45.002.246
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

PREPARARSI AL PEGGIO / TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE PRIMA CHE UNA BANCA (ITALIANA) DICHIARI FALLIMENTO (CONSERVATELO)

lunedì 28 ottobre 2013

Una domanda è sempre più attuale di questi tempi: i soldi depositati sui conti correnti in italia, sono al sicuro oppure no, se la banca fallisse? Vediamo.

Il punto di partenza è la presenza di un “fondo interbancario di tutela dei depositi” a garanzia dei conti correnti e dei conti deposito. Innanzi tutto occorre fare chiarezza sull’importo garantito che ammonta a 100 mila euro e non a 103 mila euro, come in molti erroneamente continuano a sostenere.

L’importo è scritto in modo molto chiaro sul sito ufficiale del fondo di tutela (www.fitd.it) che riporta testualmente: “il decreto Legislativo 24 marzo 2011, n.49, in conformità al dettato della direttiva 2009/147CE, dispone l’applicazione di un limite massimo di rimborso per depositante pari a 100.000 euro”.

La copertura dei 100 mila euro è per depositante e per banca. Questo significa che:

- se il conto è cointestato, la garanzia è estesa ad ciascuno dei depositanti. Se il conto è di 200 mila euro, la garanzia è di 100 mila euro per ciascun intestatario.  Se invece il conto è di 300 mila euro, la garanzia totale sarà di 100 mila euro a depositante ( e quindi 200 mila euro in tutto ).

- se si possiedono due conti in due distinte banche, la garanzia dei 100 mila euro si applica in ciascuna delle due banche.

- se possiedo più conti correnti presso lo stesso istituto di credito, la garanzia dei 100 mila euro si applica al cumulo dei depositi dei vari conti. In altre parole, la garanzia di 100 mila in questo caso non si applica ad ogni singolo conto ma bensì sul totale del denaro depositato nei conti presso lo stesso istituto di credito.

Da quanto appena descritto ne consegue che se su un conto corrente sono presenti più di 100 mila euro a depositante è consigliabile aprire un nuovo conto presso un nuovo istituto di credito.

Ad esempio se un conto cointestato ha liquidità per 280 mila euro, la garanzia copre solo fino a 200 mila euro (ossia 100 mila per ogni depositante ) per cui è conveniente aprire un nuovo conto presso un altro istituto dove depositare gli eccedenti 80 mila euro che non sarebbero coperti da garanzia.

Stesso discorso ovviamente per un conto non cointestato che ecceda i 100 mila euro. La copertura si applica sia alle banche tradizionali che alle banche online. Webank, Sella, Fineco e compagnia bella godono quindi di questa garanzia dal momento che sono banche.

Occorre sottolineare come la garanzia copra anche alle filiali italiane di banche estere, a patto che abbiano aderito al “fondo interbancario di tutela dei depositi” ( che viene spesso abbreviato in “FITD” ).

Occorre una specificazione in merito alle Sim ( Società di Intermediazione Mobiliare ) che non sono banche ( ad esempio Directa ) e quindi non rientrano in questo fondo di garanzia.

Le Sim hanno un loro apposito organo di garanzia che si chiama “fondo nazionale di garanzia” di cui potrete trovare informazioni a questo link www.fondonazionaledigaranzia.it La garanzia del fondo interbancario non copre invece i soldi depositati presso la Coop con il prestito sociale, come molto in voga dalle mie parti.

La garanzia non si applica alla Coop semplicemente perché non è una banca.

La garanzia del fondo SI APPLICA solo a:

-    Conti correnti

-     Conti deposito

La garanzia invece NON si applica ai seguenti strumenti:

-          Pronti contro termine

-          Obbligazioni della banca

Il motivo della distinzione è semplice: il fondo copre solo i depositi e non gli investimenti.

Attenzione perché NON sono tutelati neanche i “certificati di deposito al portatore”. Al contrario invece SONO tutelati gli “assegni circolari” e i “certificati di deposito nominali”.

La domanda che sorge spontanea è: in caso di fallimento della mia banca sono sicuro di ottenere indietro il mio denaro ?

La risposta purtroppo non è così semplice: in teoria la copertura dei 100 mila euro esiste ma nella pratica non è così scontata. Dovete sapere infatti che la garanzia non è offerta dallo stato italiano ma da un consorzio al quale gli istituti di credito sono obbligati per legge ad aderire da vari anni.

Il fondo interbancario nasce quindi dalla volontà delle banche, che vi aderiscono, di fornire liquidità agli istituti in difficoltà per tutelarne i correntisti. Se salta una banca  in teoria gli altri istituti di credito dovrebbero collaborare tra loro e fornire liquidità ai clienti della banca andata in default.

