72.667.962
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SCUOLE (DELL'OBBLIGO) PRETENDONO CONTRIBUTI ''VOLONTARI'' DAI GENITORI DEGLI STUDENTI ISCRITTI FACENDO VERI RICATTI.

giovedì 31 ottobre 2013

La formazione delle nuove generazioni, attraverso l’istituto scolastico primario e secondario dovrebbe essere elemento strategico per ogni stato che voglia mantenere un tasso di competitività a livello internazionale. Perciò uno stato che non punta sulla formazione dei suoi “figli” è uno stato destinato a scomparire dallo scenario geo politico ed economico.

Non a caso i paesi emergenti come Brasile, India e Cina stanno investendo pesantemente nel sistema scolastico, puntando sulla preparazione degli insegnanti, dei materiali a supporto, pretendendo in cambio impegno da parte degli studenti misurato attraverso strumenti meritocratici che poi determinano anche il percorso di studi completo.

In Italia, al contrario, lo stato centrale e di rimando regioni e province negli ultimi anni hanno provveduto a continui tagli ai finanziamenti al “sistema scuola”, senza in realtà incidere sugli effettivi sprechi (come i corsi di laurea con più docenti che iscritti…) privando così il paese di un comparto strategico.

La riprova di come il sistema scolastico sia al collasso è dato dalla mal pratica dei cosiddetti “contributi volontari” che le scuole propongono ai genitori degli allievi per sostenere i diversi istituti. La definizione non dovrebbe lasciar adito a dubbi: volontario significa che dipende dalla volontà del singolo, quindi i contributi possono essere o meno elargiti, a seconda del desiderio e, aggiungiamo noi, della capacità di reddito delle famiglie.

In realtà il termine “volontario” dovrebbe essere sostituito da “obbligatorio” e questo in palese violazione della legge, nonché della grammatica. Errore quanto meno ironico in questo particolare caso.

Perché diciamo questo? Perché molto spesso i genitori che per svariati motivi hanno ritenuto di non voler o poter dare tale contributo alle scuole frequentate dai figli, si vedono recapitare a casa lettere dal tenore che spesso lascia interdetti. In alcuni casi, documentati, si fa riferimento addirittura al fatto che qualora il “contributo volontario” non venisse versato, la scuola potrebbe non pagare l’assicurazione di responsabilità civile allo studente. La cosa è alquanto singolare, poiché la polizza di R.C. ha un costo medio di circa 5-8 euro a studente (abbiamo interpellato alcune agenzie di primarie compagnie di assicurazione) mentre il famigerato contributo può raggiungere anche i 40-50 euro. E gli altri euro dove vanno? Dovrebbero servire per l’attività scolastica degli studenti, ma allora non si capisce perché poi venga fornita anche una lista di beni quali saponette, rotoli di carta igienica, ecc da portare a scuola per garantirne il funzionamento e vengano contributi per qualsiasi altra attività quali cartelloni, gite, ecc.

Appare del tutto evidente come il sistema scolastico italiano stia andando verso il corto circuito ed i singoli istituti scolastici stiano cercando di porre rimedio alle manchevolezze dello stato centrale con metodi piuttosto “fantasiosi” e quanto meno discutibili. Questo, tuttavia, si traduce in un ulteriore aumento della pressione fiscale a carico delle famiglie, al di là di quanto dichiarato dal governo dove, a fronte di aumenti in busta paga di circa 10 euro netti al mese, ha riservato agli italiani la solita sventagliata di aumenti di tasse.

Il problema di fondo è che un sistema del genere non può produrre formazione di qualità e questo significa condannare le generazioni future ad un paese non competitivo e quindi a divenire colonia produttiva a basso costo per nazioni che, al contrario, hanno posto come elemento centrale delle loro strategie di sviluppo proprio il sistema scolastico, fin dalla più tenera età.

Diviene quindi sempre più urgente dare una radicale svolta alla politica del paese, che non può certo passare per la riproposizione di vecchie e stantie soluzioni, ma con il coraggio di riappropriarsi della sovranità, prima di tutto monetaria, come fatto dall’Ungheria che, grazie a questo, può oggi permettersi di tagliare i costi delle bollette per servizi ai suoi cittadini e di aumentare anche le pensioni.  Uno scenario da fantascienza per uno stato governato da politicanti di piccolo cabotaggio troppo impegnati a compiacere i poteri forti finanziari anziché il popolo, come quello italiano.

Luca Campolongo

Resp. Marketing e sviluppo nuovi mercati

www.sosimprese.info

 

consulenza@sosimprese.info


SCUOLE (DELL'OBBLIGO) PRETENDONO CONTRIBUTI ''VOLONTARI'' DAI GENITORI DEGLI STUDENTI ISCRITTI FACENDO VERI RICATTI.




