46.385.554
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'EUROPA PASSA DALLA RECESSIONE ALLA REPRESSIONE. L'AVVERTIMENTO DI FORMICHE.NET, THINK TANK DEI ''MODERATI'' ITALIANI.

sabato 21 dicembre 2013

La concatenazione degli eventi è sempre più serrata, ricorda il formarsi di una valanga. Ieri si è fatto un altro passo avanti verso l’approvazione al parlamento spagnolo della Ley mordaza, che reprime la libertà di manifestazione con multe fino a 600 mila euro e amplia a dismisura i poteri d’arresto delle guardie private. Una legge che fa risorgere il franchismo in un momento in cui la Troika chiede a Madrid nuovi tagli dei salari.

LA SVALUTAZIONE INTERNA

D’altronde se non puoi svalutare la moneta, l’unico modo per recuperare competitività è la svalutazione interna, ovvero la riduzione di stipendi e pensioni. Intanto, senza colpo ferire, la Russia si riprende l’Ucraina: a Mosca è bastato acquistare 15 miliardi di dollari di titoli di Stato ucraini per salvare Kiev dal fallimento. Il tutto mentre nelle piazze decine di migliaia di ucraini chiedevano invece di poter entrare nell’Unione europea. Ue che non ha mosso un dito per sostenerli.

LA VICENDA DI KIEV

Immagino la delusione degli ucraini filo-occidentali, ma presto si renderanno conto che è andata meglio così. Visto l’andazzo, nessuno si sarebbe sorpreso se l’Ue avesse chiesto a Kiev di mettere sul piatto 2 milioni di disoccupati in cambio dell’adesione al club. E veniamo all’Italia: Bank of America Merrill Lynch ha dedicato il suo ultimo report a Matteo Renzi, dicendogli senza tanti eufemismi che deve smetterla di perdere tempo con la riforma della legge elettorale per dedicarsi interamente a trovare il modo di far ripartire l’economia.

UN FUTURO FOSCO

L’analisi è deprimente: l’anno prossimo il pil dell’Italia crescerà solo dello 0,1% (sì avete letto bene), quindi basterà uno stormir di foglie per ricadere in recessione (in realtà non ne siamo ancora usciti, Merrill Lynch stima una leggera crescita nel trimestre in corso, ma non è detto che l’indovini, è meglio aspettare i dati dell’Istat). E nei prossimi due anni la disoccupazione salirà almeno al 15%. Secondo Merrill Lynch, “la situazione potrebbe deteriorarsi ulteriormente senza un allentamento della nuova regola europea sul rapporto debito pubblico/pil, che richiede all’Italia di ridurlo” di almeno 50 miliardi l’anno per i prossimi vent’anni. «Una riduzione così rapida del rapporto tra debito e pil secondo noi è semplicemente insostenibile nelle condizioni attuali, senza ricorrere a un approccio radicalmente diverso alle privatizzazioni», è la conclusione della banca americana. Insomma, o cambiamo il Fiscal Compact oppure siamo costretti a vendere tutto, ma proprio tutto (sempre che si riescano a trovare degli acquirenti).

IMPERDONABILE IMMOBILISMO

Sempre ieri è uscito sul quotidiano britannico The Telegraph un articolo di una delle sue penne più celebri, Ambrose Evans-Pritchard, intitolato “Il presidente italiano teme un insurrezione violenta nel 2014, ma non propone nessun rimedio”. Evans-Pritchard ricorda le recenti parole di Napolitano, “la recessione sta ancora mordendo dolorosamente ed è diffusa la sensazione che sarà difficile sfuggirvi e di trovare un modo per ritornare a una solida crescita”, e si stupisce che il capo dello Stato consideri inevitabile questo destino per l’Italia. Ma poi il giornalista inglese capisce il perché: “Un ex stalinista che ha applaudito l’invasione sovietica dell’Ungheria nel 1956″, Napolitano “da lungo tempo ha spostato il suo fervore ideologico sul progetto dell’Ue“. Ecco perché “per natura è incapace di mettere in discussione le premesse dell’unione monetaria“.

FUORI DALLA MONETA UNICA

E così per lui è inimmaginabile trovare la soluzione più semplice e immediata ai problemi dell’Italia: uscire dall’euro e svalutare del 20%. Restando nell’euro, secondo Evans-Pritchard, anche se nei prossimi tre anni il resto di Eurolandia godesse di una buona ripresa, il meglio che può sperare l’Italia e di non vedere aumentare la disoccupazione. La conclusione è che “nessun Paese democratico può sopportare per sempre una semi-recessione e una disoccupazione di massa quando invece sono sul tavolo alternative plausibili”. Ricapitoliamo: Stalin, Ungheria, Napolitano, permanenza nell’euro. Forse Evans-Pritchard vuole avvertirci che dobbiamo prepararci alla repressione?

