74.241.163
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SCUOLE (DELL'OBBLIGO) PRETENDONO CONTRIBUTI ''VOLONTARI'' DAI GENITORI DEGLI STUDENTI ISCRITTI FACENDO VERI RICATTI.

giovedì 31 ottobre 2013

La formazione delle nuove generazioni, attraverso l’istituto scolastico primario e secondario dovrebbe essere elemento strategico per ogni stato che voglia mantenere un tasso di competitività a livello internazionale. Perciò uno stato che non punta sulla formazione dei suoi “figli” è uno stato destinato a scomparire dallo scenario geo politico ed economico.

Non a caso i paesi emergenti come Brasile, India e Cina stanno investendo pesantemente nel sistema scolastico, puntando sulla preparazione degli insegnanti, dei materiali a supporto, pretendendo in cambio impegno da parte degli studenti misurato attraverso strumenti meritocratici che poi determinano anche il percorso di studi completo.

In Italia, al contrario, lo stato centrale e di rimando regioni e province negli ultimi anni hanno provveduto a continui tagli ai finanziamenti al “sistema scuola”, senza in realtà incidere sugli effettivi sprechi (come i corsi di laurea con più docenti che iscritti…) privando così il paese di un comparto strategico.

La riprova di come il sistema scolastico sia al collasso è dato dalla mal pratica dei cosiddetti “contributi volontari” che le scuole propongono ai genitori degli allievi per sostenere i diversi istituti. La definizione non dovrebbe lasciar adito a dubbi: volontario significa che dipende dalla volontà del singolo, quindi i contributi possono essere o meno elargiti, a seconda del desiderio e, aggiungiamo noi, della capacità di reddito delle famiglie.

In realtà il termine “volontario” dovrebbe essere sostituito da “obbligatorio” e questo in palese violazione della legge, nonché della grammatica. Errore quanto meno ironico in questo particolare caso.

Perché diciamo questo? Perché molto spesso i genitori che per svariati motivi hanno ritenuto di non voler o poter dare tale contributo alle scuole frequentate dai figli, si vedono recapitare a casa lettere dal tenore che spesso lascia interdetti. In alcuni casi, documentati, si fa riferimento addirittura al fatto che qualora il “contributo volontario” non venisse versato, la scuola potrebbe non pagare l’assicurazione di responsabilità civile allo studente. La cosa è alquanto singolare, poiché la polizza di R.C. ha un costo medio di circa 5-8 euro a studente (abbiamo interpellato alcune agenzie di primarie compagnie di assicurazione) mentre il famigerato contributo può raggiungere anche i 40-50 euro. E gli altri euro dove vanno? Dovrebbero servire per l’attività scolastica degli studenti, ma allora non si capisce perché poi venga fornita anche una lista di beni quali saponette, rotoli di carta igienica, ecc da portare a scuola per garantirne il funzionamento e vengano contributi per qualsiasi altra attività quali cartelloni, gite, ecc.

Appare del tutto evidente come il sistema scolastico italiano stia andando verso il corto circuito ed i singoli istituti scolastici stiano cercando di porre rimedio alle manchevolezze dello stato centrale con metodi piuttosto “fantasiosi” e quanto meno discutibili. Questo, tuttavia, si traduce in un ulteriore aumento della pressione fiscale a carico delle famiglie, al di là di quanto dichiarato dal governo dove, a fronte di aumenti in busta paga di circa 10 euro netti al mese, ha riservato agli italiani la solita sventagliata di aumenti di tasse.

Il problema di fondo è che un sistema del genere non può produrre formazione di qualità e questo significa condannare le generazioni future ad un paese non competitivo e quindi a divenire colonia produttiva a basso costo per nazioni che, al contrario, hanno posto come elemento centrale delle loro strategie di sviluppo proprio il sistema scolastico, fin dalla più tenera età.

Diviene quindi sempre più urgente dare una radicale svolta alla politica del paese, che non può certo passare per la riproposizione di vecchie e stantie soluzioni, ma con il coraggio di riappropriarsi della sovranità, prima di tutto monetaria, come fatto dall’Ungheria che, grazie a questo, può oggi permettersi di tagliare i costi delle bollette per servizi ai suoi cittadini e di aumentare anche le pensioni.  Uno scenario da fantascienza per uno stato governato da politicanti di piccolo cabotaggio troppo impegnati a compiacere i poteri forti finanziari anziché il popolo, come quello italiano.

Luca Campolongo

Resp. Marketing e sviluppo nuovi mercati

www.sosimprese.info

 

consulenza@sosimprese.info


SCUOLE (DELL'OBBLIGO) PRETENDONO CONTRIBUTI ''VOLONTARI'' DAI GENITORI DEGLI STUDENTI ISCRITTI FACENDO VERI RICATTI.




