73.567.208
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

OBAMA HA OTTENUTO UNA SVOLTA, IN IRAN: ''ISRAELE E' DESTINATO A SCOMPARIRE!'' HA URLATO ALI' KHAMENEI IN TV (E' IL CAPO)

giovedì 21 novembre 2013

Gerusalemme -  In contemporanea con l'inaugurazione della prima tornata di trattative sul nucleare iraniano qualche dirigente della televisione di stato della Repubblica Islamica, in accordo con il governo, pensò bene di mandare in onda un filmato immaginario dove Tel Aviv veniva bombardata da una salva di decine di missili.

Per rendere il tutto più verosimile usarono anche le immagini satellitari ricavate dal sito GOOGLE.COM con un’animazione molto reale. Alla chiara minaccia si associava anche la certezza di due particolari importantissimi:

il primo che a Teheran hanno imparato a usare Photoshop, e il secondo che conoscono molto bene la geografia della metropoli israeliana.

Questo però non bastò a convincere le delegazioni sedute al tavolo delle trattative con l'Iran a una maggiore prudenza, infatti l'annullamento delle attuali sanzioni e il congelamento di un nuovo pacchetto di azioni nei confronti di Teheran era già stato deciso a Londra, a Berlino, a Mosca, a Pechino, che non vedevano l’ora di ricominciare le copiose importazioni di petrolio e l’esportazione di tutto quello che potevano verso l’affamato mercato iraniano, e a Washington dove sia il presidente Obama, probabilmente in preda a visioni messianiche, sia il suo fido apostolo Kerry fremevano pur di siglare quell’accordo che stava facendo gelare i polsi a tutto il Medioriente.

Se non fosse stato per la presa di posizione della Francia su alcuni punti dell'accordo finale, l'Occidente avrebbe già firmato agli Ayatollah l'autorizzazione a proseguire nella loro opera di arricchimento dell'uranio fino ad arrivare all'ordigno nucleare senza dover, di fatto, subire ulteriori sanzioni.

Quando La Casa Bianca si è vista scavalcare dall'Eliseo ha fatto di tutto pur di convincere il Congresso a non adottare nuove misure nei confronti dell'Iran, al punto che il segretario di Stato ha chiesto esplicitamente ai senatori di non dar retta alle informazioni di intelligence che arrivavano da Israele. 

Si è trattato di una presa di posizione netta nei confronti dello Stato Ebraico, posizione che fa capire chiaramente quale sia il punto di attrito, se non di rottura, che c'è attualmente tra Washington e Gerusalemme.

La Francia, giustamente, si è opposta e ha fatto rimandare il tutto di due settimane perché anche se nell'accordo era prevista l'apertura delle centrali nucleari iraniane alle ispezioni internazionali, non si faceva cenno alcuno sullo smantellamento delle migliaia di centrifughe per l'arricchimento dell'uranio e neanche si toccava il tema della conservazione di tutta quella parte di uranio già arricchito negli anni scorsi.

Il tema è molto delicato e la velocità con la quale si vuole arrivare ora a una soluzione dopo anni di stallo, denota il pressapochismo, l’incompetenza o il menefreghismo con i quali si sta affrontando una questione che potrebbe far detonare nella maniera più disastrosa possibile la regione intera, con conseguenze che andrebbero a toccare pesantemente il resto del mondo.

Le due settimane sono passate e le delegazioni si sono nuovamente riunite a Ginevra con un nuovo clima di ostentato ottimismo soprattutto dopo la telefonata fra il Primo Ministro inglese Cameron e il Presidente iraniano Hassan Rohani.

La telefonata da qualcuno è considerata storica, infatti  è la prima volta da oltre dieci anni che un premier britannico chiama il presidente dell'Iran, mentre da molti è considerata ‘suggerita’ visto che fino a pochi minuti prima il telefono del numero 10 di Downinig Street era collegato con quello dello ‘studio ovale’.

