62.112.845
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

''IN ITALIA IL PRIMO EFFETTO E' STATO MATEMATICO: HA RADDOPPIATO IL COSTO DELLA VITA'' DAVIDE MURA SPIEGA L'EURO-CRAC

mercoledì 4 dicembre 2013

Ormai non è più un peccato definirsi euroscettici. L’euroscetticismo in verità è semplice realismo, e il realismo non può che essere indice di serietà argomentativa. La realtà è che nessuno è più disposto a bersi le panzane pro-euro che ci hanno rifilato in tutti questi anni, volte a dipingerci la moneta unica come la panacea di tutti i mali. La verità è che l’euro è l’origine di tutti i mali. Quanto meno per come è stato adottato e per le sovrastrutture burocratiche che lo dominano.

FASE UNO

Un primo effetto dell’introduzione dell’euro, per l’Italia, è stato il matematico raddoppio del costo della vita. L’euro venne cambiato con la lira a un rapporto di 1936,27 lire per 1 euro. Tuttavia, tutto ciò che costava 1000 lire, venne portato a 1 euro, per effetto dell’inganno psicologico della parità (inesistente) tra 1000 lire e 1 euro. Ci fu dunque una prima ondata speculativa, dovuta al cambio di valuta, che comportò una drastica riduzione del potere d’acquisto dei salari. Ma era solo l’inizio del tracollo.

FASE DUE

Pochi sanno che in realtà l’euro è una moneta straniera, adottata dall’Italia a seguito della firma di una serie di trattati europei, che richiedono tra le altre cose il rispetto rigido di alcuni parametri finanziari, tra cui un tetto massimo di disavanzo pubblico pari al 3% del PIL, e un debito pubblico che non deve superare il 60% del PIL. Due parametri che hanno rappresentato e tuttora rappresentano la più importante cessione di sovranità economica dello Stato italiano a favore dell’Europa, il cui Governo non è espressione del voto democratico dei cittadini europei ma è una struttura complessa dai tratti marcatamente burocratici, in cui siedono rappresentanti nominati dai governi nazionali, ma che da questi sono indipendenti.

FASE TRE

Dunque con l’euro, l’Italia ha perso molto più del potere di coniare monete. Senza scomodare i complotti finanziari, il signoraggio e via dicendo, si può tranquillamente affermare che con l’introduzione dell’euro l’Italia ha perso la propria sovranità economica e monetaria, e cioè la capacità e il potere di attuare politiche monetarie ed economiche che un qualche modo potessero tutelare gli interessi dell’economia italiana. Da una parte il divieto europeo di favorire le aziende nazionali (e dunque l’economia nazionale), dall’altra l’utilizzo di una moneta straniera, connessa alla rigida osservanza dei parametri di Maastricht, hanno creato un mix velenoso per la nostra economia. Il cambio sfavorevole euro/lira ha poi dato il colpo di grazia. L’effetto? Una progressiva deindustrializzazione del nostro paese a favore di economie prive di regole, o peggio una colonizzazione dell’industria italiana, con il sempre più frequente passaggio di pezzi pregiati dei nostri assets privati e pubblici (compreso il know how) in mano a pacchetti azionari stranieri (molto spesso di nazioni europee che dall’euro hanno tratto più benefici che svantaggi).

FASE QUATTRO

In questo contesto negativo naturalmente non manca di incidere una classe politica non altezza, ipocritamente europeista, e priva della necessaria cultura identitaria, che avrebbe permesso altrimenti una maggiore tutela degli interessi italiani anche a fronte dell’adozione della moneta unica.

FASE CINQUE: LA SOLUZIONE

Naturalmente siamo ancora in tempo per rimediare. L’Italia si trova in una situazione socialmente ed economicamente drammatica. E una buona parte dei guai che ci sono piovuti addosso arrivano proprio dalle strutture europee. Sarebbe perciò opportuno riconsiderare l’adesione del nostro paese, quanto meno alla moneta unica. Ferma restando l’adesione dell’Italia all’Europa, credo e sono convinto che la nostra classe politica, se solo avesse un minimo di lungimiranza e avesse maggiormente a cuore l’economia nazionale, dovrebbe rinegoziare il rispetto dei parametri di Maastricht, e dovrebbe riappropriarsi della piena sovranità economica e monetaria, unendo quest’ultima a una profonda riforma delle istituzioni italiane, che svecchiasse e alleggerisse la burocrazia e introducesse il federalismo e il presidenzialismo, con un rinnovato sistema elettorale. Diversamente non ci resta che attendere l’esaurirsi del processo di colonizzazione economica e sociale e la conseguente fine dell’Italia in quanto nazione e Stato sovrano e indipendente.

Davide Mura - Critica Libera.


''IN ITALIA IL PRIMO EFFETTO E' STATO MATEMATICO: HA RADDOPPIATO IL COSTO DELLA VITA'' DAVIDE MURA SPIEGA L'EURO-CRAC


Cerca tra gli articoli che parlano di:

euro   PIl   Italia   debito   pubblico   Europa   cambio   lira   UE   Davide   Mura    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI COLOSSI TEDESCHI E UE

ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI

mercoledì 28 marzo 2018
Il Financial Times non fa sconti alla Germania e con un articolo che suona come un rumorosissimo campanello d'allarme svela dati e percentuali sull'economia e la finanza tedesca da spavento. "Chi
Continua
 
LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO (DAVVERO DA LEGGERE)

LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO

martedì 27 marzo 2018
Le gran bufale sull'alimentazione e sui cibi che inondano il web e che vengono spacciate per verità scientifiche smascherate una volta per tutte. Ecco alcuni esempi:"I cibi senza glutine sono
Continua
TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO' NASCERE E SI TORNA AL VOTO

TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO'

martedì 27 marzo 2018
Il ruolo di Forza Italia, ammesso e non concesso ne avrà mai uno, le divergenze sul programma, l'incognita delle ripercussioni sull'elettorato: i nodi che si stagliano sul binario
Continua
 
IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO ''MIGRANTI'' DI 1 MLD)

IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO

lunedì 26 marzo 2018
LONDRA - Come tutti i paesi anche l'Austria deve varare la sua legge finanziaria ma il piano annunciato lo scorso mercoledì, e passato sotto silenzio per ciòc he riguarda
Continua
MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA ITALIA TERREMOTATA

MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA

lunedì 26 marzo 2018
"Nel rispetto di tutto e tutti il prossimo premier non potra' che essere indicato dal centrodestra". Archiviata l'intesa con i Cinque Stelle sulle presidenze delle due Camere, Matteo Salvini
Continua
 
CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE PIU' STRIMINZITO

CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE

sabato 24 marzo 2018
Con tasse record in Ue e con una spesa sociale tra le più basse d'Europa, in Italia il rischio povertà o di esclusione sociale ha raggiunto livelli di guardia molto preoccupanti.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
''USCIRE DALL'EURO E TORNARE ALLE VALUTE NAZIONALI'' - PERCHE' E COME FARLO: LO SPIEGA IL NOTO ECONOMISTA A.M.RINALDI

''USCIRE DALL'EURO E TORNARE ALLE VALUTE NAZIONALI'' - PERCHE' E COME FARLO: LO SPIEGA IL NOTO
Continua

 
RIVOLTA DEGLI AGRICOLTORI: BLOCCATA LA FRONTIERA CON L'AUSTRIA AL BRENNERO. BASTA INVASIONE DI PRODOTTI AGRICOLI EUROPEI

RIVOLTA DEGLI AGRICOLTORI: BLOCCATA LA FRONTIERA CON L'AUSTRIA AL BRENNERO. BASTA INVASIONE DI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!