63.352.536
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

OBAMA HA OTTENUTO UNA SVOLTA, IN IRAN: ''ISRAELE E' DESTINATO A SCOMPARIRE!'' HA URLATO ALI' KHAMENEI IN TV (E' IL CAPO)

giovedì 21 novembre 2013

Gerusalemme -  In contemporanea con l'inaugurazione della prima tornata di trattative sul nucleare iraniano qualche dirigente della televisione di stato della Repubblica Islamica, in accordo con il governo, pensò bene di mandare in onda un filmato immaginario dove Tel Aviv veniva bombardata da una salva di decine di missili.

Per rendere il tutto più verosimile usarono anche le immagini satellitari ricavate dal sito GOOGLE.COM con un’animazione molto reale. Alla chiara minaccia si associava anche la certezza di due particolari importantissimi:

il primo che a Teheran hanno imparato a usare Photoshop, e il secondo che conoscono molto bene la geografia della metropoli israeliana.

Questo però non bastò a convincere le delegazioni sedute al tavolo delle trattative con l'Iran a una maggiore prudenza, infatti l'annullamento delle attuali sanzioni e il congelamento di un nuovo pacchetto di azioni nei confronti di Teheran era già stato deciso a Londra, a Berlino, a Mosca, a Pechino, che non vedevano l’ora di ricominciare le copiose importazioni di petrolio e l’esportazione di tutto quello che potevano verso l’affamato mercato iraniano, e a Washington dove sia il presidente Obama, probabilmente in preda a visioni messianiche, sia il suo fido apostolo Kerry fremevano pur di siglare quell’accordo che stava facendo gelare i polsi a tutto il Medioriente.

Se non fosse stato per la presa di posizione della Francia su alcuni punti dell'accordo finale, l'Occidente avrebbe già firmato agli Ayatollah l'autorizzazione a proseguire nella loro opera di arricchimento dell'uranio fino ad arrivare all'ordigno nucleare senza dover, di fatto, subire ulteriori sanzioni.

Quando La Casa Bianca si è vista scavalcare dall'Eliseo ha fatto di tutto pur di convincere il Congresso a non adottare nuove misure nei confronti dell'Iran, al punto che il segretario di Stato ha chiesto esplicitamente ai senatori di non dar retta alle informazioni di intelligence che arrivavano da Israele. 

Si è trattato di una presa di posizione netta nei confronti dello Stato Ebraico, posizione che fa capire chiaramente quale sia il punto di attrito, se non di rottura, che c'è attualmente tra Washington e Gerusalemme.

La Francia, giustamente, si è opposta e ha fatto rimandare il tutto di due settimane perché anche se nell'accordo era prevista l'apertura delle centrali nucleari iraniane alle ispezioni internazionali, non si faceva cenno alcuno sullo smantellamento delle migliaia di centrifughe per l'arricchimento dell'uranio e neanche si toccava il tema della conservazione di tutta quella parte di uranio già arricchito negli anni scorsi.

Il tema è molto delicato e la velocità con la quale si vuole arrivare ora a una soluzione dopo anni di stallo, denota il pressapochismo, l’incompetenza o il menefreghismo con i quali si sta affrontando una questione che potrebbe far detonare nella maniera più disastrosa possibile la regione intera, con conseguenze che andrebbero a toccare pesantemente il resto del mondo.

Le due settimane sono passate e le delegazioni si sono nuovamente riunite a Ginevra con un nuovo clima di ostentato ottimismo soprattutto dopo la telefonata fra il Primo Ministro inglese Cameron e il Presidente iraniano Hassan Rohani.

La telefonata da qualcuno è considerata storica, infatti  è la prima volta da oltre dieci anni che un premier britannico chiama il presidente dell'Iran, mentre da molti è considerata ‘suggerita’ visto che fino a pochi minuti prima il telefono del numero 10 di Downinig Street era collegato con quello dello ‘studio ovale’.

Cameron, durante la conversazione,  ha sottolineato il suo favore sui passi intrapresi da quando Rohani ha assunto la presidenza, quali siano questi passi non è dato sapere visto che a parte il sorriso nulla è cambiato nella politica iraniana, e a proposito del programma nucleare entrambi i leader hanno concordato che progressi significativi sono stati fatti nei recenti negoziati di Ginevra e che è importante cogliere l'opportunità rappresentata dal nuovo round di colloqui... come dire sbrighiamoci prima che qualcun altro oltre ai francesi ricominci a ragionare. 