Cameron, durante la conversazione,  ha sottolineato il suo favore sui passi intrapresi da quando Rohani ha assunto la presidenza, quali siano questi passi non è dato sapere visto che a parte il sorriso nulla è cambiato nella politica iraniana, e a proposito del programma nucleare entrambi i leader hanno concordato che progressi significativi sono stati fatti nei recenti negoziati di Ginevra e che è importante cogliere l'opportunità rappresentata dal nuovo round di colloqui... come dire sbrighiamoci prima che qualcun altro oltre ai francesi ricominci a ragionare. 

In ogni modo, e a scanso di equivoci, anche la seconda tornata di colloqui è stata accompagnata da una nuova minaccia, così come era stato nella scorsa occasione.

L'ayatollah Ali Khamenei, infatti, in un discorso trasmesso in diretta dalla tv di stato davanti a cinquantamila miliziani della forza Basij ha dichiarato: “Israele è destinato a scomparire, le fondamenta del regime sionista sono state notevolmente indebolite ed è destinato a scomparire. Nessun fenomeno imposto con la forza può durare".

Queste sono le premesse, e chi non vuole capire o è stupido o è in malafede. Una cosa è certa, l'Iran nucleare non lo vuole nessuno, soprattutto in Medioriente dove la precaria stabilità politica fa vivere costantemente con il dito sul grilletto.

È troppo facile prevedere il peggio nel caso in cui, nonostante gli sforzi di Israele e Arabia Saudita, le sanzioni venissero annullate, o, ancora peggio, se fosse accettato quello che in troppi credono ormai inevitabile; e cioè l'Iran potenza atomica.

Difficile è capire se nelle più importanti cancellerie mondiali abbiano deciso di fermare la rincorsa al nucleare militare oppure se si siano già rassegnati a un nuovo clima di ‘guerra fredda’ in una regione dove, tra l’altro, non è possibile nemmeno costruire una ‘Cortina di Ferro’.

Michael Sfaradi - Gerusalemme.

 

 

 


OBAMA HA OTTENUTO UNA SVOLTA, IN IRAN: ''ISRAELE E' DESTINATO A SCOMPARIRE!'' HA URLATO ALI' KHAMENEI IN TV (E' IL CAPO)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Israele   Iran   Obama   nucleare   Arabia Saudita   Ginevra   colloqui   Teheran   Mosca   Berlino   Pechino   Londra    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
''LE NUOVE FORME DELL'ANTISEMITISMO'' CONVEGNO ORGANIZZATO DALLA LEGA. SALVINI: CHI VUOLE CANCELLARE ISRAELE E' ANTISEMITA

''LE NUOVE FORME DELL'ANTISEMITISMO'' CONVEGNO ORGANIZZATO DALLA LEGA. SALVINI: CHI VUOLE

giovedì 16 gennaio 2020
A dieci giorni dalla ricorrenza del Giorno della Memoria in omaggio alle vittime dell'Olocausto, la Lega ha organizzato a Roma il convegno 'Le nuove forme dell'antisemitismo'. A Palazzo Giustiniani,
Continua
 
VIKTOR ORBAN: ''NEL 1989 I CITTADINI DELL'EUROPA CENTRALE FURONO COSI' FORTI DA CAMBIARE IL FUTURO DEL CONTINENTE''

VIKTOR ORBAN: ''NEL 1989 I CITTADINI DELL'EUROPA CENTRALE FURONO COSI' FORTI DA CAMBIARE IL FUTURO

lunedì 18 novembre 2019
PRAGA - Nel 1989, i cittadini dell'Europa centrale "furono cosi' forti da cambiare il futuro del continente". Lo ha dichiarato il primo ministro ungherese Viktor Orban, in occasione della
Continua
BCE VEDE NERISSIMO: FA RIPARTIRE IL QE DA 20 MLD AL MESE, LA MERKEL DICE NO A PIU' SPESA PUBBLICA E CONTE? VEDE DI MAIO