Personalmente però ritengo che questo consorzio sia in grado di svolgere il suo compito solo se ad essere in difficoltà saranno pochi istituti, magari di piccole dimensioni. Temo però che di fronte ad eventi che coinvolgano grandi istituti o cmq un numero elevato di banche la copertura sia più teorica che pratica.

In caso di evento sistemico non farei molto affidamento su questo fondo. In caso di default il fondo agisce in automatico per cui il correntista della banca in default non deve fare nessuna domanda di rimborso.

Il rimborso, che ricordiamo copre fino ad un massimo di 100 mila euro per depositante e per banca, avviene entro 20 giorni lavorativi dalla data in cui si producono gli effetti del provvedimento di liquidazione coatta. Nella realtà in determinate situazioni la Banca d’ Italia può prorogare di ulteriori 10 giorni lavorativi il rimborso.

I dettagli sono spiegati in questo link http://www.fitd.it/garanzia_depositanti/Rimborso_liquidazione.pdf

In ultimo occorre sottolineare come il fondo interbancario si applica solo alle banche che sono “società per azioni”. Sono esclusi da questa tipologia di fondo i “crediti cooperativi”. Gli istituti a credito cooperativo infatti aderiscono al Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo (www.fgd.bcc.it)

dArticolo tratto da:  Mazziero Research


PREPARARSI AL PEGGIO / TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE PRIMA CHE UNA BANCA (ITALIANA) DICHIARI FALLIMENTO (CONSERVATELO)




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
JOERG ASMUSSEN (CONSIGLIO ESECUTIVO BCE): ''ITALIA TROPPO GRANDE PER ESSERE SALVATA DALL'ESTERNO'' (AZZI VOSTRI, ITALIANI)

JOERG ASMUSSEN (CONSIGLIO ESECUTIVO BCE): ''ITALIA TROPPO GRANDE PER ESSERE SALVATA DALL'ESTERNO''
Continua

 
LA RAGIONE DELLA CANCELLAZIONE DEI CONTANTI: FASE DI PREPARAZIONE DEL PRELIEVO FORZOSO DAI CONTI CORRENTI (BIG ROBBERY)

LA RAGIONE DELLA CANCELLAZIONE DEI CONTANTI: FASE DI PREPARAZIONE DEL PRELIEVO FORZOSO DAI CONTI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

+++ATTACCO TERRORISTICO IN CORSO A LONDRA DAVANTI AL PARLAMENTO+++

22 marzo - LONDRA - La polizia ha sparato ad ''un uomo che impugnava un coltello''
Continua

SCHAEUBLE ''APPREZZA IL LAVORO DI DAIJSSELBLOEM CHE DEVE CONTINUARE

22 marzo - BERLINO - Giusto per fugare ogni dubbio sulla compattezza dei giudizi
Continua

SALVINI:8 MILIARDI L'ANNO ALLA UE PER SENTIRCI DARE DEGLI UBRIACONI

22 marzo - ''Quelle parole sono la rappresentazione migliore di questa Europa di
Continua

GOVERNO VIETA ACCERTAMENTI SULLE ONG COLLUSE CON I TRAFFICANTI

22 marzo - ''Buone notizie per chi e' complice dei trafficanti di esseri umani e
Continua

ERDOGAN: NESSUN EUROPEO POTRA' CAMMINARE AL SICURO PER LE STRADE

22 marzo - ISTANBUL - ''Se l'Europa continua cosi', nessun europeo potra' camminare
Continua

LEGA PROTESTA DAVANTI A MONTECITORIO: UE? NON C'E' NULLA DA

22 marzo - ROMA - Sit in dei deputati della Lega Nord fuori Montecitorio mentre in
Continua

PADOAN SCARICA POP. VICENZA E VENETO BANCA: SARA' LA BCE A DECIDERE

21 marzo - Preparativi di un altro catastrofico bail in in Italia? Sembrerebbe di
Continua

LE FAMIGLIE DI 800 VITTIME DELL'11 SETTEMBRE FANNO CAUSA ALL'ARABIA

21 marzo - NEW YORK - Le famiglie di 800 vittime degli attacchi dell'11 settembre
Continua
6.000 AFRICANI ARRIVATI IN ITALIA IN TRE GIORNI, INVASIONE SENZA PRECEDENTI

6.000 AFRICANI ARRIVATI IN ITALIA IN TRE GIORNI, INVASIONE SENZA

21 marzo - Sono oltre 6.000 i migranti africani prelevati dai gommoni e dai barconi
Continua

LA PRIMA MINISTRO DELLA POLONIA, BEATA SZYDLO: ''POLONIA NELL'EURO?

21 marzo - VARSAVIA - Smentendo le solite fonti pro-euro che da tempo divulgano
Continua
Precedenti »