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
26.872.000 DISOCCUPATI IN EUROPA! L'EURO HA PROVOCATO UN'ECATOMBE, UNA CATASTROFE MAI AVVENUTA NELLA STORIA MODERNA

26.872.000 DISOCCUPATI IN EUROPA! L'EURO HA PROVOCATO UN'ECATOMBE, UNA CATASTROFE MAI AVVENUTA
Continua

 
BOTTE DA ORBI IN CENTRO A ROMA: CORTEO PER LA CASA DA' L'ASSALTO AI BLINDATI DEI CARABINIERI (FERITI E ARRESTI)

BOTTE DA ORBI IN CENTRO A ROMA: CORTEO PER LA CASA DA' L'ASSALTO AI BLINDATI DEI CARABINIERI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

PIRELLI: DUE DEI TRE STABILIMENTI IN CINA SONO CHIUSI, IL TERZO

19 febbraio - MILANO - L'impatto previsto del Coronavirus sui conti di Pirelli ''al
Continua

LA RUSSIA CHIUDE LE FRONTIERE AI CITTADINI CINESI, NON UNO ESCLUSO.

19 febbraio - PECHINO - ''Non e' un bando totale agli scambi tra persone dei due
Continua

BOLLETTINO DI GUERRA CORONAVIRUS: AD OGGI, 2004 MORTI E 74.000

19 febbraio - Sale a quota 2.004 il bilancio totale dei morti per malattia da nuovo
Continua

INCHIODATA DEL PIL DELLA CINA, FABBRICHE APERTE SONO SOLO IL

19 febbraio - La crescita del Pil in Cina potrebbe frenare a +3,5% nel primo
Continua

LA RUSSIA PREPARA UN PIANO PER RIDURRE DANNI DA BLOCCO FORNITURE

18 febbraio - MOSCA - La Russia sta preparando un piano d'azione per ridurre al minimo
Continua

ANCHE CHANEL CANCELLA LE SFILATE DEL PROSSIMO 21 MAGGIO A PECHINO

18 febbraio - Il CORONAVIRUS non risparmia l'industria della moda. Oltre a Prada, che
Continua

CORONAVIRUS: PRADA RINVIA A DATA DA DESTINARSI LE SFILATE IN

18 febbraio - Anche Prada, dopo la rinuncia di Chanel Metiers d'Art a sfilare a
Continua

GRANDI DIFFICOLTA' PER LE IMPRESE STRANIERE IN CINA: IMPIANTI FERMI

18 febbraio - PECHINO - Le imprese straniere stanno avendo grandi difficolta' nel far
Continua

STUDIO USA: 5.000.000 DI AZIENDE A RISCHIO NEL MONDO PER COLPA DEL

18 febbraio - Il coronavirus potrebbe avere un impatto sull'economia globale e
Continua

SALONE INTERNAZIONALE DELL'AUTO DI PECHINO RINVIATO A DATA DA

18 febbraio - PECHINO - Anche il Beijing auto show, il piu' grande evento dell'anno
Continua

INDICE ZEW PRECIPITA: LA GERMANIA VEDE NERISSIMO, CROLLO GLOBALE

18 febbraio - Brusco calo a febbraio dell'indice Zew, che è l'indice di fiducia delle
Continua

MEGA BOOM DELL'OCCUPAZIONE IN GRAN BRETAGNA GRAZIE ALLA BREXIT

18 febbraio - LONDRA - L'economia britannica ha creato posti di lavoro a un ritmo
Continua

542 MALATI DI CORONAVIRUS SULLA NAVE DA CROCIERA DIAMOND PRINCESS

18 febbraio - Altre 88 persone a bordo della nave da crociera Diamond Princess,
Continua

BENETTON PROVANO A VENDERE AUTOSTRADE PER L'ITALIA (CAUSE

17 febbraio - ''Fonti ben informate e vicine al dossier confermano che la famiglia
Continua

SECONDO IL PD, LA MAGGIORANZA VA ''STABILIZZATA'' ALLARGANDOLA

17 febbraio - ''Il ragionamento di Bettini, alias Zingaretti, secondo cui la
Continua

CINA: GOVERNO DECIDE CHE TUTTI I PEDAGGI NELL'INTERA RETE VIARIA

17 febbraio - PECHINO - Il governo cinese deve essersi reso conto che l'epidemia di
Continua

UN ITALIANO MALATO TRA I PASSEGGERI EVACUATI DALLA DIAMOND PRINCESS

17 febbraio - Un italiano che si trovava a bordo della Diamond Princess, la nave
Continua

EPIDEMIA CORONAVIRUS DILAGA SULLA NAVE DIAMOND PRINCESS: 454 MALATI

17 febbraio - TOKYO - I test hanno accertato altri 99 contagiati sulla nave da
Continua

SALVINI: VOGLIONO CANCELLARE I DECRETI SICUREZZA. PAZZESCO.

17 febbraio - ''Pazzesco. Con tutti i problemi che ci sono in Italia qual e' la loro
Continua

BMW CHIUDE TRE FABBRICHE IN CINA PER COLPA DEL CORONAVIRUS

30 gennaio - Bmw sta chiudendo tre delle sue fabbriche nella città cinese di
Continua
Precedenti »