43.428.152
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

PIEMONTE: 75% DELLE TASSE PAGATE RIMANGONO IN REGIONE? MA NEANCHE PER IDEA! LE TASSE AUMENTANO E BASTA.

martedì 23 aprile 2013

"Introdurremo l'addizionale Irpef a malincuore, costretti dal disavanzo ereditato, peraltro neppure dichiarato, ma scoperto solo grazie ad un lavoro certosino di incrocio di bilanci". E' quanto dichiara il presidente del Piemonte Roberto Cota dopo che la giunta regionale ha deciso, oggi, una maggiorazione all'aliquota dell'addizionale regionale Irpef, che portera' nelle casse regionali complessivamente 161 milioni di euro e servira' al raggiungimento degli obiettivi di bilancio e per la copertura agli oneri finanziari, che derivano dalle anticipazioni di liquidita', secondo quanto previsto dal recente decreto del governo per lo sblocco dei pagamenti alle imprese.

Gli incrementi, che scatteranno dal 1 gennaio 2014, sono determinati per scaglioni di reddito: per i redditi sino a 15mila euro, 0,40 per cento; sino a 28mila euro, 0,90 per cento; sino a 55mila euro, 1 per cento, sino a 75mila euro, 1,07 per cento e oltre 75mila euro, 1,10 per cento.

"Il lavoro intenso e difficile di questi mesi - afferma ancora il presidente Cota - ci ha consentito di evitare il commissariamento della regione e, quindi, anche il conseguente aumento al massimo dell'aliquota Irpef regionale, che sarebbe scattata per legge in automatico. Dai paventati 400 milioni di euro corrispondenti all'aliquota massima, oggi siamo riusciti a scendere fino a quota 161 milioni di euro per il 2014". "Il meccanismo indicato - aggiunge l'assessore al bilancio Gilberto Pichetto - consente effetti meno gravosi anche perche' riusciamo contestualmente a scongiurare l'aumento dell'Irap. Oltre alle esigenze legate al raggiungimento degli obiettivi di equilibrio di bilancio diamo anche una prima risposta al Governo nazionale rispetto allo sblocco dei pagamenti alle imprese. L'incremento previsto e', infatti, a copertura degli oneri finanziari derivanti dalle anticipazioni di liquidita' alle aziende".

Sarà come sarà, ma intanto in Piemonte le tasse aumentano. E non era di sicuro questa, la promessa fatta agli elettori.  Dopo di che, esistono sempre mille ottime ragioni per giustificare una misura che aggrava la situazione economica dei cittadini e delle imprese, non discuto.

Ma davvero è l'unica - l'unica - strada percorribile? Dov'è finito il trattenimento del 75% delle tasse pagate dai cittadini nelle casse della Regione? Giusto per sapere. Cosa sta aspettando Cota per mettere in pratica questa direttiva che viene dalla Lega alla quale Cota è iscritto? 

max parisi


PIEMONTE: 75% DELLE TASSE PAGATE RIMANGONO IN REGIONE? MA NEANCHE PER IDEA! LE TASSE AUMENTANO E BASTA.




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ALTRO CHE QUIRINARIE! 120.000 VERE FIRME PER MILENA GABANELLI A DIFESA DEL SUO LAVORO DI GIORNALISTA D'INCHIESTA

ALTRO CHE QUIRINARIE! 120.000 VERE FIRME PER MILENA GABANELLI A DIFESA DEL SUO LAVORO DI
Continua

 
MARONI: NON SIAMO INTERESSATI AL GOVERNO, MA NO AD AMATO E A MONTI. SE CI SARANNO LORO, LA LEGA SARA' ALL'OPPOSIZIONE

MARONI: NON SIAMO INTERESSATI AL GOVERNO, MA NO AD AMATO E A MONTI. SE CI SARANNO LORO, LA LEGA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!