50.772.132
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

BASTA CHIACCHIERE: ECCO COSA SI PUO' SUBITO FARE PER FAR RINASCERE L'ITALIA (SE USCIRA' DALL'EURO) CREANDO TANTO LAVORO

martedì 19 novembre 2013

Milano - L’Italia, come la maggior parte dei paesi europei, è entrata ufficialmente in deflazione, il che significa una situazione patologica dell’economia, che nemmeno i bassissimi tassi d’interesse praticati dalla BCE sono in grado di curare.

In questo articolo ci limiteremo ad analizzare come l’Italia potrebbe brillantemente uscire dalla spirale disoccupazione-calo del pil-nuova disoccupazione se potesse disporre della sovranità monetaria, ovvero se la banca centrale potesse acquistare debito pubblico stampando in cambio carta moneta, come sta facendo ad esempio l’Ungheria.

L’accusa mossa dai monetaristi all’acquisto di debito pubblico da parte della banca centrale consiste nel fatto che questo farebbe aumentare l’inflazione in quanto troppa moneta nelle tasche dei cittadini porterebbe ad un aumento della propensione al consumo e quindi dell’inflazione.

Questo è vero in condizioni normali, ma non quando siamo in presenza della trappola della liquidità, come ben analizzato da Keynes, ed oggi, purtroppo, lo siamo. Inoltre l’Italia ha un altro fattore che contribuirebbe a non far aumentare l’inflazione: l’altissima disoccupazione unita ad drammatico ritardo di sviluppo infrastrutturale.

In virtù di questi fattori, se l’Italia potesse avere la sovranità monetaria, sarebbe in grado di avviare una serie di investimenti pubblici atti a stimolare occupazione e crescita, senza creare eccessi inflattivi.

Si provi a pensare alla spinta al settore delle costruzioni se lo stato finanziasse la ristrutturazione e messa a norma di tutti gli edifici scolastici che oggi non lo sono, oppure ad in robusto piano di potenziamento della rete ferroviaria per poter abbattere il costo di trasporto delle merci e decongestionare la rete viaria. Il nostro paese è uno degli ultimi in Europa e non solo per trasporto su rotaia, decisamente più economico e meno inquinante di quello su gomma.

Non parliamo, poi, se si decidesse di investire sul piano della produzione energetica, puntando alla costruzione di centrali ad alta efficienza, sia a gas che nucleari, in cui le nostre aziende sono leader a livello mondiale (le costruiamo all'estero e non in Italia!). Il nucleare è un tema scottante: non piace alla gente, ma ha senso andare ad acquistare all’estero ed a caro prezzo energia elettrica prodotta da centrali nucleari che le altre nazioni ci hanno piazzato a ridosso dei nostri confini (e in caso di incidente, dubitiamo che la radioattività si fermi alla dogana)?

Un altro versante su cui di potrebbe (e dovrebbe) investire è quello delle infrastrutture telematiche: l'adozione diffusa della banda larga consentirebbe di snellire un'infinità di processi burocratici e decisionali, oltre che velocizzare l'operatività e quindi la competitività delle aziende private.

Senza contare che, attraverso un attento piano di sviluppo della ricerca scientifica, sarebbe possibile bloccare l'emorragia di cervelli verso le altre nazioni, divenendo nuovamente punta di diamante nell'innovazione (si pensi al calcolatore elettronico ELEA o alle materie plastiche negli anni 50).

Si tratta solo di alcuni esempi, e molti altri se ne potrebbero fare, che potrebbero far crescere la ricchezza interna (PIL) a tassi tra il 4 ed il 6% annuo, consentendo di riassorbire la disoccupazione creata dalle scellerate manovre finanziarie di Monti e del suo successore Letta e di abbatterla progressivamente al livello considerato fisiologico del 5-6%.

L'aumento del reddito disponibile legato all'occupazione sarebbe tale da portare l'inflazione entro livelli comunque accettabili, ovvero prossimi al 2%, soprattutto imponendo il divieto di pagamento con finanziamenti rateali per tutti i beni non durevoli (tv, telefoni, viaggi, ecc.). In questo modo si tornerebbe ad un'economia decisamente più sana, dove i consumi non sono ipoteche sul futuro.

Difficile da attuare? Con l'attuale classe dirigente, che mediamente non ha mai lavorato un solo giorno in vita sua, sì. Per questo motivo torniamo a proporre con forza che i ceti produttivi facciano sentire forte la loro voce attraverso la costituzione di stati generali che diano una chiara linea strategica a questo paese. Il Fiscal Compact incombe e se non ci sganceremo prima dalla mortale morsa della casta bancaria internazionale e da una commissione europea che appare sempre più simile al PolitBuro dell'Unione Sovietica dei tempi passati, sarà troppo tardi, ed una pesante, pesantissima, cortina di ferro cadrà sulle teste degli italiani.

Luca Campolongo

Resp. Marketing e sviluppo mercati

www.sosimprese.info

consulenza@sosimprese.info


BASTA CHIACCHIERE: ECCO COSA SI PUO' SUBITO FARE PER FAR RINASCERE L'ITALIA (SE USCIRA' DALL'EURO) CREANDO TANTO LAVORO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Milano   lavoro   investimenti   euro   Pil   italia   reddito   inflazione    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
HAMAS SCAGLIA MISSILI CONTRO, MA LA NIPOTE DEL CAPO SUPREMO (IN PERICOLO DI VITA) TRASFERITA IN UN OSPEDALE ISRAELIANO.

HAMAS SCAGLIA MISSILI CONTRO, MA LA NIPOTE DEL CAPO SUPREMO (IN PERICOLO DI VITA) TRASFERITA IN UN
Continua

 
SONDAGGIO / LA SCISSIONE FA BENE AL CENTRODESTRA: GUADAGNA LO 0,7% (NONOSTANTE IL CALO DELLA LEGA). 1° PD 2° M5S 3° F.I.

SONDAGGIO / LA SCISSIONE FA BENE AL CENTRODESTRA: GUADAGNA LO 0,7% (NONOSTANTE IL CALO DELLA LEGA).
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!