44.300.036
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

UN ITALIANO SU TRE E' IN MISERIA: NON RIESCE A SFAMARSI, A SCALDARE CASA, A SOPRAVVIVERE. ALTRO CHE FORCONI, LE FORCHE!

lunedì 16 dicembre 2013

Il 29,9% delle persone residenti in Italia e' a rischio di poverta' o esclusione sociale. E' quanto emerge dal report sul 2012 relativo a reddito e condizioni di vita nel nostro paese.

Rispetto al 2011, l'indicatore cresce di 1,7 punti percentuali, per l'aumento della quota di persone in famiglie severamente deprivate (dall'11,2% al 14,5%); la quota di persone che vivono in famiglie a rischio di poverta' e' sostanzialmente stazionaria (19,4%) dopo l'incremento osservato tra il 2010 e il 2011; si mantiene stabile, dal 2010, anche quella relativa alla bassa intensita' lavorativa (10,3%).

Il rischio di poverta' o esclusione sociale e' di 5,1 punti percentuali piu' elevato rispetto a quello medio europeo (pari al 24,8%) come conseguenza della piu' elevata diffusione della severa deprivazione (14,5% contro una media del 9,9%) e del rischio di poverta' (19,4% contro 16,9%).

L'aumento della severa deprivazione, rispetto al 2011, e' determinato dalla piu' elevata quota di individui in famiglie che non possono permettersi durante l'anno una settimana di ferie lontano da casa (dal 46,7% al 50,8%), che non hanno potuto riscaldare adeguatamente la propria abitazione (dal 18,0% al 21,2%), che non riescono a sostenere spese impreviste di 800 euro (dal 38,6% al 42,5%) o che, se volessero, non potrebbero permettersi un pasto proteico adeguato ogni due giorni (dal 12,4% al 16,8%).

Quasi la meta' (il 48%) dei residenti nel Mezzogiorno e' a rischio di poverta' ed esclusione ed e' in tale ripartizione che l'aumento della severa deprivazione risulta piu' marcato: +5,5 punti (dal 19,7% al 25,2%), contro +2 punti del Nord (dal 6,3% all'8,3%) e +2,6 punti del Centro (dal 7,4% al 10,1%).

Il rischio di poverta' o esclusione sociale e' piu' alto per le famiglie numerose (39,5%) o monoreddito (48,3%); aumenti significativi, tra il 2011 e il 2012, si registrano tra gli anziani soli (dal 34,8% al 38,0%), i monogenitori (dal 39,4% al 41,7%), le famiglie con tre o piu' figli (dal 39,8% al 48,3%), se in famiglia vi sono almeno tre minori. Nel 2011, la severa deprivazione tra le persone in famiglie a prevalente reddito da lavoro autonomo era piu' contenuta (7,1%) di quella osservata tra i membri delle famiglie con redditi da lavoro dipendente (10,7%); nel 2012 la differenza si riduce in misura significativa (12,6% contro 13,7%) a seguito dell'aumento piu' consistente rilevato tra i membri delle famiglie del primo tipo.

La meta' delle famiglie residenti in Italia ha percepito, nel 2011, un reddito netto non superiore a 24.634 euro l'anno (circa 2.053 al mese). Nel Sud e nelle Isole il 50% delle famiglie percepisce meno di 20.129 euro (circa 1.677 euro mensili). Il reddito mediano delle famiglie, che vivono nel Mezzogiorno e' pari al 73% di quello delle famiglie residenti al Nord; per il Centro il valore sale al 96%. Il 20% piu' ricco delle famiglie residenti in Italia percepisce il 37,5% del reddito totale, mentre al 20% piu' povero spetta l'8%.

Nel 2011, la disuguaglianza misurata dall'indice di Gini mostra un valore piu' elevato nel Mezzogiorno (0,33), inferiore nel Centro (0,31) e nel Nord (0,29). Su scala nazionale l'indice di Gini e' pari allo 0,32. Dopo l'aumento osservato tra il 2009 e il 2010, rimangono sostanzialmente stabili sia l'indice di Gini sia l'indicatore relativo alla quota di reddito posseduta dal 20% piu' ricco e piu' povero della popolazione. (Asca)


UN ITALIANO SU TRE E' IN MISERIA: NON RIESCE A SFAMARSI, A SCALDARE CASA, A SOPRAVVIVERE. ALTRO CHE FORCONI, LE FORCHE!


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Forconi   forche   governo   italiani   miseria   ilNord    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO DI RENZI'' 11 ANNI

FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO

venerdì 24 febbraio 2017
Quarantacinque imputati, di cui 43 persone e 2 societa', 70 udienze e oltre 3.600 pagine processuali di impianto accusatorio. Sono alcuni dei numeri del processo per il crac dell'ex Credito
Continua
 
CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI VOI (STEPHEN BANNON)

CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI

venerdì 24 febbraio 2017
Stephen K. Bannon, capo della strategia della Casa Bianca ed esponente della "Destra alternativa" statunitense ("Alt-Right"), ritenuto il vero ispiratore di molte posizioni espresse dal presidente
Continua
TRUMP AFFERMA IL PRIMATO DELLA POLITICA - DEL POPOLO - SULLA BUROCRAZIA E I BANCHIERI. PER QUESTO FA TANTA PAURA ALLA UE

TRUMP AFFERMA IL PRIMATO DELLA POLITICA - DEL POPOLO - SULLA BUROCRAZIA E I BANCHIERI. PER QUESTO

giovedì 23 febbraio 2017
"Il presidente Trump riafferma il primato della politica sulla finanza". A dirlo in un'intervista con Labitalia Maurizio Primanni, ceo di Excellence Consulting, società di consulenza nel
Continua
 
SONDAGGIO BOMBA: MARINE LE PEN VITTORIOSA AL 1° TURNO DELLE PRESIDENZIALI (POTREBBE ANCHE DIVENTARE SUBITO PRESIDENTE)

SONDAGGIO BOMBA: MARINE LE PEN VITTORIOSA AL 1° TURNO DELLE PRESIDENZIALI (POTREBBE ANCHE

giovedì 23 febbraio 2017
PARIGI - Crescono del 2,5 per cento rispetto a inizio febbraio per il leader del partito Front National, Marine Le Pen, le possibilita' di vincere al primo turno le elezioni presidenziali
Continua
PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN EURO (QUESTO TEME LA UE)

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN

mercoledì 22 febbraio 2017
Mentre si avvicinano le elezioni olandesi dove è molto probabile che il partito anti euro e anti Ue di Wilders, alleato di Salvini e della Le Pen, ottenga un risultato incoraggiante e quelle
Continua
 
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL GRANDE ECONOMISTA JACQUES SAPIR: FORCONI IN ITALIA, BERRETTI ROSSI IN FRANCIA, SEPARATISMO IN SPAGNA: L'EURO E' MORTO

IL GRANDE ECONOMISTA JACQUES SAPIR: FORCONI IN ITALIA, BERRETTI ROSSI IN FRANCIA, SEPARATISMO IN
Continua

 
ECCO LA MAPPA DEI BLOCCHI E DEI PRESIDI DEI ''FORCONI'' IN VENETO: E AI BLOCCHI PARTECIPANO MAMME COI FIGLI PICCOLI!

ECCO LA MAPPA DEI BLOCCHI E DEI PRESIDI DEI ''FORCONI'' IN VENETO: E AI BLOCCHI PARTECIPANO MAMME
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!