49.990.132
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LE PRIME VITTIME DELLA GERMANIA SONO STATI GLI STESSI TEDESCHI DELL'EST. LA MERKEL HA MACELLATO IL SUO POPOLO.

lunedì 30 dicembre 2013

BERLINO - Leggendo il saggio dell’economista Vladimiro Giacchè “Anschluss L’unificazione della Germania ed il futuro dell’Europa”, edito da Imprimatur Editore si ha la sensazione di assistere non all’unificazione di un popolo diviso per motivi geo politici alla fine della seconda guerra mondiale, ma alla colonizzazione dell’ex Germania dell’est da parte di quella occidentale.

I metodi usati, infatti, ricalcano quelli impiegati dalle nazioni occidentali ai tempi del colonialismo: esproprio delle ricchezze locali, estromissione delle classi politiche e culturali con sostituzione di proconsoli inviati dai “paesi civilizzati” e mantenimento di condizioni di sussistenza e dipendenza della popolazione locale. Tutto questo si è verificato con l’unificazione della Germania a danno dei territori dell’est ed a favore dei potenti lander occidentali.

L’arma con cui si è attuata questa politica è stata l’unificazione monetaria, con la “gentile concessione” di Bonn ad usare il Marco occidentale nei territori ex socialisti della RDT. Il problema fu che il cambio praticato, irragionevolmente alto, provocò il tracollo dell’economia dell’est con un crollo del Pil del 67% e l’esplosione della disoccupazione a livelli mai visti in nessuna nazione durante un periodo di pace in soli due anni. D’altra parte, con una rivalutazione della moneta del 440%, non poteva essere diversamente: le imprese locali si trovarono immediatamente spiazzate, mentre quelle della Germania Ovest poterono conquistare fette di mercato a costo zero.

Non solo: le privatizzazioni dell’ex apparato industriale dell’est attraverso la Treuhandanstalt avvennero con metodi degni della peggiore Italia. La maggior parte delle aziende sane venne letteralmente regalata ai grandi gruppi industriali dell’ovest oppure smantellata sempre per favorire le aziende della RFT. Vediamo alcuni esempi: la compagnia di bandiera della ex RDT venne fatta fallire nonostante la disponibilità di diverse compagnie aeree a rilevarla; in tal modo l’importantissima concessione degli hub dell’aeroporto di Berlino passarono senza colpo ferire e senza costi alla Lufthansa. Basf potè rilevare a bassissimo costo le miniere di potassio nei nuovi territori unificati, che provvide tempestivamente a chiudere. Il motivo? Non certo l’antieconomicità, anzi: il potassio lì estratto era migliore di quello dell’ovest, ma l’ex monopolista socialista provvedeva a venderlo anche ad aziende concorrenti della Basf sui mercati internazionali. Una vola chiuse le miniere dell’est, Basf divenne monopolista della produzione del potassio, pur essendo di qualità inferiore. L’elenco potrebbe andare avanti all’infinito, ma di questo scempio nessuno pagò il conto in quanto i dirigenti della Treuhandanstalt ottennero una manleva per tutte le azioni compiute, compreso dolo e colpa grave!

Del pari, vene decapitata la classe dirigente politica, economica e culturale della rx RDT, arrivando a negare la validità dei titoli di studio conseguiti nelle sue università. La stragrande maggioranza di professori e dirigenti venne sostituita da personale proveniente dall’ovest, mentre quasi tutti i politici, compresi i leader dell’opposizione al regime socialista vennero spazzati via con accuse di collaborazionismo il più delle volte rivelatesi costruite ad arte. Una rara eccezione a questa epurazione fu Angela Merkel, nonostante avesse fatto parte del regime socialista. Pur di eliminare la classe politica precedente, si arrivò ad allungare i termini di prescrizione dei reati a più di 40 anni, in modo da poter accusare alcuni esponenti di reati compiuti contro il regime nazista!

A distanza di oltre 20 anni dalla colonizzazione (sono gli stessi economisti tedeschi ad usare questo termine) dei territori dell’ex RDT, le conseguenze sono ancora drammatiche: reddito pro capite sensibilmente più basso rispetto ai territori ex RFT, una desertificazione industriale da cui i lander orientali non riescono a risollevarsi, una totale dipendenza dagli aiuti statali che, nonostante le ingenti somme versate, non hanno ancora raggiunto l’entità del flusso di ricchezza prodotto ad ovest mediante le “privatizzazioni in salsa tedesca” dell’apparato socialista.

