74.223.487
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

26.872.000 DISOCCUPATI IN EUROPA! L'EURO HA PROVOCATO UN'ECATOMBE, UNA CATASTROFE MAI AVVENUTA NELLA STORIA MODERNA

giovedì 31 ottobre 2013

Francoforte  - La doccia fredda dai dati su lavoro e inflazione dell'area euro solleva dubbi sull'effettiva consistenza della ripresa economica appena avviata, e al tempo stesso suona come un campanello di allarme alla Bce.

Tanto che il mercato dei cambi ha subito reagito accentuando la flessione dell'euro, a 1,3641 dollari è ai minimi da due settimane, a riflesso anche di crescenti attese di un possibile ammorbidimento della linea di politica monetaria.

Con 60 mila disoccupati in più nel solo mese di settembre, la disoccupazione dell'Unione valutaria non si schioda dal massimo storico del 12,2 per cento segnato nel mese di agosto, aumentando ancora. E intanto la debolezza dei prezzi al consumo potrebbe riflettere un mercato interno che resta fiacco.

I dati pubblicati oggi da Eurostat contengono anche una consistente revisione in peggio: il mese scorso infatti la disoccupazione di agosto era stata quantificata al 12 per cento, ed era quello fino ad allora il massimo storico che risultava dalle statistiche.

A settembre si sono contati 19 milioni 447 mila disoccupati, quasi un milione in più su base annua: 996 mila pari ad un più 5,4 per cento sul numero assoluto. E se si guarda al consuntivo dell'intera Unione europea, salita a 28 membri con l'ingresso della Croazia, si evidenzia come l'incremento dei disoccupati, che totalizzano 26 milioni 872 mila, sia praticamente tutto imputabile all'area euro, visto che risultano 61 mila in più su base mensile e 978 mila in più su anno.

I livelli più alti si registrano in Grecia (27,6%), Spagna (26,6%) e Croazia (17,2%). L'Italia, con la disoccupazione salita al nuovo massimo del 12,5 per cento, si piazza al nono posto. I tassi di disoccupazione più bassi si registrano invece in Austria (4,9%), Germania (5,2%) e Lussemburgo (5,9%).

Intanto l'inflazione dell'area euro è letteralmente collassata, finendo sotto l'1 per cento e ai minimi da quattro anni a questa parte: a ottobre la crescita media dei prezzi su base annua si è attestata allo 0,7 per cento, secondo la stima preliminare diffusa sempre da Eurostat, dal più 1,1 per cento del mese precedente.

Si tratta del valore più basso dal novembre del 2009, quando si era in piena recessione da dopo crisi finanziaria del 2007-2008, ed è un dato decisamente più basso di quanto atteso in media dagli analisti (1%). Una dinamica che certo non fa pensare ad un mercato interno esuberante. E intanto i recenti rafforzamenti dell'euro sul dollaro hanno appesantito le prospettive delle esportazioni.

Tutto ciò accresce le pressioni sulla Bce e sulla possibilità che possa varare nuove misure straordinarie di supporto all'economia. In particolare c'è da tempo l'ipotesi una nuova tornata di finanziamenti ultra agevolati a favore delle banche (Ltro), che sarebbe un modo per aumentare le liquidità in circolazione nell'economia. Peraltro, non è da escludere che l'Eurotower possa decidere tagli ai tassi di interesse, che da maggio sono al minimo storico dello 0,50 per cento.

Da luglio poi è stata introdotta la novità di indicazioni sulle prospettive dei tassi, con il presidente Mario Draghi che ha ripetutamente riferito che il direttorio conta di tenerli ai livelli attuali o più bassi per un protratto periodo di tempo. Lo 0,7 per cento dell'inflazione potrebbe ora venir visto come un valore che mette a repentaglio l'obiettivo ufficiale di inflazione della Bce, che punta ad un caro vita "inferiore ma prossimo al 2 per cento" nel medio sula media di 18-24 mesi.

L'appuntamento con i tassi è per giovedì 7 novembre, quando si terrà il Consiglio direttivo a Francoforte. Ma già prima di allora vi saranno vari interventi di esponenti della Bce, e in particolare uno di Draghi martedì 5 novembre. Gli analisti di Bnp Paribas hanno rivisto le loro attese sui tassi della bce, e ora prevedono un possibile taglio da 0,25 punti percentuali a dicembre, quando verranno pubblicate le stime aggiornate dei tecnici dell'Eurotower su inflazione e crescita. (TMNews)


26.872.000 DISOCCUPATI IN EUROPA! L'EURO HA PROVOCATO UN'ECATOMBE, UNA CATASTROFE MAI AVVENUTA NELLA STORIA MODERNA




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ZAIA: VA TAGLIATO IL COSTO DEL LAVORO O L'ITALIA AFFONDA. ROMA INVECE DANNEGGIA IL VENETO E NON FA NULLA PER IL RESTO.

