49.958.689
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

130 BANCHE EUROPEE SOTTO INDAGINE DELLA BCE. DRAGHI: ''SE SI SAPESSERO LE CONDIZIONI DELLE GRANDI BANCHE SAREBBE PANICO''

mercoledì 6 novembre 2013

Tutti sanno che le banche europee si trovano in difficoltà e che di conseguenza hanno ridotto le somme dei prestiti alle imprese, ma quasi nessuno conosce la reale portata dei loro problemi.

Una realtà confermata dal Fondo monetario internazionale, che qualche giorno fa aveva evocato la possibilità che nei prossimi anni le banche italiane e spagnole subiranno perdite fino a 230 miliardi di euro.

La Banca centrale europea inizierà presto un audit di 130 banche della Zona euro, ma è stato deciso che ci si accorderà sul metodi di ricapitalizzazione (piano di salvataggio, prelievi dai depositi, o altro) prima della fine di questo audit, ossia prima che siano rese note le somme delle perdite.

“Come tutti gli altri istituti di credito, anche le banche europee sono state come scatole nere chiuse ermeticamente – spiega il giornalista Wolf Richter – Se qualcuno riusciva ad aprirvi anche solo una fessura, il fetore degli attivi tossici che ne usciva era così insopportabile che la fessura veniva subito richiusa.

Ma quando la fessura non veniva chiusa abbastanza rapidamente e che si spargeva troppo fetore, la banca intera crollava e ai contribuenti, spesso altri paesi, non restava altro da fare che accordare un piano di salvataggio; in questo modo era più facile.

Il Fondo monetario internazionale ha determinato che nei prossimi due anni le banche italiane e spagnole contabilizzeranno perdite addizionali per 230 miliardi di euro. Come si è visto in diverse occasioni, le perdite reali delle banche sono sempre peggiori, ma lo si scopre solo dopo che la banca è collassata.”

“Il prossimo anno – prosegue Richter – vi sarà un momento di verità, per così dire quando la Banca centrale europea diventerà il regolatore ufficiale di 130 fra le più grandi banche europee. Dotata di nuovi poteri, potrà sottoporle a una valutazione più realista degli stress test condotti sinora. Si spera che da qui a quel momento le banche italiane e spagnole saranno ancora in piedi.”

Richter spiega che l’Unione bancaria europea che permetterebbe a una banca in difficoltà, ai suoi investitori e ai suoi risparmiatori di uscire indenni da un fallimento grazie ai contribuenti europei, non esiste ancora. E’ un problema, perchè la verità sul reale stato del settore bancario è ben peggiore di quanto si dice.

Ecco perchè Mario Draghi ha dichiarato che “Questi accordi devono essere attuati prima della fine degli audit”, cioè la decisione su come operare il piano di salvataggio verrà presa prima che si conosca la reale portata delle somme in causa. “La verità – prosegue Richter – non sarà detta prima che gli Eurocrati abbiano deciso chi deve pagare per i piani di salvataggio.

Gli audit delle banche non termineranno prima, perchè se qualcosa riguardante questi audit dovesse filtrare, il castello di carte crollerebbe e nessun contribuente vorrebbe pagare l’enorme fattura.”

Articolo pubblicato da Ticinolive - quotidiano telematico svizzero.


130 BANCHE EUROPEE SOTTO INDAGINE DELLA BCE. DRAGHI: ''SE SI SAPESSERO LE CONDIZIONI DELLE GRANDI BANCHE SAREBBE PANICO''




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA DEI TASSISTI

MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA

lunedì 20 febbraio 2017
Qualcuno nel Pd non ci sta a sentirsi responsabile del pasticcio combinato dal governo sulla questione Uber: "In questi giorni la città è bloccata dai tassisti, ma non hanno torto loro:
Continua
 
CLAMOROSO / GOVERNATORE BANCA DEL BELGIO E MEMBRO DIRETTIVO BCE: ''L'EURO NON E' DETTO CHE DURI, E SE NE PUO' USCIRE''

CLAMOROSO / GOVERNATORE BANCA DEL BELGIO E MEMBRO DIRETTIVO BCE: ''L'EURO NON E' DETTO CHE DURI, E

giovedì 26 febbraio 2015
LONDRA - Dopo Valery Giscard d'Estaing anche un'altra figura di peso dell'estabishment europeo ha dei dubbi sulla sopravvivenza dell'euro. Pochi giorni fa Luc Coene in un'intervista rilasciata
Continua
SONDAGGI / LEGA ANCORA SU E LA POPOLARITA' DI RENZI CROLLA AL 39%. INOLTRE ROMA ''E' MARCIA'' PER IL 59% DEGLI ITALIANI

SONDAGGI / LEGA ANCORA SU E LA POPOLARITA' DI RENZI CROLLA AL 39%. INOLTRE ROMA ''E' MARCIA'' PER

venerdì 19 dicembre 2014
Continua la corsa della Lega Nord nelle intenzioni di voto degli italiani. Secondo un sondaggio realizzato da Swg, il partito guidato da Matteo Salvini oggi verrebbe votato dal 12% degli elettori,
Continua
 
FINANCIAL TIMES: IL DEBITO MONDIALE E' SALITO ALLO STRATOSFERICO 215% DEL PIL-PIANETA TERRA! CRISI GLOBALE ALLE PORTE.

FINANCIAL TIMES: IL DEBITO MONDIALE E' SALITO ALLO STRATOSFERICO 215% DEL PIL-PIANETA TERRA! CRISI

lunedì 29 settembre 2014
Londra - Una "combinazione tossica" tra il livello record dell'indebitamento e la lentezza della crescita potrebbe causare un'altra crisi economica globale. A lanciare l'allarme, riferito dal
Continua
LA RUSSIA DI PUTIN COMPRA ORO A TONNELLATE E VENDE I TITOLI DI STATO AMERICANI IN SUO POSSESSO (TRIPLICATE LE RISERVE)

LA RUSSIA DI PUTIN COMPRA ORO A TONNELLATE E VENDE I TITOLI DI STATO AMERICANI IN SUO POSSESSO

venerdì 19 settembre 2014
LONDRA - Vladimir Putin oltre ad essere un eccellente stratega è anche un uomo che preferisce l'azione alle parole, tant'e' vero che è sempre al lavoro alla ricerca di soluzioni che
Continua
 
''LA SITUAZIONE E' ESPLOSIVA: LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE SONO FALLITE DEUTSCHE BANK E' ZEPPA DI TITOLI TOSSICI'' (BARNARD)

''LA SITUAZIONE E' ESPLOSIVA: LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE SONO FALLITE DEUTSCHE BANK E' ZEPPA DI

martedì 6 maggio 2014
Una truffa colossale, che pagheremo noi per almeno dieci anni. Un inganno, spacciato per soluzione democratica: perché ci racconteranno che, finalmente, non saranno più gli Stati
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ANCHE QUEST'ANNO - IL 19° CONSECUTIVO! - I REVISORI DEI CONTI SI SONO RIFIUTATI DI CERTIFICARE IL BILANCIO DELLA UE

ANCHE QUEST'ANNO - IL 19° CONSECUTIVO! - I REVISORI DEI CONTI SI SONO RIFIUTATI DI CERTIFICARE IL
Continua

 
PER L'ECONOMIA BRITANNICA PREVISIONI ENTUSIASMANTI (SENZA EURO): +2,2% NEL 2014 E +2,4% NEL 2015 (QUEST'ANNO: +1,3%)

PER L'ECONOMIA BRITANNICA PREVISIONI ENTUSIASMANTI (SENZA EURO): +2,2% NEL 2014 E +2,4% NEL 2015
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!