44.332.375
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ENNESIMA PROVOCAZIONE: CECCHINO LIBANESE UCCIDE UFFICIALE ISRAELIANO IN TERRITORIO DI ISRAELE AL CONFINE COL LIBANO.

lunedì 16 dicembre 2013

Gerusalemme -  Ieri sera, intorno alle  21.00 (20.00 ore italiane) , nella zona di confine fra Israele e Libano non lontano da Rosh Hanikrà, una delle porte che permette il passaggio agli autorizzati fra lo Stato Ebraico e il Paese dei cedri, un cecchino dell’esercito libanese, senza motivo apparente, ha aperto il fuoco contro una pattuglia dell’esercito israeliano in missione di pattugliamento del confine.

L’incidente a fuoco, che potrebbe aprire qualche tragico spiraglio a una ripresa dei combattimenti su un fronte che dalla guerra del 2006 era rimasto relativamente tranquillo, è costato la vita a Shlomo Cohen ufficiale dell’esercito israeliano di 31 anni che è stato ripetutamente colpito dagli spari.

L’uomo è arrivato in condizioni disperate all’ospedale ‘Est Galil’ di Nahariya ed è morto dopo pochi minuti dal ricovero senza riprendere mai conoscenza.

Shlomo Cohen lascia la moglie e un figlio nato da pochi mesi.

Il tenente colonnello Peter Lerner, portavoce dell’esercito israeliano, ha denunciato il fatto alle truppe ONU presenti in zona e responsabili del cessate il fuoco, truppe attualmente comandate dal generale italiano Paolo Serra.

Il colonnello Andrea Tenenti, portavoce dell'Unifil, si è per il momento limitato a dire che la missione è stata informata del ‘grave incidente’ ed è in contatto con le parti che stanno cooperando.

La quasi totalità dei media, nelle prime ore che sono seguite all’incidente,  si siano affrettate, senza alcuna base o informazione, a diffondere la notizia che lo scontro a fuoco era avvenuto dopo l’ingresso dei militari israeliani sul suolo libanese, e questo per giustificare se non assolvere il responsabile o i responsabili dell’accaduto e far ricadere la colpa sui militari dello stato ebraico.

La spericolata invenzione aggiunta ai fatti è stata però smentita dallo stesso colonnello Tenenti che dopo una ispezione sul luogo dell’agguato ha dichiarato che il fatto è accaduto sul lato israeliano della linea di confine mettendo così fine ai dubbi e alle facili speculazioni.

Anche stavolta, nonostante la gravità del fatto e la semplicità della dinamica, diverse televisioni e testate online e di carta stampata hanno fatto di tutto per creare disinformazione e fare propaganda filoaraba.

Alla luce di tutto ciò, e dei molteplici fatti che in passato siamo stati costretti a denunciare, è chiaro che neanche l’incompetenza può più essere portata a giustificazione di tale linea di comportamento da parte di chi dovrebbe fare informazione invece fa propaganda, comportamento che oltre ad essere al di fuori di ogni etica dell’informazione ha ormai superato ogni linea di sopportazione.

Michael Sfaradi - Gerusalemme.

 


ENNESIMA PROVOCAZIONE: CECCHINO LIBANESE UCCIDE UFFICIALE ISRAELIANO IN TERRITORIO DI ISRAELE AL CONFINE COL LIBANO.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

cecchino   Libano   agguato   ufficiale   israeliano   confine   Israele   ilNord    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA FRANCIA - IN SILENZIO - HA RESPINTO FINORA IN ITALIA 30.000 AFRICANI CHE HANNO PROVATO A INVADERLA DALLA LIGURIA

LA FRANCIA - IN SILENZIO - HA RESPINTO FINORA IN ITALIA 30.000 AFRICANI CHE HANNO PROVATO A

mercoledì 8 febbraio 2017
PARIGI - Bisogna leggere il quotidiano di sinistra Libèration, che dedica grande spazio alla notizia, per venire a sapere che la Francia arresta e rispedisce sistematicamente in Italia - in
Continua
 
