43.364.518
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL DECLINO DI OBAMA: NON RIESCE AD AFFRONTARE I GRAVI PROBLEMI DEL MONDO E SI LAMENTA. SI', DELL'IPHONE...

sabato 7 dicembre 2013

Gerusalemme -  Certo essere l’uomo più potente del mondo non è da tutti, si tratta certamente di un mestiere molto difficile e stressante.

Di fotografie che provano la fatica di Barak Hussein Obama nel suo estenuante lavoro con i fidi consiglieri della Casa Bianca mentre si danno da fare all’interno dello studio ovale ne abbiamo viste diverse e le più importanti, forse molti di voi se le ricorderanno, sono state quelle con i piedi poggiati sulla scrivania mentre parlava al telefono con il Primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu o quella con la mazza da baseball in mano mentre, sempre al telefono, dialogava con il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan.

Comunque, alla fine, un bel giro a golf in uno dei più esclusivi club al mondo è sempre un buon rimedio contro lo stress e la depressione.

Roba da ricchi direte voi, il minimo però per l’uomo più potente della terra che ogni giorno da cinque anni a questa parte deve combattere e provvedere a tutti i mali del mondo, e se pensiamo che il destino gli riserva ancora altri tre anni di questa vita c’è quasi da compatirlo.

Pensandoci bene però chissà quale forza morale deve avere e quali pensieri lo assillano, vogliamo provare a immaginare cosa passa nella testa di Barak Hussein Obama? 

La prima cosa che viene in mente è l’assicurazione sanitaria per i meno abbienti che voleva far approvare fin dal primo anno del suo primo mandato ma che si è miseramente arenata al congresso e non si muove, e questo è successo addirittura prima delle elezioni di medio termine del primo mandato, cioè in un momento estremamente favorevole, almeno sulla carta, visto che in quel preciso momento la maggioranza che sedeva in Campidoglio era del Partito Democratico.

Come mai allora la legge si è arenata anche se sulla carta il vento doveva essere in poppa? Qualcuno dei suoi gli ha voluto fare lo sgambetto? Mah, misteri della politica.

Un altro dei suoi pensieri potrebbe essere magari il Tibet da decenni sotto il tallone cinese, oppure il gravissimo pericolo della bomba AIDS che potrebbe scoppiare da un momento all’altro in Africa dove i nuovi sieropositivi aumentano in maniera vertiginosa giorno dopo giorno.

Magari i suoi pensieri sono rivolti alla situazione mediorientale dove gli equilibri saltati potrebbero improvvisamente far scaturire una guerra di così ampie proporzioni, magari anche con risvolti nucleari, che al confronto tutte le guerre già combattute sembrerebbero semplici scampagnate, oppure pensa ai diritti umani calpestati proprio in quelle nazioni che oggi siedono al tavolo della commissione ONU per i diritti umani.

Forse si domanda come mai in Iran, da quando il suo nuovo amico Hassan Rouhani è diventato presidente, sono aumentate le esecuzioni per impiccagioni in pubblica piazza dove la maggioranza dei condannati sono omosessuali o spie al soldo del MOSSAD, per i tribunali della rivoluzione islamica la popolazione iraniana contraria all’attuale regime è formata da filo sionisti e omosessuali... la botola si apre, il corpo cade e il collo si spezza.

Poi ci saranno anche tutti quei problemi che per motivi di sicurezza nazionale non possono essere divulgati e che rimangono prigionieri delle menti superiori che guidano e proteggono il mondo intero.

Ma c’è un pensiero in particolare che rende infelice il grande presidente, l'uomo più potente del mondo non può avere un iPhone. 

Proprio lui, il Presidente più tecnologico della storia Usa e fan sfegatato di ogni prodotto proveniente da Cupertino, per motivi di sicurezza non può usare il suo smartphone preferito e deve accontentarsi di un vecchio BlackBerry del 2007.

Tutto questo è stato raccontato proprio da Obama durante un incontro alla Casa Bianca dove si doveva parlare della riforma sanitaria, quella ancora arenata di cui sopra, quando gli altri convenuti sono  rimasti sorpresi nel vedere nelle mani del capo di Stato un BlackBerry invece dell'iPhone.

Il Presidente ha raccontato anche che le sue giovani figlie, Sasha e Malia, usano regolarmente l'iPhone mentre a lui il Secret Service ne ha vietato l'utilizzo e l’iPad di seconda generazione che ha sulla sua scrivania non lo consola dal profondo sconforto.

Questo particolare è stato ripetuto come un grancassa dalla quasi totalità dei media statunitensi e, di conseguenza, anche le testate giornalistiche europee che hanno dimostrato ancora una volta che è molto più facile parlare del nulla e farlo diventare una notizia che non pubblicare le notizie vere che, invece, debbono necessariamente, e per comodità, rimanere in ombra.

