68.148.866
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA FIAT, COMPRA TUTTA LA CHRYSLER E ORA LA POSSIEDE AL 100%. SOLO CHE PRESTO SARA' LA FIAT A SCOMPARIRE. DALL'ITALIA...

giovedì 2 gennaio 2014

DETROIT - Fiat acquisirà da Veba la partecipazione del 41,5% detenuta dal fondo sanitario del sindacato americano Uaw in Chrysler. Il closing è previsto entro il 20 gennaio 2014. Fiat verserà a Veba 3,65 miliardi di dollari, di cui 1,75 miliardi in contanti e 1,9 miliardi come dividendo straordinario. Per l'acquisizione l'unica parte che Fiat pagherà in cash ammonterà a 1.750 milioni di dollari e lo farà utilizzando la liquidità disponibile. E' quanto emerge da una nota diffusa dal Lingotto.

A fronte della vendita della partecipazione detenuta in Chrysler Group, spiega il Lingotto, Veba riceverà un corrispettivo complessivo pari a 3.650 milioni di dollari: un dividendo straordinario che Chrysler Group pagherà a tutti gli azionisti, per un totale pari a circa 1.900 milioni di dollari.
Alla luce della struttura di finanziamento dell'operazione VEBA, sottolinea il Lingotto non è previsto un aumento di capitale da parte di Fiat. "Aspetto questo giorno sin dal primo momento, sin da quando nel 2009 siamo stati scelti per contribuire alla ricostruzione di Chrysler". Così John Elkann, presidente di Fiat, commenta l'accordo con Veba. "Il lavoro, l'impegno e i risultati raggiunti da Chrysler negli ultimi quattro anni e mezzo sono qualcosa di eccezionale".
L'operazione finanziaria, studiata dal Ceo Sergio Marchionne - il quale non ha pari per genialita' sui mercati internazionali, e senza il quale il Lingotto avrebbe gia' chiuso i battenti anni fa - si completa dopo un lungo periodo di "tira e molla" con il sindacato auto Usa (o quel che ne rimane, in una citta' come Detroit che rappresenta la maggior bancarotta della storia degli Stati Uniti con un default da $18 miliardi). Tutto era cominciato quando la Fiat acquisi' il controllo di Chrysler (anch'essa in bancarotta) come "gamba" di un'operazione di salvataggio avviata nel 2009 dall'amministrazione Obama, nel momento in cui piu' acuta era la crisi finanziaria post crisi subprime.
Il Lingotto quindi ad oggi possedeva il 58.5% della Chrysler, e in tutto questo tempo Marchionne aveva cercato invano di conquistare il restante 41.5% in mano al sindacato dei lavoratori dell'auto UAW (United Auto Wokers), al quale l'amministrazione Obama aveva assegnato azioni in cambio di "concessioni" (assenza di rivendicazioni salariali).
Insomma, il sindacato non esiste piu', e' stato comprato.
Fiat ottenne all'inizio il 20% delle azioni Chrysler (nel 2009) passando in seguito al 35% con un ulteriore 15% ceduto dal governo Usa che aveva effettuato il salvataggio in fase di bancarotta (grazie al raggiungimento di tre diversi target fissati dal business plan). L'ex zar dell'auto del presidente Usa Obama, il banchiere Steve Rattner, dichiaro' che il valore della Chrysler era all'epoca pari a "zero".
Nel frattempo il ministero del Tesoro Usa ha messo in bilancio una perdita secca di $1.3 miliardi, nel bailout che in totale e' costato ai contribuenti americani $12.5 miliardi (grazie ai quali di fatto la Fiat si e' inserita diventando alla fine, oggi, azionista con il 100%).
"Oggi: $8.8 miliardi, grossa vittoria per i membri UAW e per gli i cittadini americani" ha postato Rattner su Twitter.
Sul ruolo del sindacato, il comunicato ufficiale recita:
"A fronte di tali contribuzioni, la UAW assumerà alcuni impegni finalizzati a sostenere le attività industriali di Chrysler Group e l’ulteriore implementazione dell’alleanza Fiat-Chrysler, tra cui l’impegno ad adoperarsi e collaborare affinché prosegua l’implementazione dei programmi di World Class Manufacturing di Fiat-Chrysler, a partecipare attivamente alle attività di benchmarking collegate all’implementazione di tali programmi in tutti gli stabilimenti Fiat-Chrysler al fine di garantire valutazioni obiettive delle performance e la corretta applicazione dei principi del WCM e a contribuire attivamente al raggiungimento del piano industriale di lungo termine del Gruppo". 
Fino ad oggi anche se Fiat e Chrysler, sotto la diabolica regia di Marchionne, si erano fuse a livello di management, la situazione finanziaria era rimasta separata. Marchionne era CEO di Fiat e anche chairman e CEO di Chrysler, adesso il salvatore della famiglia Agnelli sara' chairman e CEO di un'unica conglomerata auto.
Non e' nemmeno detto che il nome Fiat resista a lungo, potrebbe sopravvivere il solo marchio Chrysler, che ha piu' appeal su un mercato globalizzato al di la' dei due paesi di riferimento, cioe' Usa (molto ampio) e Italia (in via di continuo ridimensionamento per le terribile recessione in cui versa la penisola). Chrysler ha una quota di mercato negli Stati Uniti dell'11.2%.
Stando ai documenti presentati da Chrysler (che e' una societa' privata, non quotata in borsa, il cui Ipo slitta anche quest'anno) i target aziendali per il 2013 sono i seguenti:
- numero di veicoli consegnati a livello mondiale: 2.6 milioni
- fatturato netto: $72-$75 miliardi
- profitto operativo: $3.3-$3.8 miliardi
- risultato netto: $1.7-$2.2 miliardi
- Free Cash Flow: sopra $1 miliardi
Al 30 settembre 2013 la liquidita' totale disponbile era pari a $12.8 miliardi, piu' o meno equivalenti all'indebitamento, pari alla stessa data a $12.4 miliardi. (wsi)

LA FIAT, COMPRA TUTTA LA CHRYSLER E ORA LA POSSIEDE AL 100%. SOLO CHE PRESTO SARA' LA FIAT A SCOMPARIRE. DALL'ITALIA...


