63.423.702
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

''IN ITALIA IL PRIMO EFFETTO E' STATO MATEMATICO: HA RADDOPPIATO IL COSTO DELLA VITA'' DAVIDE MURA SPIEGA L'EURO-CRAC

mercoledì 4 dicembre 2013

Ormai non è più un peccato definirsi euroscettici. L’euroscetticismo in verità è semplice realismo, e il realismo non può che essere indice di serietà argomentativa. La realtà è che nessuno è più disposto a bersi le panzane pro-euro che ci hanno rifilato in tutti questi anni, volte a dipingerci la moneta unica come la panacea di tutti i mali. La verità è che l’euro è l’origine di tutti i mali. Quanto meno per come è stato adottato e per le sovrastrutture burocratiche che lo dominano.

FASE UNO

Un primo effetto dell’introduzione dell’euro, per l’Italia, è stato il matematico raddoppio del costo della vita. L’euro venne cambiato con la lira a un rapporto di 1936,27 lire per 1 euro. Tuttavia, tutto ciò che costava 1000 lire, venne portato a 1 euro, per effetto dell’inganno psicologico della parità (inesistente) tra 1000 lire e 1 euro. Ci fu dunque una prima ondata speculativa, dovuta al cambio di valuta, che comportò una drastica riduzione del potere d’acquisto dei salari. Ma era solo l’inizio del tracollo.

FASE DUE

Pochi sanno che in realtà l’euro è una moneta straniera, adottata dall’Italia a seguito della firma di una serie di trattati europei, che richiedono tra le altre cose il rispetto rigido di alcuni parametri finanziari, tra cui un tetto massimo di disavanzo pubblico pari al 3% del PIL, e un debito pubblico che non deve superare il 60% del PIL. Due parametri che hanno rappresentato e tuttora rappresentano la più importante cessione di sovranità economica dello Stato italiano a favore dell’Europa, il cui Governo non è espressione del voto democratico dei cittadini europei ma è una struttura complessa dai tratti marcatamente burocratici, in cui siedono rappresentanti nominati dai governi nazionali, ma che da questi sono indipendenti.

FASE TRE

Dunque con l’euro, l’Italia ha perso molto più del potere di coniare monete. Senza scomodare i complotti finanziari, il signoraggio e via dicendo, si può tranquillamente affermare che con l’introduzione dell’euro l’Italia ha perso la propria sovranità economica e monetaria, e cioè la capacità e il potere di attuare politiche monetarie ed economiche che un qualche modo potessero tutelare gli interessi dell’economia italiana. Da una parte il divieto europeo di favorire le aziende nazionali (e dunque l’economia nazionale), dall’altra l’utilizzo di una moneta straniera, connessa alla rigida osservanza dei parametri di Maastricht, hanno creato un mix velenoso per la nostra economia. Il cambio sfavorevole euro/lira ha poi dato il colpo di grazia. L’effetto? Una progressiva deindustrializzazione del nostro paese a favore di economie prive di regole, o peggio una colonizzazione dell’industria italiana, con il sempre più frequente passaggio di pezzi pregiati dei nostri assets privati e pubblici (compreso il know how) in mano a pacchetti azionari stranieri (molto spesso di nazioni europee che dall’euro hanno tratto più benefici che svantaggi).

FASE QUATTRO

In questo contesto negativo naturalmente non manca di incidere una classe politica non altezza, ipocritamente europeista, e priva della necessaria cultura identitaria, che avrebbe permesso altrimenti una maggiore tutela degli interessi italiani anche a fronte dell’adozione della moneta unica.

