50.701.890
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi
ATTACCO TERRORISTICO A Barcellona: 'Cadena Ser', almeno 13 morti in attentato

STA PER NASCERE IL NUOVO GOVERNO MERKEL. IL PROGRAMMA BASE DELL'ACCORDO SPD-CDU DISTRUGGERA' L'EURO E LA UE.

mercoledì 20 novembre 2013

Berlino - Da circa 2 mesi la CDU e la SPD discutono sul Governo di grande coalizione da dare alla Germania, che si baserà su un accordo di scambio politico preciso: cessioni alla SPD su temi di politica sociale interna in cambio di intensigenza sulla politica finanziaria, economica e i rapporti con l’Europa.

In sintesi, il Dividendo che l’adesione all’Euro ha garantito alla Germania finanziera’ una generosa politica sociale interna, e non verrà speso per aiutare i partners (danneggiati dalla moneta unica).

Passa la linea del «NO alla solidarietà per i partners Europei», ed il  «SI ad una visione di Europa dei debititori, spendaccioni, inefficienti, inaffidabili». L’Europa degli altri. Gli elettori tedeschi – socialdemocratici compresi – sono convinti di dover stare in guardia da popoli europei .  

Per la SPD una politica dello struzzo, per la Merkel la continuazione di una linea di “massimizzazione dei vantaggi per la Germania” che sempre piu’ e’ vissuta all’estero come una politica del “fotti il vicino”.

Punto per punto, le linee-guida dell'accordo di governo in Germania:

IL DIVIDENDO DELL’EURO - La Germania negli anni 90 aveva una Bilancia dei Pagamenti neutra o passiva, ma grazie all’Euro ed alla “Svalutazione dei Salari” ha accomulato un tesoro di 1.300 miliardi di attivi cumulati (cifra più o meno corrispondente ai passivi cumulati dei parters, maggiormente inclini alla maggior inflazione).

PROGRAMMA SOCIALE DI RILIEVO - Base dell’accordo:  introduzione del salario minimo (oggi valido solo in pochi settori), sostegni familiari, pensione di solidarietà, aiuti ai ceti economicamente più deboli, nuova politica energetica, doppia cittadinanza per i migranti ecc.

NESSUNO SCONTO AL RESTO D’EUROPA - L’attuazione del programma sociale è strettamente vincolata al mantenimento dell’attuale linea del governo Merkel, intransigente verso gli altri partner europei: NO agli eurobond, no a qualunque forma più o meno mascherata di mutualità dei debiti sovrani dei Stati dell’eurozona, riforma del sistema bancario soltanto secondo i criteri tedeschi e critica ormai aperta alla Bce. Passa la visione morale di partners che devono «fare i compiti a casa», con una Germania leader e modello per gli altri. Niente Piani Marshall, ma solamente legnate.

CONCLUSIONI: L’EUROPA E L’EUROZONA VERSO UN INEVITABILE COLLASSO - L’intransigenza della Germania sulle proprie posizioni acquisite, l’impressionante immobilismo della Francia, l’impotenza e l’inefficienza dell’Italia e l’atteggiamento solo fiscal-burocratico di Bruxelles creerannole premesse perché il prossimo Parlamento europeo si riempia di nemici dell’euro e dell’Europa e venga di fatto paralizzato. Difficilmente il resto del Continente accettera’ una situazione del genere a lungo.

In 15 anni, fatta 100 la Produzione Industriale Tedesca, le Produzioni Industriali di Francia ed Italia sono passate da 55 a 40. In 15 anni, fatto 100 l’Export Tedesco, la Francia e’ passata da 58 a 39, l’Italia da 48 a 35

Il Grande malato Europeo di fine anni 90', la Germania, ha trovato il “Bengodi” coi cambi fissi e con la “gabbia burocratica regolatoria di Bruxelles” e s'è risollevata da un destino “giapponese” che l’attendeva (fatto di deflazione, debiti crescenti, declino economico).

I Parters speravano in un Europa che “li migliorasse” ed invece il sogno si sta dimostrando sempre più un incubo, e tutti tendono verso un progressivo declino e peggioramento. Anche il “piddino” italiano piu’ ottuso, o il “socialista” francese ultras del sogno internazionalista, prima o poi, si rendera’ conto che l’Iceberg è di fronte. Difficile pensare che finirà bene.

Autore: GPG Imperatrice per Scenarieconomici.it

 


STA PER NASCERE IL NUOVO GOVERNO MERKEL. IL PROGRAMMA BASE DELL'ACCORDO SPD-CDU DISTRUGGERA' L'EURO E LA UE.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Europa   euro   Francia   Italia   Germania   Spd   Cdu   Csu   Bruxelles   Europa   tedeschi    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SCOZIA: ''CON L'INDIPENDENZA, SARA' BOOM DI NUOVI POSTI DI LAVORO'' HA DETTO ALEX SALMOND (CAPO SCOTTISH NATIONAL PARTY)

SCOZIA: ''CON L'INDIPENDENZA, SARA' BOOM DI NUOVI POSTI DI LAVORO'' HA DETTO ALEX SALMOND (CAPO
Continua

 
INGHILTERRA: PIL 2014 +2,4% MENTRE PER L'AREA EURO PREVISIONI 2014 +1% (TOGLIENDO LA GERMANIA, SAREBBE 0,3%)

INGHILTERRA: PIL 2014 +2,4% MENTRE PER L'AREA EURO PREVISIONI 2014 +1% (TOGLIENDO LA GERMANIA,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!