46.424.786
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

COLPO SU COLPO: UCCISO A TRADIMENTO LUNEDI' UN SOLDATO ISRAELIANO SUL CONFINE, ELIMINATI TERRORISTI PALESTINESI OGGI.

giovedì 19 dicembre 2013

Gerusalemme - L’intifada a bassa tensione, quella che ha accompagnato i colloqui di pace fortemente voluti dal presidente USA Obama e dal suo segretario di stato Kerry, quella che doveva lavorare ai fianchi lo Stato Ebraico per convincerlo sotto minaccia ai più generose e rapide offerte per raggiungere la pace impossibile, ha probabilmente visto la sua fine nella notte scorsa quando i reparti anti terrorismo dell’esercito israeliano sono entrati nelle città palestinesi di Jenin e Qalqilia.

L’operazione dello Stato Maggiore israeliano è stata decisa su informazioni di intelligence che indicavano nelle due città palestinesi la presenza di organizzatori ed esecutori degli attentati avvenuti nei giorni scorsi lungo la linea di confine fra Israele e l’Autorità Nazionale Palestinese e all’interno del territorio israeliano.

Chi siano e quanti gli arrestati ancora non è stato rivelato ai media, mentre si hanno le generalità di uno dei due palestinesi armati uccisi dalle forze speciali durante l’operazione, si tratta di Salah Yassin, 24 anni, appartenente agli apparati di intelligence generale dell'A.N.P.

La reazione palestinese all’operazione è stata furibonda e il portavoce del presidente Abbas ha dichiarato: "Israele conduce una pericolosa escalation" mentre Nabil Abu Rudeineh durante una trasmissione radio rincarava "Israele sta compiendo sforzi per tenere vivo il ciclo di violenza e di tensione” invitando la comunità internazionale ad intervenire.

Secondo il negoziatore palestinese Saeb Erekat le trattative sono diventate possibili e ha elencato tutta una serie dall’autorizzazione alla costruzione di 5.992 unità abitative negli insediamenti alla limitazione di movimento dei palestinesi, non degli arabi israeliani, verso in Moschea di Al Aqsa a Gerusalemme.

Erekat ha chiaramente dimenticato che l’autorizzazione alla costruzione è stata poi congelata dal Primo Ministro in persona e che i blocchi sono stati attuati dalle autorità militari dopo le rivolte violente e gli assembramenti che si sono registrati ogni venerdì alla fine della preghiera.

Ha aggiunto anche che  è consapevole di quanto il processo di pace sia importante che nessuno ne potrà beneficiare più dei palestinesi stessi e ha lisciato il pelo all’amico americano dichiarando alla Reuters: "Abbiamo investito tutti i nostri sforzi a quelli di John Kerry ma se Israele mantiene queste misure alla fine ci sarà il fallimento e sarà sua la responsabilità.", e lo ha fatto senza menzionare le decine di attacchi contro i civili e militari israeliani degli ultimi giorni e mettendosi in banca in vista del blocco prossimo venturo dell’ultima ‘svista obamiana’ in medioriente, blocco che avverrà, siamo pronti a scommettere, subito dopo la liberazione dell’ultimo prigioniero palestinese secondo gli accordi preventivi che la Casa Bianca ha imposto a Gerusalemme.

Michael Sfaradi - Gerusalemme 

 


COLPO SU COLPO: UCCISO A TRADIMENTO LUNEDI' UN SOLDATO ISRAELIANO SUL CONFINE, ELIMINATI TERRORISTI PALESTINESI OGGI.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Intifada   Israele   ANP   Gerusalemme   Kerry   pace    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DATI UFFICIALI DEI FALLIMENTI IN ITALIA NEL 1° TRIMESTRE 2017: SONO TERRIFICANTI, 2 FALLIMENTI OGNI ORA, +36% DAL 2009

DATI UFFICIALI DEI FALLIMENTI IN ITALIA NEL 1° TRIMESTRE 2017: SONO TERRIFICANTI, 2 FALLIMENTI

mercoledì 26 aprile 2017
Fallimenti delle imprese italiane, numeri da spavento. Nei primi tre mesi del 2017 sono state infatti 2.998 le aziende italiane che hanno portato i libri in tribunale, il 16,8% in meno rispetto ad un
Continua
 
