43.364.597
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

OBAMA HA TRADITO ISRAELE E I PALESTINESI CONTINUANO AD UCCIDERE (PUGNALATO A MORTE UN SOLDATO SU UN AUTOBUS AD AFULA)

mercoledì 13 novembre 2013

Gerusalemme -  Che l’amministrazione Obama sia completamente ignorante sul come trattare i problemi mediorientali è sotto gli occhi di tutti, e i danni che sta facendo nella regione sono talmente gravi e reiterati che per il prossimo Presidente USA, sempre ammesso che ne abbia voglia e possibilità, sarà quasi una missione impossibile rimettere a posto le cose in politica estera.

Il prossimo inquilino della Casa Bianca, se vorrà far tornare gli USA nella posizione che avevano nel mondo fino a pochi anni fa, dovrà pagare prezzi esagerati sia dal punto di vista finanziario che politico soprattutto per restaurare i rapporti con i vecchi alleati, che hanno tutti i motivi per non fidarsi più di Washington visto che ogni quattro anni si corrono seri rischi di stravolgimento degli equilibri, sia per farsene di nuovi che valuteranno attentamente ciò che l’ex potenza potrà eventualmente offrire loro.

Fermo restando i colloqui di Ginevra sul nucleare iraniano dove sono molte le voci del coro stonato, l’ultimo disastro, solo in ordine di tempo, dell’attuale amministrazione è legato alle trattative di pace fra Israele e i palestinesi che sono cominciate sotto i peggiori auspici e che probabilmente si concluderanno anche peggio.

Gli Stati Uniti che almeno nelle intenzioni avrebbero dovuto essere dei moderatori ‘super partes’, fin dall’inizio hanno mostrato il loro vero volto costringendo lo Stato Ebraico a liberare centinaia di terroristi colpevoli di sanguinosi attentati prima dell’inizio delle trattative stesse e senza alcuna contropartita, servendo ad Abu Mazen su un piatto d’argento la vittoria prima ancora di scendere in campo.

Netanyahu, il Primo Ministro israeliano, ha dovuto fare buon viso a cattiva sorte e accontentare l’ingombrante alleato scarcerando in due fasi oltre duecento terroristi che se si fossero macchiati delle stesse colpe negli Stati Uniti sarebbero già stati fatti accomodare sul lettino delle iniezioni letali. 

Ma non è tutto, secondo fonti anonime che hanno fatto trapelare diverse notizie dal tavolo di trattative, Obama, per mezzo del suo segretario John Kerry, ha fatto di tutto per mettere Israele all’angolo e per mezzo di promesse, che potrebbero anche non essere mantenute, e minacce non più velate, pretende che Israele accetti tutto quello che chiedono i palestinesi e che lo faccia senza ricevere in cambio quello che vuole e cioè una pace definitiva e la fine del terrorismo.

Abu Mazen ha apertamente dichiarato che nessun ebreo, non israeliano ma ebreo, potrà mai abitare e vivere nel nuovo stato palestinese, mentre sono oltre un milione e ottocentomila i cittadini israeliani di religione islamica, e poi, cosa ancora più importante, si rifiuta di riconoscere Israele come nazione ebraica. 

Può permettersi tutto ciò perché in questa tornata di trattative è fortemente spalleggiato dal ‘fratello’ che siede alla Casa Bianca, ‘fratello’ che ha fatto sapere che in caso di fallimento ha già pronto un piano che verrà imposto alle parti senza se e senza ma.

Obama insomma ha tutte le intenzioni di continuare a muoversi come un elefante nella cristalleria mediorientale con il beneplacito dell’ONU e delle sinistre mondiali che per prima cosa lo hanno eletto a nuovo profeta e poi gli hanno dato in acconto un premio Nobel per la pace che non ci sarà.

No, la pace non ci sarà, non ci sarà con le buone perché ad Abu Mazen e ai suoi una Palestina indipendente renderebbe di meno di una Palestina come quella attuale che riceve da sola più aiuti di tutto il continente africano messo insieme, e non ci sarà con le cattive perché Israele non è disposta a suicidarsi per far piacere all’inquilino della Casa Bianca.

Le trattative insomma stanno per fallire e Kerry, seccato, ha già dato la colpa di tutto a Israele, dichiarando davanti ai giornalisti, cosa mai successa prima nella storia, che Israele rischia nuovo discredito internazionale e una terza intifada.

Queste parole, che risalgono a pochi giorni fa, in Israele sono state attentamente vagliate e in molti, fra gli analisti e osservatori, hanno riconosciuto in questa anomala dichiarazione una sorta di ‘OK’ ai media internazionali per riaccendere i tamburi della diffamazione nei confronti dello Stato Ebraico e un esplicito ‘Via’ ai palestinesi per ricominciare con tumulti e scontri violenti.

Kerry ha parlato e, detto fatto, negli ultimi due giorni si sono registrati diversi lanci di bottiglie molotov contro automobili israeliane in transito, una di queste non è finita in tragedia per puro miracolo, la donna che era al volante e i suoi due bambini sono riusciti a uscire per tempo, anche se l’automobile è andata completamente distrutta.

