49.915.034
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

''I PANNI SPORCHI DELLA SINISTRA'' UN LIBRO D'INCHIESTA CHE FA A BRANDELLI TUTTI, DAL PCI AL PD PASSANDO PER NAPOLITANO.

mercoledì 20 novembre 2013

Milano - Dalle amicizie pericolose di Bersani a quelle di D’Alema, dalle ambigue innovazioni di Renzi alle ombre dell’Ilva su Vendola. Fino al “nuovo compromesso storico” di Enrico Letta e ai segreti di Giorgio Napolitano. Non risparmia nessuno “I panni sporchi della sinistra”, il libro di Ferruccio Pinotti e Stefano Santachiara (edito da “Chiarelettere”) che mette a nudo le magagne del centrosinistra. Un lavoro nel quale i due autori analizzano una serie di inchieste giudiziarie che riguardano, a vario titolo, il mondo della sinistra. Dalla galassia-Bersani, quella dei Penati, Pronzato e Veronesi, alla vicenda di Flavio Fasano, referente di D’Alema invischiato in una storia di mafia. Dallo scandalo Ilva al caso Unipol, passando per i trasferimenti di due magistrate, Clementina Forleo e Desirée Digeronimo, che avevano indagato sulle responsabilità di importanti esponenti politici di sinistra. Per l’ex sinistra italiana, una vera e propria “mutazione genetica”: tra Quirinale e Berlusconi, Cia e massoneria.

«Man mano che si componeva il mosaico abbiamo effettuato collegamenti che ci consentono di analizzare la mutazione antropologica, etica e culturale del partito erede del Pci di Berlinguer». Il “nuovismo” di Renzi ben rappresenta il punto terminale della parabola dell’ex sinistra in materia di politica economica. Un mondo che ormai «ha la stella polare più vicino al mondo della finanza che non a quello dei lavoratori», avendo ormai messo in soffitta sia Marx che Keynes: l’ex sinistra «ha privatizzato reti strategiche nazionali, aperto al precariato con la legge Treu, ha appoggiato guerre della Nato, non si è prodigata per estendere i diritti civili, ha finanziato le scuole private invece di rilanciare l’istruzione pubblica e riportare la cultura (senza scomodare l’egemonia di gramsciana memoria) al centro dell’azione politica». E infine – peccato capitale – si è «allineata alla dottrina dell’austerity imposta dall’Europa dei tecnocrati», finendo così per sdoganare «conflitti d’interesse anche propri, non soltanto quello noto di Berlusconi, e le opache relazioni con il potere economico e bancario, tradendo i principi morali e di giustizia sociale che avevano animato la sinistra del passato».

Fine della cosiddetta superiorità morale della sinistra. Colpa, anche di Napolitano? Per Santachiara, l’uomo del Colle «è un garante dei poteri forti: è il comunista borghese collaterale al Psi di Craxi e favorevole, già negli anni ‘80, ai rapporti con Berlusconi». Già nel ’96, ministro dell’interno, chiarì: «Non sono venuto qui per aprire gli armadi del Viminale». Ovvero: nessuna indagine sui tanti segreti italiani irrisolti. «Una dichiarazione che è tutta un programma». Nel libro, viene citata una fonte anonima che sostiene l’appartenenza di Napolitano alla massoneria, peraltro non provata. La fonte, rivela Santachiara, è un noto avvocato figlio di un esponente del Pci, il quale riconduce alla “massoneria atlantica” le famiglie Amendola e Napolitano, interpreti della corrente comunista e liberale di Napoli. Da un documento datato 1974, l’Executive Intelligence Review, emerge che Giorgio Amendola, il mentore di Napolitano, era “legato alla Cia”. «Napolitano fu il primo dirigente comunista ad essere invitato negli Stati Uniti», ricorda l’autore del libro. «Andò in visita negli Usa al posto di Berlinguer, a tenere conferenze nelle università più prestigiose: proprio nei giorni del rapimento di Aldo Moro da parte delle Brigate Rosse».

