55.071.429
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

MIRACOLO A TORINO: STUDENTI IN CORTEO SOLIDARIZZANO CON LA POLIZIA. GRIDANO: ''CELERINO UNO DI NOI!'' (MAI ACCADUTO)

martedì 10 dicembre 2013

SCIOPERO 9DICEMBRE - «Oggi decideremo come portare avanti la nostra mobilitazione. Se i politici non andranno a casa e domani sarà votata la fiducia al governo Letta, ci sarà un’azione eclatante non violenta a Roma e forse in altre città: non ci arrendiamo». Lo ha detto uno dei coordinatori del movimento «9 dicembre», Danilo Calvani, che guida la protesta del movimento. Intanto prosegue l’onda lunga dello sciopero iniziato lunedì, contro le tasse e in generale contro il governo, che ieri ha percorso tutta l’Italia.

Sul gesto dei poliziotti che si sono tolti i caschi, Mariano Ferro, tra i leader del movimento di protesta,  ha detto che «è un’immagine meravigliosa, che rimarrà a lungo». «Dopo quattro anni di lavoro sembra che l’Italia si sia svegliata - ha aggiunto -. È stato un elettroshock».

E a Torino gli studenti hanno solidarizzato questa mattina con le forze dell’ordine, in un’inedita inversione di tendenza. Almeno 500 ragazzi si sono messi a gridare, in direzione dei poliziotti: «Casco blu, manifesta pure tu» e poi ancora, sempre rivolti agli agenti, «Caschi giù», «Celerino uno di noi» e stanno chiedendo ai poliziotti di unirsi alla loro protesta contro il «mal governo regionale».

Ancora a Torino, nella notte un gruppo di manifestanti ha cercato di impedire l’uscita di tre camion dal Caat di Orbassano (i mercati generali). Un altro gruppo con i trattori ha bloccato parzialmente l’uscita di Avigliana est dell’autostrada Torino Bardonecchia. A Torino circa 50 manifestanti presidiano piazza Derna e altrettanti piazza Pitagora rallentando la circolazione. Un piccolo presidio è rimasto davanti alla Regione Piemonte in piazza Castello. Altri dimostranti hanno bloccato piazza Statuto. Anche oggi i commercianti che avevano aperto sono stati costretti a tirare giù le serrande da alcuni esponenti del movimento dei forconi (notizia non confermata, lo scrive il Corriere della Sera in questo articolo). Tutti i blocchi non sono stati preannunciati alla questura e sono improvvisati. La polizia è intervenuta in piazza Derna per rimuovere un raggruppamento che stava ostacolando il traffico. Sette persone sono state accompagnate in Questura, altre 30 sono state identificate e saranno segnalate all’Autorità giudiziaria. Si aggiungono alle tre persone che sono state identificate e denunciate ieri sera.

Le proteste proseguono a macchia d’olio anche in altre città d’Italia. A Imperia seconda giornata di blocchi stradali: dalle 8,25 circa un gruppo di manifestanti ha bloccato l’accesso allo svincolo di Imperia Est dell’Autostrada dei Fiori, così come già avvenuto nel primo pomeriggio di lunedì. Scandendo gli slogan «ladri» e «forconi» un gruppo di circa trenta manifestanti ha poi invaso pacificamente per qualche minuto la sede della Prefettura: i manifestanti sono stati fatti quasi subito uscire dalle forze dell’ordine e sono tornati per strada bloccando la circolazione. Occupati anche i binari della stazione di Oneglia-Imperia e la linea internazionale Genova-Ventimiglia è interrotta. A Savona è stato sgomberato dalla polizia e poi rioccupato il presidio sulla via Aurelia, nei pressi della Torretta: il traffico è bloccato. A Genova, infine, i manifestanti si stanno concentrando in zona Corvetto ed è possibile un nuovo corteo nelle vie della città. 

