72.758.875
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

OBAMA NEL DISCORSO DI ''FINE ANNO'' E' PASSATO DAL ''YES, WE CAN'' AL ''WE HOPE'' (IO SPERIAMO CHE ME LA CAVO)

domenica 22 dicembre 2013

Gerusalemme - Il presidente USA Barak Hussein Obama durante il suo discorso di fine anno, discorso un po’ anticipato per la verità perché tutta la famiglia è in partenza per le Hawaii, ha tirato le somme del 2013 e dato le previsioni per il 2014.

Come tutti i politici di razza si è dimostrato molto fiducioso per il futuro, credere però a uno che durante le prime presidenziali (Yes we can – Sì noi possiamo) dava l’impressione che nulla potesse essere inarrivabile e che è passato a (Hope- Speranza) è oggettivamente complicato.

Ma cosa ha detto il presidente? Ha detto che le guerre finiranno e che grazie agli sforzi diplomatici americani nel 2014 ci sarà un mondo più sicuro, e per rafforzare questa sua affermazione ha citato i negoziati avviati per metter fine al programma nucleare bellico in Iran, l’accordo raggiunto per l’eliminazione delle armi chimiche dalla Siria e il ritiro della forza multinazionale dall’Afghanistan entro l’anno.

Il presidente non è però andato a fondo altrimenti avrebbe dovuto spiegare come mai da Teheran arrivano particolari sugli accordi firmati a Ginevra che in occidente non sono stati messi in risalto, e nonostante tutto il gran parlare ancora non si è capito bene fino a che punto gli iraniani possono arricchire l’uranio e chi o cosa dovrebbe garantire che la famosa linea rossa, riposizionata più volte nel corso degli anni a favore degli ayatollah, non venga nuovamente superata e, nel caso, quale sarebbe la reazione del mondo occidentale.

L’accordo per l’eliminazione delle armi chimiche siriane sembra una barzelletta aggiunta al grottesco comportamento tenuto durante tutta la crisi che ha mietuto migliaia di vittime nello sfortunato paese ed è giunto solo dopo che una parte consistente di quelle armi è passato di mano.

Mentre lui finge ti tirare un sospiro di sollievo nel far fare alla marina statunitense un po’ di fuochi artificiali chimici in mezzo al Mediterraneo o nell’Atlantico, la parte di armi chimiche che è passata di mano è pronta per essere usata da Hetzbollah contro Israele o dai vari gruppi terroristici filo-islamici nei prossimi attentati che colpiranno gli interessi di tutti coloro che proveranno a rimanere liberi. 

No, non è pessimismo questo, ma realismo dettato dall’esperienza.

Obama ha confermato che la pacificazione passa anche attraverso il ritiro delle forze occidentali dall’Afganistan e qui, almeno in parte, dovrebbe avere ragione. Infatti, una volta partito l’ultimo militare occidentale i talebani prenderanno il completo e totale controllo e la pacificazione a colpi di Corano e Kalashnikov sarà completa. L’Afganistan diventerà così una nuova piattaforma per il lancio della jihad globale con buona pace di tutti coloro che sognavano democrazia e più libertà per tutti gli afgani a cominciare dalle donne che dopo aver visto e sognato un mondo migliore saranno condannate a qualche altro secolo di schiavitù.

Ma non è tutto, Obama ha detto che  la ripresa economica, almeno per gli Usa, è dietro l’angolo mettendo l’accento sul fatto che il tasso di disoccupazione è sceso al livello più basso degli ultimi 5 anni, praticamente dall’inizio del suo mandato dimenticando che le esportazioni dei prodotti statunitensi sono dovute principalmente al fatto che il cambio del dollaro è ai minimi storici e che enormi finanziamenti governativi hanno salvato diverse aziende strategiche e molte banche da sicuro fallimento, e nonostante il mezzo flop della sua riforma sanitaria ha sostenuto che quello in corso non è stato l’anno peggiore della sua presidenza.

A questo punto sorge il dubbio che negli anni precedenti siano successe cose gravissime che non sono mai venute alla luce. 

Per quello che riguarda il DATAGATE Obama ha detto che gli Stati Uniti hanno bisogno di collaborare con la NSA, ma che i controlli potranno essere effettuati con maggiore equilibrio. Collaborare con la NSA? Si tratta di un errore di traduzione o di un lapsus freudiano? Se è un errore di traduzione va bene, ma al contrario c’è da chiedersi se la NSA è un’agenzia governativa, cioè un ente dello stato, oppure se è un’entità autonoma che opera come un supervisore della vita di tutti gli umani su questo misero mondo. Se così è, e a questo dobbiamo rassegnarci, sappiamo finalmente il nome del padrone universale che controlla la vita di tutti noi, un nuovo dio tecnologico che decide del nostro futuro. Basta saperlo così possiamo incominciare a costruire per lui nuove Chiese Moschee e Sinagoghe tecnologicamente avanzate e sempre in rete con la banda larga e la porta d’ingresso preferenziale con la quale ci può controllare, benedire e punire secondo il rito di Santo Padre Web.

