64.789.523
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

STERMINIO DI PARTITE IVA: IN CINQUE ANNI, 400.000 CESSAZIONI, E L'AREA GEOGRAFICA PIU' FALCIDIATA E' STATA IL NORDOVEST.

sabato 9 novembre 2013

Venezia - Cgia di Mestre comunica: e' crollato il popolo delle partite Iva il popolo delle partite Iva. Dal 2008 al giugno 2013 hanno infatti cessato l'attivita' 400 mila autonomi. In controtendenza solo i liberi professionisti (+ 125 mila).

A scattare questa fotografia sul mondo del lavoro autonomo e delle micro imprese e' la Cgia, secondo la quale in questi cinque anni e mezzo di crisi economica la contrazione e' stata del 6,7%. Sempre nello stesso periodo di tempo, ogni cento lavoratori autonomi, ben 7,2 hanno chiuso i battenti. Al 30 giugno di quest'anno il cosiddetto popolo delle partite Iva ammonta a 5.559.000 lavoratori. 

Fa notare il segretario della Cgia Giuseppe Bortolussi: "Quando un autonomo chiude l'attivita' non dispone di nessuna misura di sostegno al reddito. Ad esclusione dei collaboratori a progetto che possono contare su un indennizzo una tantum, le partite Iva non usufruiscono dell'indennita' di disoccupazione, di nessuna forma di cassaintegrazione o di mobilita' lunga o corta. Spesso si ritrovano solo con molti debiti da pagare e un futuro tutto da inventare".

Una situazione di difficolta', ricordano dalla Cgia, che, purtroppo, ha spinto in questi ultimi anni molti piccoli imprenditori a compiere dei gesti estremi dettati dalla disperazione.

"In proporzione - prosegue Bortolussi - la crisi ha colpito in maniera piu' evidente il mondo delle partite Iva rispetto a quello del lavoro dipendente. Se in termini assoluti la platea dei subordinati ha perso ben 583.000 lavoratori, la variazione percentuale, invece, e' diminuita solo del 3,3 per cento, mentre l'incidenza percentuale della perdita dei posti di lavoro sul totale della categoria si e' fermata al 3,5 per cento. Tassi, questi ultimi, che sono meno della meta' di quelli registrati dai lavoratori indipendenti".

Analizzando tutti i profili professionali che costituiscono il cosiddetto popolo delle partite Iva, si nota che la contrazione piu' significativa e' avvenuta tra i lavoratori in proprio: vale a dire tra gli artigiani, i commercianti e gli agricoltori. In questi ultimi cinque anni e mezzo sono diminuiti di 357.000 unita', pari ad una contrazione del 9,9 per cento.

Male anche l'andamento dei coadiuvanti familiari, ovvero i collaboratori familiari: la riduzione e' stata di 78.000 unita' (-19,4 per cento). Anche i collaboratori occasionali o a progetto hanno subito un deciso ridimensionamento: la riduzione occupazionale e' stata di 56.000 unita' (-12 per cento).

Anche gli imprenditori, vale a dire i soggetti a capo di attivita' strutturate con dipendenti, sono diminuiti di 37.000 unita' (-12,9 per cento). Le uniche categorie che hanno registrato risultati positivi sono stati i soci delle cooperative (+ 2.000 unita', pari al +6,2 per cento) e, soprattutto, i liberi professionisti. Il numero degli iscritti agli ordini e ai collegi professionali sono aumentati di ben 125.000 unita' (+10,7 per cento).

La tendenza positiva fatta segnare dai liberi professionisti potrebbe essere riconducibile sia all'aumento del numero di coloro che hanno deciso di mettersi in proprio non avendo nessun'altra alternativa per entrare nel mercato del lavoro, sia all'incremento delle cosiddette false partite Iva. In riferimento a quest'ultimo caso, ci si riferisce, ad esempio, a quei giovani che in questi ultimi anni hanno prestato la propria attivita' come veri e propri lavoratori subordinati, nonostante fossero a tutti gli effetti dei lavoratori autonomi. "Una modalita', quest'ultima, molto praticata soprattutto nel Pubblico impiego" segnala la CGIA, e a livello territoriale e' stato il Nordovest ha registrare la caduta occupazione piu' forte tra gli autonomi (-7,9%), mentre il Centro e' stata l'area geografica meno investita dalla crisi, nonostante la contrazione sia stata di tutto rispetto: -4,1 per cento. (AGI)


STERMINIO DI PARTITE IVA: IN CINQUE ANNI, 400.000 CESSAZIONI, E L'AREA GEOGRAFICA PIU' FALCIDIATA E' STATA IL NORDOVEST.




