64.069.016
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA SVOLTA / CON I CONTI ATTUALI LA GRECIA PUO' ABBANDONARE L'EURO SENZA FALLIRE IL MINUTO DOPO (SE CI RESTA MUORE)

mercoledì 8 gennaio 2014

Dopo sei anni di depressione economica, la Grecia non sembra voler guarire. Le prospettive di crescita per questo nuovo anno sono tutte pessimiste e negative, mentre il Pil del 2013 è stato del 4% inferiore a quello del 2012.

Di fatto, rispetto al’inizio della crisi l’economia greca si trova oggi amputata di almeno il 25% delle sue ricchezze e delle sue risorse. A titolo comparativo, l’economia americana aveva perso il 30% durante la Grande Depressione, alla fine degli anni 1920.

La Grecia subisce dunque un’autentica depressione dalla portata terrificante, con un tasso di disoccupazione ufficiale del 27%, di cui il 55% fra i giovani. La realtà però è ancora più drammatica, perchè per un greco che lavora, due greci sono disoccupati.

Per raddrizzare la sua crescita, la Grecia non potrà puntare sull’esportazione, malgrado gli intensi sforzi di produzione e malgrado salari in caduta libera. Il 2014 assomiglierà agli anni precedenti, malgrado le previsioni del governo di Atene, dell’Unione europea e del Fondo monetario internazionale – che si sbagliano sistematicamente da diversi anni prevedendo l’imminenza della ripresa greca.

Eppure negli ultimi due anni l’economia della Grecia è cambiata.

Il paese mostra un’eccedenza commerciale principalmente grazie al settore del turismo, in progressione del 12% nel 2013 e per una disoccupazione massiccia e una contrazione economica che logicamente si sono tradotti con un sensibile calo delle importazioni.

Oggi la Grecia non ha più bisogno di chiedere prestiti sui mercati, così come non ha più bisogno dell’aiuto europeo per finanziare le sue nuove spese. Inoltre, dopo aver realizzato circa 110 miliardi di euro di economie nel 2012 e 2013, il bilancio greco sarà in eccedenza a partire da quest’anno.

Il paese non dispone evidentemente dei redditi sufficienti per liberarsi dagli interessi del suo gigantesco debito, ma si può dire che è in grado di pagare da sè le spese correnti. Le numerose previsioni che davano la Grecia fuori dalla Zona euro nel 2011 e poi nel 2012 si sono rivelate tutte sbagliate. Per la Grecia, nel 2012 e nel 2013 era letteralmente impossibile abbandonare la moneta unica, perchè il paese non aveva modo di assicurare la propria sussistenza.

Invece, l’eccedenza commerciale del 2013 e l’eccedenza di bilancio prevista quest’anno permetterebbero al governo greco di decidere di uscire dalla Zona euro, se volesse farlo. Di fatto oggi la Grecia sarebbe capace di lasciare unilateralmente la moneta unica senza essere ridotta a dover ancora chiedere l’assistenza dell’Unione europea e del Fondo monetario internazionale.

L’eccedenza commerciale le permetterebbe di ritrovare una dracma solida, che inoltre potrebbe essere svalutata per rilanciare le esportazioni. Il governo e l’ordine pubblico non sarebbero minacciati perchè il paese avrebbe a disposizione fondi sufficienti per pagare le fatture.

La Grecia non farebbe default perchè il suo debito verrebbe rimborsato gradualmente con una dracma che, nel caso di estrema urgenza, potrebbe essere stampata secondo le necessità. L’uscita della Grecia dalla Zona euro non sarebbe dunque una catastrofe, soprattutto non per la Grecia.

Autore: Michel Santi, conomiste franco-suisse, conseille des banques centrales de pays émergents. Il est membre du World Economic Forum 


LA SVOLTA / CON I CONTI ATTUALI LA GRECIA PUO' ABBANDONARE L'EURO SENZA FALLIRE IL MINUTO DOPO (SE CI RESTA MUORE)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Grecia   zona euro   debito   dracma   Michel   Santi   World   Economic   Forum   Pil   crisi   recessione    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
MATTEO SALVINI A REPUBBLICA: ''E' VERO, AMICI DI VARI PAESI EUROPEI MI PROPONGONO DI GUIDARE IL FRONTE DELLA LIBERTA'''

MATTEO SALVINI A REPUBBLICA: ''E' VERO, AMICI DI VARI PAESI EUROPEI MI PROPONGONO DI GUIDARE IL

giovedì 18 ottobre 2018
Il ministro dell'Interno, vicepremier e segretario della Lega, Matteo Salvini, in una intervista a "la Repubblica" in edicola oggi ammette che sta valutando la proposta avanzatagli dagli altri
Continua
 
COMMISSIONE UE OGGI HA AUTORIZZATO L'IMPORTAZIONE DI 80.000 TONNELLATE DI RISO ASIATICO A DAZIO ZERO! (DANNO ENORME!)