Forse è ancora troppo presto per allarmarsi, infatti il presidente ha anche detto che le decisioni che riformeranno il programma di sorveglianza richiederanno ancora diverse settimane e arriveranno a gennaio, ha anche aggiunto che tra i cambiamenti che potrebbero essere apportati non si esclude il passaggio delle informazioni raccolte ad aziende private affinché li custodiscano al posto del governo.

Secondo il presidente insomma le informazioni raccolte, magari illegalmente, da un’agenzia dello stato potrebbero passare nelle mani dei privati e questo dovrebbe tranquillizzarci? No, cari signori, questo è ancora più allarmante.

Con uno sguardo verso il futuro Obama ha ricordato anche la riforma dell’immigrazione, da cui può giungere nuovo impulso allo sviluppo, infatti gli USA potranno così importare mano d’opera a più basso costo dal centro e sud America e con il tempo si formerà cosi un bacino di voti che sarà molto utile ai candidati del Partito Democratico in vista di tutte le sfide politiche regionali, statali e federali.

Signori e signore... altro giro altra corsa e chi più ne ha più ne metta. 

Michael Sfaradi - Gerusalemme.

 

 

 


OBAMA NEL DISCORSO DI ''FINE ANNO'' E' PASSATO DAL ''YES, WE CAN'' AL ''WE HOPE'' (IO SPERIAMO CHE ME LA CAVO)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Obama   USA   Iran armi   chimiche   NSA   spionaggio   Siria   Hawaii    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SONDAGGIO DELLA UE SUL ''GRADIMENTO'' DELL'EURO: IN ITALIA E' AL MINIMO, IL 45% NON LO VUOLE PIU' (IN LITUANIA IL 51%)

SONDAGGIO DELLA UE SUL ''GRADIMENTO'' DELL'EURO: IN ITALIA E' AL MINIMO, IL 45% NON LO VUOLE PIU'

lunedì 9 dicembre 2019
LONDRA - Ogni anno l'Unione Europea fa un sondaggio per vedere quanto e' popolare la moneta unica e quest'anno il risultato e' piuttosto sorprendente. A prima vista le 17mila e 500 persone
Continua
 
EUROBUROCRATI UE HANNO SENTENZIATO: PARMIGIANO SALAME SAN DANIELE MOZZARELLA EXTRAVERGINE FANNO MALE COCA COLA FA BENE

EUROBUROCRATI UE HANNO SENTENZIATO: PARMIGIANO SALAME SAN DANIELE MOZZARELLA EXTRAVERGINE FANNO

giovedì 5 dicembre 2019
La Coca-Cola avrebbe effetti devastanti sul nostro organismo, a dirlo è l’ex farmacista inglese Niraj Naik sul suo blog. “Dopo aver visto così tante persone che soffrono di
Continua
ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL SUPERSTATO UE ''NON SERVE''

ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL

lunedì 2 dicembre 2019
LONDRA - "La decisione della Gran Bretagna di rimanere fuori dall'euro e' la miglior decisione che il governo britannico potesse prendere". Effettivamente sono un folle potrebbe pensarla
Continua
 
FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO IL GOVERNO MACRON: CONTADINI E AGRICOLTORI INVADONO PARIGI E LE PRINCIPALI CITTA' CON TRATTORI

FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO IL GOVERNO MACRON: CONTADINI E AGRICOLTORI INVADONO PARIGI E LE

mercoledì 27 novembre 2019
PARIGI - Macron travolto dai trattori, oggi a Parigi. In senso metaforico, per ora.  Trattori sulla Periferique e sugli Champs Elysees. Oltre 1000 macchine agricole, secondo i dati del ministero
Continua
CORTE DEI CONTI UE BOCCIA IL BILANCIO DELL'AGENZIA UE PER ''LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI DISTRIBUZIONE MIGRANTI NELLA UE''

CORTE DEI CONTI UE BOCCIA IL BILANCIO DELL'AGENZIA UE PER ''LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI

lunedì 25 novembre 2019
LONDRA - E' abbastanza risaputo che l'Unione Europea spreca i soldi che estorce ai contribuenti e non deve sorprendere se si scopre che molte delle sue agenzie sono gestite in modo poco
Continua
 
IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I CONTI CATASTROFICI

IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I

giovedì 21 novembre 2019
Due pesi e due misure con l'Italia, a seconda di chi c'è al governo. A scriverlo non è la stampa "sovranista" ma un quotidiano autorevole e ferreo conservatore tedesco.  "Nei
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ANCHE GLI AUSTRIACI DICONO BASTA ALL'EURO: IL PARTITO FPO (CHE FU FONDATO DA HAIDER) E' CLAMOROSAMENTE IN TESTA A TUTTI.