Che la situazione si stia ulteriormente scaldando e che gli attacchi stiano prendendo un profilo molto più serio lo stiamo vedendo in tempo reale, infatti stamattina un soldato israeliano di 18 anni è stato ucciso a colpi di pugnale all’interno di un autobus alla stazione centrale di Afula, città non lontana da Nazareth.

Cosa abbiano in mente Obama e il suo staff per il futuro del mondo è chiaro come è chiaro che, fra una partita di golf e una birra fatta in casa, hanno a disposizione ancora molto tempo per farlo.  

Michael Sfaradi - Gerusalemme.


OBAMA HA TRADITO ISRAELE E I PALESTINESI CONTINUANO AD UCCIDERE (PUGNALATO A MORTE UN SOLDATO SU UN AUTOBUS AD AFULA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Obama   USA   Israele   palestinesi   terroristi   Kerry   Gerusalemme   Afula   Netanyahu   striscia di Gaza   Abu Mazen    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO PRESIDENTE DEL PAESE''

DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO

venerdì 20 gennaio 2017
WASHINGTON - "Il 20 gennaio del 2017 sarà ricordato come il giorno in cui il popolo divenne di nuovo davvero il presidente del Paese. Le persone dimenticate in questi anni non lo saranno
Continua
 
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER

venerdì 20 gennaio 2017
Il "rischio politico" rappresentato dall'ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici nell'Unione Europea e' al centro delle interviste concesse al "Wall Street Journal" e a "Bloomberg" dal
Continua
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua
 
L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

mercoledì 18 gennaio 2017
Riguardo le vicende del salvataggio del Monte dei Paschi di Siena, la banca più antica al mondo devastata dalla gestione in salsa piddina dei suoi vertici, abbiamo notato esercizi di stile
Continua
SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI, 62%: ISLAM PERICOLO)

SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI,

mercoledì 18 gennaio 2017
PARIGI - I venti nazionalisti che hanno portato Donald Trump al potere negli Stati Uniti, nei prossimi mesi stanno soffiando forte anche in Francia? Se lo chiede oggi, mercoledi' 18 di un freddissimo
Continua
 
PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
GRECIA: LA TROIKA HA IMPOSTO TASSE SULLE CASE DA SPAVENTO. IL 50% DEI CITTADINI NON LE PUO' PAGARE (ECCO LA CURA GRECA)

GRECIA: LA TROIKA HA IMPOSTO TASSE SULLE CASE DA SPAVENTO. IL 50% DEI CITTADINI NON LE PUO' PAGARE
Continua

 
NOTIZIA-TERREMOTO: LA CSU TEDESCA: ''GLI STATI (IN BANCAROTTA) CHE NON RISPETTANO I PARAMETRI UE DEVONO LASCIARE L'EURO''

NOTIZIA-TERREMOTO: LA CSU TEDESCA: ''GLI STATI (IN BANCAROTTA) CHE NON RISPETTANO I PARAMETRI UE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

E IL GOVERNO LA CHIAMA ''RIPRESA'': RALLENTERA' LA CRESCITA DEI

20 gennaio - Rallenta la crescita dei consumi delle famiglie, che si stabilizzerà
Continua

EUROPOL: ''34.000 POTENZIALI TERRORISTI ISLAMICI ARRIVATI COI

19 gennaio - ''Un esercito di 34 mila potenziali terroristi è sbarcato in Europa
Continua

AUMENTATI I LICENZIAMENTI NEL 2016 ALLA FACCIA DELLO STROMBAZZATO

19 gennaio - Nei primi undici mesi del 2016 i licenziamenti complessivi relativi a
Continua

CONTINUA LA CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE CON PUNTE DEL -10% IN

19 gennaio - BRUXELLES - Prosegue l'aumento dei prezzi delle case nel terzo trimestre
Continua

DONALD TRUMP: ''NON USEREI TWITTER SE LA STAMPA FOSSE ONESTA, MA

18 gennaio - WASHINGTON - Nonostante ne faccia un uso quasi compulsivo, il futuro
Continua

L'M5S STA COL PD E VOTA CONTRO I CIE COME VUOLE LA SERRACCHIANI (5

18 gennaio - ''Al M5S non basta l'invasione incontrollata di clandestini che sta
Continua

PADOAN A DAVOS LASCIA INTENDERE CHE STA PREPARANDO UNA RAPINA AGLI

18 gennaio - DAVOS - SVIZZERA - Padoan ha fatto una dichiarazione sibillina poco fa
Continua

SALVINI: ''TAJANI E' SOLO L'ENNESIMO DOMESTICO AL SERVIZIO DELLA

18 gennaio - ''La Lega si è rifiutata di votare due servi dello stesso padrone
Continua

BORIS JOHNSON: ''CODA DI STATI PER SIGLARE ACCORDI COMMERCIALI CON

18 gennaio - LONDRA - Dopo il chiarificatore discorso di ieri del primo ministro
Continua

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua
Precedenti »