BCE VEDE NERISSIMO: FA RIPARTIRE IL QE DA 20 MLD AL MESE, LA MERKEL DICE NO A PIU' SPESA PUBBLICA E

giovedì 12 settembre 2019
La BCE ha deciso di far ripartire gli acquisti del suo Quantitative Easing: infatti nella riunione del Consiglio Direttivo della Banca centrale europea che si è appena conclusa è stato
Continua
 
BORIS JOHNSON E' IL NUOVO WINSTON CHURCHILL: UN VERO STATISTA ALLA GUIDA DELLA GRAN BRETAGNA PER LA BREXIT

BORIS JOHNSON E' IL NUOVO WINSTON CHURCHILL: UN VERO STATISTA ALLA GUIDA DELLA GRAN BRETAGNA PER LA

giovedì 25 luglio 2019
LONDRA - Boris Johnson ha preso le redini del governo britannico, con la promessa che il 31 ottobre il Regno Unito uscira' dall'Ue "senza se e senza ma", ha avvertito che la Brexit potra' avvenire
Continua
MA GUARDA: BANCHE D'AFFARI ANGLO-TEDESCHE VOLEVANO COMPRARE PETROLIO DAI RUSSI, ALTRO CHE SAVOINI (LETTERA FIRMATA)

MA GUARDA: BANCHE D'AFFARI ANGLO-TEDESCHE VOLEVANO COMPRARE PETROLIO DAI RUSSI, ALTRO CHE SAVOINI

sabato 13 luglio 2019
 "Apprendo con stupore dagli organi di stampa che questo incontro avrebbe indotto una Procura del Repubblica ad avviare una inchiesta per reati come corruzione internazionale o finanziamento
Continua
 
DALAI LAMA: L'EUROPA DEVE RISPEDIRE TUTTI I RIFUGIATI NEI PAESI D'ORIGINE PERCHE' AIUTINO LO SVILUPPO DELLE LORO NAZIONI

DALAI LAMA: L'EUROPA DEVE RISPEDIRE TUTTI I RIFUGIATI NEI PAESI D'ORIGINE PERCHE' AIUTINO LO

lunedì 1 luglio 2019
LONDRA - L'Europa deve rispedire tutti i rifugiati nei loro paesi d'origine altrimenti rischia di diventare africana o musulmana. Sarebbe facile pensare che tale affermazione sia stata fatta da uno
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
TURISMO VERSO ISRAELE: +12% CON 339.000 ARRIVI E DALL'ITALIA 21.691 PARI A UN +5% IN OTTOBRE. E' UN GRANDE SUCCESSO.

TURISMO VERSO ISRAELE: +12% CON 339.000 ARRIVI E DALL'ITALIA 21.691 PARI A UN +5% IN OTTOBRE. E' UN
Continua

 
LA GERMANIA STA DIVORANDO LA FRANCIA (L'ITALIA L'HA GIA' DISTRUTTA) DATI INDISCUTIBILI: BENVENUTA NEI PIIGS, PARIGI.

LA GERMANIA STA DIVORANDO LA FRANCIA (L'ITALIA L'HA GIA' DISTRUTTA) DATI INDISCUTIBILI: BENVENUTA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

MELONI: GRAZIE A PLASTIC E SUGAR TAX MESSE DA PD&M5S COCA COLA VA

16 gennaio - ''Grazie alla plastic tax e alla sugar tax lo storico impianto Coca Cola
Continua

MARINE LE PEN ANNUNCIA LA CANDIDATURA ALLE PRESIDENZIALI DEL 2022

16 gennaio - PARIGI - Marine Le Pen, presidente del Rassemblement National (erede
Continua

L'M5S PERDE UN ALTRO SENATORE: DI MARZIO SE NE VA (MAGGIORANZA NON

16 gennaio - ''Di fronte ad un'epurazione di fatto della quale non posso non prendere
Continua

