45.085.244
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

GRECIA, STATO ALLO SBANDO: UNIVERSITA' OCCUPATE, LA TROIKA PRETENDE L'ESPROPRIO DELLE PRIME CASE DA PARTE DELLE BANCHE!

martedì 19 novembre 2013

ATENE  - Prosegue per l'11/ma settimana consecutiva in Grecia il braccio di ferro tra il ministero della Pubblica Istruzione e i dipendenti amministrativi dei due maggiori atenei della capitale greca: l'Universita' Kapodistriaka e il Politecnico. Ieri infatti i dipendenti amministrativi dei due atenei hanno indetto un nuovo sciopero di 48 ore sempre in segno di protesta contro la messa in mobilita' di 1.439 dipendenti di otto Universita' del Paese, mentre il corpo docente dell'Universita' di Atene ha rimesso le proprie dimissioni nelle mani del rettore, Theodosis Pelegrinis.

Da parte sua, il ministro della Pubblica Istruzione, Constantinos Arvanitopoulos, per evitare di fare ricorso alla precettazione (che certamente non avrebbe risolto il problema) oggi chiedera' di nuovo dalla magistratura di giudicare illegale lo sciopero e invitare tutti a tornare ai loro posti. I dipendenti amministrativi dei due atenei, dal canto loro, insieme con gli studenti, hanno risposto con il blocco delle porte d'ingresso nella citta' universitaria e della Facolta' di Giurisprudenza nel timore di un intervento delle forze di polizia per sgomberare i locali degli atenei come avvenuto il 7 novembre scorso con gli ex dipendenti della Tv statale Ert che ancora occupavano l'edificio dell'emittente pubblica. "Oggi non si terranno lezioni", hanno detto impiegati e studenti. "Stiamo lottando da undici settimane per difendere il nostro diritto al lavoro e l'Universita' pubblica che il governo sembra voler distruggere", ha detto a Newsit il presidente dei dipendenti amministrativi, Zacharias Trgazis. 

E intanto. le trattative fra il governo greco e i rappresentanti della troika (Fmi, Ue e Bce) sono arrivate di nuovo ad un punto morto in quanto non e' stato raggiunto ancora alcun accordo sulle questioni sul tavolo tra cui il "buco" nel bilancio del 2014, i ritardi registrati sul fronte delle privatizzazioni, la tassazione degli immobili, il risanamento delle imprese a partecipazione statale e la messa all'asta della prima casa da parte delle banche in caso di mancato pagamento del mutuo.

Secondo i rappresentanti dei creditori internazionali del Paese, il "buco" nel bilancio non potra' essere coperto dall'attuazione di misure strutturali ma occorrono nuove misure "orizzontali" come ulteriori tagli a stipendi e pensioni che il governo ha gia' escluso in modo categorico di voler mettere in atto.

In quanto al problema della prima casa, la troika insiste sull'abolizione della legge in vigore che protegge la prima abitazione dalla messa all'asta da parte delle banche, mentre ha respinto tutte le proposte dei ministeri competenti riguardo il risanamento degli Enti previdenziali e delle imprese a partecipazione statale per le quali chiede la chiusura totale mentre il governo insiste a sostenere che il loro risanamento puo' avvenire senza chiuderle.

Da parte sua, il ministro delle Finanze Yannis Stournaras, parlando con i giornalisti al termine del primo incontro con la troika, ha detto che il divario ancora esistente tra le parti dovra' essere colmato prima della prossima riunione dell'Eurogrupo. "Le trattative - ha detto Stournaras - sono difficili. Procediamo pensando di raggiungere un accordo prima del 9 dicembre". (ANSA). 


GRECIA, STATO ALLO SBANDO: UNIVERSITA' OCCUPATE, LA TROIKA PRETENDE L'ESPROPRIO DELLE PRIME CASE DA PARTE DELLE BANCHE!


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Grecia   università   Troika   tagli   stipendi   tasse   prima casa   sciopero   Atene    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA' L'ACQUISTO DI BTP E BOT''

L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA'

venerdì 24 marzo 2017
LONDRA - "L'Unione Europea - osserva il settimanale britannico "The Economist" nella rubrica Charlemagne, dedicata agli affari europei - puo' anche essere una costruzione franco-tedesca, ma quando il
Continua
 
CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA ELETTORALE

CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA

giovedì 23 marzo 2017
WASHINGTON - Le agenzie di intelligence statunitensi hanno davvero intercettato figure della campagna elettorale di Donald Trump e del suo team di transizione presidenziale. Lo ha dichiarato ieri,
Continua
SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10% INVESTIMENTI +16%

SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10%

giovedì 23 marzo 2017
BUDAPEST - L'economia ungherese e' destinata a crescere a un tasso superiore al 4 per cento nel 2017 grazie a una crescita degli investimenti e dei consumi superiore di molto alla media
Continua
 
L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN SEGRETO)

L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN

mercoledì 22 marzo 2017
LONDRA - Il parlamento europeo da sempre e' sotto accusa per il fatto che spreca i soldi dei contribuenti dei Paesi che malauguratamente hanno aderito alla Ue, tuttavia se qualcuno pensa che adesso
Continua
ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO PROCESSO PER USURA!

ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO

mercoledì 22 marzo 2017
Alessandro Profumo finisce sotto processo per usura bancaria, reato molto grave. Il gup del Tribunale di Lagonegro, in provincia di Potenza, ha rinviato a giudizio l'ex presidente di Mps insieme a
Continua
 
ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO L'ITALIA. (LEGGERE)

ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO

lunedì 20 marzo 2017
ROMA - Dire NO alla Ue non basta, va spiegato chiaramente, perchè non è un "atto di fede politica", è la precisa constatazione che la Ue è una minaccia gravissima al
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
S'ALLARGA L'ALLEANZA EUROPEA DEI PARTITI ANTI EURO: DOPO L'OLANDA, MARINE LE PEN SI UNISCE ALL'AUSTRIA (LEGA IN ITALIA?)

S'ALLARGA L'ALLEANZA EUROPEA DEI PARTITI ANTI EURO: DOPO L'OLANDA, MARINE LE PEN SI UNISCE
Continua

 
KAMIKAZE ISLAMICI FANNO STRAGE A BEIRUT: DISTRUTTA L'AMBASCIATA IRANIANA (25 MORTI 150 FERITI) MA L'IRAN ACCUSA ISRAELE!

KAMIKAZE ISLAMICI FANNO STRAGE A BEIRUT: DISTRUTTA L'AMBASCIATA IRANIANA (25 MORTI 150 FERITI) MA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!