ANCHE GLI AUSTRIACI DICONO BASTA ALL'EURO: IL PARTITO FPO (CHE FU FONDATO DA HAIDER) E'
Continua

 
IL PORTOGALLO SI RIBELLA ALLA DITTATURA DELLA COMMISSIONE EUROPEA: CANCELLATE LE LEGGI TAGLIA-PENSIONI E DIPENDENTI!

IL PORTOGALLO SI RIBELLA ALLA DITTATURA DELLA COMMISSIONE EUROPEA: CANCELLATE LE LEGGI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

SONDAGGI IN GRAN BRETAGNA CONCORDANO: TORY IN AMPIO VANTAGGIO,

9 dicembre - LONDRA - Tutti i principali quotidiani pubblicano sondaggi sul voto di
Continua

GENTILONI: ''PER IL 2020 NON E' PREVEDIBILE CHE IL PIL

9 dicembre - In Eurozona ''non ci sono al momento attendibili previsioni sulla
Continua

LA FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO MACRON E LA SUA LEGGE SULLE PENSIONI

5 dicembre - Sono 250 mila i manifestanti scesi in piazza contro la riforma delle
Continua

SPREAD DECOLLA, GLI SPECULATORI SI SONO STUFATI DEL GOVERNO CONTE

5 dicembre - Chiusura in netto allargamento per lo spread tra BTp e Bund sul mercato
Continua

BORGHI INCHIODA IL MINISTRO BELLACIAO GUALTIERI

5 dicembre - Il parlamentare leghista Claudio Borghi insiste e, su twitter, si
Continua

GIORGIA MELONI: LA PRESCRIZIONE TEMA PIU' INSIDIOSO DEL MES, PER

5 dicembre - ''Il tema della prescrizione mi sembra piu' insidioso per il governo
Continua

TUTTA LA FRANCIA IN SCIOPERO CONTRO MACRON: LE PENSIONI NON SI

5 dicembre - PARIGI - La Francia si ferma per protesta contro la ventilata riforma
Continua

UNIONE BANCARIA? MANCO PER IDEA. CENTENO SMENTISCE: ''NON L'ABBIAMO

5 dicembre - BRUXELLES - Come volevasi dimostrare, l'unione bancaria che
Continua

SONDAGGIO:55% NON HA FIDUCIA NEL GOVERNO 53% PER ELEZIONI SALVINI

5 dicembre - Secondo un sondaggio Emg Acqua presentato oggi ad ''Agora''' su Rai3, il
Continua

DUE AFRICANI DEI BARCONI ARRESTATI PER RAPINA IN STRADA A UN

4 dicembre - Con l'accusa di rapina in concorso i carabinieri hanno arrestato a
Continua

4 dicembre - Il gruppo di Forza Italia alla Camera perde un deputato: Antonino
Continua

RENZIANI: SULLA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA DI M5S VOTEREMO CON LE

4 dicembre - ''L'idea perversa di processi eterni con noi non passerà : se il tema
Continua

SONDAGGIO: LA LEGA CRESCE E ARRIVA AL 33,8% SALE FDI AL 10% FORZA

3 dicembre - La Lega di Matteo Salvini torna a crescere dopo una battuta di arresto
Continua

ECONFIN SMENTISCE CONTE: ''ACCORDO SUL MES FATTO A GIUGNO''.

2 dicembre - PARIGI - Se il governo Conte sperava - come scrive oggi Repubblica - in
Continua

M5S: SUL MES IL PARLAMENTO DEVE AVERE L'ULTIMA PAROLA E SARA' TRA

2 dicembre - La riforma del Mes va ''discussa nel merito'' e ''solo al termine del
Continua

LEGA: 19 GIUGNO IL PARLAMENTO HA POSTO IL VETO AL MES. CONTE HA

2 dicembre - ''Dimostri di avere a cuore la Costituzione. Vada dal Presidente
Continua

IL PD IN REGIONE TOSCANA NEGA L'AUDITORIUM PER PRESENTAZIONE LIBRO

28 novembre - FIRENZE - ''Negato, in modo per noi inspiegabile, l'utilizzo
Continua

LEADER DELLA PROTESTA DI HONG KONG CONTRO LA DITTATURA CINESE:

28 novembre - ''Sono rimasto piuttosto deluso nel leggere le dichiarazioni
Continua

SALVINI: SUL MES SI DEVE ESPRIMERE IL PARLAMENTO SETTIMANA PROSSIMA!

28 novembre - ''Si torna in Parlamento la settimana prossima, altro che dopo la
Continua

M5S HA IL CANDIDATO ALLE REGIONALI DELLA CALABRIA: E' IL PROF.

28 novembre - CATANZARO - ''Dopo un'attenta riflessione e con la consapevolezza di
Continua
Precedenti »