L'INTERVISTA / ''LE REQUISIZIONI DI PROPRIETA' PRIVATE PER L'EMERGENZA MIGRANTI SONO INCOSTITUZIONALI''

L'INTERVISTA / ''LE REQUISIZIONI DI PROPRIETA' PRIVATE PER L'EMERGENZA MIGRANTI SONO

giovedì 24 novembre 2016
In merito ai provvedimenti di requisizione ordinati dal Ministro dell'Interno Angelino Alfano alle Prefetture per la requisizione di immobili privati da destinarsi all'accoglienza degli immigrati che
Continua
REPUBBLICA CECA DICE BASTA ALL'ACCOGLIENZA DEI PROFUGHI CRISTIANI: ''SCAPPANO E VANNO IN GERMANIA, NON NE VOGLIAMO PIU'!''

REPUBBLICA CECA DICE BASTA ALL'ACCOGLIENZA DEI PROFUGHI CRISTIANI: ''SCAPPANO E VANNO IN GERMANIA,

lunedì 11 aprile 2016
LONDRA - Mentre in Italia la nostra classe politica sta favorendo l'invasione del nostro paese, il governo della Repubblica Ceca ha sospeso un programma di accoglienza “selezionata”
Continua
 
ANNUNCIO BOMBA DI ANGELA MERKEL: ''C'E' IL RISCHIO CONCRETO D'ARRIVARE A UNO SCONTRO MILITARE IN EUROPA'' (ALLARME!)

ANNUNCIO BOMBA DI ANGELA MERKEL: ''C'E' IL RISCHIO CONCRETO D'ARRIVARE A UNO SCONTRO MILITARE IN

martedì 3 novembre 2015
BERLINO - Con un annuncio shock, la cancelliera tedesca Angela Merkel ha messo in guardia dallo scoppio di possibili scontri militari e disordini nel caso in cui la Germania decidesse di chiudere ai
Continua
L'AUSTRIA HA DECISO LA COSTRUZIONE DI UN MURO ANTI IMMIGRATI ALLA FRONTIERA CON LA SLOVENIA. LA UE NON ESISTE PIU'.

L'AUSTRIA HA DECISO LA COSTRUZIONE DI UN MURO ANTI IMMIGRATI ALLA FRONTIERA CON LA SLOVENIA. LA UE

mercoledì 28 ottobre 2015
VIENNA - Il recente successo elettorale del partito della liberta' di Hans Christian Strache sta influenzando profondamente il dibattito politico nazionale tant'e' che proprio in oggi il ministro
Continua
 
I PAESI BALTICI SI RIBELLANO ALLE POLITICHE MIGRATORIE DELLA UE  E L'ESTONIA COSTRUISCE MURO DI 90 KM. LUNGO IL CONFINE

I PAESI BALTICI SI RIBELLANO ALLE POLITICHE MIGRATORIE DELLA UE E L'ESTONIA COSTRUISCE MURO DI 90

venerdì 23 ottobre 2015
LONDRA - L'opposizione alle politiche migratorie della UE si e' estesa anche nei paesi baltici, e ovviamente la stampa e la televisione italiane se ne guardano bene dal darne la notizia. Il 10
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
RENZI VUOLE ABOLIRE LA BOSSI-FINI, CAMERON INVECE VUOLE DIFENDERE L'INGHILTERRA DALL'IMMIGRAZIONE SELVAGGIA (BRAVO!)

RENZI VUOLE ABOLIRE LA BOSSI-FINI, CAMERON INVECE VUOLE DIFENDERE L'INGHILTERRA DALL'IMMIGRAZIONE
Continua

 
L'UNIONE EUROPEA AUMENTA LE PENSIONI DEI SUOI BUROCRATI - PAGATE DAI CONTRIBUENTI EUROPEI!

L'UNIONE EUROPEA AUMENTA LE PENSIONI DEI SUOI BUROCRATI - PAGATE DAI CONTRIBUENTI EUROPEI!


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!