50.690.504
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi
ATTACCO TERRORISTICO A Barcellona: 'Cadena Ser', almeno 13 morti in attentato

L'INGHILTERRA SI DIFENDE DALL'IMMIGRAZIONE SELVAGGIA CON NORME SEVERISSIME E GLI OLIGARCHI UE L'AGGREDISCONO (POVERETTI)

venerdì 10 gennaio 2014

BRUXELLES - Continua senza esclusione di colpi la 'crisi' tra Gran Bretagna e Unione europea, passata prima per il campo della sovranità nazionale e ora per quello dell'immigrazione. Molto probabilmente con uno sguardo già puntato sulle elezioni politiche del 2015, annusando i risultati delle amministrative dello scorso anno, il primo ministro David Cameron ha decisamente spinto l'acceleratore sullo spauracchio dell'invasione dei sacri confini della patria di sua Maestà.

Basta tornare con la mente all'anno appena trascorso, infatti, per ritrovare quei risultati incredibili delle amministrative inglesi e del Galles, turno elettorale dove lo United Kingdom Independence Party - di stampo fortemente euroscettico e vicino alla destra - ha fatto incetta di voti raccogliendo in media il 25% delle preferenze in molte realtà locali.

Proprio per questo, dopo aver ricevuto non poche critiche in vista dell'avvicinarsi della data X dello sblocco delle restrizioni ai lavoratori provenienti da Romania e Bulgaria, l'inquilino del numero 10 di Downing Street (solo qualche giorno fa Cameron ha annunciato riforme per quanto riguarda gli assegni famigliari erogati ai lavoratori polacchi) e molti altri parlamentari di stampo conservatore hanno espresso con chiarezza il loro punto di vista.

Innanzitutto la battaglia tra Londra e Bruxelles potrebbe anche andare per vie legali, tanto che nonostante lo stop alle 'porte chiuse' (che ha effetto a partire dal primo gennaio del 2014) il fronte 'anti immigrati' sta tentando una campagna per ottenere altri 5 anni di restrizioni in materia di ingressi 'da Est', sventolando le difficoltà che il Paese starebbe ancora attraversando dal 2008 in seguito alla crisi economica.

Una richiesta a cui dall'Ue non sembrano essere assolutamente disposti a rispondere favorevolmente, accusando per contro Cameron per l'inasprimento della politica di accoglienza britannica messa in atto. Tra i vari provvedimenti presi dal governo prima della scadenza del primo gennaio di quest'anno, spiccano quelli relativi all'impossibilità per i lavoratori rumeni e bulgari di ottenere un assegno di disoccupazione (i vari sussidi sono stati decurtati di parecchio) prima di aver passato tre mesi in Inghilterra, soldi che una volta erogati dallo Stato possono essere bloccati se il migrante in questione non ha trovato lavoro entro i primi sei mesi nel Paese.

Pugno di ferro anche contro chi dorme per le strade o chiede elemosina, comportamenti per cui ci sarà l'espulsione e il divieto di tornare nel Regno Unito, mentre per i non residenti saranno a pagamento i servizi di Sanità, dagli ospedali ai pronto soccorso.

Così, l'Unione Europea aggredisce l'Inghilterra  e con il vice presidente della Commissione entra a gamba tesa su Cameron. Dopo aver fatto ribollire il sangue nelle vene di molti parlando di Stati Uniti d'Europa, infatti, Viviane Reding ha detto la sua accusando i conservatori inglesi di alimentare il "mito populista" degli aspetti negativi dell'immigrazione per distogliere i cittadini dai veri problemi dell'Inghilterra. Al contrario, sostiene il funzionario Ue, il fenomeno migratorio dei lavoratori porterà grandi benefici al Paese anche per quanto riguarda la crescita del PIL. "Stanno distruggendo il futuro del popolo britannico" ha detto in conclusione la Reding, bollando le mosse di Cameron come "populiste" ed "euroscettiche".

In effetti, come già detto, i rapporti tra Gran Bretagna e Ue non sono mai stati così tesi, tanto che se dalle elezioni politiche del 2015 dovesse ancora uscire vincitore il partito dell'attuale primo ministro, il Paese andrà verso un referendum nel 2017 che chiederà ai cittadini di scegliere se rimanere o meno nell'Unione europea.

Ma in ogni caso, sono gli ultimi rantoli dell'oligarchia Ue, disperata dalla sconfitta che si avvicina.

Fonte notizia: .ibtimes.com

 


L'INGHILTERRA SI DIFENDE DALL'IMMIGRAZIONE SELVAGGIA CON NORME SEVERISSIME E GLI OLIGARCHI UE L'AGGREDISCONO (POVERETTI)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL FRONTE NAZIONALE PRIMO PARTITO IN FRANCIA E MARINE LE PEN: ''ALLE ELEZIONI ABBATTIAMO L'UNIONE SOVIETICA EUROPEA''

IL FRONTE NAZIONALE PRIMO PARTITO IN FRANCIA E MARINE LE PEN: ''ALLE ELEZIONI ABBATTIAMO L'UNIONE
Continua

 
DEPUTATO TEDESCO: ''LA TROIKA HA TENUTO LA PISTOLA PUNTATA ALLA TESTA DI PORTOGALLO E CIPRO'' (PRIMA CREPA IN GERMANIA)

DEPUTATO TEDESCO: ''LA TROIKA HA TENUTO LA PISTOLA PUNTATA ALLA TESTA DI PORTOGALLO E CIPRO''
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!