62.717.523
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL 2014 SI APRE CON LA CATASTROFE MPS: FALLIMENTO O NAZIONALIZZAZIONE COSTERANNO MILIARDI ALLO STATO (CHE NON LI HA)

mercoledì 1 gennaio 2014

SIENA - Il caso MPS è esploso come una bomba, dopo che l’assemblea degli azionisti ha bocciato sabato scorso l’aumento di capitale da 3 miliardi, come prospettato dal presidente Alessandro Profumo e dall’ad Fabrizio Viola, votando per un rinvio. Passeranno almeno 4 mesi in più, prima che la ricapitalizzazione avvenga e ciò graverà la banca di 120 milioni di maggiori oneri per il pagamento degli interessi sui Monti-bond da 4,07 miliardi. Non pochi per un istituto che lotta contro il tempo per salvarsi. E se nel 2014 dovesse arrivare la mazzata della BCE, che su pressione dei tedeschi potrebbe non più giudicare a rischio zero i bond sovrani, per Siena potrebbe essere il colpo finale, avendo in pancia 23 miliardi di BoT e BTp.

Il mondo politico tace, sia per il clima festivo di questi giorni, sia perché è coinvolto mani e piedi nella faccenda. In particolare, il caso imbarazza il Partito Democratico, visto che a Siena l’intreccio tra i democratici e la gestione di MPS è passata negli ultimi decenni attraverso la Fondazione, il cui Consiglio direttivo è nominato dal sindaco di Siena (4 consiglieri), dal presidente della Provincia di Siena (2 consiglieri) e dalla Regione Toscana (1 consigliere), tutti esponenti del PD.

Per questo, il segretario Matteo Renzi ha indicato a tutto il partito la linea da seguire: e la linea è quella del silenzio più assoluto. Linea, però, non condivisa dal vice-ministro dell’Economia, Stefano Fassina, il quale ritiene che il principale partito di governo dovrebbe interessarsi delle sorti della terza banca d’Italia, similmente a quanto accaduto con l’Ilva e Alitalia.

Più in generale, il caso MPS è fonte di imbarazzo istituzionale, perché se il Tesoro o la Banca d’Italia intervenissero, la vicenda assumerebbe i contorni del conflitto politico, essendo la Fondazione espressione della linea locale del PD.

La situazione della banca è molto grave. Nei prossimi giorni, Profumo potrebbe dimettersi, mentre più difficile è che avvenga il passo indietro di Viola. La nazionalizzazione di MPS, finora considerata un’ipotesi più teorica che reale, inizia a prendere corpo seriamente. 

Sulla gestione del dossier MPS si gioca una fetta consistente di credibilità anche Renzi, per cui possiamo concludere che o un’eventuale crisi di governo potrebbe compromettere le sorti di Rocca Salimbeni o, al contrario, che l’aggravarsi della crisi di MPS potrebbe travolgere il governo Letta.

Fonte notizie: Investire Oggi. 


IL 2014 SI APRE CON LA CATASTROFE MPS: FALLIMENTO O NAZIONALIZZAZIONE COSTERANNO MILIARDI ALLO STATO (CHE NON LI HA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Siena   Mps   pd   Renzi   Tesoro   Banca d'Italia   nazionalizzazione   ilNord   Profumo   dimissioni    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CANCELLIERE AUSTRIACO KURZ: ''E' ESSENZIALE CHE TUTTI I MIGRANTI SOCCORSI IN MARE SIANO RIMANDATI SUBITO IN AFRICA''

CANCELLIERE AUSTRIACO KURZ: ''E' ESSENZIALE CHE TUTTI I MIGRANTI SOCCORSI IN MARE SIANO RIMANDATI

lunedì 12 marzo 2018
Era evidente che la vittoria dei partiti nazionalisti in Austria avrebbe avuto una certa influenza in tutta l'Unione Europea e quindi non deve sorprendere se nei prossimi mesi il governo austriaco
Continua
 