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Fiat   Marchionne   Chrysler   Detroit   Torino   Elkann   Obama    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA GERMANIA S'E' ARRICCHITA

L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA

martedì 26 febbraio 2019
BERLINO - Fino a ieri, gli "europeisti" lo consideravano un attacco politico, una posizione nazionalista e sovranista, cose da campagna elettorale, da oggi invece, è niente di meno che una
Continua
 
DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (BOOM!)

DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO

lunedì 25 febbraio 2019
LONDRA - Da tempo la Danimarca attira l'attenzione degli osservatori politici internazionali per via delle sue leggi severe sull'immigrazione ma lungi dal fermarsi i legislatori danesi hanno deciso
Continua
FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA SAREBBE L'UNIONE EUROPEA?

FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA

mercoledì 20 febbraio 2019
BERLINO -  Come al solito, Germania e Francia pensano di essere padroni dell'Europa e senza chiedere permesso a nessuno, e figuriamoci invitare al dibattito altre nazioni, si sono "accordati"
Continua
 
LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI TARGATI ''PD'' DALLA LIBIA

LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI

lunedì 18 febbraio 2019
Sui barconi fatti arrivare in Italia dai precedenti governi Pd, a decine di migliaia erano nigeriani, e tra loro migliaia di delinquenti arrivati così in Italia per impiantare potenti
Continua
LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E ALLA SICUREZZA

LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E

lunedì 18 febbraio 2019
LONDRA - Sono tanti i Paesi che negli ultimi anni hanno reintrodotto controlli alla frontiera mettendo fine alla libera circolazione stabilita dal trattato di Schengen e l'ultimo paese che ha agito
Continua
 
LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE SALVANO LA GERMANIA

LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE

giovedì 14 febbraio 2019
BERLINO -  A Bruxelles tacciono, nessuno se l'è sentita di commentare il tracollo della Germania, economicamente parlando. D'altra parte, se l'avessero fatto, poi come giustificare le
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CAPOTOSTI, PRESIDENTE EMERITO CORTE COSTITUZIONALE: ''PUBBLICATA LA SENTENZA IN QUESTO GENNAIO, PARLAMENTO ILLEGITTIMO''.

CAPOTOSTI, PRESIDENTE EMERITO CORTE COSTITUZIONALE: ''PUBBLICATA LA SENTENZA IN QUESTO GENNAIO,
Continua

 
LA LETTERA / UN UOMO (IN DIVISA) MALATO DI SCLEROSI MULTIPLA: UN IMMIGRATO PRENDE 1200 EURO AL MESE COME UN POLIZIOTTO!

LA LETTERA / UN UOMO (IN DIVISA) MALATO DI SCLEROSI MULTIPLA: UN IMMIGRATO PRENDE 1200 EURO AL MESE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

IN ARRIVO DALL'AUSTRALIA UN TERREMOTO NELLA CHIESA (A ROMA)

26 febbraio - A poche ore dal vertice contro la pedofilia in Vaticano, nella Chiesa
Continua

MANCAVA SOLO IL VELO ISLAMICO DA CORSA, NEL REPERTORIO DELLE

26 febbraio - PARIGI - 'No al velo islamico da footing': dure polemiche in Francia
Continua

PROCURA DI FIRENZE DA' PARERE NEGATIVO: GENITORI DI RENZI RESTINO

26 febbraio - FIRENZE - La procura di Firenze ha dato parere negativo sulla richiesta
Continua

RIXI: CENTRODESTRA E' UN MODELLO SUPERATO A LIVELLO DI GOVERNO

26 febbraio - GENOVA - ''I risultati danno ragione a Salvini: credo che oggi a livello
Continua

SALVINI: QUOTA 100, GIA' 70.000 ADESIONI, QUASI 8.000 IN LOMBARDIA,

26 febbraio - Il vicepresidente del Consiglio e ministro dell'Interno, Matteo Salvini,
Continua

GERMANIA: IL PRINCIPALE INDICATORE ECONOMICO ORA SEGNA CRISI.

22 febbraio - BERLINO - L'indice Ifo, uno dei principali barometri dell'economia
Continua

APPROVATO ALLA CAMERA IN PRIMA LETTURA IL REFERENDUM POPOLARE

21 febbraio - Con 272 voti favorevoli, 141 contrari (Pd e Fi) e 17 astenuti (Leu e
Continua

LA FRANCIA FORNISCE SEI MOTOVEDETTE ANTI BARCONI ALLA LIBIA (MOLTO

21 febbraio - PARIGI - La Francia ha ufficializzato la decisione di fornire alla
Continua

PREMIER CONTE: NESSUNA MANOVRA CORRETTIVA. MISURE PRUDENZIALI GIA'

21 febbraio - ROMA - ''Abbiamo presente il quadro macro-economico in Italia e nel
Continua

CONTINUANO SENZA SOSTA GLI SGOMBERI DI OCCUPAZIONI ABUSIVE A FIRENZE

21 febbraio - FIRENZE - Sesto sgombero in sei mesi a Firenze. Questa volta
Continua
Precedenti »