46.517.782
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

RENZI VUOLE ABOLIRE LA BOSSI-FINI, CAMERON INVECE VUOLE DIFENDERE L'INGHILTERRA DALL'IMMIGRAZIONE SELVAGGIA (BRAVO!)

lunedì 16 dicembre 2013

Londra - Continua il pugno di ferro britannico contro l'immigrazione. Già qualche giorno fa David Cameron aveva infatti annunciato l'intenzione di stringere i cordoni dei sussidi inglesi previsti per migranti, rilanciando quest'eventualità venerdì durante una visita ad una fabbrica di tè. Nonostante le pesanti critiche giunte dall'Unione europea, per voce del commissario Laszlo Andor, il primo ministro è tornato a scagliarsi contro la migrazione 'senza limitazioni' all'interno dell'Ue, affermando inoltre che gli spostamenti verso la Gran Bretagna dovrebbero essere consentiti solo a cittadini di Paesi che hanno un livello di ricchezza simile a quello di Londra, mentre dovrebbe essere sostanzialmente vietato per quelli che provengono dalle realtà più povere del Vecchio.

Quella di Cameron è una presa di posizione che si muove su due livelli distinti: il primo riguarda la 'minaccia' di bulgari e rumeni, cittadini europei  che da gennaio potranno godere degli stessi diritti di quelli degli altri Paesi perché ormai trascorsi i cinque anni di transizione dall'ingresso nell'unione (2007), il secondo è invece l'avvicinarsi delle elezioni in Inghilterra (2015), perciò gli annunci dal forte tono, per certi versi, antieuropeo, va ad abbracciare l'elettorato più conservatore del Paese di sua Maestà.

Durante il suo discorso, il premier ha affermato di essere al lavoro per mettere un freno ai "fattori di attrazione" della Gran Bretagna per i migranti, riferendosi cioè a forti strette sui benefit previsti al momento dalla legge: stop per i primi tre mesi senza lavoro ai sussidi di disoccupazione, forti limitazioni anche a quelli sulla casa e inasprimento dei controlli sulla residenza. Ma anche espulsioni limitate nel tempo (un anno a meno che non si dimostri di cercare attivamente un impiego), restrizioni per i migranti che dimostrano di non conoscere la lingua inglese (stop ai benefit se il livello di inglese non permette di trovare lavoro) e sussidi sospesi dopo sei mesi senza un impiego.

"Stiamo mettendo in atto misure molto dure e controlli" ha detto Cameron durante la sua visita di venerdì, aggiungendo inoltre che "in futuro ci sarà bisogno di fare di più". Secondo il primo ministro l'Europa dovrebbe prevedere una transizione più lunga per i Paesi neo entrati nell'Unione, specificando che il lasso di tempo andrebbe esteso finché "non venga raggiunta una quota adeguata del PIL" e che nell'attesa dovrebbe essere assolutamente vietata qualsiasi "libertà di movimento". Infatti, ha detto ancora Cameron, il governo laburista che aveva il potere nel 2004 ha commesso un grave "errore" quando ha permesso a 1 milione e 500 mila migranti provenienti dalla Polonia e da altri Paesi dell'Europa orientale di entrare in Inghilterra. "A quest'ultimi - ha specificato il primo ministro - furono accordati immediatamente l'accesso ai posti di lavoro britannici senza alcuna limitazione, nonostante si trattasse di Nazioni molto più povere di noi".

Articolo scritto da Luca Lampugnani  per International Business Times. - che ringraziamo. 


RENZI VUOLE ABOLIRE LA BOSSI-FINI, CAMERON INVECE VUOLE DIFENDERE L'INGHILTERRA DALL'IMMIGRAZIONE SELVAGGIA (BRAVO!)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

David   Cameron   Gran Bretagna   immigrazione   bulgari   romeni   disoccupazione   frontiere   controlli    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IL DIRETTORE DI FRONTEX DENUNCIA - SULLA STAMPA TEDESCA... - I TRAFFICI DELLE MAFIE LIBICHE IN COMBUTTA CON LE ONG

