47.211.352
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

STERMINIO DI PARTITE IVA: IN CINQUE ANNI, 400.000 CESSAZIONI, E L'AREA GEOGRAFICA PIU' FALCIDIATA E' STATA IL NORDOVEST.

sabato 9 novembre 2013

Venezia - Cgia di Mestre comunica: e' crollato il popolo delle partite Iva il popolo delle partite Iva. Dal 2008 al giugno 2013 hanno infatti cessato l'attivita' 400 mila autonomi. In controtendenza solo i liberi professionisti (+ 125 mila).

A scattare questa fotografia sul mondo del lavoro autonomo e delle micro imprese e' la Cgia, secondo la quale in questi cinque anni e mezzo di crisi economica la contrazione e' stata del 6,7%. Sempre nello stesso periodo di tempo, ogni cento lavoratori autonomi, ben 7,2 hanno chiuso i battenti. Al 30 giugno di quest'anno il cosiddetto popolo delle partite Iva ammonta a 5.559.000 lavoratori. 

Fa notare il segretario della Cgia Giuseppe Bortolussi: "Quando un autonomo chiude l'attivita' non dispone di nessuna misura di sostegno al reddito. Ad esclusione dei collaboratori a progetto che possono contare su un indennizzo una tantum, le partite Iva non usufruiscono dell'indennita' di disoccupazione, di nessuna forma di cassaintegrazione o di mobilita' lunga o corta. Spesso si ritrovano solo con molti debiti da pagare e un futuro tutto da inventare".

Una situazione di difficolta', ricordano dalla Cgia, che, purtroppo, ha spinto in questi ultimi anni molti piccoli imprenditori a compiere dei gesti estremi dettati dalla disperazione.

"In proporzione - prosegue Bortolussi - la crisi ha colpito in maniera piu' evidente il mondo delle partite Iva rispetto a quello del lavoro dipendente. Se in termini assoluti la platea dei subordinati ha perso ben 583.000 lavoratori, la variazione percentuale, invece, e' diminuita solo del 3,3 per cento, mentre l'incidenza percentuale della perdita dei posti di lavoro sul totale della categoria si e' fermata al 3,5 per cento. Tassi, questi ultimi, che sono meno della meta' di quelli registrati dai lavoratori indipendenti".

Analizzando tutti i profili professionali che costituiscono il cosiddetto popolo delle partite Iva, si nota che la contrazione piu' significativa e' avvenuta tra i lavoratori in proprio: vale a dire tra gli artigiani, i commercianti e gli agricoltori. In questi ultimi cinque anni e mezzo sono diminuiti di 357.000 unita', pari ad una contrazione del 9,9 per cento.

Male anche l'andamento dei coadiuvanti familiari, ovvero i collaboratori familiari: la riduzione e' stata di 78.000 unita' (-19,4 per cento). Anche i collaboratori occasionali o a progetto hanno subito un deciso ridimensionamento: la riduzione occupazionale e' stata di 56.000 unita' (-12 per cento).

Anche gli imprenditori, vale a dire i soggetti a capo di attivita' strutturate con dipendenti, sono diminuiti di 37.000 unita' (-12,9 per cento). Le uniche categorie che hanno registrato risultati positivi sono stati i soci delle cooperative (+ 2.000 unita', pari al +6,2 per cento) e, soprattutto, i liberi professionisti. Il numero degli iscritti agli ordini e ai collegi professionali sono aumentati di ben 125.000 unita' (+10,7 per cento).

La tendenza positiva fatta segnare dai liberi professionisti potrebbe essere riconducibile sia all'aumento del numero di coloro che hanno deciso di mettersi in proprio non avendo nessun'altra alternativa per entrare nel mercato del lavoro, sia all'incremento delle cosiddette false partite Iva. In riferimento a quest'ultimo caso, ci si riferisce, ad esempio, a quei giovani che in questi ultimi anni hanno prestato la propria attivita' come veri e propri lavoratori subordinati, nonostante fossero a tutti gli effetti dei lavoratori autonomi. "Una modalita', quest'ultima, molto praticata soprattutto nel Pubblico impiego" segnala la CGIA, e a livello territoriale e' stato il Nordovest ha registrare la caduta occupazione piu' forte tra gli autonomi (-7,9%), mentre il Centro e' stata l'area geografica meno investita dalla crisi, nonostante la contrazione sia stata di tutto rispetto: -4,1 per cento. (AGI)


STERMINIO DI PARTITE IVA: IN CINQUE ANNI, 400.000 CESSAZIONI, E L'AREA GEOGRAFICA PIU' FALCIDIATA E' STATA IL NORDOVEST.




