45.232.088
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

NEGLI ANNI 90' POCHISSIMI ITALIANI ERANO CONTRO L'EURO, TRA QUESTI IL PROF. PENNISI CHE ORA SPIEGA CHE FARE PER SALVARSI

domenica 5 gennaio 2014

Oggi, dirsi contrari alla moneta unica non è un atto di lesa maestà, ma non è sempre stato così. Se in queste ore fioccano appelli e proposte di economisti che predicano l’uscita dall’euro (Bagnai, Borghi, Rinaldi) o una sua revisione (Piga, Realfonzo), nel 1992, anno di definizione del Trattato di Maastricht, erano pochissime le voci critiche verso il progetto di unione monetaria pensato da Bruxelles e dagli Stati membri.

Tra queste quella di Giuseppe Pennisi, economista ed editorialista che ora spiega perché l’euro non sarebbe mai dovuto nascere con quelle caratteristiche e quel che si può fare per porvi rimedio oggi.

Pennisi, lei è stato contrario all’attuale impostazione dell’euro sin dall’inizio. Oggi le voci critiche fioccano, ma qualche anno fa non era così. Ha fatto proseliti?

Non certo se si riferisce ai colleghi euro-critici di questi ultimi tempi. Sono un po’ come gli ultimi dei Mohicani.

Ma come mai anche in Italia sta crescendo il fronte anti-euro?

Oggi con un alto disagio sociale (disoccupazione, povertà), l’euro è diventato un “monatto”, un untore e propagatore di peste a cui si attribuiscono tutti i mali. È un po’ come sparare sulla Croce Rossa. Le mitragliate anti-euro portano qualche consenso, ma pochi voti. Soprattutto in quanto si tratta di critiche strillate e spesso con pochi riferimenti alla storia economica ed alla teoria economica.

In che senso, ci sono precedenti storici all’attuale crisi della moneta unica?

Sono prossimo ai 72 anni. Nella mia vita adulta ho visto saltare 15 unioni monetarie, sovente da un giorno all’altro, non sempre a mercati chiusi. Le più ampie furono la zona della sterlina nel 1967 e l’area del rublo nel 1990. Ne ho visto sorgere una sola: quella dell’euro, nata sulla scia della riunificazione tedesca che la Francia temeva non avrebbe reso fattibile la continuazione dell’applicazione del Trattato del Louvre del 1987. Alla metà degli Anni Settanta – lavoravo in Banca mondiale – ebbi anche un ruolo del tentativo di evitare la fine di un’unione monetaria o quanto meno che le istituzioni di tale unione (principalmente telecomunicazioni, trasporto aereo, ferroviario e fluviale, banche di investimenti) onorassero i debiti contratti con noi. Quindi, ho avuto una certa esperienza anche pratica in materia.

Perché queste unioni monetarie sono saltate? E quali le loro differenze e analogie con l’euro?

Nessuna di esse teneva conto degli aspetti di fondo della teoria e dell’analisi economica. Ho avuto la fortuna di studiare con Robert Mundell, il Premio Nobel che ha formulato la teoria dell’area valutaria ottimale, con Randall Hinshaw l’artefice del ritorno alla convertibilità nei Paesi area Ocse, e Isaiah Frank che alternando carriera accademica con incarichi pubblici, è stato sottosegretario di Stato per gli affari economici negli anni in cui si preparava la crisi che portò alla fine del “regime” monetario detto di Bretton Woods.

Prof, veniamo all’attualità.

Credo che in Italia soltanto Domenico De Empoli, Antonio Martino ed io levassimo critiche teoriche e tecniche nei confronti del Trattato di Maastricht: dato che un’area dell’euro con le caratteristiche di un'area valutaria ottimale avrebbe incluso unicamente Germania, Austria, e parte del Benelux, si pensò ad un “percorso predeterminato a tappe” perché chi aspirasse ad entrare potesse farlo nell’arco di dieci anni. Un lavoro più da ingegneri trasportisti (tracciare un percorso a tappe) che da economisti; a mio avviso, della sua attuazione si sarebbe dovuto occupare Padre Pio, il quale però ha cose di maggior momento di cui interessarsi… Le situazioni di partenza e le politiche economiche erano così differenti che soltanto un miracolo avrebbe portato alla convergenza delle economie reali per rendere fattibile l’unione monetaria.

Quindi la moneta unica era destinata a implodere sin dall’inizio?