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
26.872.000 DISOCCUPATI IN EUROPA! L'EURO HA PROVOCATO UN'ECATOMBE, UNA CATASTROFE MAI AVVENUTA NELLA STORIA MODERNA

26.872.000 DISOCCUPATI IN EUROPA! L'EURO HA PROVOCATO UN'ECATOMBE, UNA CATASTROFE MAI AVVENUTA
Continua

 
BOTTE DA ORBI IN CENTRO A ROMA: CORTEO PER LA CASA DA' L'ASSALTO AI BLINDATI DEI CARABINIERI (FERITI E ARRESTI)

BOTTE DA ORBI IN CENTRO A ROMA: CORTEO PER LA CASA DA' L'ASSALTO AI BLINDATI DEI CARABINIERI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

LA FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO MACRON E LA SUA LEGGE SULLE PENSIONI

5 dicembre - Sono 250 mila i manifestanti scesi in piazza contro la riforma delle
Continua

SPREAD DECOLLA, GLI SPECULATORI SI SONO STUFATI DEL GOVERNO CONTE

5 dicembre - Chiusura in netto allargamento per lo spread tra BTp e Bund sul mercato
Continua

BORGHI INCHIODA IL MINISTRO BELLACIAO GUALTIERI

5 dicembre - Il parlamentare leghista Claudio Borghi insiste e, su twitter, si
Continua

GIORGIA MELONI: LA PRESCRIZIONE TEMA PIU' INSIDIOSO DEL MES, PER

5 dicembre - ''Il tema della prescrizione mi sembra piu' insidioso per il governo
Continua

TUTTA LA FRANCIA IN SCIOPERO CONTRO MACRON: LE PENSIONI NON SI

5 dicembre - PARIGI - La Francia si ferma per protesta contro la ventilata riforma
Continua

UNIONE BANCARIA? MANCO PER IDEA. CENTENO SMENTISCE: ''NON L'ABBIAMO

5 dicembre - BRUXELLES - Come volevasi dimostrare, l'unione bancaria che
Continua

SONDAGGIO:55% NON HA FIDUCIA NEL GOVERNO 53% PER ELEZIONI SALVINI

5 dicembre - Secondo un sondaggio Emg Acqua presentato oggi ad ''Agora''' su Rai3, il
Continua

DUE AFRICANI DEI BARCONI ARRESTATI PER RAPINA IN STRADA A UN

4 dicembre - Con l'accusa di rapina in concorso i carabinieri hanno arrestato a
Continua

4 dicembre - Il gruppo di Forza Italia alla Camera perde un deputato: Antonino
Continua

RENZIANI: SULLA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA DI M5S VOTEREMO CON LE

4 dicembre - ''L'idea perversa di processi eterni con noi non passerà : se il tema
Continua

SONDAGGIO: LA LEGA CRESCE E ARRIVA AL 33,8% SALE FDI AL 10% FORZA

3 dicembre - La Lega di Matteo Salvini torna a crescere dopo una battuta di arresto
Continua

ECONFIN SMENTISCE CONTE: ''ACCORDO SUL MES FATTO A GIUGNO''.

2 dicembre - PARIGI - Se il governo Conte sperava - come scrive oggi Repubblica - in
Continua

M5S: SUL MES IL PARLAMENTO DEVE AVERE L'ULTIMA PAROLA E SARA' TRA

2 dicembre - La riforma del Mes va ''discussa nel merito'' e ''solo al termine del
Continua

LEGA: 19 GIUGNO IL PARLAMENTO HA POSTO IL VETO AL MES. CONTE HA

2 dicembre - ''Dimostri di avere a cuore la Costituzione. Vada dal Presidente
Continua

IL PD IN REGIONE TOSCANA NEGA L'AUDITORIUM PER PRESENTAZIONE LIBRO

28 novembre - FIRENZE - ''Negato, in modo per noi inspiegabile, l'utilizzo
Continua

LEADER DELLA PROTESTA DI HONG KONG CONTRO LA DITTATURA CINESE:

28 novembre - ''Sono rimasto piuttosto deluso nel leggere le dichiarazioni
Continua

SALVINI: SUL MES SI DEVE ESPRIMERE IL PARLAMENTO SETTIMANA PROSSIMA!

28 novembre - ''Si torna in Parlamento la settimana prossima, altro che dopo la
Continua

M5S HA IL CANDIDATO ALLE REGIONALI DELLA CALABRIA: E' IL PROF.

28 novembre - CATANZARO - ''Dopo un'attenta riflessione e con la consapevolezza di
Continua

CONTE NON HA RISPETTATO LA COSTITUZIONE SUL MES. DEVE DIMETTERSI

28 novembre - ''Noi abbiamo dato ogni tipo di mandato affinche' cio' non avvenisse''.
Continua

FOTOGRAFO TOSCANI CONDANNATO A MILANO PER DIFFAMAZIONE DI MATTEO

27 novembre - La Corte d'Appello di Milano ha confermato la condanna a 8 mila euro di
Continua
Precedenti »