Disagi anche a Bergamo: i manifestanti si sono raggruppati lungo la provinciale Padana Superiore a Treviglio e allo svincolo per l’aeroporto di Orio al Serio lungo l’Asse interurbano di Bergamo. Ad Arezzo TrasportUnito e il comitato «partite iva» stanno nuovamente manifestando alla stazione per sensibilizzare la popolazione. «Il nostro sciopero - spiega Livio Ricci, referente di TrasportoUnito Fiap Siena e Arezzo - si svolgerà con le mani in tasca, e serve solamente a far capire alla classe politica che siamo francamente sfiniti. Non pagheremo più l’Iva e le tasse che ci servono per pagare i nostri operai fino a che il Governo non si rende conto della situazione drammatica in cui viviamo, noi come tutto il Paese». 

A Milano è atteso un corteo di trattori che dall’Idroscalo si muoverà verso il centro della città mentre a Roma va avanti il presidio in zona Ostiense. E se a Catania è trascorsa senza alcun problema la «prima notte» di presidi e volantinaggi, nel rispetto delle ordinanze emesse dal prefetto e dal questore del capoluogo etneo, a Palermo è sotto assedio la sede della Regione Siciliana: i manifestanti, anche qui, scandiscono cori e slogan contro «la politica e i politici assassini». 

In Puglia si registrano momenti di protesta di alcuni autotrasportatori e del movimento dei Forconi, con presidi stradali che stanno causando qualche disagio alla viabilità. In particolare sulla tangenziale di Bari, in direzione sud, si segnala una coda di circa 2 chilometri di camion e tir. Anche a Foggia, sulla statale 16, sono segnalati due presidi di manifestanti su entrambi i sensi di marcia.

Articolo pubblicato dal Corriere.it - che ringraziamo. 


MIRACOLO A TORINO: STUDENTI IN CORTEO SOLIDARIZZANO CON LA POLIZIA. GRIDANO: ''CELERINO UNO DI NOI!'' (MAI ACCADUTO)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Forconi   9dicembre   movimento   manifestazioni   blocchi   Torino   Genova   Imperia   Puglia   Lazio   il Nord    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN DURO DEL FPOE!

IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN

sabato 16 dicembre 2017
VIENNA - I nazionalisti vanno al governo in Austria, finalmente. E non solo, Vienna batte Berlino sul tempo, dato che in Germania un qualsiasi nuovo governo è ancora ben al di là
Continua
 
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua
INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA MEGLIO GIOVENTU' NE VA!

INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA

martedì 12 dicembre 2017
Nel 2016, ben 124.000 italiani sono emigrati all’estero e di questi il 39% aveva tra i 18 ed 34 anni, per la maggior parte con titolo di studio qualificato. Come mai una simile emorragia di
Continua
 
SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE IMPOSIZIONE DI MIGRANTI

SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE

martedì 12 dicembre 2017
BUDAPEST - Il parlamento ungherese ha approvato oggi la risoluzione che condanna la decisione del Parlamento europeo sulla riforma del sistema di asilo. Lo riferisce l'agenzia slovacca "Tasr" citando
Continua
CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN BEL GOLPE FRANCHISTA?

CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN

martedì 12 dicembre 2017
BARCELLONA - La trategia repressiva decisa dal governo Rajoy contro la Catalogna si sta trasformando in un boomerang micidiale per Madrid. Il gruppo di partiti indipendentisti molto probabilmente
Continua
 
IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO ESSERE ESPULSI

IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO

martedì 12 dicembre 2017
BERLINO - Il ministro dell'Interno tedesco, il cristiano democratico Thomas de Maizière (della Cdu, partito di orientamento cristiano simile alla vecchia Dc italiana), in un'intervista
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
GRILLO SCRIVE AI COMANDANTI DELLE FORZE DELL'ORDINE: ''NON PROTEGGETE PIU' QUESTI POLITICI, UNITEVI AL POPOLO IN PIAZZA''

GRILLO SCRIVE AI COMANDANTI DELLE FORZE DELL'ORDINE: ''NON PROTEGGETE PIU' QUESTI POLITICI, UNITEVI
Continua

 
TRE MASSIMI ECONOMISTI ITALIANI HANNO SPIEGATO AL PARLAMENTO EUROPEO PERCHE' ''L'ITALIA SI SALVA SOLO SE LASCIA L'EURO''.

TRE MASSIMI ECONOMISTI ITALIANI HANNO SPIEGATO AL PARLAMENTO EUROPEO PERCHE' ''L'ITALIA SI SALVA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!