67.704.306
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

CATASTROFE ITALIA: CON LA POLITICA DI AUSTERITA' E INFLAZIONE ALLO 0,8% (VOLUTA DAI TEDESCHI) DEBITO-PIL SALIRA' AL 170%

lunedì 13 gennaio 2014

LONDRA - Sul Telegraph, Ambrose Evans Pritchard sottolinea come non c'è bisogno di arrivare ad una deflazione marcata per spingere l'Europa in una situazione di trappola da debito. Visto il livello attuale dei prezzi, l'Italia è già a rischio di un aumento esponenziale della ratio del debito pubblico. E lo stesso vale per il Portogallo.

Fathom Consulting ha precisato, prosegue il Columnist inglese, come anche un livello molto basso di inflazione esista già  un notevole problema per i paesi fortemente indebitati: “Anche gli attuali bassi tassi d'inflazione pongono rischi esistenziali per l'area della moneta unica. Secondo il mercato dei prezzi, l'inflazione italiana dovrebbe attestarsi sull'0,8% peri prossimi tre anni. Se sarà così, il debito italiano viaggerà in un sentiero non sostenibile”.

Il debito italiano è già passato dal 119% al 132% rispetto al Pil negli ultimi tre anni come risultato delle dinamiche economiche conseguenti all'austerità. Rispetto alle dichiarazioni del premier greco Samaras, secondo cui Atene si sta “lasciando la crisi alle spalle” Fathom si domanda come sia possibile per un paese “che galoppa oltre il 170% del debito rispetto al Pil”.

Senza un meccanismo di trasferimento fiscale, l'Unione monetaria conduce in modo automatico a buchi dove i paesi in espansione hanno tassi d'interesse reali inferiore e questo alimenta la formazione di bolle; al contrario i paesi in recessione hanno tassi d'interesse reali più alti mentre virano verso la deflazione, alimentando ancora di più la crisi. E' un processo che si autoalimenta. La gravità di questo dipende ovviamente dalla scala del peso del debito. La Lettonia non è la Grecia e questo sistema è “inerentemente instabile” afferma Evas-Pritchard.

Già negli anni'80 Sir Alan Walters aveva previsto con cristallina chiarezza quello che sarebbe accaduto con una valuta che non aveva un Tesoro europeo ed un'unione politica alle sue spalle. “Come molte persone riconoscono oggi, la miglior soluzione percorribile sarebbe quella di costruire un sistema di trasferimenti fiscale interno – che potrebbe essere una piena Unione Bancaria o gli Eurobond. Ma non è un compito che spetta ad i politici all'interno della Bce. Questi, nella situazione attuale, devono fare tutto quello che è nelle loro possibilità per impedire che le economie più deboli sprofondino nella deflazione. La politica monetaria dovrebbe essere significativamente accomodante attraverso un programma di Quantitative easing su vasta scala in tutta la zona euro”, ha concluso Fanthom. 

Un QE fino al raggiungimento dell'obiettivo del 2% dell'inflazione. Ambrose Evans Pritchard dubita sulla legalità dell'acquisto dei Bund tedeschi all'interno del mandato della Bce, ma conclude che, a questo punto, “Fallo Mario Draghi: allacciati strettamente l'elmetto tedesco e riempilo con un trilione”.

The Telegraph - L'Antidiplomatico


CATASTROFE ITALIA: CON LA POLITICA DI AUSTERITA' E INFLAZIONE ALLO 0,8% (VOLUTA DAI TEDESCHI) DEBITO-PIL SALIRA' AL 170%


Cerca tra gli articoli che parlano di:

The Telegraph   Pritchard   debito-Pil   Eurobond   Italia   catastrofe    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA GERMANIA S'E' ARRICCHITA

L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA

martedì 26 febbraio 2019
BERLINO - Fino a ieri, gli "europeisti" lo consideravano un attacco politico, una posizione nazionalista e sovranista, cose da campagna elettorale, da oggi invece, è niente di meno che una
Continua
 
DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (BOOM!)

DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO

lunedì 25 febbraio 2019
LONDRA - Da tempo la Danimarca attira l'attenzione degli osservatori politici internazionali per via delle sue leggi severe sull'immigrazione ma lungi dal fermarsi i legislatori danesi hanno deciso
Continua
FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA SAREBBE L'UNIONE EUROPEA?

FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA

mercoledì 20 febbraio 2019
BERLINO -  Come al solito, Germania e Francia pensano di essere padroni dell'Europa e senza chiedere permesso a nessuno, e figuriamoci invitare al dibattito altre nazioni, si sono "accordati"
Continua
 
LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI TARGATI ''PD'' DALLA LIBIA

LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI

lunedì 18 febbraio 2019
Sui barconi fatti arrivare in Italia dai precedenti governi Pd, a decine di migliaia erano nigeriani, e tra loro migliaia di delinquenti arrivati così in Italia per impiantare potenti
Continua
LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E ALLA SICUREZZA

LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E

lunedì 18 febbraio 2019
LONDRA - Sono tanti i Paesi che negli ultimi anni hanno reintrodotto controlli alla frontiera mettendo fine alla libera circolazione stabilita dal trattato di Schengen e l'ultimo paese che ha agito
Continua
 
LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE SALVANO LA GERMANIA

LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE

giovedì 14 febbraio 2019
BERLINO -  A Bruxelles tacciono, nessuno se l'è sentita di commentare il tracollo della Germania, economicamente parlando. D'altra parte, se l'avessero fatto, poi come giustificare le
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
GESTO ESTREMO / IL DIRETTORE DI CONFCOMMERCIO SFIDA STATO & BANCHE BARRICATO DENTRO LA FILIALE BANKITALIA DELL'AQUILA!

GESTO ESTREMO / IL DIRETTORE DI CONFCOMMERCIO SFIDA STATO & BANCHE BARRICATO DENTRO LA FILIALE
Continua

 
LO STATO NON SA IL TOTALE DEI DEBITI DELLE AMMINISTRAZIONI LOCALI E IL 62% DEI NUOVI PAGAMENTI E' IN RITARDO (PAZZESCO)

LO STATO NON SA IL TOTALE DEI DEBITI DELLE AMMINISTRAZIONI LOCALI E IL 62% DEI NUOVI PAGAMENTI E'
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

IN ARRIVO DALL'AUSTRALIA UN TERREMOTO NELLA CHIESA (A ROMA)

26 febbraio - A poche ore dal vertice contro la pedofilia in Vaticano, nella Chiesa
Continua

MANCAVA SOLO IL VELO ISLAMICO DA CORSA, NEL REPERTORIO DELLE

26 febbraio - PARIGI - 'No al velo islamico da footing': dure polemiche in Francia
Continua

PROCURA DI FIRENZE DA' PARERE NEGATIVO: GENITORI DI RENZI RESTINO

26 febbraio - FIRENZE - La procura di Firenze ha dato parere negativo sulla richiesta
Continua

RIXI: CENTRODESTRA E' UN MODELLO SUPERATO A LIVELLO DI GOVERNO

26 febbraio - GENOVA - ''I risultati danno ragione a Salvini: credo che oggi a livello
Continua

SALVINI: QUOTA 100, GIA' 70.000 ADESIONI, QUASI 8.000 IN LOMBARDIA,

26 febbraio - Il vicepresidente del Consiglio e ministro dell'Interno, Matteo Salvini,
Continua

GERMANIA: IL PRINCIPALE INDICATORE ECONOMICO ORA SEGNA CRISI.

22 febbraio - BERLINO - L'indice Ifo, uno dei principali barometri dell'economia
Continua

APPROVATO ALLA CAMERA IN PRIMA LETTURA IL REFERENDUM POPOLARE

21 febbraio - Con 272 voti favorevoli, 141 contrari (Pd e Fi) e 17 astenuti (Leu e
Continua

LA FRANCIA FORNISCE SEI MOTOVEDETTE ANTI BARCONI ALLA LIBIA (MOLTO

21 febbraio - PARIGI - La Francia ha ufficializzato la decisione di fornire alla
Continua

PREMIER CONTE: NESSUNA MANOVRA CORRETTIVA. MISURE PRUDENZIALI GIA'

21 febbraio - ROMA - ''Abbiamo presente il quadro macro-economico in Italia e nel
Continua

CONTINUANO SENZA SOSTA GLI SGOMBERI DI OCCUPAZIONI ABUSIVE A FIRENZE

21 febbraio - FIRENZE - Sesto sgombero in sei mesi a Firenze. Questa volta
Continua
Precedenti »