73.644.015
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ZAIA: VA TAGLIATO IL COSTO DEL LAVORO O L'ITALIA AFFONDA. ROMA INVECE DANNEGGIA IL VENETO E NON FA NULLA PER IL RESTO.

giovedì 31 ottobre 2013

Venezia - ''Ormai le statistiche dell'Istat sul lavoro in Italia sono dei veri e propri bollettini di guerra. Oggi sappiamo che a settembre 2013 la disoccupazione ha segnato un nuovo record negativo, riportandoci alla situazione del 1977 e che in particolare quella giovanile e' salita a oltre il 40 per cento. Di cosa hanno bisogno ancora Governo e Parlamento per capire che se non si attuano subito politiche forti e mirate a sostegno dell'economia e del lavoro, nella migliore delle ipotesi la maggioranza dei cittadini voltera' le spalle alle Istituzioni, a tutte, anche a quelle che non hanno responsabilita' per questa situazione disastrosa?''.

Lo afferma il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, commentando i dati diffusi oggi dall'Istat sulla disoccupazione nel nostro Paese.

Gli indicatori di congiuntura curati dalla Regione del Veneto delineano un tasso di disoccupazione regionale che nel secondo trimestre del 2013 scende al 7,5%, rispetto all'8,6% del trimestre precedente, ma rimane piu' alto di quello calcolato nel secondo trimestre del 2012. ''Non possiamo certamente consolarci constando che il Veneto sta meglio rispetto al desolante panorama nazionale - prosegue Zaia -, perche' 170 mila disoccupati e un giovane su due senza lavoro nella nostra Regione, sono dati piu' che allarmanti'' ''Nonostante i tagli subiti - conclude Zaia - il nostro Ente continuera' a creare le migliori condizioni possibili per favorire l'accesso al mercato del lavoro e a incentivare e sostenere quei progetti che promuovono lo sviluppo e la competitivita' delle aziende".

"Ma - continua a spiegare il governatore del Veneto - o si fanno scelte strutturali, come quella di abbassare il costo del lavoro, oppure la strada rimarra' impervia anche per chi sta affrontando con il massimo impegno questa crisi. Se poi, addirittura, il Governo Letta, invece di premiare una Regione virtuosa come il Veneto, permette che sia esclusa dall'accesso ai fondi dell'Unione Europea per l'assunzione di giovani, privilegiando le realta' del nostro Paese dove lo spreco di risorse e' abitudine inveterata, allora abbiamo solo una possibilita' ed e' quella di ribellarci a questo stato di cose''. (Adnkronos)


ZAIA: VA TAGLIATO IL COSTO DEL LAVORO O L'ITALIA AFFONDA. ROMA INVECE DANNEGGIA IL VENETO E NON FA NULLA PER IL RESTO.




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'EMORRAGIA DI CAPITALI DA CIPRO NON SI FERMA NONOSTANTE IL ''LIMITE'' AI PRELIEVI (FUGA DALL'AREA EURO ACCELERA)

L'EMORRAGIA DI CAPITALI DA CIPRO NON SI FERMA NONOSTANTE IL ''LIMITE'' AI PRELIEVI (FUGA DALL'AREA
Continua

 
26.872.000 DISOCCUPATI IN EUROPA! L'EURO HA PROVOCATO UN'ECATOMBE, UNA CATASTROFE MAI AVVENUTA NELLA STORIA MODERNA

26.872.000 DISOCCUPATI IN EUROPA! L'EURO HA PROVOCATO UN'ECATOMBE, UNA CATASTROFE MAI AVVENUTA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

MELONI: GRAZIE A PLASTIC E SUGAR TAX MESSE DA PD&M5S COCA COLA VA

16 gennaio - ''Grazie alla plastic tax e alla sugar tax lo storico impianto Coca Cola
Continua

MARINE LE PEN ANNUNCIA LA CANDIDATURA ALLE PRESIDENZIALI DEL 2022

16 gennaio - PARIGI - Marine Le Pen, presidente del Rassemblement National (erede
Continua