I mercati lo capirono subito: sfiduciarono l’intero disegno nell’estate-autunno del 1992. Ma i politici (anche in dicasteri economici) sono spesso “zingarellianamente” ignoranti ed ossessionati da “bocciature”. Pochi sono illuminati come Michael Bloomberg, il quale un giorno a lunch mi ha detto che il suo colpo di fortuna è stato il licenziamento in tronco da Merrill Lynch che lo indusse a creare la propria azienda in un settore, l’informazione finanziaria, in cui sino ad allora non operava quasi nessuno. È possibile che una “bocciatura” in una tappa del percorso, sarebbe stata benefica poiché ci avrebbe indotto a realizzare le indispensabili riforme per la crescita del Paese, piuttosto che a stappare bottiglie di champagne ed a compiacersi con noi stessi tramite esercizi di masturbazione collettiva all’annuncio di essere stati accettati nel club dell’euro.

Quali economisti si opposero al progetto dell’euro in quegli anni? E lei cosa fece?

Portai a conoscenza dell’organo politico un saggio di Martin Feldstein e soprattutto uno di Alberto Alesina, Enrico Spolaore e Romain Wacziarg molto critici nei confronti del Trattato di Maastricht. Il risultato fu il licenziamento in tronco di Alberto Alesina dal Consiglio degli Esperti del Direttore Generale del Tesoro. Io non venni cacciato (il mio incarico era “onorifico”, ossia gratis et amore Dei). Non solo non venni cacciato, ma la presidenza del Consiglio pubblicò nel 1996 (allora ero alla Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione) un libro collettivo (con alcuni allievi) dal titolo “L’Europa così lontana, così vicina” in cui si esprimevano tutte le perplessità e Giuliano Ferrara mi affidò una rubrica quotidiana sul Foglio, 800 battute dense di rilievi critici. Difficile dire se si trattasse di liberalismo o di lassismo. La rubrica finì quando siamo stati accolti al “circolo dei nobili”. Pubblicai un breve saggio sulla Rivista di Politica Economica No.89 del 1999 in cui indicavo le condizioni che individui, famiglie, imprese, ceto politico avrebbero dovuto soddisfare per restare nell’unione monetaria senza farsi troppo male.

Che cosa consiglia ai prof. anti euro attuali?

Vorrei segnalare agli “ultimi dei Mohicani” che nel 2005 nel No.32 della Rassegna Italia di Valutazione il più giovane collega Lucio Mazzanti ha pubblicato un saggio di grande rigore, utilizzando le opzioni reali, in cui si metteva in dubbio che l’euro avrebbe avuto una caratteristica essenziale ad una moneta: diventare strumento di riserva. Dove erano allora?

Ma oggi quali sono le teorie più accreditate? E si sta facendo qualcosa per evitare che l’euro si disintegri?

È stato fatto molto lavoro, soprattutto da economisti portoghesi, su come riformare l’unione monetaria senza lasciare morti e feriti. Si stanno mettendo pezze al Trattato di Maastricht, la recessione continua, le tensioni crescono sia all’interno dei singoli Paesi sia tra Paesi dell’Eurozona. L’amico Jean Pisani-Ferry ha di recente sintetizzato come ci siano due possibilità: un “salto” verso l’unione politica (Padre Pio – mi dicono – ci ha rinunciato) un’unione decentralizzata i cui gli Stati abbiano piena sovranità in materia di politica di bilancio e dichiarino lo stato d’insolvenza se non sono in grado di fare fronte al debito, in modo che pure la banche vivano ed imparino a valutare il rischio. Si avrebbe una moneta unica senza una vera unione monetaria. Verrebbero penalizzate non solo le banche, ma anche i Governi incompetenti ed incapaci.

Condivide l’ipotesi di un referendum sul Fiscal compact?

La strada migliore sarebbe riscrivere il Trattato di Maastricht e far ratificare il nuovo testo dopo ampio dibattito parlamentare o, negli Stati che lo consentono, dopo referendum. Dovrebbe diventare punto centrale della politica europea dell’Italia. Anche se non è compatibile con baci in fronte e pacche sulle spalle.