ZAIA: VA TAGLIATO IL COSTO DEL LAVORO O L'ITALIA AFFONDA. ROMA INVECE DANNEGGIA IL VENETO E NON FA
Continua

 
SCUOLE (DELL'OBBLIGO) PRETENDONO CONTRIBUTI ''VOLONTARI'' DAI GENITORI DEGLI STUDENTI ISCRITTI FACENDO VERI RICATTI.

SCUOLE (DELL'OBBLIGO) PRETENDONO CONTRIBUTI ''VOLONTARI'' DAI GENITORI DEGLI STUDENTI ISCRITTI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

PIRELLI: DUE DEI TRE STABILIMENTI IN CINA SONO CHIUSI, IL TERZO

19 febbraio - MILANO - L'impatto previsto del Coronavirus sui conti di Pirelli ''al
Continua

LA RUSSIA CHIUDE LE FRONTIERE AI CITTADINI CINESI, NON UNO ESCLUSO.

19 febbraio - PECHINO - ''Non e' un bando totale agli scambi tra persone dei due
Continua

BOLLETTINO DI GUERRA CORONAVIRUS: AD OGGI, 2004 MORTI E 74.000

19 febbraio - Sale a quota 2.004 il bilancio totale dei morti per malattia da nuovo
Continua

INCHIODATA DEL PIL DELLA CINA, FABBRICHE APERTE SONO SOLO IL

19 febbraio - La crescita del Pil in Cina potrebbe frenare a +3,5% nel primo
Continua

LA RUSSIA PREPARA UN PIANO PER RIDURRE DANNI DA BLOCCO FORNITURE

18 febbraio - MOSCA - La Russia sta preparando un piano d'azione per ridurre al minimo
Continua

ANCHE CHANEL CANCELLA LE SFILATE DEL PROSSIMO 21 MAGGIO A PECHINO

18 febbraio - Il CORONAVIRUS non risparmia l'industria della moda. Oltre a Prada, che
Continua

CORONAVIRUS: PRADA RINVIA A DATA DA DESTINARSI LE SFILATE IN

18 febbraio - Anche Prada, dopo la rinuncia di Chanel Metiers d'Art a sfilare a
Continua

GRANDI DIFFICOLTA' PER LE IMPRESE STRANIERE IN CINA: IMPIANTI FERMI

18 febbraio - PECHINO - Le imprese straniere stanno avendo grandi difficolta' nel far
Continua

STUDIO USA: 5.000.000 DI AZIENDE A RISCHIO NEL MONDO PER COLPA DEL

18 febbraio - Il coronavirus potrebbe avere un impatto sull'economia globale e
Continua

SALONE INTERNAZIONALE DELL'AUTO DI PECHINO RINVIATO A DATA DA

18 febbraio - PECHINO - Anche il Beijing auto show, il piu' grande evento dell'anno
Continua

INDICE ZEW PRECIPITA: LA GERMANIA VEDE NERISSIMO, CROLLO GLOBALE

18 febbraio - Brusco calo a febbraio dell'indice Zew, che è l'indice di fiducia delle
Continua

MEGA BOOM DELL'OCCUPAZIONE IN GRAN BRETAGNA GRAZIE ALLA BREXIT

18 febbraio - LONDRA - L'economia britannica ha creato posti di lavoro a un ritmo
Continua

542 MALATI DI CORONAVIRUS SULLA NAVE DA CROCIERA DIAMOND PRINCESS

18 febbraio - Altre 88 persone a bordo della nave da crociera Diamond Princess,
Continua

BENETTON PROVANO A VENDERE AUTOSTRADE PER L'ITALIA (CAUSE

17 febbraio - ''Fonti ben informate e vicine al dossier confermano che la famiglia
Continua

SECONDO IL PD, LA MAGGIORANZA VA ''STABILIZZATA'' ALLARGANDOLA

17 febbraio - ''Il ragionamento di Bettini, alias Zingaretti, secondo cui la
Continua

CINA: GOVERNO DECIDE CHE TUTTI I PEDAGGI NELL'INTERA RETE VIARIA

17 febbraio - PECHINO - Il governo cinese deve essersi reso conto che l'epidemia di
Continua

UN ITALIANO MALATO TRA I PASSEGGERI EVACUATI DALLA DIAMOND PRINCESS

17 febbraio - Un italiano che si trovava a bordo della Diamond Princess, la nave
Continua

EPIDEMIA CORONAVIRUS DILAGA SULLA NAVE DIAMOND PRINCESS: 454 MALATI

17 febbraio - TOKYO - I test hanno accertato altri 99 contagiati sulla nave da
Continua

SALVINI: VOGLIONO CANCELLARE I DECRETI SICUREZZA. PAZZESCO.

17 febbraio - ''Pazzesco. Con tutti i problemi che ci sono in Italia qual e' la loro
Continua

BMW CHIUDE TRE FABBRICHE IN CINA PER COLPA DEL CORONAVIRUS

30 gennaio - Bmw sta chiudendo tre delle sue fabbriche nella città cinese di
Continua
Precedenti »