43.450.927
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

CORO UNANIME DALL'UNIVERSITA' LUISS FINO A GRANDI BANCHE INTERNAZIONALI COME HSBC: IL 2014 PER L'ITALIA UGUALE AL 2013.

lunedì 30 dicembre 2013

MILANO - Per l'Italia, l'annus horribilis del 2013 potrebbe ripetersi e il 2014 potrebbe confermarsi non l'anno della svolta, come vanno dicendo da mesi il governo Letta & company, ma un anno altrettanto buio. 

Analisti e esperti internazionali avvertono che per il paese il peggio potrebbe non essere passato, in un contesto in cui l'economia non riparte, messa in ginocchio anche dal persistente fenomeno del credit crunch, ovvero della contrazione del credito. 

C'è poi la solita questione dell'instabilità politica: in mancanza di un governo stabile, rimarrà impossibile per l'Italia riuscire a portare avanti le riforme strutturali di cui ha disperatamente bisogno.

"Il piano di Letta - e anche quello del presidente Giorgio Napolitano, è di far durare il suo esecutivo fino alla primavera del 2015. L'Italia deterrà la presidenza dell'Unione europea a partire dal luglio del 2014 e il presidente desidera un governo stabile - o almeno un governo che esista -, almeno per quei sei mesi. (Ma il problema) è che fino a quando non ci sarà un quadro politico stabile, il paese non sarà in grado di risolvere i propri problemi economici - ha commentato Roberto D'Alimonte, professore di politica italiana presso l'università Luiss Guido Carli di Roma, in un'intervista rilasciata alla Cnbc - Noi abbiamo bisogno di riforme economiche che solo un governo stabile e forte può garantire. Ma il punto è che (il 2014) sarà un anno (l'ennesimo) in cui l'Italia arrancherà".

Per D'Alimonte, "la base parlamentare del governo rimarrà fragile e ci sarà poi la questione della rivalità tra Renzi e Letta che, se non gestita bene, potrebbe aprire di nuovo la porta alla resurrezione di Berlusconi, "genio politico" che non deve essere affatto ignorato. 

A fronte dei problemi e tensioni che continueranno a caratterizzare la politica, l'altro dato di fatto sarà la crescita economica latitante. 

Matteo Cominetta, economista di HSBC, afferma che la banca "prevede una crescita che non andrà oltre +0,4% e +0,6%, rispettivamente per il 2014 e il 2015". La "situazione potrebbe cambiare se Renzi diventasse primo ministro e rendesse esecutiva la propria agenda di riforme, ma è troppo presto al momento valutare una tale possibilità". 

Nicholas Spiro, responsabile della divisione di strategia sul debito sovrano, afferma poi che il fatto che nel corso del terzo trimestre l'Italia sia uscita dalla recessione apparentemente senza fine, "sebbene sia importante da un punto di vista simbolico, non ha alcun significato per l'italiano medio".

La "domanda domestica è ancora in fase di contrazione, mentre il credit crunch prosegue". Per non parlare della questione del debito. "L'economia italiana dovrebbe rimanere fiacca nel 2014, con poche prospettive di crescita, per non parlare delle riforme strutturali", ha commentato Shapiro.

Di conseguenza, come titola Cnbc nel suo articolo, non ci sarà alcun "Happy New Year", ovvero "Felice anno nuovo" per l'Italia, nel 2014. (WSI)


CORO UNANIME DALL'UNIVERSITA' LUISS FINO A GRANDI BANCHE INTERNAZIONALI COME HSBC: IL 2014 PER L'ITALIA UGUALE AL 2013.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Luiss   HSBC   previsioni   2014   Italia   crisi   recessione   Europa   euro    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CAPO SINDACATO EGIZIANO AMBULANTI: ''REGENI ERA UNA SPIA, L'HO REGISTRATO E L'HO DENUNCIATO ALLA POLIZIA''

CAPO SINDACATO EGIZIANO AMBULANTI: ''REGENI ERA UNA SPIA, L'HO REGISTRATO E L'HO DENUNCIATO ALLA

martedì 24 gennaio 2017
IL CAIRO - EGITTO - Giulio Regeni "era una spia, l'ho indotto a parlare e l'ho registrato". Resta convinto della sua versione il capo del sindacato dei venditori ambulanti egiziano, Muhammad
Continua
 
DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE DI AGIRE NEL PAESE

DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE

lunedì 23 gennaio 2017
LONDRA - Dopo Russia e Ungheria anche la Macedonia si appresta a vietare tutti gli enti non governativi finanziati da George Soros e a tale proposito e' stata lanciata l'operazione SOS, Stop
Continua
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER

venerdì 20 gennaio 2017
Il "rischio politico" rappresentato dall'ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici nell'Unione Europea e' al centro delle interviste concesse al "Wall Street Journal" e a "Bloomberg" dal
Continua
 
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua
PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano
Continua
 
IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA DETTO ''SOVRANISTA'')

IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA

martedì 17 gennaio 2017
ROMA - "I sovranisti sono tutti quelli che vogliono mettere al centro della propria proposta gli interessi nazionali, la tutela delle nostre imprese, del made in Italy, la difesa dei confini, la
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
HOLLANDE VARA LA TASSA DEL 75% SUGLI STIPENDI SUPERIORI A 1 MILIONE DI EURO (MARINE LE PEN TRIONFERA' ALLE EUROPEE)

HOLLANDE VARA LA TASSA DEL 75% SUGLI STIPENDI SUPERIORI A 1 MILIONE DI EURO (MARINE LE PEN
Continua

 
INCHIESTA ECONOMICA / 10 DISASTRI COMPIUTI DALL'EURO IN ITALIA - 6 PREMI NOBEL PER L'ECONOMIA INDICANO: USCITE DALL'EURO

INCHIESTA ECONOMICA / 10 DISASTRI COMPIUTI DALL'EURO IN ITALIA - 6 PREMI NOBEL PER L'ECONOMIA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!