44.185.978
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

BANCHE ITALIANE DA ''ROTTAMARE'' E CON BILANCI ''FUORILEGGE'' - LA SPIETATA ANALISI DEL PROFESSOR DELLA LUNA (ECONOMISTA)

venerdì 22 novembre 2013

Marco Della Luna, avvocato e saggista, è  uno studioso di politica economica. E' noto per il suo recente saggio Euroschiavi nel quale mette a nudo i meccanismi giuridici ed economici mediante i quali lo Stato viene svuotato di ogni autonomia politica e trasformato in strumento di spremitura fiscale dei cittadini.

Della Luna ora, parla di banche, banche italiane e l'aggressione al sitema-paese da parte delle multinazionali finanziarie europee: «E’ tutto un peggiorare i servizi, aumentare i costi e le tariffe, destabilizzare i bilanci, dequalificare il personale». Degrado programmato, che procede tra trent’anni e coinvolge anche le grandi imprese private, a cominciare da un settore cruciale e decisivo per l’economia e la società: quello bancario. Marco Dello Luna lo chiama “Progetto Disorganizzazione”. Obiettivo: «Consentire ai capitali stranieri di impadronirsi dei gangli fondamentali dell’economia nazionale», e quindi «dirigere le nostre istituzioni attraverso la detenzione del debito pubblico italiano». Tutte cose «già abbondantemente realizzate». Nel lungo periodo, «si sta lavorando per produrre un dissesto funzionale generale del sistema Italia, in modo che si formino le condizioni di emergenza e di consenso popolare» per trasferire la gestione di tutto agli eurocrati, «come burattini dell’unico Stato super-creditore e super-efficiente: la Germania». Sono andate in questo senso anche le politiche economiche degli ultimi governi, «finalizzate a rafforzare la recessione del paese riducendone la competitività». 

Oggi, sostiene l’avvocato Della Luna, il conto economico della grande maggioranza delle banche si regge su tre colonne «improprie e instabili», che crollerebbero all’istante «se venisse applicata la tanto strombazzata legalità». Primo, gli utili fittizi: si segnano a bilancio utili solo teorici, relativi a crediti in sofferenza ma classificati “a rischio ordinario”. «Contenzioso sommerso: se emergessero, e prima o poi emergeranno, salterebbero sia i conti economici che quelli patrimoniali, quindi tutto il sistema bancario italiano». Seconda “colonna di burro”, gli alti guadagni realizzati vendendo prodotti finanziari fraudolenti, una prassi che sta distruggendo il risparmio. Terzo problema capitale, «la quasi sistematica applicazione di tassi d’interesse e commissioni oltre la soglia di usura», che la Banca d’Italia continua a non “vedere”. Risultato: «Non possiamo applicare le leggi alle banche, altrimenti il sistema bancario salta per aria». 

Come si è arrivati a tanto? «Tappe fondamentali, legate ai più bei nomi della politica italiana, sono la trasformazione delle banche pubbliche in società private finalizzate al profitto e gestite da fondazioni in mano ai partiti». Abolita la separazione delle banche di credito e risparmio da quelle di azzardo speculativo, dalle stesse teste – Draghi in primis – che hanno pensato la privatizzazione di Bankitalia, ceduta ai finanzieri – prima solo “de facto”, poi anche formalmente dal 2006. Nell’organizzazione del personale e del rapporto coi clienti, ormai vige il “Metodo Mc Kinsey”. Via i vecchi funzionari collaudati e preparati, rimpiazzati da giovani inesperti (la formazione costa), assunti con precari contratti da fame e incoraggiati a “vendere per vendere”, nel brevissimo termine. Addio all’antico core business bancario: non più raccolta del risparmio ed erogazione del credito con attenzione alla qualità e solvibilità dei clienti nel tempo, ma vendita forzata di prodotti finanziari, bancari e assicurativi. 

Inoltre, aggiunge Della Luna, all’ignaro pubblico si sono erogati crediti “facili” sotto forma di prodotti strutturati, «contenenti la fregatura, cioè trasferendo il rischio dalla banca ai risparmiatori, senza avvertirli». Poi ecco i tagli al credito verso le imprese in crisi: e quindi recessione, meno redditi, meno risparmi e dunque meno investimenti. Ancora: si pretende che i direttori di filiale si comportino da super-manager, per giunta senza il personale necessario, mentre si adottano metodi di vendita prettamente commerciali: «Al personale si ordina di telefonare a liste preconfezionate di clienti per vendere carte di credito, polizze, prodotti finanziari». Intanto, si allargano le remunerazioni dei vertici «anche quando hanno cagionato gravissimi danni», mentre a impiegati e funzionari si taglino posti di lavoro, stipendi, premi di produzione; si disdicono i contratti di categoria, si allunga l’orario serale di lavoro, si intimidiscono i dipendenti. Tutto questo viene deciso dai vertici, come in una catena di comando militare. Gli obiettivi? Spesso vengono dettati «senza le risorse (di tempo, competenze e personale) per raggiungerli». Frustrazioni, contraddizioni, difficoltà: le conseguenze vengono «scaricate sui dirigenti locali e sui quadri direttivi». 

