44.162.957
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'ARABIA SAUDITA E' DIVENTATA ''LEGHISTA'': ESPULSIONI DI MASSA DI CLANDESTINI PER ''DARE LAVORO AI RESIDENTI LOCALI''.

mercoledì 13 novembre 2013

Dubai -  Ryad si è aggiudicato insieme a Cina, Russia e Cuba, un seggio nel Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani (UnHrc). Tuttavia, la situazione per i lavoratori stranieri in Arabia Saudita diventa sempre più difficile. Dopo il giro di vite legislativo e il rastrellamento casa per casa della scorsa settimana, gli scontri tra i lavoratori immigrati si sono intensificati, causando anche diverse vittime.

Il regno saudita ospita circa nove milioni di lavoratori stranieri, soprattutto africani, asiatici e di altri Paesi arabi, rispetto a una popolazione totale di 28 milioni di persone. Prima che entrasse in vigore la nuova legge, l’amnistia ha consentito la regolarizzazione di quattro milioni di lavoratori immigrati (che hanno trovato uno sponsor privato che ne ha permesso la permanenza) mentre circa un milione di lavoratori asiatici -bangladesi, indiani, filippini, nepalesi e pakistani- ha dovuto lasciare il regno a causa delle restrizioni e della diminuzione della disponibilità di posti di lavoro. Solo negli ultimi 10 giorni circa 300.000 lavoratori yemeniti considerati irregolari dalle autorità saudite hanno lasciato a piedi la frontiera, rientrando in patria. Dall’inizio di novembre decine di migliaia di persone e intere famiglie sono state cacciate dalle loro case, caricate a forza sui pullman e condotte verso centri di detenzione prima di essere espulse.

Secondo alcuni resoconti apparsi sulla stampa locale, che riportano la versione ufficiale del Governo di Riad, riferiscono che gli scontri sono cominciati perchè un gruppi di lavoratori immigrati avrebbe aggredito alcuni residenti locali con pietre, martelli e coltelli.

L’obiettivo di Ryad è quello di ‘ripulire il Paese da immigrati irregolari’, per favorire i residenti locali  -il Paese ha un tasso di disoccupazione del 12%. Tutto nasce da questa filosofia di legge oggi diventata un must in Arabia Saudita e che in molti già hanno ribattezzato ‘saudizzazione’, ovvero una linea di tendenza che potremmo coniare con lo slogan ‘l’Arabia Saudita ai sauditi innanzi tutto’. Con il contorno della sua applicazione pedissequa con tanto di corollario fatto di catene ai piedi e carcerazione dura nei confronti dei lavoratori considerati illegali presenti sul proprio territorio

La nuova normativa e la caccia allo straniero stanno alimentando tensioni con i Paesi da cui proviene la maggior parte della ‘manodopera’ a basso costo, in particolare Yemen e Etiopia. Il Governo di Addis Abeba ha protestato ufficialmente contro Ryad e considera ‘inaccettabili’ le violenze alle quali i cittadini etiopi sono stati sottoposti nel corso delle ultime settimane ed ha invitato le autorità saudite ad avviare ‘investigazioni accurate’ sull’accaduto.

«Siamo stati costretti a vendere i nostri mobili a prezzi molto bassi e, nella fretta, ho dovuto dare via in regalo la gran parte della roba», ha detto uno degli immigrati etiopi in preda alla disperazione. Un altro concittadino, intervistato dalla agenzia internazionale ‘AFP’ ha detto che stava per essere deportato pur avendo documenti validi. Infatti, «anche se alcuni di noi, che hanno un permesso di residenza regolare, sono costretti a lasciare il Paese perche gli sponsor, pagati per legalizzare il loro status occupazionale, sono scomparsi con i soldi», ha aggiunto il migrante.

L'Arabia Saudita ha annunciato che da quest'anno i lavoratori migranti possono lavorare solo per i loro sponsor, anche quelli che hanno già un permesso di soggiorno.

Intervistato da ‘Euronews’ un altro lavoratore, un altro lavoratore spiega che gli etiopi sono considerati un problema per Ryad e che quindi dovranno andare via. Uno di loro prima di salire su un autobus, spiega che dopo aver vissuto in Arabia Saudita per 3 anni e mezzo è costretto a tornare al suo Paese. «I sauditi non vogliono gli stranieri» afferma un altro lavoratore che sta per rientrare in Etiopia. «Vogliono che ce ne andiamo. Non vogliono nessun immigrato».

I principali gruppi per i diritti umani in una lettera al re Abdullah bin Abdulaziz Al Saud hanno sottolineato che l'Arabia Saudita dovrebbe prendere immediati provvedimenti per migliorare la situazione dei diritti umani, considerando la vittoria di un seggio nel Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite.

Joe Stork, vice direttore per il Medio Oriente di Human Rights Watch spiega che «il Paese del Golfo dovrebbe impegnarsi di più nel rispetto dei diritti umani e smettere di perseguitare i cittadini che invitano le autorità a rispettare tali diritti».

