64.829.736
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

''ROMANIA E BULGARIA, IL FALLIMENTO EUROPEISTA'' (REPORTAGE DI UN QUOTIDIANO BELGA SULL'AMARA REALTA' DI QUESTI DUE PAESI)

mercoledì 8 gennaio 2014

BRUXELLES - Dal 1° gennaio 2014, non vi sono più ostacoli alla mobilità dei lavoratori bulgari e rumeni all'interno della UE, e questo fatto solleva questioni di grande entità.

Romania e Bulgaria non sono allo stesso stadio di sviluppo dei Paesi dell'Europa. Strade sterrate, case di legno, carretti trainati da cavalli o asini, vecchie auto Dacia (Renault 12 dell'era Ceaucescu), è questa l'immagine vera della Romania per nulla diversa dall'era di Ceaușescu. Venticinque anni dopo la caduta del comunismo, così poco è cambiato in campagna.

Quasi 50 anni di comunismo in Romania e Bulgaria, e quindi di regime poliziesco di terrore e di collasso economico, hanno profondamente influenzato l'ordine sociale di queste società rurali. Hanno permanentemente distrutto le famiglie e i loro beni, come la proprietà di un terreno o di una piccola fattoria.

Inoltre, l'arrivo improvviso dell'economia capitalistica in un mercato del lavoro non adatto, impreparato ad essa, ha aggravato la crisi sociale e morale di questi Paesi che non sono stati in alcun modo pronti ad entrare nell'Unione Europea.

Il risultato è stato che invogliamo una parte della popolazione a lasciare le loro case e venire qui, ma impreparati a lavorare nelle aziende, e accogliamo con favore anche giovani laureati delusi con uno stipendio medio di circa 100 euro! Essi creano un significativo squilibrio.

La maggior parte dei loro figli sono allevati dai nonni, i bambini vedono i genitori solo due o tre volte l'anno . De Standaard (altro quotidiano - ndr) ha scritto nel suo numero del 01/04/13 che ci saranno presto in Romania solo vecchi e bambini . L'emigrazione ha provocato la distruzione della manodopera romena, creando un impoverimento sociale dello Stato rumeno. E questo accade mentre accogliamo con favore questi lavoratori in un periodo di recessione economica in cui il Belgio ha più di 500.000 disoccupati. Per non parlare del problema specifico dei Rom provenienti da questi paesi .

L'Unione Europea ha perseguito una politica disastrosa. Dovevano essere mantenuti rafforzati gli accordi di cooperazione con la Romania e la Bulgaria, attendere che queste economie crescessero e le disparità più evidenti scomparissero, prima di entrare nell'Unione. E i responsabili di questo disastro sono ancora le stesse persone che temono che i partiti che hanno sostenuto la commissione Barroso saranno severamente puniti nelle elezioni del maggio 2014.

Se accadrà, sarà solo la giustizia.

Articolo pubblicato dal quotidiano di Bruxelles Le Peuple. 


''ROMANIA E BULGARIA, IL FALLIMENTO EUROPEISTA'' (REPORTAGE DI UN QUOTIDIANO BELGA SULL'AMARA REALTA' DI QUESTI DUE PAESI)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA BUNDESBANK: BOLLA IMMOBILIARE IN GERMANIA IMMOBILI SOPRAVVALUTATI DEL 15-30%, BANCHE ESPOSTE E FRAGILISSIME

LA BUNDESBANK: BOLLA IMMOBILIARE IN GERMANIA IMMOBILI SOPRAVVALUTATI DEL 15-30%, BANCHE ESPOSTE E

giovedì 15 novembre 2018
BERLINO - Si moltiplicano gli allarmi in Germania per la fragilità delle banche tedesche. Oggi, è l'autorevole quotidiano Handelsblatt a criverne in un lungo articolo di prima
Continua
 
QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN PICCHIATA E PIL -0,2%''

QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN

mercoledì 14 novembre 2018
BERLINO - Sta andando molto peggio di quanto invece aveva previsto il goverrno Merkel per quest'anno. Nel terzo trimestre del 2018, il prodotto interno lordo della Germania ha registrato una
Continua
SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE IN ITALY'' (ADDIO UE)

SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE

mercoledì 14 novembre 2018
Cresce in Italia la diffidenza e il rancore nei confronti dell'Unione europea, con quasi sei italiani su dieci (58%) che si sentono maltrattati dalle politiche comunitarie rispetto agli altri Paesi.
Continua
 
CONFINDUSTRIA ATTACCA LE SANZIONI UE ALLA RUSSIA: 4 MILIARDI DI EURO DI MANCATO EXPORT DANNI GRAVISSIMI ALLE PMI. BASTA!

CONFINDUSTRIA ATTACCA LE SANZIONI UE ALLA RUSSIA: 4 MILIARDI DI EURO DI MANCATO EXPORT DANNI

martedì 6 novembre 2018
La Confindustria scende in campo contro le sanzioni alla Russia: penalizzano le imprese e l'export italiano. Eppure, nonostante le sanzioni il mercato russo "continua a essere strategico" per le
Continua
IN DANIMARCA IL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (COME IL PD IN ITALIA) VOTA INSIEME AI NAZIONALISTI E FERMA L'IMMIGRAZIONE

IN DANIMARCA IL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (COME IL PD IN ITALIA) VOTA INSIEME AI NAZIONALISTI E

lunedì 5 novembre 2018
LONDRA - In Italia non passa giorno che i giornali di regime ripetano fino alla nausea che la popolazione invecchia e quindi c'e' bisogno di far arrivare piu' immigrati per coprire i posti lasciati
Continua
 
INCHIESTA SU TUTTO IL DEBITO PUBBLICO (ESPLICITO + IMPLICITO): ITALIA 57% GERMANIA 149% FRANCIA 291% MEDIA EUROZONA 266%

INCHIESTA SU TUTTO IL DEBITO PUBBLICO (ESPLICITO + IMPLICITO): ITALIA 57% GERMANIA 149% FRANCIA

lunedì 5 novembre 2018
Ai lacchè nostrani degli oligarchi ue, il periodo dice decisamente male: lo spread rimane stabilmente entro limiti accettabili; la borsa cresce; le banche italiane superano brillantemente gli
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SACCOMANNI ORDINA A 80.000 INSEGNANTI PUBBLICI DI RESTITUIRE (A 150 EURO/MESE!) SOLDI AVUTI PER ERRORE (DI SACCOMANNI!)

SACCOMANNI ORDINA A 80.000 INSEGNANTI PUBBLICI DI RESTITUIRE (A 150 EURO/MESE!) SOLDI AVUTI PER
Continua

 
LA COMMISSIONE AFFARI COSTITUZIONALI SCHIANTA IL DECRETO ''SALVA-ROMA'' GIA' RESPINTO DA NAPOLITANO IN VERSIONE PRECEDENTE

LA COMMISSIONE AFFARI COSTITUZIONALI SCHIANTA IL DECRETO ''SALVA-ROMA'' GIA' RESPINTO DA NAPOLITANO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!