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA' L'INVASIONE DELL'ITALIA

LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA'

lunedì 22 maggio 2017
LONDRA - Tutto coloro che sono nauseati dall'arrivo di finti rifugiati sulle coste italiane trasportati dalla LIbia da una sorta di "agenzia viaggi" per metà formata dalla mafie islamiche sul
Continua
 
CGIA DI MESTRE SCOPRE UN BUCO DI 46 MILIARDI NEI CONTI PUBBLICI DELL'ITALIA: FATTURE NON PAGATE DALLO STATO NEL 2016

CGIA DI MESTRE SCOPRE UN BUCO DI 46 MILIARDI NEI CONTI PUBBLICI DELL'ITALIA: FATTURE NON PAGATE

sabato 20 maggio 2017
La gravissima mancanza di liquidità, ovvero di denaro,  i ritardi burocratici, l'inefficienza di molte amministrazioni a emettere in tempi ragionevolmente brevi i certificati di pagamento
Continua
SANDAGGIO IN FRANCIA: IL 46% DEI FRANCESI GIA' ORA NON SI FIDA DI MACRON CHE PARTE PEGGIO DI HOLLANDE E SARKOZY

SANDAGGIO IN FRANCIA: IL 46% DEI FRANCESI GIA' ORA NON SI FIDA DI MACRON CHE PARTE PEGGIO DI

venerdì 19 maggio 2017
PARIGI - Contrariamente alla tradizione, il neo presidente Emmanuel Macron ed il suo primo ministro Edouard Philippe non godranno di un periodo di "luna di miele" presso l'opinione pubblica francese:
Continua
 
DATI AGGHIACCIANTI DIVULGATI OGGI: IN ITALIA DA GENNAIO A MARZO SONO FALLITE O HANNO CHIUSO 221 AZIENDE OGNI GIORNO

DATI AGGHIACCIANTI DIVULGATI OGGI: IN ITALIA DA GENNAIO A MARZO SONO FALLITE O HANNO CHIUSO 221

mercoledì 17 maggio 2017
C'è perfino chi riesce a sostenere che siano dati "positivi", ma i numeri sono invece agghiaccianti. Nei primi tre mesi del 2017 proseguono le chiusure aziendali, cioè i fallimenti e le
Continua
ITALIA PROSSIMA ALLA BANCAROTTA: PIL AFFONDA (+0,6% NEL 2017) DEBITO PUBBLICO ESPLODE AL +137,6% (+44,4 MLD IN 12 MESI)

ITALIA PROSSIMA ALLA BANCAROTTA: PIL AFFONDA (+0,6% NEL 2017) DEBITO PUBBLICO ESPLODE AL +137,6%

martedì 16 maggio 2017
Il Pil italiano ristagna allo 0,2% nel primo timetre 2017 con una proiezione annua da incubo, allo 0,6%. L'eurozona nel medesimo trimestre ha segnato +0,5%. Nella classifica degli Stati membri
Continua
 
IL GOVERNO SPAGNOLO SCRIVE ALLA UE: L'EURO VA RIFONDATO! EUROBOND E CONTROLLO DEMOCRATICO SULL'ECOFIN O CROLLA TUTTO

IL GOVERNO SPAGNOLO SCRIVE ALLA UE: L'EURO VA RIFONDATO! EUROBOND E CONTROLLO DEMOCRATICO

lunedì 15 maggio 2017
MADRID - Un attacco inaspettato all'euro - che così com'è non va affatto - da parte del governo teoricamente più ossequioso e fedele alle tecnocrazie di Bruxelles e della Bce,
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
BENZINA DALLA SPAZZATURA: SCIENZIATI RUSSI HANNO INVENTATO UN IMPIANTO CAPACE DI FARLO. FUNZIONA E SARA' A BASSO COSTO.

BENZINA DALLA SPAZZATURA: SCIENZIATI RUSSI HANNO INVENTATO UN IMPIANTO CAPACE DI FARLO. FUNZIONA E
Continua

 
X FACTOR IN VERSIONE POLITICA: BERLUSCONI SELEZIONERA' VOLTI NUOVI DI FORZA ITALIA A VILLA GERNETTO (CASTING DA LUNEDI')

X FACTOR IN VERSIONE POLITICA: BERLUSCONI SELEZIONERA' VOLTI NUOVI DI FORZA ITALIA A VILLA GERNETTO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!