In ogni modo, e a scanso di equivoci, anche la seconda tornata di colloqui è stata accompagnata da una nuova minaccia, così come era stato nella scorsa occasione.

L'ayatollah Ali Khamenei, infatti, in un discorso trasmesso in diretta dalla tv di stato davanti a cinquantamila miliziani della forza Basij ha dichiarato: “Israele è destinato a scomparire, le fondamenta del regime sionista sono state notevolmente indebolite ed è destinato a scomparire. Nessun fenomeno imposto con la forza può durare".

Queste sono le premesse, e chi non vuole capire o è stupido o è in malafede. Una cosa è certa, l'Iran nucleare non lo vuole nessuno, soprattutto in Medioriente dove la precaria stabilità politica fa vivere costantemente con il dito sul grilletto.

È troppo facile prevedere il peggio nel caso in cui, nonostante gli sforzi di Israele e Arabia Saudita, le sanzioni venissero annullate, o, ancora peggio, se fosse accettato quello che in troppi credono ormai inevitabile; e cioè l'Iran potenza atomica.

Difficile è capire se nelle più importanti cancellerie mondiali abbiano deciso di fermare la rincorsa al nucleare militare oppure se si siano già rassegnati a un nuovo clima di ‘guerra fredda’ in una regione dove, tra l’altro, non è possibile nemmeno costruire una ‘Cortina di Ferro’.

Michael Sfaradi - Gerusalemme.

 

 

 


OBAMA HA OTTENUTO UNA SVOLTA, IN IRAN: ''ISRAELE E' DESTINATO A SCOMPARIRE!'' HA URLATO ALI' KHAMENEI IN TV (E' IL CAPO)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Israele   Iran   Obama   nucleare   Arabia Saudita   Ginevra   colloqui   Teheran   Mosca   Berlino   Pechino   Londra    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI COLOSSI TEDESCHI E UE

ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI

mercoledì 28 marzo 2018
Il Financial Times non fa sconti alla Germania e con un articolo che suona come un rumorosissimo campanello d'allarme svela dati e percentuali sull'economia e la finanza tedesca da spavento. "Chi
Continua
 
PREMIER DELL'OLANDA AVVISA FRANCIA E GERMANIA: NON DEVONO IMPORRE RIFORME DELLA UE CONTRO LA VOLONTA' DI STATI MEMBRI!

PREMIER DELL'OLANDA AVVISA FRANCIA E GERMANIA: NON DEVONO IMPORRE RIFORME DELLA UE CONTRO LA

venerdì 16 marzo 2018
AMSTERDAM - Se non è una frattura verticale nella Ue, molto poco ci manca. Non è mai accaduto in passato che una nazione del nord Europa, del calibro dell'Olanda, prendesse una netta
Continua
''L'EUROZONA E' INADEGUATA A RISOLVERE LE DISEGUAGLIANZE ECONOMICHE INTERNE PROVOCATE DALL'EURO'' (FINANCIAL TIMES)

''L'EUROZONA E' INADEGUATA A RISOLVERE LE DISEGUAGLIANZE ECONOMICHE INTERNE PROVOCATE DALL'EURO''

mercoledì 14 marzo 2018
LONDRA - "I risultati elettorali in Italia sono una severa lezione per l'Unione Europea e soprattutto per l'Eurzona: se la prosperita' non sara' distribuita meglio tra i paesi membri, l'Europa
Continua
 
FINANCIAL TIMES: ''DOPO IL RISULTATO DELLE ELEZIONI, L'ITALIA RAPPRESENTA UN RISCHIO SISTEMICO PER LA ZONA EURO''

FINANCIAL TIMES: ''DOPO IL RISULTATO DELLE ELEZIONI, L'ITALIA RAPPRESENTA UN RISCHIO SISTEMICO PER

lunedì 12 marzo 2018
LONDRA - Continua la campagna del quotidiano economico britannico "Financial Times" -  il secondo più letto al mondo dopo il Wall Street Journal - da sempre favorevole al'euro e alla Ue,
Continua
BREXIT PORTA GRANDI INVESTIMENTI IN GRAN BRETAGNA NUOVE FABBRICHE TOYOTA E SIEMENS CHE INVESTONO 400 MILIONI DI STERLINE

