50.651.415
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SONDAGGIO BOMBA / MANCANO SEI MESI ALLE EUROPEE, E IL FRONTE ANTI UE E' GIA' IL PRIMO PARTITO IN EUROPA (IN ITALIA 40%)

mercoledì 27 novembre 2013

In Ungheria e Grecia cresce la destra antieuropea radicale. In Francia lo schieramento di Marine Le Pen punta a diventare primo partito. L’olandese Wilders ha il 10% dei voti. Vogliono creare uno schieramento transnazionale per minare dall’interno l’Unione. E in Italia? Corteggiano Grillo.

Gli obiettivi sono più ambiziosi, guardano «al 30 per cento dei seggi». Enrico Letta, in un’intervista al “New York Time”, ha fissato un’asticella: «Se gli scettici antieuropei otterranno più del 25 per cento dei seggi, il Parlamento europeo rischia di non funzionare». Le poltrone disponibili sono 751 e diviso 4 fa 187, cioè il 25%.

Un recente sondaggio del “Financial Times” in cinque Stati chiave (Italia, Francia, Germania, Inghilterra e Spagna) assegna agli euroscettici circa il 20 per cento (con punte del 25 in Gran Bretagna, l’Italia al 19, ma un più recente sondaggio annuncia il 40%) e una schiacciante maggioranza di elettori propensa a «ridurre gli aiuti ai migranti di altri Paesi Ue» (Londra in testa con l’83%, l'Italia al 66%, la meno drastica Spagna al 60%).

Così a destra comincia una lotta per accaparrarsi gli alleati migliori. Sia per l'inglese Ukip di Nigel Farage, sia per la coppia Le Pen-Wilders il boccone prelibato, parlando d’Italia, è il Movimento 5 Stelle. Farage ha invitato Beppe Grillo a Londra per «un piatto di roast-beef e una pinta di birra». Marine Le Pen ha iniziato da tempo una vera opera di seduzione: «Sono d’accordo con lui sulla nazionalizzazione delle banche e sul referendum per l’uscita dall’euro che anch’io avevo proposto». Le piacciono le posizioni sugli immigrati quando Beppe afferma: «Quanti clandestini siamo in grado di accogliere se un italiano su otto non ha i soldi per mangiare?». Hanno persino gli stessi modi di irridere gli avversari se lei fa una crasi di sigle e dice “Umps” per sottolineare che Ump (gollisti) e Ps (socialisti) sono la stessa cosa e ricorda il famoso “Pd meno elle”. A Parigi circolano voci sul fatto che i due si siano visti o che comunque sia in corso un lavorìo di luogotenenti (addirittura si cita Casaleggio) per definire una piattaforma comune.

Tra le forze anti-euro alle elezioni europee, gli ungheresi di Jobbik (16,7 per cento), i greci di Alba dorata (al 26% nell'ultomo sondaggio disponibile, primo partito della Grecia) e il British national party (1,9). Saranno ben accetti nel foronte anti-euro anche i tedeschi di Alternative für Deutschland (4,7%). Sicuramente coinvolti i fiamminghi che si battono per spaccare il Belgio.

E sarebbero tentati i Democratici svedesi che, per bocca del loro portavoce Martin Kinnunen, non hanno però sciolto la riserva: «Difficile dire adesso se parteciperemo o meno al progetto, ma non siamo contrari». Meno problematico sembra trovare un accordo con gli austriaci del Partito della libertà di Heinz-Christian Strache, eredi di George Haider e freschi di un trionfo elettorale. In un altro Paese importante dell’Unione, la Polonia, il partito Diritto e giustizia del superstite dei gemelli Kaczynski, Jaroslaw, è dato in grande ascesa, è sicuramente euroscettico, e potrebbe raggiungere il 45%. 

Dal riepilogo di tutti questi dati, emerge un totale: se alle elezioni europee i partiti qui nominati prendessero - solo - i voti che hanno oggi (ma i sondaggi li danno tutti in grande ascesa), l'Unione Europea il giorno dopo le elezioni di primavera 2014 cesserebbe di esistere e l'euro con essa. Il fronte dei partiti anti Ue e anti euro è già oggi il primo in Europa.

Fonte dati: L'Espresso. 


SONDAGGIO BOMBA / MANCANO SEI MESI ALLE EUROPEE, E IL FRONTE ANTI UE E' GIA' IL PRIMO PARTITO IN EUROPA (IN ITALIA 40%)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Ungheria   Grecia   Wilders   Grillo   Enrico Letta   Nigel Farage   Marine le Pen   euro   UE   M5S    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
 
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
 
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua
 
LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON VENGONO DIVULGATE)

LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON

lunedì 31 luglio 2017
LONDRA - E' passato poco piu' di un anno da quando i cittadini britannici hanno votato per uscire dalla UE e tutte le previsioni catastrofiche fatte all'indomani di questo storico referendum non si
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL CONGRESSO DISINTEGRA L'ACCORDO VOLUTO DA OBAMA CON L'IRAN! NON VERRA' MAI APPROVATO (E QUINDI NON ENTRERA' IN VIGORE)

IL CONGRESSO DISINTEGRA L'ACCORDO VOLUTO DA OBAMA CON L'IRAN! NON VERRA' MAI APPROVATO (E QUINDI
Continua

 
LA FRANCIA VUOLE RIFORMARE IL SISTEMA D'ASILO PER I ''RIFUGIATI'': BASTA! E' USATO PER L'IMMIGRAZIONE CLANDESTINA!

LA FRANCIA VUOLE RIFORMARE IL SISTEMA D'ASILO PER I ''RIFUGIATI'': BASTA! E' USATO PER
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!