IL DIRETTORE DI FRONTEX DENUNCIA - SULLA STAMPA TEDESCA... - I TRAFFICI DELLE MAFIE LIBICHE IN COMBUTTA CON LE ONG

IL DIRETTORE DI FRONTEX DENUNCIA - SULLA STAMPA TEDESCA... - I TRAFFICI DELLE MAFIE LIBICHE IN

mercoledì 26 aprile 2017
I giornali e l'informazione in Italia ignorano la notizia, ma è di una estrema gravità. Così, ecco che per apprenderla bisogna leggere i quotidiani tedeschi, benchè
Continua
PUGNO DURO POLACCO CONTRO IL PERICOLO DI INVASIONE DI MIGRANTI: COME L'UNGHERIA, CAMPI DI DETENZIONE IN FRONTIERA

PUGNO DURO POLACCO CONTRO IL PERICOLO DI INVASIONE DI MIGRANTI: COME L'UNGHERIA, CAMPI DI

lunedì 24 aprile 2017
LONDRA - Nei mesi scorsi l'Ungheria e' stata fortemente criticata per aver creato campi in cui tenere immigrati e richiedenti asilo ma il governo ungherese non si e' fatto intimidire e ha continuato
Continua
 
E' GEORGE SOROS A FINANZIARE L'INVASIONE AFRICANA DELL'ITALIA. ECCO NOMI, ORGANIZZAZIONI, NAVI E PIANI CRIMINALI

E' GEORGE SOROS A FINANZIARE L'INVASIONE AFRICANA DELL'ITALIA. ECCO NOMI, ORGANIZZAZIONI, NAVI E

venerdì 21 aprile 2017
Le principali ONG impegnate nel traffico di africani verso l'Italia sono: Moas, Jugend Rettet, Stichting Bootvluchting, Médecins sans frontières, Save the children, Proactiva Open Arms,
Continua
FINALMENTE EMERGE UNA PRIMA VERITA' SULL'INVASIONE AFRICANA IN ITALIA: LE NAVI ONG BATTONO BANDIERE OMBRA PANAMENSI.

FINALMENTE EMERGE UNA PRIMA VERITA' SULL'INVASIONE AFRICANA IN ITALIA: LE NAVI ONG BATTONO BANDIERE

venerdì 21 aprile 2017
Gli sbarchi, certo, con i numeri che parlano di "un record senza precedenti" visto che "in poco piu' di 72 ore circa 8mila migranti sono approdati in Sicilia dopo una lunga traversata in mare", ma,
Continua
 
L'AUSTRALIA RENDE ANCORA PIU' RESTRITTIVE LE CONDIZIONI DI IMMIGRAZIONE, ANCHE PER I LAVORATORI TEMPORANEI (EUROPEI)

L'AUSTRALIA RENDE ANCORA PIU' RESTRITTIVE LE CONDIZIONI DI IMMIGRAZIONE, ANCHE PER I LAVORATORI

giovedì 20 aprile 2017
Al contrario dell'Italia l'Australia fa di tutto per proteggere i propri confini tant'e' che e' uno dei pochi se non l'unico paese ad essere riuscito a fermare l'arrivo di barconi carichi di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
GRANDE SVILUPPO DELL'ECONOMIA ISLANDESE, FUORI DALLA GABBIA DELL'UNIONE EUROPEA (E CON I BANKSTERS FINITI IN GALERA)

GRANDE SVILUPPO DELL'ECONOMIA ISLANDESE, FUORI DALLA GABBIA DELL'UNIONE EUROPEA (E CON I BANKSTERS
Continua

 
L'EUROPA PASSA DALLA RECESSIONE ALLA REPRESSIONE. L'AVVERTIMENTO DI FORMICHE.NET, THINK TANK DEI ''MODERATI'' ITALIANI.

L'EUROPA PASSA DALLA RECESSIONE ALLA REPRESSIONE. L'AVVERTIMENTO DI FORMICHE.NET, THINK TANK DEI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!