L'M5S PERDE UN ALTRO SENATORE: DI MARZIO SE NE VA (MAGGIORANZA NON

16 gennaio - ''Di fronte ad un'epurazione di fatto della quale non posso non prendere
Continua

CORTE ERUROPEA DIRITTI UMANI: RENZO MAGOSSO CONDANNATO INGIUSTAMENTE

16 gennaio - STRASBURGO - Renzo Magosso e Umberto Brindani non dovevano essere
Continua

PRECIPITA LA PRODUZIONE INDUSTRIALE NELL'AREA DELL'EURO E MALE

15 gennaio - A novembre 2019 la produzione industriale nella zona euro è salita
Continua

LUCIA BORGONZONI: ''IL PD DOVREBBE CHIEDERE SCUSA PER BIBBIANO''

15 gennaio - ''Chi aveva il dovere di controllare e non lo ha fatto dovrebbe chiedere
Continua

FRANCIA: 60% CITTADINI CONDIVIDE LO SCIOPERO A OLTRANZA SULLE

14 gennaio - PARIGI - Sei francesi su dieci appoggiano senza esitazioni le
Continua

MOODY'S AVVERTE L'EUROZONA: 2020 SARA'' PESSIMO.

14 gennaio - L'agenzia di rating Moody's indica una ''prospettiva negativa'' per il
Continua

SALVINI: ANDIAMO AL VOTO COL IL MATTARELUM LEGGE DEL PRESIDENTE

14 gennaio - Tornare al proporzionale? ''No, significherebbe tornare agli anni ’80.
Continua

AMBIENTALISTI DA SALOTTO CON CASA IN CENTRO...

14 gennaio - ''Qua ci sono gli ambientalisti da salotto radical chic, quelli che
Continua

CONFCOMMERCIO: VENDITE E CONSUMI NEL 2019 IN FORTE CALO (2020

13 gennaio - L'ultimo dato sulle vendite conferma la previsione di una fase finale
Continua

CONTE & PD & M5S VOGLIONO ALZARE ANCORA L'ETA' PENSIONABILE

13 gennaio - ''Il governo, il presidente del consiglio, il Pd, annunciano che faranno
Continua

ECCEZIONALE OPERAZIONE ANTIDROGA DELLE FIAMME GIALLE: 333 KG DI

13 gennaio - GENOVA - Eccezionale operazione anti droga delle Fiamme Gialle. La
Continua

GOVERNO BRITANNICO: MOLTO PREOCCUPANTI NOTIZIE MISSILE CONTRO

9 gennaio - Il governo britannico sta esaminando le notizie ''molto preoccupanti''
Continua

PRESIDENTE ORBAN: PRONTI A LASCIARE IL PPE (ADDIO MAGGIORANZA PER

9 gennaio - BUDAPEST - ''Il Ppe, nella sua forma attuale, non interessa al mio
Continua

LA BCE: UNICA MONETA A CORSO LEGALE E' IL DENARO CONTANTE (DITELO A

9 gennaio - ''La Bce ricorda agli incompetenti del governo Pd-M5S che l'unica moneta
Continua

MATTEO SALVINI: CONTE NON SI AZZARDI A FAR RIPARTIRE LA MISSIONE

8 gennaio - ''L'Ue non tocca palla ne' in Libia ne' in Medio Oriente, ma ora
Continua

CROLLANO GLI ORDINI INDUSTRIALI IN GERMANIA: -6,5% NEL 2019 (MAI

8 gennaio - BERLINO - A novembre gli ordinativi all'industria manifatturiera sono
Continua

LA FAMIGLIA RIVA AVEVA FATTO ENORMI INVESTIMENTI NELL'EX ILVA 1 MLD

7 gennaio - MILANO - Nella gestione dell'Ilva di Taranto da parte della famiglia
Continua

CROLLA L'INFLAZIONE NEL 2019 IN ITALIA (DA 1,2% A 0,6%) STAGNAZIONE

7 gennaio - Il tasso d'inflazione per il 2019 si attesta allo 0,6%, un valore
Continua
Precedenti »