LA LEGA RIUNISCE A MILANO I 183 PARLAMENTARI ELETTI CON MATTEO SALVINI CHE DICE: ''GOVERNO POLITICO O SI TORNA A VOTARE'

LA LEGA RIUNISCE A MILANO I 183 PARLAMENTARI ELETTI CON MATTEO SALVINI CHE DICE: ''GOVERNO POLITICO

venerdì 9 marzo 2018
MILANO - La riunione è affollatissima, e Matteo Salvini è tonico quanto lo è chi ha vinto le elezioni con numeri addirittura insperati. "Oggi festeggio 183 parlamentari e 45
Continua
BERLUSCONI NON PERDE IL VIZIO DELL'INCIUCIO E ''APRE'' A LARGHE INTESE, CIOE' UN GOVERNO COL PD (MA E' SENZA MAGGIORANZA)

BERLUSCONI NON PERDE IL VIZIO DELL'INCIUCIO E ''APRE'' A LARGHE INTESE, CIOE' UN GOVERNO COL PD (MA

venerdì 9 marzo 2018
Allarmato forse più dal calo del valore azionario di Mediaset in Borsa, oltre che dalla sua personale sconfitta all'interno della vittoria del Centrodestra (perchè oltre il boom della
Continua
 
INCHIESTA IN VENETO TRA GLI ELETTORI / ABBIAMO DOMANDATO ALLA GENTE PERCHE' HA VOTATO IN MASSA PER LA LEGA

INCHIESTA IN VENETO TRA GLI ELETTORI / ABBIAMO DOMANDATO ALLA GENTE PERCHE' HA VOTATO IN MASSA PER

martedì 6 marzo 2018
Il popolo italiano, dopo 5 anni e 3 governi a guida piddì, ha votato ed ha espresso il proprio giudizio sull’operato di questi esecutivi e sulla maggioranza che li ha appoggiati. Il
Continua
PIAGNISTEO DI TUTTI I PRINCIPALI GIORNALI EUROPEI - TUTTI FILO UE -  PER LA VITTORIA DELLA LEGA E DELL'M5S (STUPENDO)

PIAGNISTEO DI TUTTI I PRINCIPALI GIORNALI EUROPEI - TUTTI FILO UE - PER LA VITTORIA DELLA LEGA E

martedì 6 marzo 2018
L'Italia, con il voto di domenica 4 marzo, si e' messa in "rotta di collisione" con un'Europa che, di fatto per le cose che contano, fara' a meno di lei. E, sciolto il nodo tedesco, e' il "nuovo
Continua
 
I MEDIA INTERNAZIONALI RICONOSCONO LA VITTORIA DI LEGA E M5S PARLANDO DI ''RISCHIO'' PER LA COESIONE UE (ADDIO, RENZI)

I MEDIA INTERNAZIONALI RICONOSCONO LA VITTORIA DI LEGA E M5S PARLANDO DI ''RISCHIO'' PER LA

lunedì 5 marzo 2018
I media internazionali, in un coro unanime, rilevano che le elezioni italiane hanno sancito lo schiacciante successo dei partiti euroscettici e anti Ue, che metteranno "a rischio" la coesione
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DER SPIEGEL: ''LA CRISI ECONOMICA IN EUROPA STA TUTTORA MINACCIANDO DI FAR SALTARE L'EURO'' (E VIA DRAGHI, HA FALLITO)

DER SPIEGEL: ''LA CRISI ECONOMICA IN EUROPA STA TUTTORA MINACCIANDO DI FAR SALTARE L'EURO'' (E VIA
Continua

 
ANNO NUOVO CON  TASSE IN AUMENTO VERTICALE: PEDAGGIO DELLA PADOVA-VENEZIA +300% ALTRE AUTOSTRADE +8%

ANNO NUOVO CON TASSE IN AUMENTO VERTICALE: PEDAGGIO DELLA PADOVA-VENEZIA +300% ALTRE AUTOSTRADE +8%


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!