POLITICHE DEI PAESI DELL'EURO A PARTIRE DALL'ITALIA (CHI LE DA' IL

mercoledì 24 maggio 2017
FRANCOFORTE - Ormai, la Bce si comporta non più come una banca, ma come fosse a capo della Ue con il diritto di veto e critica su stati, governi, elezioni. Questa sua invadenza ormai non ha
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
GESTO ESTREMO / IL DIRETTORE DI CONFCOMMERCIO SFIDA STATO & BANCHE BARRICATO DENTRO LA FILIALE BANKITALIA DELL'AQUILA!

GESTO ESTREMO / IL DIRETTORE DI CONFCOMMERCIO SFIDA STATO & BANCHE BARRICATO DENTRO LA FILIALE
Continua

 
LO STATO NON SA IL TOTALE DEI DEBITI DELLE AMMINISTRAZIONI LOCALI E IL 62% DEI NUOVI PAGAMENTI E' IN RITARDO (PAZZESCO)

LO STATO NON SA IL TOTALE DEI DEBITI DELLE AMMINISTRAZIONI LOCALI E IL 62% DEI NUOVI PAGAMENTI E'
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!