IL DIRETTORE DI FRONTEX DENUNCIA - SULLA STAMPA TEDESCA... - I TRAFFICI DELLE MAFIE LIBICHE IN

mercoledì 26 aprile 2017
I giornali e l'informazione in Italia ignorano la notizia, ma è di una estrema gravità. Così, ecco che per apprenderla bisogna leggere i quotidiani tedeschi, benchè
Continua
 
L'AUSTRALIA RENDE ANCORA PIU' RESTRITTIVE LE CONDIZIONI DI IMMIGRAZIONE, ANCHE PER I LAVORATORI TEMPORANEI (EUROPEI)

L'AUSTRALIA RENDE ANCORA PIU' RESTRITTIVE LE CONDIZIONI DI IMMIGRAZIONE, ANCHE PER I LAVORATORI

giovedì 20 aprile 2017
Al contrario dell'Italia l'Australia fa di tutto per proteggere i propri confini tant'e' che e' uno dei pochi se non l'unico paese ad essere riuscito a fermare l'arrivo di barconi carichi di
Continua
STUDIO SHOCK DELL'FMI: LA GLOBALIZZAZIONE (E L'INNOVAZIONE) SONO LE CAUSE DEL CROLLO DEL LAVORO E DELLE IMPRESE ITALIANE

STUDIO SHOCK DELL'FMI: LA GLOBALIZZAZIONE (E L'INNOVAZIONE) SONO LE CAUSE DEL CROLLO DEL LAVORO E

lunedì 10 aprile 2017
L'innovazione tecnologica e la globalizzazione sono di gran lunga le principali cause della perdita di reddito da lavoro rispetto al totale, specialmente in Paesi come Italia e Germania. Il fatto
Continua
 
VISTO DA VICINO / GEERT WILDERS, L'UOMO CHE DOMANI POTREBBE SFERRARE IL COLPO DEL KO ALL'UNIONE EUROPEA

VISTO DA VICINO / GEERT WILDERS, L'UOMO CHE DOMANI POTREBBE SFERRARE IL COLPO DEL KO ALL'UNIONE

martedì 14 marzo 2017
AMSTERDAM - "Il mio idolo - ha detto in un'occasione - è Oriana Fallaci: capì il pericolo musulmano". Classe 1963, cattolico di formazione, nemico dell'immigrazione selvaggia, degli
Continua
INCHIESTA / IL FRONT NATIONAL PRIMO PARTITO TRA I GIOVANI FRANCESI, QUASI UNO SU DUE VOTERA' PER MARINE LE PEN

INCHIESTA / IL FRONT NATIONAL PRIMO PARTITO TRA I GIOVANI FRANCESI, QUASI UNO SU DUE VOTERA' PER

venerdì 3 marzo 2017
PARIGI - Sono l'orgoglio e la speranza del Front national, il partito leader del fronte sovranista francese. E alcuni di loro siedono ancora sui banchi di scuola superiore. La formazione guidata da
Continua
 
DER SPIEGEL: ''ALTRO CHE FINE DELLA CRISI DELL'EUROZONA. PORTOGALLO, ITALIA, GRECIA PRONTE ALLA BANCAROTTA (DA EURO)''

DER SPIEGEL: ''ALTRO CHE FINE DELLA CRISI DELL'EUROZONA. PORTOGALLO, ITALIA, GRECIA PRONTE ALLA

martedì 28 febbraio 2017
BERLINO - "Sono trascorsi sette anni dallo scoppio della crisi greca e dal primo piano di aiuti europei. Oggi la Grecia ha fatto alcuni passi avanti - scrive il settimanale tedesco Der Spiegel - ma
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
I DATI ECONOMICI DELL'EUROPA DELL'EURO RESI PUBBLICI DA EUROSTAT SONO DRAMMATICI: ''IL PEGGIOR CALO DA SETTEMBRE 2012''

I DATI ECONOMICI DELL'EUROPA DELL'EURO RESI PUBBLICI DA EUROSTAT SONO DRAMMATICI: ''IL PEGGIOR CALO
Continua

 
ENNESIMA PROVOCAZIONE: CECCHINO LIBANESE UCCIDE UFFICIALE ISRAELIANO IN TERRITORIO DI ISRAELE AL CONFINE COL LIBANO.

ENNESIMA PROVOCAZIONE: CECCHINO LIBANESE UCCIDE UFFICIALE ISRAELIANO IN TERRITORIO DI ISRAELE AL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!