43.370.793
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

HOLLANDE & LETTA, DUE INCAPACI AL CAPOLINEA: PER HOLLANDE LE EUROPEE, PER LETTA LA TENAGLIA RENZI-MPS (FALLITA)

domenica 5 gennaio 2014

PARIGI - Hollande è il presidente più impopolare da quando in Francia si fanno sondaggi del genere. E dire che i cugini transalpini avrebbero bisogno più che mai di un capo dello Stato capace di farsi valere nei consessi internazionali, in particolare a Bruxelles. L’ultimo dato sull’economia francese non è certo rassicurante: a dicembre l’indice Pmi sull’attività del settore manifatturiero è salito quasi ovunque in Eurolandia, mentre in Francia è sceso ai minimi da sette mesi a 47 punti dai 48,8 di novembre, segno che la contrazione continua. Non è certo di buon auspicio per un Paese il cui pil quest’anno, secondo le ultime stime del Fondo Monetario Internazionale, dovrebbe crescere solo dell’1% (ma Kepler Chevreux vede un incremento dello 0,8%). La competitività resta il tallone d’Achille della Francia.

Hollande è stato eletto alla presidenza della Repubblica grazie alla promessa che avrebbe strappato a Bruxelles (ma sarebbe meglio dire a Berlino) politiche orientate alla crescita. La risposta della cancelliera Angela Merkel è stata un secco nein, ma bisogna ammettere che almeno il presidente francese è riuscito a ottenere due anni di tempo in più per raggiungere l’obiettivo di un rapporto deficit/pil al 3% (ma già si sa che non riuscirà a centrarlo).

Il risultato è che Hollande ha aumentato le tasse, provocando ulteriore scontento tra la popolazione. Il caso dell’incremento delle tasse sul trasporto delle merci su strada è esemplare: in Bretagna è scoppiata una vera e propria rivolta che ha spinto il governo francese a sospendere l’applicazione della tassa, che sarebbe dovuta entrare in vigore dal primo gennaio. E ora Hollande non sa più che pesci pigliare. Le precarie condizioni economiche non hanno però impedito alla Francia di dedicarsi all’attivismo militare in Africa: l’intervento in Libia è stato seguito da quello in Mali e adesso è la volta della Repubblica Centrafricana.

Quest’ultima operazione dovrebbe costare 500 milioni di euro. All’ultimo Consiglio europeo Hollande ha chiesto di condividere le spese, ma è dovuto tornare a Parigi a mani vuote. Il capo dell’Eliseo è sempre più impotente: non è capace di contrastare in maniera efficace le politiche di austerità volute dalla Merkel e nemmeno è in grado di applicarle. Nel discorso di fine anno Hollande ha detto che taglierà il costo del lavoro alle aziende che assumono. Ma finora non è sceso nei dettagli del suo piano.

Secondo Philippe Waechter, capo economista di Natixis Asset Management, il costo del lavoro deve essere ridotto di almeno 20 miliardi di euro attraverso tagli al welfare, poiché nessuno si illude che i lavoratori francesi siano disposti ad accettare passivamente i tagli dei salari subiti dai greci e dagli spagnoli. Ma l’indecisionismo di Hollande non fa sperare in una rapida soluzione del problema. La Francia resta così in una sorta di limbo e col passare del tempo rischia di scivolare sul piano inclinato che ha portato i Paesi mediterranei come l'Italia al disastro. Non stupisce, quindi, che tra i cugini transalpini l’antieuropeismo stia crescendo. Un primo assaggio si avrà alle elezioni comunali di fine marzo per arrivare all’appuntamento clou di maggio: le elezioni europee, dove i sondaggi danno il Front National al 25%. Il programma di Marine Le Pen è estremamente chiaro: la Francia deve uscire dall’euro.

L’insofferenza nei confronti delle istituzioni europee sta crescendo anche in Germania. Secondo le indiscrezioni di Le Monde, che nessuno ha smentito, all’ultimo Consiglio europeo, di fronte ai no degli altri capi di governo alle sue proposte, la Merkel ha ammonito che «prima o poi, senza la necessaria coesione, l’euro esploderà». La cancelliera vuole limitare i poteri della Commissione Ue, che negli ultimi tempi ha osato contestare le sue politiche: Bruxelles ha per esempio avviato un’indagine sull’eccessivo surplus commerciale della Germania e ha attaccato la legge sulle energie rinnovabili, cosa che la cancelliera ha giudicato «un affronto», come ha detto a Barroso. Intanto la Csu, gemella bavarese della Cdu della Merkel, ha già annunciato che imposterà la campagna elettorale per l’europarlamento proprio contro lo strapotere di Bruxelles. La discesa degli spread di Italia e Spagna, dunque, non inganni.