COMMISSIONE UE OGGI HA AUTORIZZATO L'IMPORTAZIONE DI 80.000 TONNELLATE DI RISO ASIATICO A DAZIO

mercoledì 17 ottobre 2018
Chi volesse capire come mai gli italiani detestano in massa l'Unione Europea - almeno il 57% la vorrebbe lasciare in questo momento - farebbe bene a leggere con la massima attenzione questo
Continua
ECONOMIA ALLE STELLE IN GRAN BRETAGNA: DISOCCUPAZIONE SCHIANTA AL 4% SALARI E STIPENDI +3,1% DAL 2017 (BREXIT BOOM!)

ECONOMIA ALLE STELLE IN GRAN BRETAGNA: DISOCCUPAZIONE SCHIANTA AL 4% SALARI E STIPENDI +3,1% DAL

mercoledì 17 ottobre 2018
LONDRA - Finalmente buone notizie in Gran Bretagna anche per i lavoratori dipendenti: lo scrive il quotidiano "The Times", commentando gli ultimi dati diffusi ieri martedi' 16 ottobre dallo Office
Continua
 
IMPORTANTE DISCORSO DEL COMANDANTE GENERALE DELL'ARMA DEI CARABINIERI, GIOVANNI NISTRI, ALLE COMMISSIONI RIUNITE DIFESA

IMPORTANTE DISCORSO DEL COMANDANTE GENERALE DELL'ARMA DEI CARABINIERI, GIOVANNI NISTRI, ALLE

martedì 16 ottobre 2018
ROMA  -  Audizione, oggi, davanti alle Commissioni riunite Difesa, del comandante generale dell'Arma dei Carabinieri, Giovanni Nistri. Il generale ha elencato alcuni dati molto rilevanti,
Continua
GIULIO SAPELLI: ''I VERDI CHE HANNO VINTO IN BAVIERA SONO DI DESTRA, NON DI SINISTRA. L'SPD E' DEFUNTO, LA MERKEL LASCI''

GIULIO SAPELLI: ''I VERDI CHE HANNO VINTO IN BAVIERA SONO DI DESTRA, NON DI SINISTRA. L'SPD E'

martedì 16 ottobre 2018
Ma che sinistra. I verdi che vincono in Baviera utilizzano i temi dei conservatori. Lo ha detto in una intervista a "Italia Oggi" Giulio Sapelli, storico dell'economia, in merito al voto in Baviera
Continua
 
LA COMMISSIONE UE RIFIUTA LA PROPOSTA DEL MINISTRO CENTINAIO A DIFESA DELLA PRODUZIONE ITALIANA DI ZUCCHERO

LA COMMISSIONE UE RIFIUTA LA PROPOSTA DEL MINISTRO CENTINAIO A DIFESA DELLA PRODUZIONE ITALIANA DI

lunedì 15 ottobre 2018
"Sono molto preoccupato per il futuro del comparto e della produzione dello zucchero in Italia. Faremo di tutto per aiutare i nostri produttori". Cosi' il ministro delle Politiche agricole Gian Marco
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ECCO COME IL SOCIALISMO - O UN GOVERNO STATALISTA - FA DIVENTARE TUTTI POVERI (LEZIONE DI POLITICA PER SINISTRI)

ECCO COME IL SOCIALISMO - O UN GOVERNO STATALISTA - FA DIVENTARE TUTTI POVERI (LEZIONE DI POLITICA
Continua

 
SPIETATA QUANTO VERITIERA ANALISI DEI DATI ECONOMICI EUROPEI FATTA DA OLTRE OCEANO (LA RIPRESA? MA CERTO...)

SPIETATA QUANTO VERITIERA ANALISI DEI DATI ECONOMICI EUROPEI FATTA DA OLTRE OCEANO (LA RIPRESA? MA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!