FASE CINQUE: LA SOLUZIONE

Naturalmente siamo ancora in tempo per rimediare. L’Italia si trova in una situazione socialmente ed economicamente drammatica. E una buona parte dei guai che ci sono piovuti addosso arrivano proprio dalle strutture europee. Sarebbe perciò opportuno riconsiderare l’adesione del nostro paese, quanto meno alla moneta unica. Ferma restando l’adesione dell’Italia all’Europa, credo e sono convinto che la nostra classe politica, se solo avesse un minimo di lungimiranza e avesse maggiormente a cuore l’economia nazionale, dovrebbe rinegoziare il rispetto dei parametri di Maastricht, e dovrebbe riappropriarsi della piena sovranità economica e monetaria, unendo quest’ultima a una profonda riforma delle istituzioni italiane, che svecchiasse e alleggerisse la burocrazia e introducesse il federalismo e il presidenzialismo, con un rinnovato sistema elettorale. Diversamente non ci resta che attendere l’esaurirsi del processo di colonizzazione economica e sociale e la conseguente fine dell’Italia in quanto nazione e Stato sovrano e indipendente.

Davide Mura - Critica Libera.


''IN ITALIA IL PRIMO EFFETTO E' STATO MATEMATICO: HA RADDOPPIATO IL COSTO DELLA VITA'' DAVIDE MURA SPIEGA L'EURO-CRAC


Cerca tra gli articoli che parlano di:

euro   PIl   Italia   debito   pubblico   Europa   cambio   lira   UE   Davide   Mura    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PRIMA L'ITALIA / NUOVA SERIE DI INCHIESTE CHE SVELANO LE BUFALE PROPALATE DA UE E BCE: LA FAMIGERATA ''REGOLA'' DEL 3%

PRIMA L'ITALIA / NUOVA SERIE DI INCHIESTE CHE SVELANO LE BUFALE PROPALATE DA UE E BCE: LA

giovedì 20 settembre 2018
In questi giorni è tutto un fiorire di accuse e critiche al governo italiano da parte di oligarchi ue e dei loro lacché nazionali. La cosa non deve sorprendere: il governo gialloverde
Continua
 
GOVERNATORE DELLA LOMBARDIA FONTANA: ''BISOGNA CERCARE DI CAMBIARE L'EUROPA: PIU' ATTENZIONE AI POPOLI E ALLE AUTONOMIE''

GOVERNATORE DELLA LOMBARDIA FONTANA: ''BISOGNA CERCARE DI CAMBIARE L'EUROPA: PIU' ATTENZIONE AI

mercoledì 19 settembre 2018
MILANO - Autonomie locali ed Europa è stato il tema al centro del convegno 'A glocal vision for the future of Europe', summit organizzato dall'Ecr , l'European conservatives & reformist
Continua
RAGAZZA PAKISTANA (CHE VIVE E HA STUDIATO IN ITALIA) CHIEDE AIUTO DAL PAKISTAN: NO AL MATRIMONIO COMBINATO DA MIO PADRE

RAGAZZA PAKISTANA (CHE VIVE E HA STUDIATO IN ITALIA) CHIEDE AIUTO DAL PAKISTAN: NO AL MATRIMONIO

martedì 18 settembre 2018
MILANO - L'assessore a Sicurezza, Immigrazione e Polizia Locale di Regione Lombardia, Riccardo De Corato, in una nota commenta la notizia di una ragazza pachistana, che ha inviato una lettera alla
Continua
 
NELLA BLACK LIST DI PRODOTTI CINESI COLPITI DA DAZI VOLUTI DAL PRESIDENTE TRUMP C'E' ANCHE FALSO VINO MARSALA CINESE

NELLA BLACK LIST DI PRODOTTI CINESI COLPITI DA DAZI VOLUTI DAL PRESIDENTE TRUMP C'E' ANCHE FALSO

martedì 18 settembre 2018
I dazi imposti dal presidente Trump alla Cina fanno emergere la concorrenza sleale, oltre che la pessima qualità dei prodotti, messa in atto dal gigante asiatico anche ai danni dell'Italia.
Continua
SPACCIATORE DEL BANGLADESH ARRESTATO PER STRADA A ROMA MENTRE VENDE LE TREMENDE PASTIGLIE DI YABA (LIBERO GIA' DOMANI?)