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA BUNDESBANK: BOLLA IMMOBILIARE IN GERMANIA IMMOBILI SOPRAVVALUTATI DEL 15-30%, BANCHE ESPOSTE E FRAGILISSIME

LA BUNDESBANK: BOLLA IMMOBILIARE IN GERMANIA IMMOBILI SOPRAVVALUTATI DEL 15-30%, BANCHE ESPOSTE E

giovedì 15 novembre 2018
BERLINO - Si moltiplicano gli allarmi in Germania per la fragilità delle banche tedesche. Oggi, è l'autorevole quotidiano Handelsblatt a criverne in un lungo articolo di prima
Continua
 
QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN PICCHIATA E PIL -0,2%''

QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN

mercoledì 14 novembre 2018
BERLINO - Sta andando molto peggio di quanto invece aveva previsto il goverrno Merkel per quest'anno. Nel terzo trimestre del 2018, il prodotto interno lordo della Germania ha registrato una
Continua
CROLLATI GLI SBARCHI DI AFRICANI IN ITALIA: DA 119.369 NEL 2017 A 22.167 DA GENNAIO A NOVEMBRE 2018: MERITO DI SALVINI

CROLLATI GLI SBARCHI DI AFRICANI IN ITALIA: DA 119.369 NEL 2017 A 22.167 DA GENNAIO A NOVEMBRE

lunedì 12 novembre 2018
"Gli sbarchi nel 2016 sono stati 181.436, nel 2017 sono stati 119.369 mentre nel 2018 sono scesi a 22.167". Sono i dati forniti da Massimo Bontempi, direttore della Direzione centrale immigrazione e
Continua
 
STUDIO BOMBA IN GERMANIA: 44% PER VIETARE IMMIGRAZIONE DI MUSULMANI E IL 50% DEGLI ELETTORI HA IDEE DI DESTRA RADICALE

STUDIO BOMBA IN GERMANIA: 44% PER VIETARE IMMIGRAZIONE DI MUSULMANI E IL 50% DEGLI ELETTORI HA IDEE

mercoledì 7 novembre 2018
Quasi il 40% dei cittadini tedeschi vede con favore la possibilita' di vivere in un sistema autoritario. E' uno dei risultati di uno studio realizzato dall'Universita' di Lipsia in collaborazione con
Continua
INCHIESTA SU TUTTO IL DEBITO PUBBLICO (ESPLICITO + IMPLICITO): ITALIA 57% GERMANIA 149% FRANCIA 291% MEDIA EUROZONA 266%

INCHIESTA SU TUTTO IL DEBITO PUBBLICO (ESPLICITO + IMPLICITO): ITALIA 57% GERMANIA 149% FRANCIA

lunedì 5 novembre 2018
Ai lacchè nostrani degli oligarchi ue, il periodo dice decisamente male: lo spread rimane stabilmente entro limiti accettabili; la borsa cresce; le banche italiane superano brillantemente gli
Continua
 
TEMPESTA DI VENTO E PIOGGIA DEL 30 OTTOBRE HA ABBATTUTO IN UN GIORNO GLI ALBERI CHE SAREBBERO STATI TAGLIATI IN UN ANNO

TEMPESTA DI VENTO E PIOGGIA DEL 30 OTTOBRE HA ABBATTUTO IN UN GIORNO GLI ALBERI CHE SAREBBERO STATI

venerdì 2 novembre 2018
La parola giusta, purtroppo, è catastrofe. l forte vento di scirocco, che ha colpito il 30 ottobre tutta l'Italia del Nord con raffiche stimate intorno ai 140 km orari, ha provocato
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
BENZINA DALLA SPAZZATURA: SCIENZIATI RUSSI HANNO INVENTATO UN IMPIANTO CAPACE DI FARLO. FUNZIONA E SARA' A BASSO COSTO.

BENZINA DALLA SPAZZATURA: SCIENZIATI RUSSI HANNO INVENTATO UN IMPIANTO CAPACE DI FARLO. FUNZIONA E
Continua

 
X FACTOR IN VERSIONE POLITICA: BERLUSCONI SELEZIONERA' VOLTI NUOVI DI FORZA ITALIA A VILLA GERNETTO (CASTING DA LUNEDI')

X FACTOR IN VERSIONE POLITICA: BERLUSCONI SELEZIONERA' VOLTI NUOVI DI FORZA ITALIA A VILLA GERNETTO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!