49.656.507
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

OBAMA HA OTTENUTO UNA SVOLTA, IN IRAN: ''ISRAELE E' DESTINATO A SCOMPARIRE!'' HA URLATO ALI' KHAMENEI IN TV (E' IL CAPO)

giovedì 21 novembre 2013

Gerusalemme -  In contemporanea con l'inaugurazione della prima tornata di trattative sul nucleare iraniano qualche dirigente della televisione di stato della Repubblica Islamica, in accordo con il governo, pensò bene di mandare in onda un filmato immaginario dove Tel Aviv veniva bombardata da una salva di decine di missili.

Per rendere il tutto più verosimile usarono anche le immagini satellitari ricavate dal sito GOOGLE.COM con un’animazione molto reale. Alla chiara minaccia si associava anche la certezza di due particolari importantissimi:

il primo che a Teheran hanno imparato a usare Photoshop, e il secondo che conoscono molto bene la geografia della metropoli israeliana.

Questo però non bastò a convincere le delegazioni sedute al tavolo delle trattative con l'Iran a una maggiore prudenza, infatti l'annullamento delle attuali sanzioni e il congelamento di un nuovo pacchetto di azioni nei confronti di Teheran era già stato deciso a Londra, a Berlino, a Mosca, a Pechino, che non vedevano l’ora di ricominciare le copiose importazioni di petrolio e l’esportazione di tutto quello che potevano verso l’affamato mercato iraniano, e a Washington dove sia il presidente Obama, probabilmente in preda a visioni messianiche, sia il suo fido apostolo Kerry fremevano pur di siglare quell’accordo che stava facendo gelare i polsi a tutto il Medioriente.

Se non fosse stato per la presa di posizione della Francia su alcuni punti dell'accordo finale, l'Occidente avrebbe già firmato agli Ayatollah l'autorizzazione a proseguire nella loro opera di arricchimento dell'uranio fino ad arrivare all'ordigno nucleare senza dover, di fatto, subire ulteriori sanzioni.

Quando La Casa Bianca si è vista scavalcare dall'Eliseo ha fatto di tutto pur di convincere il Congresso a non adottare nuove misure nei confronti dell'Iran, al punto che il segretario di Stato ha chiesto esplicitamente ai senatori di non dar retta alle informazioni di intelligence che arrivavano da Israele. 

Si è trattato di una presa di posizione netta nei confronti dello Stato Ebraico, posizione che fa capire chiaramente quale sia il punto di attrito, se non di rottura, che c'è attualmente tra Washington e Gerusalemme.

La Francia, giustamente, si è opposta e ha fatto rimandare il tutto di due settimane perché anche se nell'accordo era prevista l'apertura delle centrali nucleari iraniane alle ispezioni internazionali, non si faceva cenno alcuno sullo smantellamento delle migliaia di centrifughe per l'arricchimento dell'uranio e neanche si toccava il tema della conservazione di tutta quella parte di uranio già arricchito negli anni scorsi.

Il tema è molto delicato e la velocità con la quale si vuole arrivare ora a una soluzione dopo anni di stallo, denota il pressapochismo, l’incompetenza o il menefreghismo con i quali si sta affrontando una questione che potrebbe far detonare nella maniera più disastrosa possibile la regione intera, con conseguenze che andrebbero a toccare pesantemente il resto del mondo.

Le due settimane sono passate e le delegazioni si sono nuovamente riunite a Ginevra con un nuovo clima di ostentato ottimismo soprattutto dopo la telefonata fra il Primo Ministro inglese Cameron e il Presidente iraniano Hassan Rohani.

La telefonata da qualcuno è considerata storica, infatti  è la prima volta da oltre dieci anni che un premier britannico chiama il presidente dell'Iran, mentre da molti è considerata ‘suggerita’ visto che fino a pochi minuti prima il telefono del numero 10 di Downinig Street era collegato con quello dello ‘studio ovale’.

Cameron, durante la conversazione,  ha sottolineato il suo favore sui passi intrapresi da quando Rohani ha assunto la presidenza, quali siano questi passi non è dato sapere visto che a parte il sorriso nulla è cambiato nella politica iraniana, e a proposito del programma nucleare entrambi i leader hanno concordato che progressi significativi sono stati fatti nei recenti negoziati di Ginevra e che è importante cogliere l'opportunità rappresentata dal nuovo round di colloqui... come dire sbrighiamoci prima che qualcun altro oltre ai francesi ricominci a ragionare. 

In ogni modo, e a scanso di equivoci, anche la seconda tornata di colloqui è stata accompagnata da una nuova minaccia, così come era stato nella scorsa occasione.

L'ayatollah Ali Khamenei, infatti, in un discorso trasmesso in diretta dalla tv di stato davanti a cinquantamila miliziani della forza Basij ha dichiarato: “Israele è destinato a scomparire, le fondamenta del regime sionista sono state notevolmente indebolite ed è destinato a scomparire. Nessun fenomeno imposto con la forza può durare".

Queste sono le premesse, e chi non vuole capire o è stupido o è in malafede. Una cosa è certa, l'Iran nucleare non lo vuole nessuno, soprattutto in Medioriente dove la precaria stabilità politica fa vivere costantemente con il dito sul grilletto.

È troppo facile prevedere il peggio nel caso in cui, nonostante gli sforzi di Israele e Arabia Saudita, le sanzioni venissero annullate, o, ancora peggio, se fosse accettato quello che in troppi credono ormai inevitabile; e cioè l'Iran potenza atomica.