Autore: Marcello Bussi - Formiche.net


L'EUROPA PASSA DALLA RECESSIONE ALLA REPRESSIONE. L'AVVERTIMENTO DI FORMICHE.NET, THINK TANK DEI ''MODERATI'' ITALIANI.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Europa   Spagna   Italia   Pritchard   Telegraph   repressione   Ungheria   Ucraina   Kiev    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PUGNO DURO POLACCO CONTRO IL PERICOLO DI INVASIONE DI MIGRANTI: COME L'UNGHERIA, CAMPI DI DETENZIONE IN FRONTIERA

PUGNO DURO POLACCO CONTRO IL PERICOLO DI INVASIONE DI MIGRANTI: COME L'UNGHERIA, CAMPI DI

lunedì 24 aprile 2017
LONDRA - Nei mesi scorsi l'Ungheria e' stata fortemente criticata per aver creato campi in cui tenere immigrati e richiedenti asilo ma il governo ungherese non si e' fatto intimidire e ha continuato
Continua
 
E' GEORGE SOROS A FINANZIARE L'INVASIONE AFRICANA DELL'ITALIA. ECCO NOMI, ORGANIZZAZIONI, NAVI E PIANI CRIMINALI

E' GEORGE SOROS A FINANZIARE L'INVASIONE AFRICANA DELL'ITALIA. ECCO NOMI, ORGANIZZAZIONI, NAVI E

venerdì 21 aprile 2017
Le principali ONG impegnate nel traffico di africani verso l'Italia sono: Moas, Jugend Rettet, Stichting Bootvluchting, Médecins sans frontières, Save the children, Proactiva Open Arms,
Continua
FINALMENTE EMERGE UNA PRIMA VERITA' SULL'INVASIONE AFRICANA IN ITALIA: LE NAVI ONG BATTONO BANDIERE OMBRA PANAMENSI.

FINALMENTE EMERGE UNA PRIMA VERITA' SULL'INVASIONE AFRICANA IN ITALIA: LE NAVI ONG BATTONO BANDIERE

venerdì 21 aprile 2017
Gli sbarchi, certo, con i numeri che parlano di "un record senza precedenti" visto che "in poco piu' di 72 ore circa 8mila migranti sono approdati in Sicilia dopo una lunga traversata in mare", ma,
Continua
 
L'AUSTRALIA RENDE ANCORA PIU' RESTRITTIVE LE CONDIZIONI DI IMMIGRAZIONE, ANCHE PER I LAVORATORI TEMPORANEI (EUROPEI)

L'AUSTRALIA RENDE ANCORA PIU' RESTRITTIVE LE CONDIZIONI DI IMMIGRAZIONE, ANCHE PER I LAVORATORI

giovedì 20 aprile 2017
Al contrario dell'Italia l'Australia fa di tutto per proteggere i propri confini tant'e' che e' uno dei pochi se non l'unico paese ad essere riuscito a fermare l'arrivo di barconi carichi di
Continua
QUATTRO CARDINALI SI RIBELLANO A PAPA BERGOGLIO, SABATO A ROMA PRENDE FORMA LA RIVOLTA: CONVEGNO PUBBLICO DEI RIBELLI

QUATTRO CARDINALI SI RIBELLANO A PAPA BERGOGLIO, SABATO A ROMA PRENDE FORMA LA RIVOLTA: CONVEGNO

mercoledì 19 aprile 2017
ROMA - Dopo i dubbi (in latino, "dubia") che quattro cardinali gli hanno indirizzato in una lettera - privata ma poi pubblicata - la ribellione a Papa Francesco prende la forma di un convegno a due
Continua
 
L'EURO-MARCO E' IL TRIONFO DEL PIANO DI WALTER FUNK, GOVERNATORE BUNDESBANK CON HITLER: SI CHIAMAVA ''MONETA-GENERALE''

L'EURO-MARCO E' IL TRIONFO DEL PIANO DI WALTER FUNK, GOVERNATORE BUNDESBANK CON HITLER: SI CHIAMAVA

martedì 18 aprile 2017
“La Germania dovrebbe, visto che è divenuta pacifica e ragionevole, prendersi tutto ciò che l’Europa e il mondo intero le ha negato in due grandi guerre, una sorta di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
COLPO SU COLPO: UCCISO A TRADIMENTO LUNEDI' UN SOLDATO ISRAELIANO SUL CONFINE, ELIMINATI TERRORISTI PALESTINESI OGGI.

COLPO SU COLPO: UCCISO A TRADIMENTO LUNEDI' UN SOLDATO ISRAELIANO SUL CONFINE, ELIMINATI TERRORISTI
Continua

 
SCONTRI DI PIAZZA IN GRECIA: AGRICOLTORI TENTANO L'ASSALTO AL PARLAMENTO. FERITO UN DIMOSTRANTE

SCONTRI DI PIAZZA IN GRECIA: AGRICOLTORI TENTANO L'ASSALTO AL PARLAMENTO. FERITO UN DIMOSTRANTE


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!