43.275.371
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA LEGA ESPELLE MORGANTI, E LUI: ''IO SI' E CHI S'E' PAGATO COI RIMBORSI BANCHETTI, NEGRONI E CARTUCCE NO. PERCHE'?''

venerdì 26 aprile 2013

Firenze - La Lega Nord ha confermato l'espulsione dell'eurodeputato toscano Claudio Morganti dal Carroccio.

Tra le motivazioni si legge che l'europarlamentare nonostante il provvedimento di sospensione (di sei mesi circa) avrebbe ''tenuto un atteggiamento gravemente lesivo della dignita' del Movimento e di alcuni suoi esponenti in particolare, pregiudicandone l'attivita' e compromettendone l'immagine, attraverso la pubblicazione di post e commenti sul social network Facebook''.

Per il diretto interessato si tratta di motivazioni ridicole e pretestuose. ''Fa sorridere, poi, che il sottoscritto - accusa Morganti - abbia subito gli stessi provvedimenti di Belsito e Rosy Mauro, mentre militanti che hanno utilizzato soldi pubblici per comprarsi cartucce da caccia, pagarsi dei Negroni in discoteca o i banchetti di matrimonio sono tranquillamente ancora dentro il movimento. La mancanza di democrazia nella Lega Nord ha portato a provvedimenti in stile dittatoriale dove il confronto e il dissenso non sono ammessi''.

Per l'eurodeputato, tra i motivi dell'espulsione c'e' la sua contrarieta' ''al nuovo progetto del Carroccio di trattenere il 75% delle tasse nelle regioni, cosa che porterebbe alla Lombardia 16 miliardi di risorse in piu', ma che in Toscana significherebbe 5 miliardi di euro in meno all'anno''. ''Mi sono trovato davanti ad una scelta: o mi adeguavo aderendo al programma - spiega - ma sarei stato in malafede con i miei elettori, o dicevo a tutti con onesta' le conseguenze del programma della Lega Nord per la Toscana, restando cosi' leale e raccontando la verita' ai miei fratelli toscani. I miei post non sono mai stati offensivi, ma contenevano semplici considerazioni politiche e personali''. (AdnKronos)


LA LEGA ESPELLE MORGANTI, E LUI: ''IO SI' E CHI S'E' PAGATO COI RIMBORSI BANCHETTI, NEGRONI E CARTUCCE NO. PERCHE'?''




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
VERGOGNA LOMBARDA / ECCO COME MUORE UN'UNIVERSITA' A MILANO: LA FACOLTA' DI MEDICINA DELL'ATENEO VITA-SALUTE

VERGOGNA LOMBARDA / ECCO COME MUORE UN'UNIVERSITA' A MILANO: LA FACOLTA' DI MEDICINA DELL'ATENEO
Continua

 
DARIO FO, IL BUFFONE CHE NON FA RIDERE, ''SCHERZA'' SULLA STATURA DI BRUNETTA.

DARIO FO, IL BUFFONE CHE NON FA RIDERE, ''SCHERZA'' SULLA STATURA DI BRUNETTA.


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

BORIS JOHNSON: ''CODA DI STATI PER SIGLARE ACCORDI COMMERCIALI CON

18 gennaio - LONDRA - Dopo il chiarificatore discorso di ieri del primo ministro
Continua

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua

THERESA MAY: ''MEGLIO NESSUN ACCORDO CON LA UE CHE UN CATTIVO

17 gennaio - LONDRA - La Gran Bretagna lascerebbe l'Ue senza un accordo commerciale
Continua

PRIMO MINISTRO BRITANNICO: ''MODELLO UE INCOMPATIBILE CON LA NOSTRA

17 gennaio - LONDRA - Il modello dell'Ue e delle istituzioni sovranazionali ''non era
Continua

THERESA MAY: ''VIA DAL MERCATO UNICO E DA CORTE DI GIUSTIZIA E

17 gennaio - LONDRA - L'atteso di scorso di Theresa May sulla Brexit è arrivato ed
Continua

TAJANI PUO' FARCELA, DOPO LA CAPRIOLA DEI LIBERALI CHE HANNO

17 gennaio - BRUXELLES - ''Da Grillo a Berlusconi in meno di una settimana'': i
Continua

RUSSIA PRONTA A COOPERARE CON USA, UE E NATO CON RISPETTO RECIPROCO

17 gennaio - MOSCA - La Russia e' pronta a cooperazione con gli Stati Uniti, l'Unione
Continua

SCANDALO MOTORI DIESEL SI ALLARGA ANCHE ALLA RENAULT

16 gennaio - PARIGI - Lo scandalo dei motori diesel ''truccati'' si allarga. Oltre a,
Continua

ISTAT: E' UFFICIALE, 2016 L'ANNO DELLA DEFLAZIONE IN ITALIA (DAL

16 gennaio - Italia in deflazione nel 2016. In media d'anno, i prezzi al consumo
Continua

BORIS JOHNSON: ''BREXIT, TRUMP PER UN ACCORDO RAPIDO CON IL REGNO

16 gennaio - BRUXELLES - ''Una gran bella notizia'': così il ministro degli Esteri
Continua
Precedenti »