Per cui il Tibet, l’AIDS il Medioriente, le esecuzioni in Iran, i diritti umani difesi internazionalmente da quelli che a casa loro non li rispettano rimangono lì in attesa che qualcuno si occupi di loro mentre in prima pagina leggiamo che il Presidente USA non può usare l’iPhone come tutti gli altri mortali.

In fondo però lui non è un umano come tutti gli altri, lui è l’uomo più potente al mondo ed è anche il premio Nobel in acconto sulla pace che verrà.

Michael Sfaradi - Gerusalemme. 


IL DECLINO DI OBAMA: NON RIESCE AD AFFRONTARE I GRAVI PROBLEMI DEL MONDO E  SI LAMENTA. SI', DELL'IPHONE...


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Obama   Tibet   Aids   Usa   iphone   Iran    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO PRESIDENTE DEL PAESE''

DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO

venerdì 20 gennaio 2017
WASHINGTON - "Il 20 gennaio del 2017 sarà ricordato come il giorno in cui il popolo divenne di nuovo davvero il presidente del Paese. Le persone dimenticate in questi anni non lo saranno
Continua
 
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER

venerdì 20 gennaio 2017
Il "rischio politico" rappresentato dall'ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici nell'Unione Europea e' al centro delle interviste concesse al "Wall Street Journal" e a "Bloomberg" dal
Continua
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua
 
L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

mercoledì 18 gennaio 2017
Riguardo le vicende del salvataggio del Monte dei Paschi di Siena, la banca più antica al mondo devastata dalla gestione in salsa piddina dei suoi vertici, abbiamo notato esercizi di stile
Continua
SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI, 62%: ISLAM PERICOLO)

SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI,

mercoledì 18 gennaio 2017
PARIGI - I venti nazionalisti che hanno portato Donald Trump al potere negli Stati Uniti, nei prossimi mesi stanno soffiando forte anche in Francia? Se lo chiede oggi, mercoledi' 18 di un freddissimo
Continua
 
PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
STALLO IN GRECIA TRA LA TROIKA E IL GOVERNO FILO-TROIKA: RINVIATO TUTTO AL 17 DICEMBRE (PRESIDIO DAVANTI AL PARLAMENTO)

STALLO IN GRECIA TRA LA TROIKA E IL GOVERNO FILO-TROIKA: RINVIATO TUTTO AL 17 DICEMBRE (PRESIDIO
Continua

 
I VENTI DI GUERRA SOFFIANO DA NORD: ATTACCO A ISRAELE DAI CONFINI SIRIANI. CONVOGLIO COLPITO DA UN ORDIGNO ESPLOSIVO.

I VENTI DI GUERRA SOFFIANO DA NORD: ATTACCO A ISRAELE DAI CONFINI SIRIANI. CONVOGLIO COLPITO DA UN
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

E IL GOVERNO LA CHIAMA ''RIPRESA'': RALLENTERA' LA CRESCITA DEI

20 gennaio - Rallenta la crescita dei consumi delle famiglie, che si stabilizzerà
Continua

EUROPOL: ''34.000 POTENZIALI TERRORISTI ISLAMICI ARRIVATI COI

19 gennaio - ''Un esercito di 34 mila potenziali terroristi è sbarcato in Europa
Continua

AUMENTATI I LICENZIAMENTI NEL 2016 ALLA FACCIA DELLO STROMBAZZATO

19 gennaio - Nei primi undici mesi del 2016 i licenziamenti complessivi relativi a
Continua

CONTINUA LA CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE CON PUNTE DEL -10% IN

19 gennaio - BRUXELLES - Prosegue l'aumento dei prezzi delle case nel terzo trimestre
Continua

DONALD TRUMP: ''NON USEREI TWITTER SE LA STAMPA FOSSE ONESTA, MA

18 gennaio - WASHINGTON - Nonostante ne faccia un uso quasi compulsivo, il futuro
Continua

L'M5S STA COL PD E VOTA CONTRO I CIE COME VUOLE LA SERRACCHIANI (5

18 gennaio - ''Al M5S non basta l'invasione incontrollata di clandestini che sta
Continua

PADOAN A DAVOS LASCIA INTENDERE CHE STA PREPARANDO UNA RAPINA AGLI

18 gennaio - DAVOS - SVIZZERA - Padoan ha fatto una dichiarazione sibillina poco fa
Continua

SALVINI: ''TAJANI E' SOLO L'ENNESIMO DOMESTICO AL SERVIZIO DELLA

18 gennaio - ''La Lega si è rifiutata di votare due servi dello stesso padrone
Continua

BORIS JOHNSON: ''CODA DI STATI PER SIGLARE ACCORDI COMMERCIALI CON

18 gennaio - LONDRA - Dopo il chiarificatore discorso di ieri del primo ministro
Continua

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua
Precedenti »