65.638.087
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

''IL BENESSERE CHE L'UNIONE EUROPEA AVREBBE DOVUTO PRODURRE, E' SEMPLICEMENTE SCOMPARSO'' (LA VANGUARDIA, BARCELLONA)

giovedì 19 dicembre 2013

BERLINO - Con quell’assenza di sfarzo che è diventata una delle qualità della politica del paese, i ministri della GroKo – acronimo di “grande coalizione”, la parola dell’anno – hanno prestato giuramento uno per uno davanti al presidente del Bundestag. Poco prima Angela Merkel aveva ricevuto il placet ufficiale del presidente dello stato federale, Joachim Gauck, in occasione di una breve udienza riservata.

L’inizio del terzo mandato di Merkel elude qualsiasi forma di ostentazione. Con due mandati in più dei suoi predecessori Konrad Adenauer e Helmut Kohl e uno in più di Gerhardt Schröder, sta quasi per raggiungere Helmut Schmidt.

Questa signora venuta dall’est è destinata dunque a entrare nella lista dei grandi cancellieri? Tutto dipenderà da ciò che accadrà in Europa e in questa Unione europea che usurpa il titolo di continente. Merkel è entrata in carica nel 2005, quando l’Ue rispondeva ancora all’appeal narcisistico che associava il suo nome al benessere e alla pace. La pace europea ha trascurato le numerose guerre che i membri delle nuova Europa, nazioni coloniali, hanno portato avanti all’estero dopo la loro adesione e che si trascinano ancora oggi, senza dimenticare il conflitto dei Balcani che si è combattuto all’interno dei suoi confini. Quanto al benessere, è semplicemente scomparso.

E così, l’Europa che Angela Merkel ha conosciuto all’inizio del suo primo mandato si è vista privare dei suoi due grandi miti risalenti alla fondazione, sostituiti da una frattura, sempre esistita ma oggi ancora più evidente: l’Europa è composta da molteplici gruppi. Il primo è formato dai beneficiari netti dell’euro, con la Germania al centro, che difendono l’austerità e il pagamento integrale dei debiti contratti dalle banche. Il secondo, dubbioso e traballante, è rappresentato dalla Francia. Un altro gruppo è formato da paesi con gradi diversi di crisi e di sfiducia, dal Portogallo all’Italia passando per la Spagna e dalla Slovenia a Cipro passando per l’Irlanda. E poi c’è il gruppo degli ultimi, alla periferia d’Europa, accusato di decadenza: dalla Grecia alla Bulgaria passando per Romania e Albania.

I venti cambiano Ed è proprio questa Europa divisa che Merkel dovrà affrontare in occasione del suo terzo mandato, che inizia con un governo di coalizione di cui è l’incontrastata dominatrice, con un appoggio schiacciante del Parlamento, un’opposizione pressoché inesistente e una situazione socioeconomica nazionale ambigua ma stabile, soprattutto rispetto alla maggioranza degli altri stati europei.

In un contesto così instabile, sarebbe una vera imprudenza non attendersi qualche sorpresa. Certo, questo è quanto suggerisce l’accordo di coalizione di 185 pagine firmato dai socialdemocratici, i cui dirigenti hanno subito un forte shock dopo le elezioni del settembre scorso, anche se sono molto contenti delle loro nuove funzioni ministeriali. Malgrado tutto, la realtà non è dettata dai documenti. Governare significa saper reagire agli imprevisti, soprattutto in tempi di crisi. Angela Merkel intende navigare in una direzione precisa, ma i venti cambiano e potrebbero portarla altrove.

L’Europa non sta attraversando soltanto una crisi riconducibile alla sua identità occidentale. A est pare covare al momento qualcosa di simile a una guerra fredda con la Russia. L’Ue, con la Germania in testa, sembra considerare l’Ucraina il cortile di casa propria. Complica la vita alle esportazioni energetiche russe e insieme alla Nato stuzzica l’orso moscovita con tutta una sorta di provocazioni militari, tra le quali uno scudo antimissile contro l’Iran che non sarà cancellato malgrado le trattative con Teheran.

La Russia ha già iniziato a dispiegare i suoi missili sul Mar Baltico e l’accordo tedesco di coalizione non fa più riferimento alla vecchia proposta di eliminare le bombe nord-americane che si trovano nel suo territorio.

Autore: Rafael Poch, corrispondente da Berlino de La Vanguardia, Barcellona. 


''IL BENESSERE CHE L'UNIONE EUROPEA AVREBBE DOVUTO PRODURRE, E' SEMPLICEMENTE SCOMPARSO'' (LA VANGUARDIA, BARCELLONA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Europa   Barcellona   Spagna   Italia   Slovenia   Cipro   Francia   Berlino   Germania   Merkel   Russia   Rafael Poch   La Vanguardia    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
MOSCOVICI ''TIENE FAMIGLIA'' E TRA POCHI MESI SARA' DISOCCUPATO: CHI PIU' DEL (DA  LUI) SALVATO MACRON POTRA' AIUTARLO?

