50.704.510
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi
ATTACCO TERRORISTICO A Barcellona: 'Cadena Ser', almeno 13 morti in attentato

IL GOVERNO (INSTABILE) PONE LA ''FIDUCIA'' SULLA LEGGE DI STABILITA' PER PAURA DELLE MODIFICHE IN AULA (DIKTAT DELLA UE)

lunedì 25 novembre 2013

Roma - "Sulla legge di stabilità porremo la questione di fiducia. Rispetteremo totalmente il lavoro del Parlamento ponendola sul testo che la commissione Bilancio sta ultimando. La fiducia è però necessaria non soltanto per garantire i tempi di approvazione ma anche per verificare politicamente, con chiarezza e senza ambiguità, nel luogo proprio e sull'atto piu importante, il rapporto fiduciario tra governo e maggioranza parlamentare". Lo dichiara, in un comunicato, il ministro per i Rapporti con il Parlamento e per il coordinamento dell'attività di governo, Dario Franceschini. Sono attesi intanto gli emendamenti sulla casa e sulle spiagge alla legge di stabilità. Visti i ritardi nell'esame di proposte di modifica chiave del ddl, è slittato il voto dell'Aula, previsto per oggi alle 15. La conferenza dei capigruppo del Senato ha deciso intanto che si riunirà nuovamente domani mattina, alle 9, per fissare il calendario dei lavori relativo alla manovra.

La Lega contesta la decisione del voto di fiducia: "Franceschini smentisce Alfano sulla fiducia. Solo l'altro giorno quando noi avevamo già dato per certo che il governo l'avrebbe imposta al Senato, il ministro dell'Interno aveva escluso quella possibilità. Ennesimo scandalo dell'esecutivo Letta che evidentemente sta prendendo coscienza di non avere una maggioranza e allora prova a forzare la mano, un modo per difendere la poltrona a oltranza". Lo dichiarano Massimo Bitonci, capogruppo dei senatori leghisti e Silvana Comaroli, capogruppo in commissione Bilancio a palazzo Madama.

"Ecco -aggiungono- da dove nasce quest'ennesima richiesta di fiducia data ormai per certa da Franceschini su un testo, per altro, che ancora non c'è e chissa quando ci sarà, visto che in commissione spesso e volentieri questa pseudo maggioranza non sa nemmeno che posizione prendere come dimostra il fatto che è già stata battuta più di una volta".

"L'unica cosa sulla quale sembrano d'accordo -conclude- è la divisione delle marchette, per altro tutte al Sud. Una miriade di microinterventi che se fossero aboliti potrebbero formare un fondo consistente da utilizzare in maniera concreta per le tante famiglie in difficoltà".

Contrario anche il M5S. Il Presidente della Repubblica intervenga con un messaggio tv a reti unificate: dica qual è la direzione di marcia, se c'è, oppure annunci pubblicamente quello che i sottosegretari in commissione Bilancio ammettono a mezza bocca: che non ci sono risorse, che il governo sta impegnando il futuro nostro e dei nostri figli e che l'anno prossimo, con il Fiscal compact sarà anche peggio". Barbara Lezzi, senatrice M5S impegnata in quinta commissione a palazzo Madama sulla legge di stabilità, sul quale il governo ha preannunciato la fiducia. "Siamo contrari a questa legge di stabilità, lo siamo ancor di più con la fiducia", si appella al Capo dello Stato. Con le colleghe Elisa Bulgarelli, Giovanna Mangili e Ornella Bertorotta, la senatrice ha spiegato che mentre gli emendamenti M5S su scuola pubblica, sostegno alle imprese piccole e medie, misure fiscali per venire incontro alle famiglie alle prese con la crisi finiscono respinti o imbrigliati in ordini del giorno lasciati alla buona volontà dell'esecutivo, "passano le misure volute dalle lobby, gli sconti per le banche, gli 'emendamentini' sulle quote Eni fatti passare per dismissioni...". (AdnKronos)


IL GOVERNO (INSTABILE) PONE LA ''FIDUCIA'' SULLA LEGGE DI STABILITA' PER PAURA DELLE MODIFICHE IN AULA (DIKTAT DELLA UE)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Stabilità   governo   voto   fiducia   Franceschini   Letta   Alfano   M5S    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SECONDO IL GRAN MAESTRO DEL ''GRANDE ORIENTE DEMOCRATICO'' GIOELE MAGALDI, NAPOLITANO E' MASSONE (COME LO FU SUO PADRE).

SECONDO IL GRAN MAESTRO DEL ''GRANDE ORIENTE DEMOCRATICO'' GIOELE MAGALDI, NAPOLITANO E' MASSONE
Continua

 
DALLA FINANZA FRANCESE UNA PROPOSTA DIROMPENTE: ESCA LA GERMANIA DALL'EURO, COSI' POSSIAMO SVALUTARLO E L'EUROPA RIPARTE

DALLA FINANZA FRANCESE UNA PROPOSTA DIROMPENTE: ESCA LA GERMANIA DALL'EURO, COSI' POSSIAMO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!