SPACCIATORE DEL BANGLADESH ARRESTATO PER STRADA A ROMA MENTRE VENDE LE TREMENDE PASTIGLIE DI YABA

lunedì 17 settembre 2018
ROMA - Un 31enne del Bangladesh, senza fissa dimora e con precedenti, è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione Roma Quadraro perché sorpreso in via Labico, pronto a spacciare
Continua
 
QUEL ''LEGHISTA'' DEL DALAI LAMA: ''L'EUROPA APPARTIENE AGLI EUROPEI, I RIFUGIATI TORNINO NEI LORO PAESI A RICOSTRUIRLI''

QUEL ''LEGHISTA'' DEL DALAI LAMA: ''L'EUROPA APPARTIENE AGLI EUROPEI, I RIFUGIATI TORNINO NEI LORO

lunedì 17 settembre 2018
LONDRA - L'Europa appartiene agli europei e tutti i rifugiati dovrebbero ritornare ai loro paesi per ricostruirli. Questo e' cio' che pensano tutte le persone di buonsenso, ma la vera sorpresa sta
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
''USCIRE DALL'EURO E TORNARE ALLE VALUTE NAZIONALI'' - PERCHE' E COME FARLO: LO SPIEGA IL NOTO ECONOMISTA A.M.RINALDI

''USCIRE DALL'EURO E TORNARE ALLE VALUTE NAZIONALI'' - PERCHE' E COME FARLO: LO SPIEGA IL NOTO
Continua

 
RIVOLTA DEGLI AGRICOLTORI: BLOCCATA LA FRONTIERA CON L'AUSTRIA AL BRENNERO. BASTA INVASIONE DI PRODOTTI AGRICOLI EUROPEI

RIVOLTA DEGLI AGRICOLTORI: BLOCCATA LA FRONTIERA CON L'AUSTRIA AL BRENNERO. BASTA INVASIONE DI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

SALVINI: MANOVRA CORAGGIOSA ED ESPANSIVA. LO CHIEDONO GLI

23 settembre - ''In queste ultime settimane ho avuto modo di fare alcune chiacchierate
Continua

ATTILIO FONTANA: SIAMO IN GRADO DI FARE LE OLIMPIADI 2026 BENE E

22 settembre - ''Noi abbiamo dato la disponibilita' e non abbiamo nessun problema.
Continua

L'OCSE NON DEVE INTROMETTERSI NELLE SCELTE DI UN PAESE SOVRANO QUAL

20 settembre - ''L'Ocse non deve intromettersi nelle scelte di un Paese sovrano che il
Continua
IN URSS SE NON ERI COMUNISTA ERI ''PAZZO''. GIUDICI FRANCESI FANNO LA STESSA COSA

IN URSS SE NON ERI COMUNISTA ERI ''PAZZO''. GIUDICI FRANCESI FANNO

20 settembre - PARIGI - Marine Le Pen insorge contro la decisione di una giudice, che
Continua

SALVINI: EUROPA NON DEV'ESSERE PROFITTO SPECULAZIONE PRIVILEGI DI

20 settembre - Il presidente francese Emmanuel Macron ''dal gennaio dell'anno scorso ha
Continua

ENNESIMA PRESA PER I FONDELLI DA PARTE DELLA UE SUI ''MIGRANTI''

20 settembre - SALISBURGO - ''L'importante è che ci sia un'ampia partecipazione al
Continua

UNGHERIA: L'ONU DIFFONDE BUGIE SULL'UNGHERIA NON SAREMO MAI UN

19 settembre - GINEVRA - Il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto ha accusato
Continua

WALL STREET JOURNAL: ''FACEBOOK DA ANNI ACCEDE A INFORMAZIONI

19 settembre - NEW YORK - Si preannuncia uno scandalo enorme, che potrebbe portare il
Continua

COORDINATORE DELLA LEGA NORD SARDEGNA: ATTENTATO PER UCCIDERMI

19 settembre - SASSARI - ''Volevano uccidermi. In giornata presentero' un esposto alla
Continua

MINISTRO DELLA SALUTE GIULIA GRILLO: ''LAVORIAMO PER ABOLIRE IL

19 settembre - ''Stiamo lavorando all'abolizione del superticket (la tassa di 10 euro
Continua
Precedenti »