Quella in corso sembra più una tregua che la fine della guerra. Perché la ripresa è troppo debole per ridurre la disoccupazione (la Bce e la Commissione Ue prevedono che la disoccupazione resterà al 12% fino alla fine del 2015). E a livello politico in Europa siamo ormai al tutti contro tutti. La situazione è stata riassunta da George Soros nel suo commento di inizio anno: «Quella che doveva essere un’associazione volontaria di Stati eguali tra loro, che sacrificano parte della sovranità per il bene comune (incarnando così i principi di una società aperta), è stata trasformata dalla crisi dell’euro in una relazione tra Paesi creditori e debitori, che non è né volontaria né paritaria. Ecco perché l’euro potrebbe distruggere l’intera Unione europea».

Marcello Bussi per MF - Milano Finanza


HOLLANDE & LETTA, DUE INCAPACI AL CAPOLINEA: PER HOLLANDE LE EUROPEE, PER LETTA LA TENAGLIA RENZI-MPS (FALLITA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Letta   Hollande   crisi   euro   Marine Le Pen   elezioni   europee   Merkel    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO PRESIDENTE DEL PAESE''

DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO

venerdì 20 gennaio 2017
WASHINGTON - "Il 20 gennaio del 2017 sarà ricordato come il giorno in cui il popolo divenne di nuovo davvero il presidente del Paese. Le persone dimenticate in questi anni non lo saranno
Continua
 
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER

venerdì 20 gennaio 2017
Il "rischio politico" rappresentato dall'ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici nell'Unione Europea e' al centro delle interviste concesse al "Wall Street Journal" e a "Bloomberg" dal
Continua
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua
 
L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

mercoledì 18 gennaio 2017
Riguardo le vicende del salvataggio del Monte dei Paschi di Siena, la banca più antica al mondo devastata dalla gestione in salsa piddina dei suoi vertici, abbiamo notato esercizi di stile
Continua
SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI, 62%: ISLAM PERICOLO)

SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI,

mercoledì 18 gennaio 2017
PARIGI - I venti nazionalisti che hanno portato Donald Trump al potere negli Stati Uniti, nei prossimi mesi stanno soffiando forte anche in Francia? Se lo chiede oggi, mercoledi' 18 di un freddissimo
Continua
 
PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DUE MEMBRI DEL CONGRESSO USA CHIEDONO A OBAMA: ''RENDI PUBBLICI I DOCUMENTI SULL'11/9'' (ARABIA SAUDITA COINVOLTA? PARE.)

DUE MEMBRI DEL CONGRESSO USA CHIEDONO A OBAMA: ''RENDI PUBBLICI I DOCUMENTI SULL'11/9'' (ARABIA
Continua

 
BAMBINI SENZA VACCINI, FAME, MISERIA, CASE SENZA LUCE E RISCALDAMENTO (STRAORDINARIO REPORTAGE DALL'INFERNO GRECO)

BAMBINI SENZA VACCINI, FAME, MISERIA, CASE SENZA LUCE E RISCALDAMENTO (STRAORDINARIO REPORTAGE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

E IL GOVERNO LA CHIAMA ''RIPRESA'': RALLENTERA' LA CRESCITA DEI

20 gennaio - Rallenta la crescita dei consumi delle famiglie, che si stabilizzerà
Continua

EUROPOL: ''34.000 POTENZIALI TERRORISTI ISLAMICI ARRIVATI COI

19 gennaio - ''Un esercito di 34 mila potenziali terroristi è sbarcato in Europa
Continua

AUMENTATI I LICENZIAMENTI NEL 2016 ALLA FACCIA DELLO STROMBAZZATO

19 gennaio - Nei primi undici mesi del 2016 i licenziamenti complessivi relativi a
Continua

CONTINUA LA CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE CON PUNTE DEL -10% IN

19 gennaio - BRUXELLES - Prosegue l'aumento dei prezzi delle case nel terzo trimestre
Continua

DONALD TRUMP: ''NON USEREI TWITTER SE LA STAMPA FOSSE ONESTA, MA

18 gennaio - WASHINGTON - Nonostante ne faccia un uso quasi compulsivo, il futuro
Continua

L'M5S STA COL PD E VOTA CONTRO I CIE COME VUOLE LA SERRACCHIANI (5

18 gennaio - ''Al M5S non basta l'invasione incontrollata di clandestini che sta
Continua

PADOAN A DAVOS LASCIA INTENDERE CHE STA PREPARANDO UNA RAPINA AGLI

18 gennaio - DAVOS - SVIZZERA - Padoan ha fatto una dichiarazione sibillina poco fa
Continua

SALVINI: ''TAJANI E' SOLO L'ENNESIMO DOMESTICO AL SERVIZIO DELLA

18 gennaio - ''La Lega si è rifiutata di votare due servi dello stesso padrone
Continua

BORIS JOHNSON: ''CODA DI STATI PER SIGLARE ACCORDI COMMERCIALI CON

18 gennaio - LONDRA - Dopo il chiarificatore discorso di ieri del primo ministro
Continua

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua
Precedenti »