Questa campagna contro i lavoratori migranti clandestini e i loro datori di lavoro, secondo le autorità saudite, nel breve avrà effetti negativi determinati dalla mancanza di lavoratori disponibili sul mercato per le attività usualmente svolte dagli immigrati, con possibili riflessi anche sui prezzi di alcuni prodotti e servizi. Contestualmente, le autorità prevedono, però, un aumento dei salari in alcuni settori, quali ad esempio le costruzioni. Le conseguenze economiche a medio e lungo termine di questa uscita dal Paese di una massa importante di stranieri, secondo il Governo, saranno, dunque, positive. Vi sarà una riduzione del volume del denaro trasferito all'estero -le rimesse dei lavoratori stranieri oggi variano tra 100 e 120 miliardi di riyal all'anno-, diminuzione della disoccupazione -gli stranieri, secondo i dati diramati dal Governo, rappresentano il 32% della popolazione in Arabia Saudita, 45% se si tiene conto degli irregolari, e la disoccupazione si attesta al 12%-, effetti positivi, sempre secondo le analisi governative, si avrebbero sul mercato immobiliare -riduzione del costo degli affitti.

Scritto da Luca Di Muro per lindro.it


L'ARABIA SAUDITA E' DIVENTATA ''LEGHISTA'': ESPULSIONI DI MASSA DI CLANDESTINI PER ''DARE LAVORO AI RESIDENTI LOCALI''.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Arabia Saudita   immigrati   clandestini   Medio Oriente   Dubai   Ryad   stranieri   espulsioni    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'': PRESIDIARE I CONFINI FUNZIONA

CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'':

martedì 21 febbraio 2017
LONDRA - La chiusura della rotta balcanica ha scatenato accese polemiche tra i sostenitori dell'accoglienza a tutti i costi, ma tale blocco ha avuto risultati positivi in Svizzera visto che ha
Continua
 
MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO, ITALIA RISCHIO PRINCIPALE)

MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO,

martedì 21 febbraio 2017
BERLINO - "L'Italia e' il 'rischio principale' della stabilita' dell'euro". Lo scrive il senior economist di Deutsche Bank Marco Stringa in un report, secondo quanto riporta l'agenzia internazionale
Continua
MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA DEI TASSISTI

MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA

lunedì 20 febbraio 2017
Qualcuno nel Pd non ci sta a sentirsi responsabile del pasticcio combinato dal governo sulla questione Uber: "In questi giorni la città è bloccata dai tassisti, ma non hanno torto loro:
Continua
 
LA STAMPA FRANCESE SCHIANTA IL JOBS ACT DI RENZI: ''HA INTRODOTTO I CONTRATTI-STAGE PER I GIOVANI, LI USANO GLI OVER 45''

LA STAMPA FRANCESE SCHIANTA IL JOBS ACT DI RENZI: ''HA INTRODOTTO I CONTRATTI-STAGE PER I GIOVANI,

lunedì 20 febbraio 2017
PARIGI - Se in Italia trovare lavoro fisso e' molto difficile, non e' cosi' per i contratti da stagista il cui numero e' letteralmente esploso: e' questo l'aspetto degli ultimi dati sul mercato del
Continua
INCHIESTA / FRANCIA: 82% CONTRO LA UE. GERMANIA: 81% HA PAURA DELLA UE. POLONIA E SVEZIA: 1° PERICOLO MIGRANTI ISLAMICI

INCHIESTA / FRANCIA: 82% CONTRO LA UE. GERMANIA: 81% HA PAURA DELLA UE. POLONIA E SVEZIA: 1°

lunedì 20 febbraio 2017
LONDRA - Che l'opposizione all'Unione Europea sia in crescita e' un dato di fatto riconosciuto anche dai parassiti di Bruxelles ma come stanno realmente le cose? Alcuni giorni fa il centro studi
Continua
 
INCHIESTA / ECCO I VERI DATI DI PIL E DISOCCUPAZIONE DEI PAESI DELL'EURO A CONFRONTO CON QUELLI EUROPEI SENZA EURO

INCHIESTA / ECCO I VERI DATI DI PIL E DISOCCUPAZIONE DEI PAESI DELL'EURO A CONFRONTO CON QUELLI

venerdì 17 febbraio 2017
I media di regime continuano a propagandare il mito che “fuori dall’euro c’è solo miseria, povertà disoccupazione”, unito al mantra che il Regno Unito sta
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ANCHE ''REPUBBLICA'' SI ACCORGE CHE LA GERMANIA STA PER SCARDINARE LA UE (REFERENDUM SU EURO-AIUTI AGLI STATI IN CRISI)

ANCHE ''REPUBBLICA'' SI ACCORGE CHE LA GERMANIA STA PER SCARDINARE LA UE (REFERENDUM SU EURO-AIUTI
Continua

 
GRECIA: LA TROIKA HA IMPOSTO TASSE SULLE CASE DA SPAVENTO. IL 50% DEI CITTADINI NON LE PUO' PAGARE (ECCO LA CURA GRECA)

GRECIA: LA TROIKA HA IMPOSTO TASSE SULLE CASE DA SPAVENTO. IL 50% DEI CITTADINI NON LE PUO' PAGARE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!