67.704.186
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

GLI OLIGARCHI DELLA COMMISSIONE EUROPEA IMPONGONO FAME E MISERIA, MA NON TOCCANO I FARAONICI STIPENDI DI BRUXELLES

domenica 1 dicembre 2013

Bruxelles - Gli stipendi dei funzionari europei rimarranno gli stessi, anche se moltissimi cittadini dell'Unione europea stanno pagando una delle peggiori crisi economiche della storia. Motivo? Per la Commissione europea è tutto sotto controllo e non c'è alcuna situazione d'emergenza tale da dover ridurre gli stipendi ai dipendenti.

Tutto è scritto, nero su bianco, nella sentenza della Corte di giustizia europea del 19 novembre, relativa alla causa C-63. La Commissione europea, assieme al Parlamento europeo e a diversi Paesi (Germania, Gran Bretagna, Repubblica Ceca, Olanda, Danimarca e Spagna) hanno presentato un ricorso contro il Consiglio. Facciamo un passo indietro. In base al trattato sul Funzionamento dell'Unione, il Consiglio deve decidere entro la fine di ogni anno "l'adeguamento delle retribuzioni e delle pensioni proposto dalla Commissione". Nel dicembre del 2010, il Consiglio opta per la cosiddetta "clausola d'eccezione", vale a dire che, trovandosi in una condizione di "deterioramento grave e improvviso della situazione economica e sociale", la Commissione avrebbe dovuto presentare "adeguate proposte" per far sì che i funzionari si riducessero lo stipendio.

E qual è stata la risposta di Barroso? Il 13 luglio 2011, la Commissione ha presentato una relazione in cui "gli indicatori mostravano che nell'Unione la ripresa economica continuava a progredire" dunque, secondo quanto si legge nella sentenza della Corte di giustizia, non c'era alcun "deterioramento grave e improvviso della situazione economia e sociale all'interno dell'Unione nel periodo di riferimento tra il primo luglio 2010, data di effetto dell'ultimo adeguamento annuale delle retribuzioni, e la metà di maggio 2011, momento in cui sono stati resi disponibili i dati più aggiornati".

Strano, perché stiamo parlando dell'estate 2011, vale a dire dello stesso periodo in cui la Grecia è collassata, l'Italia rischiava di fare la stessa fine e Irlanda e Portogallo avevano già richiesto gli aiuti finanziari per far fronte all'emergenza. Eppure, secondo la Commissione, in Europa tutto filava liscio. Almeno abbastanza bene per non ridurre lo stipendio ai propri dipendenti.

Ed ecco che il caso è approdato davanti alla Corte di giustizia europea, dove la Commissione, benché abbia ammesso che i numeri "evidenziano un peggioramento per il 2011 rispetto alle previsioni pubblicate in primavera", ha continuato a ribadire che non ci sia alcuna emergenza per usare la clausola di eccezione.

Finale della favola: la Corte europea ha respinto i ricorsi della Commissione e l'ha condannata a pagare le spese, ma non si è pronunciata sul merito. Intanto, gli stipendi dei funzionari rimarranno gli stessi.

Scritto da Gabriella Tesoro per Business International.


GLI OLIGARCHI DELLA COMMISSIONE EUROPEA IMPONGONO FAME E MISERIA, MA NON TOCCANO I FARAONICI STIPENDI DI BRUXELLES


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Ue   Commissione   Europea   Barroso   crisi   Olanda   Germania   Gran Bretagna   Danimarca   Spagna   Repubblca Ceca    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA GERMANIA S'E' ARRICCHITA

L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA

martedì 26 febbraio 2019
BERLINO - Fino a ieri, gli "europeisti" lo consideravano un attacco politico, una posizione nazionalista e sovranista, cose da campagna elettorale, da oggi invece, è niente di meno che una
Continua
 
DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (BOOM!)

DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO

lunedì 25 febbraio 2019
LONDRA - Da tempo la Danimarca attira l'attenzione degli osservatori politici internazionali per via delle sue leggi severe sull'immigrazione ma lungi dal fermarsi i legislatori danesi hanno deciso
Continua
FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA SAREBBE L'UNIONE EUROPEA?

FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA

mercoledì 20 febbraio 2019
BERLINO -  Come al solito, Germania e Francia pensano di essere padroni dell'Europa e senza chiedere permesso a nessuno, e figuriamoci invitare al dibattito altre nazioni, si sono "accordati"
Continua
 
LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI TARGATI ''PD'' DALLA LIBIA

LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI

lunedì 18 febbraio 2019
Sui barconi fatti arrivare in Italia dai precedenti governi Pd, a decine di migliaia erano nigeriani, e tra loro migliaia di delinquenti arrivati così in Italia per impiantare potenti
Continua
LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E ALLA SICUREZZA

LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E

lunedì 18 febbraio 2019
LONDRA - Sono tanti i Paesi che negli ultimi anni hanno reintrodotto controlli alla frontiera mettendo fine alla libera circolazione stabilita dal trattato di Schengen e l'ultimo paese che ha agito
Continua
 
LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE SALVANO LA GERMANIA

LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE

giovedì 14 febbraio 2019
BERLINO -  A Bruxelles tacciono, nessuno se l'è sentita di commentare il tracollo della Germania, economicamente parlando. D'altra parte, se l'avessero fatto, poi come giustificare le
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DATO CHE SONO FINITI I SOLDI, DOPO 16 ANNI DUBBI DI ''COSTITUZIONALITA''' SUL FINANZIAMENTO PUBBLICO AI PARTITI (MAIALI)

DATO CHE SONO FINITI I SOLDI, DOPO 16 ANNI DUBBI DI ''COSTITUZIONALITA''' SUL FINANZIAMENTO
Continua

 
GRILLO A GENOVA LANCIA IL REFERENDUM SULL'EURO E SUI TRATTATI UE! (E CHIEDE L'IMPEACHMENT PER NAPOLITANO) OTTIMO!

GRILLO A GENOVA LANCIA IL REFERENDUM SULL'EURO E SUI TRATTATI UE! (E CHIEDE L'IMPEACHMENT PER
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

IN ARRIVO DALL'AUSTRALIA UN TERREMOTO NELLA CHIESA (A ROMA)

26 febbraio - A poche ore dal vertice contro la pedofilia in Vaticano, nella Chiesa
Continua

MANCAVA SOLO IL VELO ISLAMICO DA CORSA, NEL REPERTORIO DELLE

26 febbraio - PARIGI - 'No al velo islamico da footing': dure polemiche in Francia
Continua

PROCURA DI FIRENZE DA' PARERE NEGATIVO: GENITORI DI RENZI RESTINO

26 febbraio - FIRENZE - La procura di Firenze ha dato parere negativo sulla richiesta
Continua

RIXI: CENTRODESTRA E' UN MODELLO SUPERATO A LIVELLO DI GOVERNO

26 febbraio - GENOVA - ''I risultati danno ragione a Salvini: credo che oggi a livello
Continua

SALVINI: QUOTA 100, GIA' 70.000 ADESIONI, QUASI 8.000 IN LOMBARDIA,

26 febbraio - Il vicepresidente del Consiglio e ministro dell'Interno, Matteo Salvini,
Continua

GERMANIA: IL PRINCIPALE INDICATORE ECONOMICO ORA SEGNA CRISI.

22 febbraio - BERLINO - L'indice Ifo, uno dei principali barometri dell'economia
Continua

APPROVATO ALLA CAMERA IN PRIMA LETTURA IL REFERENDUM POPOLARE

21 febbraio - Con 272 voti favorevoli, 141 contrari (Pd e Fi) e 17 astenuti (Leu e
Continua

LA FRANCIA FORNISCE SEI MOTOVEDETTE ANTI BARCONI ALLA LIBIA (MOLTO

21 febbraio - PARIGI - La Francia ha ufficializzato la decisione di fornire alla
Continua

PREMIER CONTE: NESSUNA MANOVRA CORRETTIVA. MISURE PRUDENZIALI GIA'

21 febbraio - ROMA - ''Abbiamo presente il quadro macro-economico in Italia e nel
Continua

CONTINUANO SENZA SOSTA GLI SGOMBERI DI OCCUPAZIONI ABUSIVE A FIRENZE

21 febbraio - FIRENZE - Sesto sgombero in sei mesi a Firenze. Questa volta
Continua
Precedenti »