46.317.584
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

INCHIESTA / SPAGNA: SISTEMA SANITARIO DEVASTATO DAI TAGLI DEL GOVERNO, CASI DI TUBERCOLOSI NON CURATI (MALATI MORTI)

martedì 24 dicembre 2013

MADRID - L'autorevole settimanale britannico The Economist pubblica un'inchiesta agghiacciante sullo stato della sanità in Spagna dopo i tagli imposti dalla Troika e messi in atto dal governo Rajoy per avere in cambio i miliardi di euro indispensabili a evitare il fallimento a breve delle banche spagnole.

Scrive l'Economist: "All’inizio di quest’anno, in Spagna un immigrato non si è sentito bene ed è andato all’ospedale con i sintomi tipici della tubercolosi. I relativi test gli sono stati rifiutati ed è stato rispedito a casa. Non molto più tardi ha iniziato a sentirsi così male che si è precipitato al pronto soccorso, dove è stato nuovamente respinto. Poco dopo, è morto.

Come molti altri immigranti illegali, viveva in una piccola casa con altre 10 persone. Dal momento che la tubercolosi è contagiosa, tutti e 10 sono ora a rischio. Difficilmente riceveranno aiuto dalla Spagna: a causa delle misure di austerità e di un cambiamento legislativo nel 2012, il governo non eroga più agli 873.000 migranti non registrati le cure che non siano di emergenza. Questo potrebbe causare nel prossimo futuro un’enorme crisi sanitaria, come dicono i ricercatori della Scuola Londinese di Igiene e Medicina Tropicale (LSHTM).

Uno studio pubblicato il 14 Dicembre su Lancet, una rivista medica,  ha lanciato l’allarme sullo stato della sanità spagnola. Fino ad oggi, l’attenzione dei media europei si è concentrata sull’impatto dell’austerità sulla sanità greca, con segnalazioni di incrementi drammatici di casi di HIV, malattie mentali, tubercolosi e del ritorno della malaria. La Grecia ha fatto tagli alla sanità pubblica 2 anni prima della Spagna, quindi l'impatto è risultato evidente prima. Ma la situazione in Spagna è altrettanto preoccupante, avverte Helena Legido-Quigley del LSHTM, la quale teme che, se il governo non cambierà presto strategia, si assisterà anche in Spagna a fenomeni simili a quanto già successo in Grecia.

Quando la crisi ha colpito, il governo spagnolo ha tagliato la spesa a un sistema sanitario già debole di per sé (la spesa sanitaria in Spagna è al 7% del PIL contro una media del 7,6% nella UE, mentre è all’8,4% in Germania e al 9,5% in Danimarca). La spesa sanitaria è stata ridotta del 13,7% nel 2012 e del 16,2% nel 2013 (inclusi i servizi sociali). Alcune regioni hanno imposto tagli addizionali di un altro 10%. Di conseguenza, una parte rilevante della popolazione spagnola è ora esclusa dalle cure mediche di base, il che potrebbe portare a problemi di sanità pubblica per l’intera popolazione.

Elena Urdaneta, di Doctors of the World, un’organizzazione senza fini di lucro, dice che questa politica non è solo ingiusta, ma anche molto pericolosa per la sanità pubblica. “Puoi escludere le persone, ma non puoi escludere le malattie”. Rifiutarsi di vaccinare i figli degli immigrati, per esempio, non è solo meschino, ma anche inefficiente. E’ molto meno costoso vaccinare piuttosto che dover affrontare il diffondersi di un’epidemia. Ciononostante, è quello che sta succedendo in molte regioni spagnole.

Perfino per chi ha ancora il diritto all'assistenza sanitaria, alcuni trattamenti, compresi quelli necessari per l'epatite C e alcuni tipi di cancro, ora richiedono che sia il paziente a pagare parte della cura. Questo ha spinto diverse persone a non assumere i farmaci di cui avrebbero bisogno, ma che non possono più permettersi.

Poiché l'impatto di queste politiche sulla salute tende a manifestarsi dopo alcuni anni, la vera e propria crisi della sanità pubblica diventerà evidente solo quando sarà troppo tardi, avverte la Legido-Quigley. Gli operatori sanitari temono che, se non viene fatto nulla per invertire queste politiche, la Spagna scivolerà giù per una ripida china.

Il prezzo pagato dagli Stati Uniti per controllare il diffondersi di un focolaio di tubercolosi a New York negli anni '90,  l’enorme somma di 1,2 miliardi di dollari, ha dimostrato il valore della prevenzione, che sarebbe costata un decimo di quanto fu speso e avrebbe evitato parecchi danni alle persone. I recenti tagli alla sanità spagnola compromettono l'impegno nella prevenzione. Essi rischiano di smantellare un sistema che, fino a poco tempo fa, è stato uno dei migliori in Europa in termini di efficienza".