L'intervista al professor Giuseppe Pennisi è di Michele Pierri per Formiche.net

Nota biografica

Giuseppe Pennisi , nato a Roma nel 1942, ha avuto una prima carriera negli Usa (Banca mondiale) sino alla metà degli Anni Ottanta. Rientrato in Italia è stato Dirigente Generale ai Ministeri del Bilancio e del Lavoro e docente di economia al Bologna Center della Johns Hopkins University e della Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione di cui ha coordinato il programma economico dal 1995 al 2008. Docente alla Università Europea di Roma ed alla Unilink. Ha pubblicato una ventina di libri di economia e finanza in Italia, Usa, Gran Bretagna e Germania. Frequente collaboratore di quotidiani e periodici, attualmente scrive regolarmente per Avvenire ed Il Foglio. Culture di musica classica, è stato Vice Presidente del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto e critico musicale del settimanale Il Domenicale dal 2002 al 2009; attualmente collabora regolarmente in materia di lirica al settimanale Milano Finanza ed al quotidiano britannico Music & Vision.


NEGLI ANNI 90' POCHISSIMI ITALIANI ERANO CONTRO L'EURO, TRA QUESTI IL PROF. PENNISI CHE ORA SPIEGA CHE FARE PER SALVARSI


Cerca tra gli articoli che parlano di:

euro   Europa   Italia   econoisti   Maasticht   Banca Mondiale   Pennisi   economista   ilNord    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA MACEDONIA SI RIBELLA ALLA UE. DECINE DI MIGLIAIA DI PERSONE SCENDONO IN PIAZZA: ''BASTA INGERENZE NEL NOSTRO STATO!''

LA MACEDONIA SI RIBELLA ALLA UE. DECINE DI MIGLIAIA DI PERSONE SCENDONO IN PIAZZA: ''BASTA

giovedì 30 marzo 2017
Forse nessuno e' al corrente che alcuni giorni fa in Macedonia c'e' stata una grossa manifestazione contro l'Unione Europea e la cosa non deve sorprendere, visto che nessuno in Italia ha riportato
Continua
 
SEI STATI UE VIETANO ALL'ITALIA PER LA RICOSTRUZIONE DELLE ZONE TERREMOTATE I FONDI DELL'UNIONE EUROPEA (VERGOGNA!)

SEI STATI UE VIETANO ALL'ITALIA PER LA RICOSTRUZIONE DELLE ZONE TERREMOTATE I FONDI DELL'UNIONE

giovedì 30 marzo 2017
Solidarieta' e unita': parole che sono risuonate vuote alla riunione degli ambasciatori dell'Ue, dove sei Paesi - Germania, Finlandia, Danimarca, Austria, Olanda e Svezia - nel giorno della Brexit,
Continua
L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA' L'ACQUISTO DI BTP E BOT''

L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA'

venerdì 24 marzo 2017
LONDRA - "L'Unione Europea - osserva il settimanale britannico "The Economist" nella rubrica Charlemagne, dedicata agli affari europei - puo' anche essere una costruzione franco-tedesca, ma quando il
Continua
 
CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA ELETTORALE

CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA

giovedì 23 marzo 2017
WASHINGTON - Le agenzie di intelligence statunitensi hanno davvero intercettato figure della campagna elettorale di Donald Trump e del suo team di transizione presidenziale. Lo ha dichiarato ieri,
Continua
SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10% INVESTIMENTI +16%

SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10%

giovedì 23 marzo 2017
BUDAPEST - L'economia ungherese e' destinata a crescere a un tasso superiore al 4 per cento nel 2017 grazie a una crescita degli investimenti e dei consumi superiore di molto alla media
Continua
 
L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN SEGRETO)

L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN

mercoledì 22 marzo 2017
LONDRA - Il parlamento europeo da sempre e' sotto accusa per il fatto che spreca i soldi dei contribuenti dei Paesi che malauguratamente hanno aderito alla Ue, tuttavia se qualcuno pensa che adesso
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
MATTEO RENZI RICORDA BETTINO CRAXI PER L'ARROGANZA. PER IL RESTO DENIS VERDINI. (NON  A CASO SUO CARO AMICO)

MATTEO RENZI RICORDA BETTINO CRAXI PER L'ARROGANZA. PER IL RESTO DENIS VERDINI. (NON A CASO SUO
Continua

 
ITALIA PRECIPITATA AL 34° POSTO (SU 55 NAZIONI DEL MONDO) PER ATTRATTIVE TURISTICHE, STORICHE, ECONOMICHE, COMMERCIALI.

ITALIA PRECIPITATA AL 34° POSTO (SU 55 NAZIONI DEL MONDO) PER ATTRATTIVE TURISTICHE, STORICHE,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!