La strategia di assegnare compiti e obiettivi irrealizzabili «può essere letta come una tecnica di sottomissione», sostiene Della Luna. «Combinata alla sistematica dequalificazione del personale e alla soppressione dei diritti contrattuali», questa “strategia dello sfascio” «sembra preludere a una profonda ristrutturazione dei rapporti sociali». Critiche sul ruolo delle banche, che dovrebbero tornare a far credito all’economia reale anziché speculare con la finanza, sono giunte di recente anche da Napolitano, «che peraltro sottoscrisse la privatizzazione di diritto della Banca d’Italia». Per l’Abi, invece, le banche sono imprese private e quindi devono far profitti, libere cioè di inseguire i business più lucrosi. Peccato che proprio le banche «hanno l’esclusiva dello svolgimento di un servizio di pubblica necessità, cioè la creazione e la allocazione della liquidità». Della Luna ricorda che il 92% della moneta è creata dalle banche di credito mediante l’erogazione di credito. Inoltre, quello bancario è anche un servizio che implica l’uso di un potere pubblico, per la creazione di moneta: una posizione esclusiva, di “monopolio del denaro”, che dovrebbe imporre alle banche di rispettare le necessità dell’economia e della società, «e di non strozzinarle per aumentare i propri profitti». Ma ai boss dei partiti, evidentemente, va bene così.

Fonte: libreidee.org


BANCHE ITALIANE DA ''ROTTAMARE'' E CON BILANCI ''FUORILEGGE'' - LA SPIETATA ANALISI DEL PROFESSOR DELLA LUNA (ECONOMISTA)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN EURO (QUESTO TEME LA UE)

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN

mercoledì 22 febbraio 2017
Mentre si avvicinano le elezioni olandesi dove è molto probabile che il partito anti euro e anti Ue di Wilders, alleato di Salvini e della Le Pen, ottenga un risultato incoraggiante e quelle
Continua
 
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a
Continua
NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E' STATA CENSURATA

NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E'

mercoledì 22 febbraio 2017
Un misterioso aumento della radioattività è stato segnalato da gennaio in vaste aree dell'Europa senza motivo apparente. "Piccole quantità" di Iodio 131, materiale radioattivo di
Continua
 
MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO, ITALIA RISCHIO PRINCIPALE)

MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO,

martedì 21 febbraio 2017
BERLINO - "L'Italia e' il 'rischio principale' della stabilita' dell'euro". Lo scrive il senior economist di Deutsche Bank Marco Stringa in un report, secondo quanto riporta l'agenzia internazionale
Continua
MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA DEI TASSISTI

MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA

lunedì 20 febbraio 2017
Qualcuno nel Pd non ci sta a sentirsi responsabile del pasticcio combinato dal governo sulla questione Uber: "In questi giorni la città è bloccata dai tassisti, ma non hanno torto loro:
Continua
 
LA STAMPA FRANCESE SCHIANTA IL JOBS ACT DI RENZI: ''HA INTRODOTTO I CONTRATTI-STAGE PER I GIOVANI, LI USANO GLI OVER 45''

LA STAMPA FRANCESE SCHIANTA IL JOBS ACT DI RENZI: ''HA INTRODOTTO I CONTRATTI-STAGE PER I GIOVANI,

lunedì 20 febbraio 2017
PARIGI - Se in Italia trovare lavoro fisso e' molto difficile, non e' cosi' per i contratti da stagista il cui numero e' letteralmente esploso: e' questo l'aspetto degli ultimi dati sul mercato del
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
METRO ITALIA IN SCIOPERO! (UNICA TESTATA FREE PRESS PRESENTE IN 6 CITTA') GIORNALISTI CONTRARI AI LICENZIAMENTI...

METRO ITALIA IN SCIOPERO! (UNICA TESTATA FREE PRESS PRESENTE IN 6 CITTA') GIORNALISTI CONTRARI AI
Continua

 
IL CONSIGLIO DI STATO SCHIANTA DEFINITIVAMENTE EQUITALIA! 767 DIRIGENTI ''FASULLI'' TUTTI GLI ATTI ILLEGITTIMI! (LEGGERE!)

IL CONSIGLIO DI STATO SCHIANTA DEFINITIVAMENTE EQUITALIA! 767 DIRIGENTI ''FASULLI'' TUTTI GLI ATTI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!