54.010.849
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL 2014 SI APRE CON LA CATASTROFE MPS: FALLIMENTO O NAZIONALIZZAZIONE COSTERANNO MILIARDI ALLO STATO (CHE NON LI HA)

mercoledì 1 gennaio 2014

SIENA - Il caso MPS è esploso come una bomba, dopo che l’assemblea degli azionisti ha bocciato sabato scorso l’aumento di capitale da 3 miliardi, come prospettato dal presidente Alessandro Profumo e dall’ad Fabrizio Viola, votando per un rinvio. Passeranno almeno 4 mesi in più, prima che la ricapitalizzazione avvenga e ciò graverà la banca di 120 milioni di maggiori oneri per il pagamento degli interessi sui Monti-bond da 4,07 miliardi. Non pochi per un istituto che lotta contro il tempo per salvarsi. E se nel 2014 dovesse arrivare la mazzata della BCE, che su pressione dei tedeschi potrebbe non più giudicare a rischio zero i bond sovrani, per Siena potrebbe essere il colpo finale, avendo in pancia 23 miliardi di BoT e BTp.

Il mondo politico tace, sia per il clima festivo di questi giorni, sia perché è coinvolto mani e piedi nella faccenda. In particolare, il caso imbarazza il Partito Democratico, visto che a Siena l’intreccio tra i democratici e la gestione di MPS è passata negli ultimi decenni attraverso la Fondazione, il cui Consiglio direttivo è nominato dal sindaco di Siena (4 consiglieri), dal presidente della Provincia di Siena (2 consiglieri) e dalla Regione Toscana (1 consigliere), tutti esponenti del PD.

Per questo, il segretario Matteo Renzi ha indicato a tutto il partito la linea da seguire: e la linea è quella del silenzio più assoluto. Linea, però, non condivisa dal vice-ministro dell’Economia, Stefano Fassina, il quale ritiene che il principale partito di governo dovrebbe interessarsi delle sorti della terza banca d’Italia, similmente a quanto accaduto con l’Ilva e Alitalia.

Più in generale, il caso MPS è fonte di imbarazzo istituzionale, perché se il Tesoro o la Banca d’Italia intervenissero, la vicenda assumerebbe i contorni del conflitto politico, essendo la Fondazione espressione della linea locale del PD.

La situazione della banca è molto grave. Nei prossimi giorni, Profumo potrebbe dimettersi, mentre più difficile è che avvenga il passo indietro di Viola. La nazionalizzazione di MPS, finora considerata un’ipotesi più teorica che reale, inizia a prendere corpo seriamente. 

Sulla gestione del dossier MPS si gioca una fetta consistente di credibilità anche Renzi, per cui possiamo concludere che o un’eventuale crisi di governo potrebbe compromettere le sorti di Rocca Salimbeni o, al contrario, che l’aggravarsi della crisi di MPS potrebbe travolgere il governo Letta.

Fonte notizie: Investire Oggi. 


IL 2014 SI APRE CON LA CATASTROFE MPS: FALLIMENTO O NAZIONALIZZAZIONE COSTERANNO MILIARDI ALLO STATO (CHE NON LI HA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Siena   Mps   pd   Renzi   Tesoro   Banca d'Italia   nazionalizzazione   ilNord   Profumo   dimissioni    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO TUTTO, IN QUESTI ANNI

MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO

mercoledì 15 novembre 2017
BERLINO - L'Italia, vista dai quotidiani tedeschi, è un coacervo di questioni economiche e finanziarie incancrenite e minacciata da elezioni il cui risultato quasi certamente andrà di
Continua
 
400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO DEI ROVINATI (DA LUI!)

400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO

giovedì 9 novembre 2017
Il fallimento elettorale del pd in Sicilia, del quale il “bomba” fiorentino ha incolpato tutti tranne che l’unico responsabile, ovvero sé stesso, è lo specchio del
Continua
MACRON ANNUNCIA: ''ESPULSIONE DALLA FRANCIA DI TUTTI I CLANDESTINI CHE COMMETTONO REATI. SICUREZZA PRIMA DI TUTTO''

MACRON ANNUNCIA: ''ESPULSIONE DALLA FRANCIA DI TUTTI I CLANDESTINI CHE COMMETTONO REATI. SICUREZZA

venerdì 27 ottobre 2017
LONDRA - Uno degli aspetti piu' sorprendenti di Emmanuel Macron, da presidente della Repubblica francese, e' la sua linea dura contro l'immigrazione legale e illegale. Gia' poche settimane dopo la
Continua
 
RENZI SCHIANTATO SU BANKITALIA, REFERENDUM COSTITUZIONALE E REFERENDUM SULL'AUTONOMIA. CALDEROLI: ''FERMATE IL PAZZO!''

RENZI SCHIANTATO SU BANKITALIA, REFERENDUM COSTITUZIONALE E REFERENDUM SULL'AUTONOMIA. CALDEROLI:

venerdì 27 ottobre 2017
Lo strappo, che in realtà è molto più di uno strappo, c'e' e va oltre il dissenso "rispettoso" lasciando sul campo di battaglia della nomina del nuovo Governatore di Bankitalia
Continua
LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON SERVE E' SOLO BUROCRAZIA

LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON

lunedì 16 ottobre 2017
LONDRA - L'Unione Europea ha sempre usato le crisi come scusa per estendere i suoi poteri e quindi non deve sorprendere se la guerra al terrorismo viene usata dai parassiti di Bruxelles come scusa
Continua
 
PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA 57%, RESTO DELLA UE 66%

PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA

domenica 15 ottobre 2017
Al di là della retorica del governo Pd in Italia, i veri dati su occupazione ed economia sono impietosi, specialmente quando vengono messi a confronto con quelli del resto d'Europa. L'Italia
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DER SPIEGEL: ''LA CRISI ECONOMICA IN EUROPA STA TUTTORA MINACCIANDO DI FAR SALTARE L'EURO'' (E VIA DRAGHI, HA FALLITO)

DER SPIEGEL: ''LA CRISI ECONOMICA IN EUROPA STA TUTTORA MINACCIANDO DI FAR SALTARE L'EURO'' (E VIA
Continua

 
ANNO NUOVO CON  TASSE IN AUMENTO VERTICALE: PEDAGGIO DELLA PADOVA-VENEZIA +300% ALTRE AUTOSTRADE +8%

ANNO NUOVO CON TASSE IN AUMENTO VERTICALE: PEDAGGIO DELLA PADOVA-VENEZIA +300% ALTRE AUTOSTRADE +8%


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!