44.291.499
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL 2014 SI APRE CON LA CATASTROFE MPS: FALLIMENTO O NAZIONALIZZAZIONE COSTERANNO MILIARDI ALLO STATO (CHE NON LI HA)

mercoledì 1 gennaio 2014

SIENA - Il caso MPS è esploso come una bomba, dopo che l’assemblea degli azionisti ha bocciato sabato scorso l’aumento di capitale da 3 miliardi, come prospettato dal presidente Alessandro Profumo e dall’ad Fabrizio Viola, votando per un rinvio. Passeranno almeno 4 mesi in più, prima che la ricapitalizzazione avvenga e ciò graverà la banca di 120 milioni di maggiori oneri per il pagamento degli interessi sui Monti-bond da 4,07 miliardi. Non pochi per un istituto che lotta contro il tempo per salvarsi. E se nel 2014 dovesse arrivare la mazzata della BCE, che su pressione dei tedeschi potrebbe non più giudicare a rischio zero i bond sovrani, per Siena potrebbe essere il colpo finale, avendo in pancia 23 miliardi di BoT e BTp.

Il mondo politico tace, sia per il clima festivo di questi giorni, sia perché è coinvolto mani e piedi nella faccenda. In particolare, il caso imbarazza il Partito Democratico, visto che a Siena l’intreccio tra i democratici e la gestione di MPS è passata negli ultimi decenni attraverso la Fondazione, il cui Consiglio direttivo è nominato dal sindaco di Siena (4 consiglieri), dal presidente della Provincia di Siena (2 consiglieri) e dalla Regione Toscana (1 consigliere), tutti esponenti del PD.

Per questo, il segretario Matteo Renzi ha indicato a tutto il partito la linea da seguire: e la linea è quella del silenzio più assoluto. Linea, però, non condivisa dal vice-ministro dell’Economia, Stefano Fassina, il quale ritiene che il principale partito di governo dovrebbe interessarsi delle sorti della terza banca d’Italia, similmente a quanto accaduto con l’Ilva e Alitalia.

Più in generale, il caso MPS è fonte di imbarazzo istituzionale, perché se il Tesoro o la Banca d’Italia intervenissero, la vicenda assumerebbe i contorni del conflitto politico, essendo la Fondazione espressione della linea locale del PD.

La situazione della banca è molto grave. Nei prossimi giorni, Profumo potrebbe dimettersi, mentre più difficile è che avvenga il passo indietro di Viola. La nazionalizzazione di MPS, finora considerata un’ipotesi più teorica che reale, inizia a prendere corpo seriamente. 

Sulla gestione del dossier MPS si gioca una fetta consistente di credibilità anche Renzi, per cui possiamo concludere che o un’eventuale crisi di governo potrebbe compromettere le sorti di Rocca Salimbeni o, al contrario, che l’aggravarsi della crisi di MPS potrebbe travolgere il governo Letta.

Fonte notizie: Investire Oggi. 


IL 2014 SI APRE CON LA CATASTROFE MPS: FALLIMENTO O NAZIONALIZZAZIONE COSTERANNO MILIARDI ALLO STATO (CHE NON LI HA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Siena   Mps   pd   Renzi   Tesoro   Banca d'Italia   nazionalizzazione   ilNord   Profumo   dimissioni    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO DI RENZI'' 11 ANNI

FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO

venerdì 24 febbraio 2017
Quarantacinque imputati, di cui 43 persone e 2 societa', 70 udienze e oltre 3.600 pagine processuali di impianto accusatorio. Sono alcuni dei numeri del processo per il crac dell'ex Credito
Continua
 
MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA DEI TASSISTI

MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA

lunedì 20 febbraio 2017
Qualcuno nel Pd non ci sta a sentirsi responsabile del pasticcio combinato dal governo sulla questione Uber: "In questi giorni la città è bloccata dai tassisti, ma non hanno torto loro:
Continua
LA STAMPA FRANCESE SCHIANTA IL JOBS ACT DI RENZI: ''HA INTRODOTTO I CONTRATTI-STAGE PER I GIOVANI, LI USANO GLI OVER 45''

LA STAMPA FRANCESE SCHIANTA IL JOBS ACT DI RENZI: ''HA INTRODOTTO I CONTRATTI-STAGE PER I GIOVANI,

lunedì 20 febbraio 2017
PARIGI - Se in Italia trovare lavoro fisso e' molto difficile, non e' cosi' per i contratti da stagista il cui numero e' letteralmente esploso: e' questo l'aspetto degli ultimi dati sul mercato del
Continua
 
IL PD VUOLE ''STERMINARE'' I TAXISTI (CHE DA SEMPRE NON VOTANO PD). PER QUESTO, HA DATO DI FATTO IL VIA LIBERA A UBER.

IL PD VUOLE ''STERMINARE'' I TAXISTI (CHE DA SEMPRE NON VOTANO PD). PER QUESTO, HA DATO DI FATTO IL

giovedì 16 febbraio 2017
Monta la protesta dei taxisti contro il decreto Milleproroghe, che sospende per un altro anno l'efficacia di una serie di norme che dovrebbero regolamentare il servizio degli Ncc e contrastare le
Continua
IL PARLAMENTO DI STRASBURGO APPROVA IL ''CETA'' CON I VOTI DI PD E FORZA ITALIA (RENZI & BERLUSCONI UNITI NEL PEGGIO)

IL PARLAMENTO DI STRASBURGO APPROVA IL ''CETA'' CON I VOTI DI PD E FORZA ITALIA (RENZI & BERLUSCONI

mercoledì 15 febbraio 2017
STRASBURGO - Con 408 a favore, 254 contrari e 33 astenuti l'Europarlamento ha approvato l'accordo commerciale tra Unione Europea e Canada, aprendo la strada all'entrata in vigore provvisoria delle
Continua
 
STAMPA TEDESCA: ''S'E' ACCESA LA SPIA D'ALLARME SULL'ITALIA. LA BCE FINIRA' DI COMPRARE TITOLI NEL 2017 E SARA' TEMPESTA''

STAMPA TEDESCA: ''S'E' ACCESA LA SPIA D'ALLARME SULL'ITALIA. LA BCE FINIRA' DI COMPRARE TITOLI NEL

lunedì 13 febbraio 2017
BERLINO - "La spia di allarme si e' accesa una settimana fa: il premio di rischio sui titoli italiani ha superato la soglia simbolica dei 2 punti percentuali. Lo spread rispetto ai titoli decennali
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DER SPIEGEL: ''LA CRISI ECONOMICA IN EUROPA STA TUTTORA MINACCIANDO DI FAR SALTARE L'EURO'' (E VIA DRAGHI, HA FALLITO)

DER SPIEGEL: ''LA CRISI ECONOMICA IN EUROPA STA TUTTORA MINACCIANDO DI FAR SALTARE L'EURO'' (E VIA
Continua

 
ANNO NUOVO CON  TASSE IN AUMENTO VERTICALE: PEDAGGIO DELLA PADOVA-VENEZIA +300% ALTRE AUTOSTRADE +8%

ANNO NUOVO CON TASSE IN AUMENTO VERTICALE: PEDAGGIO DELLA PADOVA-VENEZIA +300% ALTRE AUTOSTRADE +8%


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!