Difficile è capire se nelle più importanti cancellerie mondiali abbiano deciso di fermare la rincorsa al nucleare militare oppure se si siano già rassegnati a un nuovo clima di ‘guerra fredda’ in una regione dove, tra l’altro, non è possibile nemmeno costruire una ‘Cortina di Ferro’.

Michael Sfaradi - Gerusalemme.

 

 

 


OBAMA HA OTTENUTO UNA SVOLTA, IN IRAN: ''ISRAELE E' DESTINATO A SCOMPARIRE!'' HA URLATO ALI' KHAMENEI IN TV (E' IL CAPO)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Israele   Iran   Obama   nucleare   Arabia Saudita   Ginevra   colloqui   Teheran   Mosca   Berlino   Pechino   Londra    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
THE SUN, TABLOID BRITANNICO AD ALTISSIMA TIRATURA, SEGNALA NAPOLI TRA LE 10 CITTA' PIU' PERICOLOSE AL MONDO (COME RAQQA)

THE SUN, TABLOID BRITANNICO AD ALTISSIMA TIRATURA, SEGNALA NAPOLI TRA LE 10 CITTA' PIU' PERICOLOSE

martedì 18 luglio 2017
LONDON - Naples, the Italian city, is famed throughout the world for its links to organised crime. Mafia hits in Naples are more frequent than elsewhere in the home of Italy’s oldest crime
Continua
 
IL NEW YORK TIMES RICONOSCE I SUCCESSI DI DONALD TRUMP CON UN ECCEZIONALE EDITORIALE IN PRIMA PAGINA (ADDIO CLINTON)

IL NEW YORK TIMES RICONOSCE I SUCCESSI DI DONALD TRUMP CON UN ECCEZIONALE EDITORIALE IN PRIMA

venerdì 14 luglio 2017
WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che sarà di ritorno dalla sua visita ufficiale in Francia, dove su invito del suo omologo Emmanuel Macron ha assistito alla parata
Continua
FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''STATO DEI CONTI E FINANZE PUBBLICHE DELL'ITALIA NON ESCLUDONO IL COLLASSO NEL 2018''

FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''STATO DEI CONTI E FINANZE PUBBLICHE DELL'ITALIA NON ESCLUDONO IL

martedì 11 luglio 2017
BERLINO - "Tra  gli stati europei che hanno partecipato al vertice del G-20, l'Italia e' il Paese con le peggiori prospettive di crescita. Il suo rapporto debito Pil e' il piu' alto dopo quello
Continua
 
I BUROCRATI DI BRUXELLES SI LAMENTANO PER GLI STIPENDI ''TROPPO BASSI'' (195.500 EURO L'ANNO) E VOGLIONO TRE MESI DI FERIE

I BUROCRATI DI BRUXELLES SI LAMENTANO PER GLI STIPENDI ''TROPPO BASSI'' (195.500 EURO L'ANNO) E

lunedì 3 luglio 2017
LONDRA  - I 32.578 burocrati dell'Unione Europea navigano letteralmente nell'oro visto che guadagnano stipendi e benefici - tutti pagati con i soldi delle tasse dei disgraziati cittadini Ue a
Continua
A BERLINO MANIFESTAZIONE CONTRO L'ISLAMIZZAZIONE DELLA GERMANIA E DELL'EUROPA, MENTRE IN ITALIA IL PD E' FILOISLAMICO

A BERLINO MANIFESTAZIONE CONTRO L'ISLAMIZZAZIONE DELLA GERMANIA E DELL'EUROPA, MENTRE IN ITALIA IL

lunedì 26 giugno 2017
LONDRA - Probabilmente nessuno e' al corrente che pochi giorni fa a Berlino c'e' stata una protesta contro il pericolo dell'islamizzazione della Germania e dell'Europa e la cosa non deve sorprendere,
Continua
 
LES ECHOS: ''ITALIA RISCHIA DI FINIRE COME LA REPUBBLICA DI WEIMAR'' E IL TIMES: ''L'ITALIA FARA' CROLLARE LA UE''.

LES ECHOS: ''ITALIA RISCHIA DI FINIRE COME LA REPUBBLICA DI WEIMAR'' E IL TIMES: ''L'ITALIA FARA'

martedì 6 giugno 2017
PARIGI - La coalizione di governo in Italia e' sull'orlo di una crisi di nervi: lo scrive il quotidiano economico francese "Les Echos" in un lungo  documentato reportage  pubblicato oggi in
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
TURISMO VERSO ISRAELE: +12% CON 339.000 ARRIVI E DALL'ITALIA 21.691 PARI A UN +5% IN OTTOBRE. E' UN GRANDE SUCCESSO.

TURISMO VERSO ISRAELE: +12% CON 339.000 ARRIVI E DALL'ITALIA 21.691 PARI A UN +5% IN OTTOBRE. E' UN
Continua

 
LA GERMANIA STA DIVORANDO LA FRANCIA (L'ITALIA L'HA GIA' DISTRUTTA) DATI INDISCUTIBILI: BENVENUTA NEI PIIGS, PARIGI.

LA GERMANIA STA DIVORANDO LA FRANCIA (L'ITALIA L'HA GIA' DISTRUTTA) DATI INDISCUTIBILI: BENVENUTA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!