BREXIT PORTA GRANDI INVESTIMENTI IN GRAN BRETAGNA NUOVE FABBRICHE TOYOTA E SIEMENS CHE INVESTONO

martedì 6 marzo 2018
  LONDRA - Sono passati quasi due anni da quando la maggioranza dei cittadini britannici ha votato per uscire dalla UE ma lungi dall'entrare in recessione l'economia britannica gode di ottima
Continua
 
LA STAMPA TEDESCA: L'ITALIA LASCI L'EURO CON PARZIALE BANCAROTTA O FACCIA LE RIFORME ''CHIESTE'' DALLA UE. TAGLI E TASSE.

LA STAMPA TEDESCA: L'ITALIA LASCI L'EURO CON PARZIALE BANCAROTTA O FACCIA LE RIFORME ''CHIESTE''

lunedì 26 febbraio 2018
BERLINO -  La stampa tedesca analizza con chiarezza la situazione italiana e rende noti dati che in Italia vengono sottaciuti dalla stragrande maggioranza degli organi di informazione, orientati
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
TURISMO VERSO ISRAELE: +12% CON 339.000 ARRIVI E DALL'ITALIA 21.691 PARI A UN +5% IN OTTOBRE. E' UN GRANDE SUCCESSO.

TURISMO VERSO ISRAELE: +12% CON 339.000 ARRIVI E DALL'ITALIA 21.691 PARI A UN +5% IN OTTOBRE. E' UN
Continua

 
LA GERMANIA STA DIVORANDO LA FRANCIA (L'ITALIA L'HA GIA' DISTRUTTA) DATI INDISCUTIBILI: BENVENUTA NEI PIIGS, PARIGI.

LA GERMANIA STA DIVORANDO LA FRANCIA (L'ITALIA L'HA GIA' DISTRUTTA) DATI INDISCUTIBILI: BENVENUTA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

L'OCSE NON DEVE INTROMETTERSI NELLE SCELTE DI UN PAESE SOVRANO QUAL

20 settembre - ''L'Ocse non deve intromettersi nelle scelte di un Paese sovrano che il
Continua
IN URSS SE NON ERI COMUNISTA ERI ''PAZZO''. GIUDICI FRANCESI FANNO LA STESSA COSA

IN URSS SE NON ERI COMUNISTA ERI ''PAZZO''. GIUDICI FRANCESI FANNO

20 settembre - PARIGI - Marine Le Pen insorge contro la decisione di una giudice, che
Continua

SALVINI: EUROPA NON DEV'ESSERE PROFITTO SPECULAZIONE PRIVILEGI DI

20 settembre - Il presidente francese Emmanuel Macron ''dal gennaio dell'anno scorso ha
Continua

ENNESIMA PRESA PER I FONDELLI DA PARTE DELLA UE SUI ''MIGRANTI''

20 settembre - SALISBURGO - ''L'importante è che ci sia un'ampia partecipazione al
Continua

UNGHERIA: L'ONU DIFFONDE BUGIE SULL'UNGHERIA NON SAREMO MAI UN

19 settembre - GINEVRA - Il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto ha accusato
Continua

WALL STREET JOURNAL: ''FACEBOOK DA ANNI ACCEDE A INFORMAZIONI

19 settembre - NEW YORK - Si preannuncia uno scandalo enorme, che potrebbe portare il
Continua

COORDINATORE DELLA LEGA NORD SARDEGNA: ATTENTATO PER UCCIDERMI

19 settembre - SASSARI - ''Volevano uccidermi. In giornata presentero' un esposto alla
Continua

MINISTRO DELLA SALUTE GIULIA GRILLO: ''LAVORIAMO PER ABOLIRE IL

19 settembre - ''Stiamo lavorando all'abolizione del superticket (la tassa di 10 euro
Continua

ESPLOSIONE NELLA NOTTE IN UNO STABILE DOVE RISIEDONO 24

19 settembre - VERONA - E' un passante l'unico ferito in modo non grave dell'esplosione
Continua

L'OLANDA SI ''ACCORGE'' DELL'INVASIONE AFRICANA DELLA UE... (E

19 settembre - AMSTERDAM - Il ministro dell'Interno olandese, Mark Harbers, ha scritto
Continua
Precedenti »