E' evidente cosa ha causato l'euro. Ha provocato l'imbarbarimento dell'Europa, diventata un lager per i disperati e una gabbia per tutti gli altri.

max parisi


INCHIESTA / SPAGNA: SISTEMA SANITARIO DEVASTATO DAI TAGLI DEL GOVERNO, CASI DI TUBERCOLOSI NON CURATI (MALATI MORTI)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Troika   euro   Europa   tagli   sanità   Rajoy   governo   malati   tubercolosi   TBC   Spagna   Economist  


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'AUSTRALIA RENDE ANCORA PIU' RESTRITTIVE LE CONDIZIONI DI IMMIGRAZIONE, ANCHE PER I LAVORATORI TEMPORANEI (EUROPEI)

L'AUSTRALIA RENDE ANCORA PIU' RESTRITTIVE LE CONDIZIONI DI IMMIGRAZIONE, ANCHE PER I LAVORATORI

giovedì 20 aprile 2017
Al contrario dell'Italia l'Australia fa di tutto per proteggere i propri confini tant'e' che e' uno dei pochi se non l'unico paese ad essere riuscito a fermare l'arrivo di barconi carichi di
Continua
 
L'EURO-MARCO E' IL TRIONFO DEL PIANO DI WALTER FUNK, GOVERNATORE BUNDESBANK CON HITLER: SI CHIAMAVA ''MONETA-GENERALE''

L'EURO-MARCO E' IL TRIONFO DEL PIANO DI WALTER FUNK, GOVERNATORE BUNDESBANK CON HITLER: SI CHIAMAVA

martedì 18 aprile 2017
“La Germania dovrebbe, visto che è divenuta pacifica e ragionevole, prendersi tutto ciò che l’Europa e il mondo intero le ha negato in due grandi guerre, una sorta di
Continua
L'ITALIA CROLLA IN PEZZI MENTRE VIENE INVASA DA ORDE DI MIGRANTI E IL GOVERNO STANZIA 4,6 MILIARDI PER LORO (VERGOGNA!)

L'ITALIA CROLLA IN PEZZI MENTRE VIENE INVASA DA ORDE DI MIGRANTI E IL GOVERNO STANZIA 4,6 MILIARDI

martedì 18 aprile 2017
Una rampa di collegamento del viadotto della tangenziale di Fossano, nel Cuneese, è crollata improvvisamente sulla strada sottostante, via Marene. Distrutta un'auto dei carabinieri, che stava
Continua
 
FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''L'ITALIA VA CURATA DA NOI TEDESCHI COL PUGNO DI FERRO CONTRO L'EGOCENTRISMO ITALIANO''

FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''L'ITALIA VA CURATA DA NOI TEDESCHI COL PUGNO DI FERRO CONTRO

martedì 18 aprile 2017
BERLINO - La stampa italiana non ne parla, ma quella tedesca invece lo mette in prima pagina sul principale quotidiano di Germania, l'autorevole Frankfurter Allgemeine Zeitung: "E' il momento di
Continua
INCHIESTA BANCHE / ALMENO 20 BANCHE IN ITALIA SONO IN CONDIZIONI TREMENDE (PUBBLICHIAMO L'ELENCO) ORA SIETE AVVISATI

INCHIESTA BANCHE / ALMENO 20 BANCHE IN ITALIA SONO IN CONDIZIONI TREMENDE (PUBBLICHIAMO L'ELENCO)

martedì 11 aprile 2017
Il sistema bancario italiano, grazie anche alle folli politiche economiche messe in atto dai governi Monti in poi, è ormai ridotto al collasso, con una situazione riguardante i crediti marci
Continua
 
NOTIZIA BOMBA CENSURATA IN ITALIA: 80 BANCHE CENTRALI (DI TUTTO IL MONDO) IN FUGA DALL'EURO, SOSTITUITO DALLA STERLINA

NOTIZIA BOMBA CENSURATA IN ITALIA: 80 BANCHE CENTRALI (DI TUTTO IL MONDO) IN FUGA DALL'EURO,

giovedì 6 aprile 2017
LONDRA - E' passato quasi un anno da quando gli elettori britannici hanno deciso di uscire dalla UE e tale decisione, lungi dal danneggiare l'economica britannica, l'ha rafforzata enormemente visto
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL QUOTIDIANO FRANCESE LE MONDE SVELA COSA SI SONO DETTI I CAPI DELLA COMMISSIONE EUROPEA A CENA! (VERSO LA DITTATURA)

IL QUOTIDIANO FRANCESE LE MONDE SVELA COSA SI SONO DETTI I CAPI DELLA COMMISSIONE EUROPEA A CENA!
Continua

 
GOVERNO TURCO DEL FILO ISLAMICO ERDOGAN SQUASSATO DAGLI SCANDALI PER CORRUZIONE: 10 MINISTRI LASCIANO, POPOLO IN PIAZZA.

GOVERNO TURCO DEL FILO ISLAMICO ERDOGAN SQUASSATO DAGLI SCANDALI PER CORRUZIONE: 10 MINISTRI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!