CORTE ERUROPEA DIRITTI UMANI: RENZO MAGOSSO CONDANNATO INGIUSTAMENTE

16 gennaio - STRASBURGO - Renzo Magosso e Umberto Brindani non dovevano essere
Continua

PRECIPITA LA PRODUZIONE INDUSTRIALE NELL'AREA DELL'EURO E MALE

15 gennaio - A novembre 2019 la produzione industriale nella zona euro è salita
Continua

LUCIA BORGONZONI: ''IL PD DOVREBBE CHIEDERE SCUSA PER BIBBIANO''

15 gennaio - ''Chi aveva il dovere di controllare e non lo ha fatto dovrebbe chiedere
Continua

FRANCIA: 60% CITTADINI CONDIVIDE LO SCIOPERO A OLTRANZA SULLE

14 gennaio - PARIGI - Sei francesi su dieci appoggiano senza esitazioni le
Continua

MOODY'S AVVERTE L'EUROZONA: 2020 SARA'' PESSIMO.

14 gennaio - L'agenzia di rating Moody's indica una ''prospettiva negativa'' per il
Continua

SALVINI: ANDIAMO AL VOTO COL IL MATTARELUM LEGGE DEL PRESIDENTE

14 gennaio - Tornare al proporzionale? ''No, significherebbe tornare agli anni ’80.
Continua

AMBIENTALISTI DA SALOTTO CON CASA IN CENTRO...

14 gennaio - ''Qua ci sono gli ambientalisti da salotto radical chic, quelli che
Continua

CONFCOMMERCIO: VENDITE E CONSUMI NEL 2019 IN FORTE CALO (2020

13 gennaio - L'ultimo dato sulle vendite conferma la previsione di una fase finale
Continua

CONTE & PD & M5S VOGLIONO ALZARE ANCORA L'ETA' PENSIONABILE

13 gennaio - ''Il governo, il presidente del consiglio, il Pd, annunciano che faranno
Continua

ECCEZIONALE OPERAZIONE ANTIDROGA DELLE FIAMME GIALLE: 333 KG DI

13 gennaio - GENOVA - Eccezionale operazione anti droga delle Fiamme Gialle. La
Continua

GOVERNO BRITANNICO: MOLTO PREOCCUPANTI NOTIZIE MISSILE CONTRO

9 gennaio - Il governo britannico sta esaminando le notizie ''molto preoccupanti''
Continua

PRESIDENTE ORBAN: PRONTI A LASCIARE IL PPE (ADDIO MAGGIORANZA PER

9 gennaio - BUDAPEST - ''Il Ppe, nella sua forma attuale, non interessa al mio
Continua

LA BCE: UNICA MONETA A CORSO LEGALE E' IL DENARO CONTANTE (DITELO A

9 gennaio - ''La Bce ricorda agli incompetenti del governo Pd-M5S che l'unica moneta
Continua

MATTEO SALVINI: CONTE NON SI AZZARDI A FAR RIPARTIRE LA MISSIONE

8 gennaio - ''L'Ue non tocca palla ne' in Libia ne' in Medio Oriente, ma ora
Continua

CROLLANO GLI ORDINI INDUSTRIALI IN GERMANIA: -6,5% NEL 2019 (MAI

8 gennaio - BERLINO - A novembre gli ordinativi all'industria manifatturiera sono
Continua

LA FAMIGLIA RIVA AVEVA FATTO ENORMI INVESTIMENTI NELL'EX ILVA 1 MLD

7 gennaio - MILANO - Nella gestione dell'Ilva di Taranto da parte della famiglia
Continua

CROLLA L'INFLAZIONE NEL 2019 IN ITALIA (DA 1,2% A 0,6%) STAGNAZIONE

7 gennaio - Il tasso d'inflazione per il 2019 si attesta allo 0,6%, un valore
Continua
Precedenti »