Uno degli artefici di questo scempio sociale ed economico è ben conosciuto alle cronache economiche contemporanee: Wolfgang Shauble, ministro delle finanze del secondo cancellierato Merkel (guarda che coincidenza), grande fautore del rigore economico e dell’applicazione del metodo Bonn anche al resto d’Europa. Sua, ad esempio, la proposta di creare istituzioni simili alla Treuhandanstalt in Grecia, Spagna e Italia per privatizzarne il patrimonio, sotto l’egida di enti sovranazionali come la Troika BCE, UE, FMI, da sempre benevola nei confronti dei tedeschi.

La realtà, ormai visibile sotto gli occhi di tutti, è che la Germania intende applicare la colonizzazione all’intera Europa. Non è un caso se essa sia l’unica nazione, in questo momento, ad aver tratto vantaggio dall’euro, mentre tutti gli altri paesi stanno soffrendo un processo di deindustrializzazione più o meno o marcato. Sembra di assistere, con termini lessicali diversi, all’applicazione del concetto di “spazio vitale” di hitleriana memoria. Il tutto nella più assoluta inazione delle classi politiche degli altri stati europei.

Luca Campolongo

Resp. Marketing e sviluppo nuovi prodotti

www.sosimprese.info

consulenza@sosimprese.info


LE PRIME VITTIME DELLA GERMANIA SONO STATI GLI STESSI TEDESCHI DELL'EST. LA MERKEL HA MACELLATO IL SUO POPOLO.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Merkel   Germania   Europa    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento

ANNUCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA DEGLI HOTSPOT PER SELEZIONARE

giovedì 27 luglio 2017
PARIGI -  Certamente possiede una insospettata capacità diplomatica e lo ha dimostrato con il vertice di Parigi con il premier libico Fayez Serraj e il generale Khalifa Haftar, e
Continua
 
DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE SOPHIA AL 31.12.2018''

DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE

mercoledì 26 luglio 2017
BERLINO - La missione navale europea Sophia al largo della Libia continuera' fino alla fine del 2018. Lo hanno riferito al settimanale tedesco Der Spiegel fonti diplomatiche, secondo quali l'Italia
Continua
DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA CATASTROFE SENZA FINE.

DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA

martedì 25 luglio 2017
Nel secondo trimestre del 2017 sono state 3.190 le aziende che hanno portato i libri in tribunale (facendo così salire a 6.188 il numero nei primi sei mesi dell'anno). Una cifra che, dopo il
Continua
 
''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PRONDA FRUSTRAZIONE'' (NEW YORK TIMES)

''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PRONDA FRUSTRAZIONE'' (NEW

martedì 25 luglio 2017
NEW YORK - La decisione del governo francese di organizzare oggi a Parigi un incontro tra il premier libico sostenuto dall'Onu, Fayez al Serraj, e il generale Khalifa Haftar, "uomo forte" della Libia
Continua
NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA ACCADE IN MALESIA

NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA

lunedì 24 luglio 2017
I mass media non fanno che ripetere fino alla nausea che l'Italia deve accogliere tutti gli immigrati che arrivano e convenientemente ignorano il fatto che altri paesi usano la mano dura per cacciare
Continua
 
A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU RADDOPPIATA, IVA 25%)

A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU

venerdì 21 luglio 2017
In queste settimane, l’ex sindaco di firenze e mai rimpianto premier, si muove sottotraccia per far star sereno Gentiloni, alla stessa maniera in cui fece star sereno Letta, ovvero trovare
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
RIVOLTA ARMATA IN GRECIA: STAMATTINA UN COMMANDO DI 4 INSORTI HA ATTACCATO LA CASA DELL'AMBASCIATORE TEDESCO AD ATENE.

RIVOLTA ARMATA IN GRECIA: STAMATTINA UN COMMANDO DI 4 INSORTI HA ATTACCATO LA CASA
Continua

 
LE OLIGARCHIE FINANZIARIE DELL'UNIONE EUROPEA BUTTANO 58 MILIONI DI EURO IN BOSNIA E SE NE FREGANO DEI POVERI D'EUROPA.

LE OLIGARCHIE FINANZIARIE DELL'UNIONE EUROPEA BUTTANO 58 MILIONI DI EURO IN BOSNIA E SE NE FREGANO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!