50.729.613
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

REPORTAGE INDIPENDENTE / PARLA UN ITALIANO TRASFERITOSI 10 ANNI FA: ''L'UNGHERIA ORA E' UNA MERAVIGLIA. E' CASA MIA''.

mercoledì 11 dicembre 2013

Budapest - Generalmente gli italiani conoscono poco della storia, delle usanze e soprattutto dell’origine del popolo ungherese. La storia nota si ferma alla prima guerra perché si parla d’Austria - Ungheria, oltre a ciò, generalmente, la conoscenza di questo antico popolo non va.  Chi è stato in Ungheria è subito colpito dalla complessità della lingua, ma nessuno si chiede il perché, quali siano le origini di questo popolo che incredibilmente dalle steppe euro-asiatiche si stabilì nel bacino dei Carpazi.. Per capirlo invece bisogna risalire proprio alla discesa delle sette tribù   che l’elessero a loro residenza.

In Italia, molti confondono Budapest con Bucarest, si crede che siano slavi, un popolo dell’est al pari dei bulgari o ucraini…. un badantiland. Niente di più falso e sbagliato.  L’Ungheria non è un paese dell’est, ma della Mitteleuropa, quella Europa centrale che apparteneva alla duplice monarchia asburgica.

Raramente gli ungheresi emigrano e se lo fanno per gravi necessità  è solo una questione temporanea, sono legati a filo doppio alla loro terra, una terra ricca di cultura, di tradizioni, di risorse naturali, ma che le guerre hanno distrutta, divisa, depredata.

In Ungheria venivano i poveri italiani a lavorare prima della Grande Guerra, questo era il granaio dell’Impero e lo sviluppo era in espansione. La perdita della guerra ed il successivo trattato di Trianon, che in modo criminale ridusse il paese ad un terzo della sua superficie, togliendo anche oltre  un terzo dei suoi abitanti di lingua magiara, trasformarono un grande regno in un piccolo paese. Uno scandaloso errore che nessuno ha ritenuto giusto  correggere. Una seconda guerra persa, l’occupazione sovietica, mezzo secolo di comunismo, un comunismo, dopo la rivolta del 1956, trasformato, come dicono loro, in un guyas socialismo non ha certamente aiutato ad una crescita parallela agli altri paesi dell’Europa occidentale, anche se ebbero un socialismo  casereccio molto aperto in confronto agli altri del blocco sovietico.

L’errore di un cambio di regime repentino, senza possibilità di una lenta introduzione nel mercato libero, la incapacità dei governi, la rapacità del  capitalismo occidentale hanno messo in ginocchio per la terza volta in un secolo questa nobile nazione.

La ripresa oggi si vede in ogni campo. Mentre noi, purtroppo, siamo in discesa, qui sono in salita, una salita dura, aspra, ma la volontà d’arrivare in cima c’è. In questa situazione il sociale è stato in gran parte abbandonato, e questo per una popolazione che era stata abituata  al sociale più completo è uno shock.

La gente vive in un mondo globalizzato dove tutto ciò che è nuovo tecnicamente ha più o meno gli stessi prezzi che in tutta Europa, ma gli stipendi invece, non sono stati adeguati a questo continuo cambiamento e sviluppo della tecnologia.

Tutto ciò depaupera sempre di più i risparmi che se ne vanno in attrezzature, apparecchi, auto che non vengono  in gran parte prodotti in loco ma importati.

La dignità, l’orgoglio di questo popolo non fa accorgere un turista frettoloso delle differenze sociali che purtroppo il nuovo sistema ha portato in questo mondo abituato ad un grigio conformismo, in superficie egalitario.

L’Ungheria è bella, la popolazione gentile, educata e di una generosità a noi sconosciuta, non esiste la criminalità alla quale ormai l’Italia ci ha abituato, il clima è buono, come l’enologia e la gastronomia.  Cosa si può pretendere di più?

Per questo motivo abbandonai, ormai dieci anni or sono, quell’Italia, tanto amata ma che non riconoscevo più, che mi faceva sentire un esule in Patria, a questo punto meglio è stato esserlo all’estero.

Estero per modo di dire perché qui ho ritrovato quell’atmosfera che mi ricordava i miei anni giovanili, quindi un semplice ritorno a casa.

Antonio Dal Fabbro - Budapest


REPORTAGE INDIPENDENTE / PARLA UN ITALIANO TRASFERITOSI 10 ANNI FA: ''L'UNGHERIA ORA E' UNA MERAVIGLIA. E' CASA MIA''.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Ungheria   Budapest   capitale   rinascita   lavoro   patria   casa    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SCONTRO FRONTALE GRECIA-UE: IL PARLAMENTO APPROVA IL BILANCIO 2014, LA TROIKA (COMANDATA DALLA GERMANIA) LO RESPINGE.

SCONTRO FRONTALE GRECIA-UE: IL PARLAMENTO APPROVA IL BILANCIO 2014, LA TROIKA (COMANDATA DALLA
Continua

 
LA COMMISSIONE EUROPEA ORDINA ALLA CROAZIA: TAGLIATE SALARI E ASSISTENZA SOCIALE E AUMENTATE LE TASSE (COME FACEVA TITO)

LA COMMISSIONE EUROPEA ORDINA ALLA CROAZIA: TAGLIATE SALARI E ASSISTENZA SOCIALE E AUMENTATE LE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!