64.876.927
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA GERMANIA DIVENTA IL PRIMO PAESE ESPORTATORE ANCHE NELL'AREA MEDITERRANEO (ITALIA ERA LA PRIMA NEL 2012, ORA QUARTA)

sabato 23 novembre 2013

L'Italia a fine 2013 perderà la leadership tra i paesi Ue nell'interscambio con i paesi dell'area del Mediterraneo a favore della Germania. E' quanto emerge dal terzo rapporto annuale su "Le relazioni economiche tra l'Italia e il Mediterraneo".

La relazione redatta da Srm, Studi e Ricerche per il Mezzogiorno, istituto di ricerca tra i cui principali soci ci sono il Gruppo Intesa-San Paolo e il Banco di Napoli, evidenzia come al 2012 (l'ultimo anno con dati ufficiali), l'Italia con 61 miliardi di euro era il primo Paese dell'Ue per interscambio totale con l'Area Med, ma nel primo semestre del 2013 la Germania con una crescita del 7,4% ha superato in valore l'interscambio italiano, che è calato del 4,3% verso l'area.

In euro, l'Italia a fine 2013 toccherà secondo le stime Srm quota 58,3 miliardi di interscambio commerciale con i paesi Med mentre la Germania arriva a 61,2 miliardi e gli Stati Uniti a 68,9 mld.

La stima nel rapporto Srm riflette il significativo calo delle importazioni evidenziato al primo semestre 2013 (-10,8%) a fronte di una lieve crescita dell'export verso l'area pari a +3,9%. In più il rapporto ricorda che una parte rilevante dell'interscambio commerciale dipende dalla componente energetica che pesa per l'Italia per circa il 44%, mentre per Germania, Francia e Usa i valori sono compresi tra il 15% e il 23%.

Senza l'interscambio energetico, l'Italia al 2013 è quindi terza tra i partners europei della sponda Sud del Mediterraneo, con un gap di circa 20 miliardi di euro di minore interscambio manifatturiero rispetto alla Germania.

''Il dato - spiega Massimo Deandreis, direttore di Srm - ci dà la misura del potenziale di mercato, attualmente coperto da prodotti manifatturieri tedeschi, che il nostro Paese potrebbe gradualmente recuperare se prevalesse una strategia più attiva e positiva verso questi mercati".

Tuttavia il rapporto evidenzia anche come le previsioni del Fondo Monetario Internazionale sulle prospettive di crescita del commercio estero dell'Italia e dei suoi competitor (per il 2014, +1,4% per l'Italia, +6,7% per la Germania) portano proiezioni al 2015 in cui l'Italia scenderebbe al 4/o posto tra i principali partner dell'Area Med, superata anche dalla Cina.

Dal rapporto Srm emerge infine una tenuta del Mezzogiorno che perde di meno nell'interscambio rispetto alla media nazionale: secondo le stime Srm, al 2013 il Mezzogiorno fa registrare un interscambio di 14,7 miliardi di euro con l'Area Med, secondo solo, tra le macroregioni italiane, al Nord Ovest (a quota 19 miliardi).

(ANSA).

 

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati


LA GERMANIA DIVENTA IL PRIMO PAESE ESPORTATORE ANCHE NELL'AREA MEDITERRANEO (ITALIA ERA LA PRIMA NEL 2012, ORA QUARTA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Germania   mediterraneo   esportazioni   crisi   euro   Francia   italia   export    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA FRANCIA SI RIVOLTA IN PIAZZA CONTRO MACRON, TENTATO L'ASSALTO ALL'ELISEO, 280.000 MANIFESTANTI, UN MORTO, 272 FERITI

LA FRANCIA SI RIVOLTA IN PIAZZA CONTRO MACRON, TENTATO L'ASSALTO ALL'ELISEO, 280.000 MANIFESTANTI,

domenica 18 novembre 2018
I 'Gilet gialli' bloccano la Francia, chiedono le dimissioni di Emmanuel Macron e danno vita a una protesta che sfocia in tragedia: un morto e 227, di cui sette gravissimi, in scontri con la polizia,
Continua
 
IL ''DECRETO GENOVA'' DIVENTA LEGGE, MOLTO PRESTO I LAVORI PER LA RICOSTRUZIONE. PONTE MORANDI DEMOLITO IN DICEMBRE

IL ''DECRETO GENOVA'' DIVENTA LEGGE, MOLTO PRESTO I LAVORI PER LA RICOSTRUZIONE. PONTE MORANDI

giovedì 15 novembre 2018
ROMA - SENATO - Da oggi, è legge. Con 167 voti favorevoli e 49 contrari il Senato ha approvato il Dl Genova in un clima di grande tensione. Con Forza Italia che ha accusato il ministro delle
Continua
LA BUNDESBANK: BOLLA IMMOBILIARE IN GERMANIA IMMOBILI SOPRAVVALUTATI DEL 15-30%, BANCHE ESPOSTE E FRAGILISSIME

LA BUNDESBANK: BOLLA IMMOBILIARE IN GERMANIA IMMOBILI SOPRAVVALUTATI DEL 15-30%, BANCHE ESPOSTE E

giovedì 15 novembre 2018
BERLINO - Si moltiplicano gli allarmi in Germania per la fragilità delle banche tedesche. Oggi, è l'autorevole quotidiano Handelsblatt a criverne in un lungo articolo di prima
Continua
 
SPECIALE LIBIA / I RISULTATI DELLA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PALERMO COL PLAUSO DEL DIPARTIMENTO DI STATO AMERICANO

SPECIALE LIBIA / I RISULTATI DELLA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PALERMO COL PLAUSO DEL DIPARTIMENTO

mercoledì 14 novembre 2018
La conferenza internazionale di Palermo sulla Libia è stata un grande successo, (a dispetto dell'ostracismo della stampa italiana che lo ha apertamente trascurato -ndr). Gli Stati Uniti hanno
Continua
QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN PICCHIATA E PIL -0,2%''

QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN

mercoledì 14 novembre 2018
BERLINO - Sta andando molto peggio di quanto invece aveva previsto il goverrno Merkel per quest'anno. Nel terzo trimestre del 2018, il prodotto interno lordo della Germania ha registrato una
Continua
 
SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE IN ITALY'' (ADDIO UE)

SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE

mercoledì 14 novembre 2018
Cresce in Italia la diffidenza e il rancore nei confronti dell'Unione europea, con quasi sei italiani su dieci (58%) che si sentono maltrattati dalle politiche comunitarie rispetto agli altri Paesi.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
PUTIN: ''L'UNIONE EUROPEA RICATTA L'UCRAINA. ABBIAMO SENTITO MINACCE''. STIA BEN ATTENTA LA UE. LA RUSSIA NON E' CIPRO.

PUTIN: ''L'UNIONE EUROPEA RICATTA L'UCRAINA. ABBIAMO SENTITO MINACCE''. STIA BEN ATTENTA LA UE. LA
Continua

 
GRECIA A PEZZI DA OGGI 3 GIORNI CONSECUTIVI DI SCIOPERO GENERALE DELLA SANITA' CONTRO I TAGLI VOLUTI DALL'UNIONE EUROPEA

GRECIA A PEZZI DA OGGI 3 GIORNI CONSECUTIVI DI SCIOPERO GENERALE DELLA SANITA' CONTRO I TAGLI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!