MOSCOVICI ''TIENE FAMIGLIA'' E TRA POCHI MESI SARA' DISOCCUPATO: CHI PIU' DEL (DA LUI) SALVATO

mercoledì 12 dicembre 2018
BRUXELLES - Per tentare di soddisfare le rivendicazioni dei gilet gialli e provare a porre fine alla loro protesta,Macron è stato costretto, pena una vera "rivoluzione" di piazza in tutta la
Continua
 
LA COMMISSIONE UE DA' DEL BUGIARDO A MACRON: ''LE SUE SONO SOLO PAROLE, PER NOI VALE IL DOCUMENTO DI BILANCIO PRESENTATO''

LA COMMISSIONE UE DA' DEL BUGIARDO A MACRON: ''LE SUE SONO SOLO PAROLE, PER NOI VALE IL DOCUMENTO

martedì 11 dicembre 2018
BRUXELLES - Nella sostanza, la Commissione Ue ha dato del "parolaio" e implicitamente del bugiardo al presidente francese Macron.  "La situazione e' questa: in Francia per ora abbiamo un
Continua
CROLLATO L'INDICE DI FIDUCIA DEGLI IMPRENDITORI DELL'EUROZONA E' COME SE SI FOSSE TORNATI AL 2014, EPICENTRO DELLA CRISI

CROLLATO L'INDICE DI FIDUCIA DEGLI IMPRENDITORI DELL'EUROZONA E' COME SE SI FOSSE TORNATI AL 2014,

martedì 11 dicembre 2018
LONDRA - L'indice della fiducia degli imprenditori dei paesi dell'Eurozona in questo mese di dicembre e' sceso al livello piu' basso da quattro anni: lo riportano diversi quotidiani britannici,
Continua
 
DIE WELT: ''MACRON S'E' RIMPICCIOLITO IN UN RENZI ITALIANO. LA FRANCIA POTREBBE  PRENDERE LA STRADA DEL FALLIMENTO''

DIE WELT: ''MACRON S'E' RIMPICCIOLITO IN UN RENZI ITALIANO. LA FRANCIA POTREBBE PRENDERE LA STRADA

martedì 11 dicembre 2018
BERLINO - Sic transit fortuna mundi, si potrebbe dire. Ma di sicuro Macron questa fucilata alle spalle non l'aveva prevista, sparata dal chi l'aveva sempre sostenuto, e cioè la Germania: "La
Continua
L'ECONOMISTA FRANCESE JEAN PAUL FITOUSSI: ''EMMANUEL MACRON E' UN IMBECILLE. HO SBAGLIATO AD APPOGGIARLO ALLE ELEZIONI''

L'ECONOMISTA FRANCESE JEAN PAUL FITOUSSI: ''EMMANUEL MACRON E' UN IMBECILLE. HO SBAGLIATO AD

lunedì 10 dicembre 2018
PARIGI - L'economista francese Jean-Paul Fitoussi, non fatica a trovare in una intervista a "Il Fatto Quotidiano" pubblicata oggi un aggettivo per definire il presidente Emmanuel Macron: "Imbecille".
Continua
 
IL GOVERNO DIRA' BASTA ALLA ''OPERAZIONE SOPHIA'' (FIRMATA DA RENZI) L'INVASIONE E' FINITA E NON DEVE PIU' ACCADERE

IL GOVERNO DIRA' BASTA ALLA ''OPERAZIONE SOPHIA'' (FIRMATA DA RENZI) L'INVASIONE E' FINITA E NON

mercoledì 5 dicembre 2018
ROMA -  Il governo italiano è pronto a dare l'alt all'operazione Sophia. Il piano operativo lanciato dall'Unione europea all'indomani dei naufragi avvenuti nell'aprile 2015 con lo scopo
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
PER SCREDITARE LE PROTESTE POPOLARI CONTRO GOVERNO EURO E UE VALE TUTTO, A PARTIRE DA UN FUMOSO SCALDALO DEL CALCIO.

PER SCREDITARE LE PROTESTE POPOLARI CONTRO GOVERNO EURO E UE VALE TUTTO, A PARTIRE DA UN FUMOSO
Continua

 
UN GIUDICE FEDERALE USA METTE IN DISCUSSIONE LA ''COSTITUZIONALITA' DELL'OPERATO DELLA NSA'' (IMPEACHMENT PER OBAMA)

UN GIUDICE FEDERALE USA METTE IN DISCUSSIONE LA ''COSTITUZIONALITA' DELL'OPERATO DELLA NSA''
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!