Un episodio che «chiarisce quanto Napolitano fosse, sino da allora, il più affidabile per i poteri atlantici e che spiega almeno in parte la sua ascesa». Napolitano grimaldello degli Usa per portare il Pci a posizioni più allineate al potere atlantico? L’attuale presidente della Repubblica «ha saputo muoversi perfettamente: a livello pubblico e ufficiale è sempre stato fedele al partito, sostenendo la causa di Togliatti persino nella difesa dell’invasione sovietica di Budapest nel 1956, poi come “ministro degli esteri” del Pci». Ma, al tempo stesso, «in maniera sommersa ha coltivato relazioni dall’altra parte della barricata, accreditandosi a più livelli di potere, italiani e internazionali».All’epoca della “Milano da bere”, quando Napolitano premeva per l’avvicinamento al Psi craxiano, «il rampante Berlusconi finanziava il settimanale della corrente migliorista, “Il Moderno”». Negli anni, Napolitano ha evitato lo scontro frontale col Cavaliere: «Ha promulgato senza rinvio lodi e leggi ad personam che sono stati poi bocciati dalla Corte Costituzionale, e in queste settimane ha parlato di amnistia proprio dopo la condanna definitiva di Berlusconi per frode fiscale nel processo Mediaset».

 


''I PANNI SPORCHI DELLA SINISTRA'' UN LIBRO D'INCHIESTA CHE FA A BRANDELLI TUTTI, DAL PCI AL PD PASSANDO PER NAPOLITANO.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Napolitano   Pci   Pd   Bersani   D'Alema   Letta   finanza   Berlusconi   Cia   massoneria    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA CATASTROFE SENZA FINE.

DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA

martedì 25 luglio 2017
Nel secondo trimestre del 2017 sono state 3.190 le aziende che hanno portato i libri in tribunale (facendo così salire a 6.188 il numero nei primi sei mesi dell'anno). Una cifra che, dopo il
Continua
 
''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PRONDA FRUSTRAZIONE'' (NEW YORK TIMES)

''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PRONDA FRUSTRAZIONE'' (NEW

martedì 25 luglio 2017
NEW YORK - La decisione del governo francese di organizzare oggi a Parigi un incontro tra il premier libico sostenuto dall'Onu, Fayez al Serraj, e il generale Khalifa Haftar, "uomo forte" della Libia
Continua
NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA ACCADE IN MALESIA

NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA

lunedì 24 luglio 2017
I mass media non fanno che ripetere fino alla nausea che l'Italia deve accogliere tutti gli immigrati che arrivano e convenientemente ignorano il fatto che altri paesi usano la mano dura per cacciare
Continua
 
A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU RADDOPPIATA, IVA 25%)

A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU

venerdì 21 luglio 2017
In queste settimane, l’ex sindaco di firenze e mai rimpianto premier, si muove sottotraccia per far star sereno Gentiloni, alla stessa maniera in cui fece star sereno Letta, ovvero trovare
Continua
SINDACATI DI POLIZIA: LIBERO L'AFRICANO ACCOLTELLATORE DI MILANO, STATO NON MERITA I QUOTIDIANI SACRIFI DEI POLIZIOTTI

SINDACATI DI POLIZIA: LIBERO L'AFRICANO ACCOLTELLATORE DI MILANO, STATO NON MERITA I QUOTIDIANI

giovedì 20 luglio 2017
"Un sistema in cui la vita di un Servitore dello Stato vale poco o nulla, in cui chi si aggira armato in mezzo alla strada menando fendenti e aggredendo un poliziotto torna tranquillamente in
Continua
 
LA COMMISSIONE UE AGGREDISCE LA POLONIA E MINACCIA (A VANVERA) SANZIONI! LA ''COLPA''? RIFORMA AMERICANA DELLA GIUSTIZIA

LA COMMISSIONE UE AGGREDISCE LA POLONIA E MINACCIA (A VANVERA) SANZIONI! LA ''COLPA''? RIFORMA

mercoledì 19 luglio 2017
"Di fronte al grave attacco contro l'indipendenza della giustizia in Polonia" la Commissione europea oggi ha minacciato di fare un passo senza precedenti verso sanzioni contro il governo nazionalista
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LUCRARE SULLA TRAGEDIA DELL'ALLUVIONE IN SARDEGNA: UNA BANCA (ITALIANA) ''OFFRE PRESTITI'' (NON AIUTI, PRESTITI!)

LUCRARE SULLA TRAGEDIA DELL'ALLUVIONE IN SARDEGNA: UNA BANCA (ITALIANA) ''OFFRE PRESTITI'' (NON
Continua

 
LA DDA DI SALERNO METTE SOTTO INCHIESTA IL TESSERAMENTO PD: PROPRIO QUI DOVE VA STRAVINTO LE PRIMARIE MATTEO RENZI

LA DDA DI SALERNO METTE SOTTO INCHIESTA IL TESSERAMENTO PD: PROPRIO QUI DOVE VA STRAVINTO LE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!